Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

 
martedi 18 settembre 2018 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com

Farina Enartis Tebaldi Wine Monitor Fondazione Edmund Mach Michele Shah Tommasi WineNet https://www.poderidalnespoli.com/ https://www.cantinafrentana.it Azienda Agricola Coali roncoblanchis.it www.wine2wine.net
venerdi 27 maggio

Il mercato della Cina visto da voi

Pubblichiamo i primi commenti al nostro articolo Outing Cina, relativo alle perduranti difficoltĂ  delle aziende italiane di sviluppare un export interessante nel piĂą grande Paese al mondo


Il mercato della Cina visto da voi
Come promesso ritorniamo sul tema Cina, dopo il nostro editoriale della scorsa settimana (Outing Cina ) avevamo stimolato i nostri lettori ad inviarci loro commenti riguardo alle perduranti difficoltĂ  delle imprese del vino italiano su questo grande mercato. Ce ne stanno arrivando molti e noi cercheremo di dare spazio a tutti.
Mario Falcetti (direttore azienda Quadra Franciacorta) â€" Il vostro articolo mi riporta ad una serie di riflessioni che sto facendo da almeno 15 anni sul mercato cinese.
Personalmente non ho mai creduto in quel mercato anche se come molti dei vostri interlocutori ho avuto l'opportunità di vendere la prima “paletta” (pagata prima di lasciare la cantina). Vi risparmio una serie di passaggi scontati per lo più riconducibili ad un modello culturale e quindi alimentare diametralmente opposto al nostro, ma ancora in grado di impressionare molte persone.
Il mio primo viaggio in Cina risale al 2002 con una delegazione OIV (Organizzazione internazionale della vite e del vino). All'epoca la regione di Yantai (storica per la produzione del vino, la prima cantina risale a metà '800 con enologi ingaggiati dall'allora impero austro-ungarico, lo stesso che dette avvio all'Istituto di San Michele all'Adige) era accolta in qualità di osservatore all'OIV, i vigneti in Cina erano sparuti ma già attive le joint venture con società francesi. Oggi il vigneto cinese è il 4° al mondo e entro la fine del decennio diventerà il primo per estensione. Una bottiglia su due di quelle importate sono francesi perché i cugini hanno strutture governative e paragovernative presenti sul territorio a garantire intermediazioni, ma prima ancora traduzioni fedeli di etichette e rispetto di "regole". Per ora c'è un timido interesse ma semmai dovesse esplodere il boom del vino i cinesi inonderanno il mondo dei loro prodotti..... e quindi da importatori poco affidabili diventeranno esportatori inflessibili.
Marco Antonacci (diplomato Wset livello 3, residente in Cina, consulente mkt) - Vivo i Cina da quasi 4 anni, ho conseguito il certificato Wset livello 3 e sto valutando adesso di cominciare una mia attività nel settore del vino. Ho vari contatti e ho partecipato a varie fiere, degustazioni, ecc. Provate a chiedere alle cantine che vi scrivono quale è la loro pianificazione strategica e il budget degli investimenti a medio - lungo termine per il mercato cinese.
Volete che ve lo dica io e facciamo alla svelta? Nessuno. Vogliono solo un importatore che paghi in anticipo (ovvio) e compri il loro vino, di solito pagandolo il 20 - 50% piĂą caro di quanto lo vendono in Italia. Tutto qua. I grossi investitori sul mercato cinese (Torres, cantine cilene e argentine, ecc.) pur di guadagnare mercato alle volte vendono il vino sottocosto, pagano la pubblicitĂ , le fiere, hanno loro depositi in Cina, fanno importanti sconti al raggiungimento di obiettivi e via di seguito. Si consorziano e uniscono le forze. Pagano personale qualificato che risiede in zona.
Gli italiani fanno lo stesso? Quelli con i quali sono in contatto io che supporto commerciale credete che mi abbiano dato? Vogliono i soldi subito e so che mi vendono (mi vorrebbero vendere) il vino più caro di quanto fanno normalmente ad enoteche e ristoranti del paesello loro (a rischio quotidiano di chiusura e che li pagano a “babbo morto”). Ma, nella loro mentalità, se non ci straguadagno da subito che “esporto a fare”?
I prossimi che le scrivono me li giri a me, se vogliono investire seriamente in Cina io sono qui per parlarne altrimenti sono solo dei "bauscia", che cercano il pollo che gli sviluppi il mercato mentre loro stanno a casa. Ah, ovviamente la maggior parte di loro nemmeno viaggia, ci mancherebbe, troppo disturbo....e poi i costi.
Augusto Bordini (General Manager Chengdu Two Lions Trading Co ltd) - Ho letto con piacere il vostro articolo perché ha fatto una fotografia schietta dell'attuale situazione in Cina del vino italiano.
Se ci aggiunge i dati dell'export del primo quadrimestre 2016, diffusi in questi giorni dall'Istat, in cui le vendite in Cina risultano diminuire complessivamente del 6,2%, è chiaro che il quadro sia tutt'altro che esaltante.
Nel caso specifico del vino, occorre fare una riflessione seria ed oggettiva: se si offrisse agli italiani una bottiglia di vino a 20 euro, pensate che in molti la comprerebbero? Io penso di no, specie in questo momento storico.
Allora non si capisce perché i cinesi dovrebbero comprare a questo prezzo le nostre bottiglie più comuni.
E' quello che accade comunemente, perché una bottiglia che parte a 5 euro franco cantina dall'Italia arriva, bene che vada, sugli scaffali dei negozi o supermercati a 150 rmb (cioè circa 20 euro). Per non parlare dei ristoranti dove, ad esempio, ho visto una bottiglia di Rosso Conero, partita dall'Italia a 7 euro, venduta a 792 rmb, cioè a oltre 100 euro.
Poiché il sistema italiano non ha svolto negli anni una promozione corretta né tantomeno efficace, non si è riusciti ad incidere nell'immaginario collettivo, come, invece, hanno fatto i francesi, i cui prodotti sono tuttora simbolo del lusso e della distinzione.
Quindi, non si è riusciti a posizionarsi in un segmento, in cui i consumatori possano riconoscere un premium price.
La maggior parte dei prodotti italiani che vengono venduti in Cina ha un prezzo all'origine molto basso e sono giĂ  tanti gli importatori cinesi che si fanno imbottigliare in Italia i vini piĂą disparati con proprie etichette.
Adesso recuperare riconoscibilità e quote di mercato è possibile ma è sempre più difficile, visto l'affacciarsi di altre nazioni che, in questo settore, vengono viste esattamente allo stesso livello dell'Italia.
A mio parere, occorre fermarsi un attimo e capire la strategia da attuare. Il mercato del consumo è cambiato così come i canali distributivi ed occorre, quindi, anche da parte italiana, cambiare piani di sviluppo e target di riferimento.
Fabio Piccoli

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Ieri si è svolta a Verona la seconda edizione del Wine Export Manager Day, l’appuntamento dedicato alla figura dell’export manager del vino. 
Presentata l’indagine Wine People-Wine Meridian svolta interrogando aziende ed export manager sul delicato tema delle risorse umane nel mondo vinicolo

Wine Export Manager Day: quando gli export manager fanno network

Ieri si è svolta a Verona la seconda edizione del Wine Export Manager Day, l’appuntamento dedicato alla figura dell’export manager del vino. Presentata l’indagine Wine People-Wine Meridian svolta interrogando aziende ed export manager sul delicato tema delle risorse umane nel mondo vinicolo

Agnese Ceschi
Una classifica Top #8 dei migliori suggerimenti per promuovere alti riconoscimenti a livello internazionale
lunedi 17 settembre

Wine scores: come promuovere i punteggi ottenuti in 8 semplici passi

Una classifica Top #8 dei migliori suggerimenti per promuovere alti riconoscimenti a livello internazionale

Noemi Mengo
Alcune anticipazioni sulle nostre due indagini che presenteremo all’Export Manager Day il prossimo 17 settembre a Verona

Export manager, se ci sei batti un colpo

Alcune anticipazioni sulle nostre due indagini che presenteremo all’Export Manager Day il prossimo 17 settembre a Verona

Fabio Piccoli
Carmelo Bonetta ci racconta l’azienda che gestisce e porta nel cuore 
venerdi 14 settembre

Baglio del Cristo di Campobello, un’azienda siciliana legata alla propria terra e ai propri ricordi

Carmelo Bonetta ci racconta l’azienda che gestisce e porta nel cuore

Ultimi posti per aderire all'evento dedicato ai produttori di biologico nella cittĂ  danese giovedi 13 settembre

Organic Value vola a Copenhagen

Ultimi posti per aderire all'evento dedicato ai produttori di biologico nella cittĂ  danese

I giovani talenti del mondo del vino si incontrano a Villa Della Torre, a Fumane (Verona), per il primo Allegrini Boot Camp. giovedi 13 settembre

Allegrini Boot Camp: i giovani talenti del vino si incontrano in Valpolicella

I giovani talenti del mondo del vino si incontrano a Villa Della Torre, a Fumane (Verona), per il primo Allegrini Boot Camp.

Abruzzo’s preeminent winegrower adds to its collection of prestigious national and international awards
thursday 13 september

Codice Citra: Montepulciano d’Abruzzo DOC tops the podium

Abruzzo’s preeminent winegrower adds to its collection of prestigious national and international awards

L'intervista al MW greco Yiannis Karakasis a proposito di vini italiani e non solo giovedi 13 settembre

Grecia, aperto e dinamico, il mercato del vino strizza l’occhio all’Italia

L'intervista al MW greco Yiannis Karakasis a proposito di vini italiani e non solo

Carmen Guerriero
Il 17 settembre 2018 durante il Wine Export Manager Day a Verona verrĂ  presentata l'indagine condotta da Wine People. mercoledi 12 settembre

Ultimi 10 posti per iscriversi al Wine Export Manager Day

Il 17 settembre 2018 durante il Wine Export Manager Day a Verona verrĂ  presentata l'indagine condotta da Wine People.

Chi è la persona adatta all’accoglienza allo stand e come fare? mercoledi 12 settembre

Guida alla buona riuscita della fiera

Chi è la persona adatta all’accoglienza allo stand e come fare?

Agnese Ceschi
Ottimi riscontri per le bollicine italiane nel mercato canadese, si prevede una crescita inarrestabile
martedi 11 settembre

L’Italia fra i maggiori esportatori in Canada: è il Prosecco a scalare le classifiche

Ottimi riscontri per le bollicine italiane nel mercato canadese, si prevede una crescita inarrestabile

Noemi Mengo
Il wine bar di proprietĂ  dell'azienda italiana Avignonesi offre 100 referenze rigorosamente rispettose dell'ambiente lunedi 10 settembre

Un angolo di Italia (biologica e biodinamica) nel cuore di Notting Hill

Il wine bar di proprietĂ  dell'azienda italiana Avignonesi offre 100 referenze rigorosamente rispettose dell'ambiente

Agnese Ceschi
Il progetto Volcanic Wines racconta a ViniMilo i suoi primi 10 anni e presenta le nuove iniziative dell’associazione. venerdi 07 settembre

Sull’Etna si festeggiano le 10 candeline del progetto Volcanic Wines

Il progetto Volcanic Wines racconta a ViniMilo i suoi primi 10 anni e presenta le nuove iniziative dell’associazione.

Mai come in questi ultimi anni si è acceso il dibattito sulle diverse tipologie di tappi che nel tempo hanno assunto un ruolo sempre più importante non solo nella qualificazione dei vini ma anche nella percezione da parte dei consumatori

Il futuro del vino visto dai “tappi”

Mai come in questi ultimi anni si è acceso il dibattito sulle diverse tipologie di tappi che nel tempo hanno assunto un ruolo sempre più importante non solo nella qualificazione dei vini ma anche nella percezione da parte dei consumatori

Fabio Piccoli
Il periodo più importante dell’anno in cui si decide il futuro dell’intera produzione 
venerdi 07 settembre

La vendemmia dei ricordi di Dal Maso

Il periodo più importante dell’anno in cui si decide il futuro dell’intera produzione

Inizia la corsa ai biglietti per partecipare alla 27^ edizione di Merano WineFestival dal 9 al 13 novembre 2018 venerdi 07 settembre

Merano WineFestival 2018: ecco tutti gli appuntamenti da non perdere

Inizia la corsa ai biglietti per partecipare alla 27^ edizione di Merano WineFestival dal 9 al 13 novembre 2018

L’Osservatorio del Vino ha presentato le previsioni vendemmiali 2018 giovedi 06 settembre

Vendemmia 2018: l'Italia si conferma primo produttore al mondo

L’Osservatorio del Vino ha presentato le previsioni vendemmiali 2018

Lettera invito al Wine Export Manager Day del direttore di Wine Meridian a tutti coloro che sono impegnati a conseguire il successo del vino italiano nel mondo: produttori, export manager, imprenditori

Caro export manager ti scrivo….

Lettera invito al Wine Export Manager Day del direttore di Wine Meridian a tutti coloro che sono impegnati a conseguire il successo del vino italiano nel mondo: produttori, export manager, imprenditori

Fabio Piccoli
Con l’incoronazione di Carlo Pagano dal Molise come miglior sommelier del Soave, si chiude la kermesse veronese con ampia partecipazione di pubblico e ristoratori.

Soave Versus: un successo annunciato per i 50 anni della DOC

Con l’incoronazione di Carlo Pagano dal Molise come miglior sommelier del Soave, si chiude la kermesse veronese con ampia partecipazione di pubblico e ristoratori.

Come si è evoluta in questi ultimi anni la figura del wine ambassador nato per spingere la notorietà di un brand a vantaggio dell’azione commerciale ed oggi spesso messa in discussione

C’era una volta il brand ambassador

Come si è evoluta in questi ultimi anni la figura del wine ambassador nato per spingere la notorietà di un brand a vantaggio dell’azione commerciale ed oggi spesso messa in discussione

Fabio Piccoli
I vini della Cantina Santa Maria La Palma hanno ricevuto due prestigiosi riconoscimenti durante l’importante fiera internazionale mercoledi 05 settembre

Medaglia d’oro e d’argento per Aragosta Vermentino di Sardegna DOC e Cannonau Riserva all’Asia Wine Trophy

I vini della Cantina Santa Maria La Palma hanno ricevuto due prestigiosi riconoscimenti durante l’importante fiera internazionale