Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

 
martedi 18 settembre 2018 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com

roncoblanchis.it www.wine2wine.net Farina Enartis Tebaldi Wine Monitor Fondazione Edmund Mach Michele Shah Tommasi WineNet https://www.poderidalnespoli.com/ https://www.cantinafrentana.it Azienda Agricola Coali

Il mercato italiano delle bollicine visto da Wine Intelligence

Nel 2017 31,6 milioni di italiani, circa il 64% della popolazione adulta, hanno bevuto vino spumante o frizzante almeno una volta nel corso dell’anno. In crescita non solo gli sparkling più noti ma anche alcune nicchie locali come il Durello, l’Erbaluce, il Verdicchio e la Ribolla Gialla


Il mercato italiano delle bollicine visto da Wine Intelligence
Normalmente ci occupiamo di mercati internazionali ma sono troppo ghiotti gli spunti di riflessione che ci fornisce il primo report realizzato da Wine Intelligence sul “Mercato italiano delle bollicine”.
Innanzitutto gli analisti di Wine Intelligence evidenziano come il mercato delle bollicine in Italia è decisamente diverso rispetto a quelli di altri Paesi dove sostanzialmente la competizione si riduce ai soliti grandi player, Champagne, Prosecco e Cava, e solo in qualche caso affiancati da una produzione nazionale significativa come negli Usa, in Australia o in Germania.
In Italia, invece, il consumo degli sparkling è decisamente più diversificato e oltre alle zone storiche di produzione (Trentino con il Trentodoc, Franciacorta, Oltrepò Pavese), numerose tipologie di spumante si stanno sviluppando in numerose regioni italiane, spesso grazie all’utilizzo di vitigni autoctoni che meglio si prestano ai processi di spumantizzazione. E’ il caso, ad esempio, del Durello in Veneto che oggi rappresenta forse uno degli esempi più interessanti di bollicina “autoctona” con ottime interpretazioni sia nella versione metodo classico che charmat. Ma in interessante evoluzione anche l’Erbaluce in Piemonte, il Verdicchio nelle Marche e la Ribolla Gialla in Friuli Venezia Giulia.
A questo riguardo sarebbe interessante analizzare meglio quelle che sono le potenzialità di sviluppo delle bollicine italiane realizzate anche con il contributo di vitigni autoctoni. Riteniamo, infatti, che vi siano ampi margini di crescita soprattutto se si eviteranno le pericolose “speculazioni” all’inseguimento del successo del Prosecco e si valorizzeranno invece quelle varietà e quei territori che meglio d’altri consentono l’ottenimento di bollicine di pregio, con una precisa identità riconoscibile.
Tornando al report di Wine Intelligence emerge come anche in Italia tra i consumatori non è chiara la diversificazione tra i diversi metodi di produzione degli sparkling e questo causa non poche problematiche sul versante delle percezioni e dei posizionamenti.
Per questa ragione gli esperti di Wine Intelligence giustamente consigliano una migliore azione di comunicazione sulle caratteristiche del prodotto sia da parte dei produttori che del trade.
Rispetto al tema delle vendite, le bollicine italiane sono destinate a crescere ulteriormente sul mercato nazionale e questo, in particolare, grazie alla destagionalizzazione delle vendite e ad un consumo più frequente. Nel 2017, a questo proposito, 31,6 milioni di italiani, il 64% della popolazione adulta, hanno consumato vino spumante o frizzante almeno una volta nel corso dell’anno. Per quanto riguarda la spesa media, eccezion fatta per lo Champagne, per una bottiglia di spumante o frizzante varia tra i 7-14,99 euro nell’off trade. Il canale di distribuzione più utilizzato è quello della gdo ad eccezione di Champagne e Franciacorta dove prevale il canele dell’horeca.
Per quanto concerne le occasioni di consumo il report evidenzia come il vino spumante è un termine che resta comunque fortemente legato a feste, celebrazioni e brindisi, mentre con il termine “frizzante”, molti consumatori italiani identificano un bollicina poco impegnativa, quella che spesso viene chiamata “frizzantino”.
Come era facilmente presumibile l’indagine di WI evidenzia come il Prosecco sia ormai entrato nelle scelte di gran parte dei consumatori italiani. La quasi totalità del campione, infatti, ha dichiarato di averlo bevuto almeno una volta nel corso dell’ultimo anno. Prosecco e Lambrusco, inoltre, risultano le bollicine consumate più frequentemente e sono quelle considerate con il miglior rapporto qualità/prezzo.
In termini di percezione qualitativa, però, lo Champagne continua ad essere il leader assoluto seguito dal Franciacorta.
Trentodoc, Alta Langa, Pignoletto, sono meno diffusi ma raggiungono comunque un’incoraggiante percentuale di consumatori.
Interessanti le indicazioni che emergono dal trade che, ad esempio, associa il Pignoletto al Prosecco in termini di stile, occasione di consumo e posizionamento); mentre l’Alta Langa viene considerata una tipologia alla ricerca di una collocazione precisa, a metà tra il Prosecco e il Franciacorta. Riguardo al Trentodoc, invece, il trade intervistato ritiene che abbia ampi margini di crescita sia a livello di penetrazione di mercato che di percezione qualitativa, sfruttando in particolare il traino di Ferrari, il suo brand più famoso.
E a proposito di brand, il report di WI evidenzia come Ferrari, Martini, Gancia e Maschio sono quelli riconosciuti maggiormente dai consumatori intervistati, con percentuali oltre l’80%. Le performance migliori sono registrate da Ferrari (Trentodoc) e Berlucchi, (Franciacorta) che evidenziano un tasso di conversione in acquirenti di oltre il 44%.
Il ruolo dei brand aziendali per sviluppare maggiormente la notorietà delle denominazioni delle bollicine italiane appare come uno degli aspetti più importanti evidenziati nel report di WI. In Franciacorta, ad esempio, dopo Berlucchi (leader nel retail), marchi come Cà del Bosco, Bellavista e Contadi Castaldi rappresentano brand di grande traino e dimostrano che vi sono ottime opportunità anche per costruire branding tra le bollicine made in Italy.

Fabio Piccoli

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Ieri si è svolta a Verona la seconda edizione del Wine Export Manager Day, l’appuntamento dedicato alla figura dell’export manager del vino. 
Presentata l’indagine Wine People-Wine Meridian svolta interrogando aziende ed export manager sul delicato tema delle risorse umane nel mondo vinicolo

Wine Export Manager Day: quando gli export manager fanno network

Ieri si è svolta a Verona la seconda edizione del Wine Export Manager Day, l’appuntamento dedicato alla figura dell’export manager del vino. Presentata l’indagine Wine People-Wine Meridian svolta interrogando aziende ed export manager sul delicato tema delle risorse umane nel mondo vinicolo

Agnese Ceschi
Una classifica Top #8 dei migliori suggerimenti per promuovere alti riconoscimenti a livello internazionale
lunedi 17 settembre

Wine scores: come promuovere i punteggi ottenuti in 8 semplici passi

Una classifica Top #8 dei migliori suggerimenti per promuovere alti riconoscimenti a livello internazionale

Noemi Mengo
Alcune anticipazioni sulle nostre due indagini che presenteremo all’Export Manager Day il prossimo 17 settembre a Verona

Export manager, se ci sei batti un colpo

Alcune anticipazioni sulle nostre due indagini che presenteremo all’Export Manager Day il prossimo 17 settembre a Verona

Fabio Piccoli
Carmelo Bonetta ci racconta l’azienda che gestisce e porta nel cuore 
venerdi 14 settembre

Baglio del Cristo di Campobello, un’azienda siciliana legata alla propria terra e ai propri ricordi

Carmelo Bonetta ci racconta l’azienda che gestisce e porta nel cuore

Ultimi posti per aderire all'evento dedicato ai produttori di biologico nella città danese giovedi 13 settembre

Organic Value vola a Copenhagen

Ultimi posti per aderire all'evento dedicato ai produttori di biologico nella città danese

I giovani talenti del mondo del vino si incontrano a Villa Della Torre, a Fumane (Verona), per il primo Allegrini Boot Camp. giovedi 13 settembre

Allegrini Boot Camp: i giovani talenti del vino si incontrano in Valpolicella

I giovani talenti del mondo del vino si incontrano a Villa Della Torre, a Fumane (Verona), per il primo Allegrini Boot Camp.

Abruzzo’s preeminent winegrower adds to its collection of prestigious national and international awards
thursday 13 september

Codice Citra: Montepulciano d’Abruzzo DOC tops the podium

Abruzzo’s preeminent winegrower adds to its collection of prestigious national and international awards

L'intervista al MW greco Yiannis Karakasis a proposito di vini italiani e non solo giovedi 13 settembre

Grecia, aperto e dinamico, il mercato del vino strizza l’occhio all’Italia

L'intervista al MW greco Yiannis Karakasis a proposito di vini italiani e non solo

Carmen Guerriero
Il 17 settembre 2018 durante il Wine Export Manager Day a Verona verrà presentata l'indagine condotta da Wine People. mercoledi 12 settembre

Ultimi 10 posti per iscriversi al Wine Export Manager Day

Il 17 settembre 2018 durante il Wine Export Manager Day a Verona verrà presentata l'indagine condotta da Wine People.

Chi è la persona adatta all’accoglienza allo stand e come fare? mercoledi 12 settembre

Guida alla buona riuscita della fiera

Chi è la persona adatta all’accoglienza allo stand e come fare?

Agnese Ceschi
Ottimi riscontri per le bollicine italiane nel mercato canadese, si prevede una crescita inarrestabile
martedi 11 settembre

L’Italia fra i maggiori esportatori in Canada: è il Prosecco a scalare le classifiche

Ottimi riscontri per le bollicine italiane nel mercato canadese, si prevede una crescita inarrestabile

Noemi Mengo
Il wine bar di proprietà dell'azienda italiana Avignonesi offre 100 referenze rigorosamente rispettose dell'ambiente lunedi 10 settembre

Un angolo di Italia (biologica e biodinamica) nel cuore di Notting Hill

Il wine bar di proprietà dell'azienda italiana Avignonesi offre 100 referenze rigorosamente rispettose dell'ambiente

Agnese Ceschi
Il progetto Volcanic Wines racconta a ViniMilo i suoi primi 10 anni e presenta le nuove iniziative dell’associazione. venerdi 07 settembre

Sull’Etna si festeggiano le 10 candeline del progetto Volcanic Wines

Il progetto Volcanic Wines racconta a ViniMilo i suoi primi 10 anni e presenta le nuove iniziative dell’associazione.

Mai come in questi ultimi anni si è acceso il dibattito sulle diverse tipologie di tappi che nel tempo hanno assunto un ruolo sempre più importante non solo nella qualificazione dei vini ma anche nella percezione da parte dei consumatori

Il futuro del vino visto dai “tappi”

Mai come in questi ultimi anni si è acceso il dibattito sulle diverse tipologie di tappi che nel tempo hanno assunto un ruolo sempre più importante non solo nella qualificazione dei vini ma anche nella percezione da parte dei consumatori

Fabio Piccoli
Il periodo più importante dell’anno in cui si decide il futuro dell’intera produzione 
venerdi 07 settembre

La vendemmia dei ricordi di Dal Maso

Il periodo più importante dell’anno in cui si decide il futuro dell’intera produzione

Inizia la corsa ai biglietti per partecipare alla 27^ edizione di Merano WineFestival dal 9 al 13 novembre 2018 venerdi 07 settembre

Merano WineFestival 2018: ecco tutti gli appuntamenti da non perdere

Inizia la corsa ai biglietti per partecipare alla 27^ edizione di Merano WineFestival dal 9 al 13 novembre 2018

L’Osservatorio del Vino ha presentato le previsioni vendemmiali 2018 giovedi 06 settembre

Vendemmia 2018: l'Italia si conferma primo produttore al mondo

L’Osservatorio del Vino ha presentato le previsioni vendemmiali 2018

Lettera invito al Wine Export Manager Day del direttore di Wine Meridian a tutti coloro che sono impegnati a conseguire il successo del vino italiano nel mondo: produttori, export manager, imprenditori

Caro export manager ti scrivo….

Lettera invito al Wine Export Manager Day del direttore di Wine Meridian a tutti coloro che sono impegnati a conseguire il successo del vino italiano nel mondo: produttori, export manager, imprenditori

Fabio Piccoli
Con l’incoronazione di Carlo Pagano dal Molise come miglior sommelier del Soave, si chiude la kermesse veronese con ampia partecipazione di pubblico e ristoratori.

Soave Versus: un successo annunciato per i 50 anni della DOC

Con l’incoronazione di Carlo Pagano dal Molise come miglior sommelier del Soave, si chiude la kermesse veronese con ampia partecipazione di pubblico e ristoratori.

Come si è evoluta in questi ultimi anni la figura del wine ambassador nato per spingere la notorietà di un brand a vantaggio dell’azione commerciale ed oggi spesso messa in discussione

C’era una volta il brand ambassador

Come si è evoluta in questi ultimi anni la figura del wine ambassador nato per spingere la notorietà di un brand a vantaggio dell’azione commerciale ed oggi spesso messa in discussione

Fabio Piccoli
I vini della Cantina Santa Maria La Palma hanno ricevuto due prestigiosi riconoscimenti durante l’importante fiera internazionale mercoledi 05 settembre

Medaglia d’oro e d’argento per Aragosta Vermentino di Sardegna DOC e Cannonau Riserva all’Asia Wine Trophy

I vini della Cantina Santa Maria La Palma hanno ricevuto due prestigiosi riconoscimenti durante l’importante fiera internazionale