Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

sfondo_wm
giovedi 18 luglio 2019 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com


Farina Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ Tebaldi valdoca pertinace vinojobs Wine Monitor Cantina Santa Maria La Palma Fondazione Edmund Mach Siddura WineNet CVA Canicatti Bixio https://www.cantinafrentana.it roncoblanchis.it https://corte-de-pieri.business.site/ www.ilvinocomunica.it https://www.accordinistefano.it/ http://www.cantinavicobarone.com/ Vigna Belvedere italian wine academy https://www.marchesibarolo.com/ http://www.varramista.it/it/
mercoledi 13 marzo 2019

Il mondo green nel vino, tra cambiamenti climatici e cambiamenti legislativi

Viticoltura biologica: in cosa consiste veramente?


Il mondo green nel vino, tra cambiamenti climatici e cambiamenti legislativi
È dal 01 agosto 2012 che i vini biologici possono essere dichiarati in etichetta tramite l’utilizzo del logo verde UE. Ciò è stato reso possibile dal Regolamento 203/2012 che ha consolidato la precedente legislazione e che ha introdotto requisiti specifici per la produzione di vino biologico, frutto di un percorso che deve iniziare in vigna e terminare con vinificazioni “biologiche” in cantina. Quest’ultima normativa europea è l’evoluzione di norme nazionali o addirittura private che i paesi produttori hanno preso fino ad allora come riferimento. Disciplinari che vignaioli o associazioni di agricoltura biologica hanno sviluppato autonomamente nel tempo, dettati dal fatto che il vino e la sua produzione erano esclusi dalla tutela delle precedenti legislazioni (Reg. CEE n. 2092/91). Evoluzioni normative sempre volte al miglioramento progressivo dell’impatto sull’ambiente dovuto sia al tipo e alle quantità delle sostanze utilizzabili, sia alle tecniche di produzione. È recente l’ulteriore modifica legislativa comunicata dal MIPAAF sulle sostanze impiegabili: cambiano ulteriormente i limiti annuali sull’utilizzo del rame in agricoltura che si riducono da 6 a 4 kg per ettaro all’anno, tra lo sconcerto dei produttori che temono conseguenze importanti come la ipotizzabile rinuncia a una viticoltura organica. 
Perché norme sempre più restrittive possono portare paradossalmente al rischio di abbandono del regime biologico? In cosa consiste esattamente la viticoltura biologica?
La viticoltura biologica si concentra sull’uso di processi naturali per la produzione di nutrienti della pianta che operino a partire da sé stessa, dalla gestione del vigneto, alla gestione degli infestanti e dei parassiti. Il vigneto è un sistema integrato il cui prodotto finale, l’uva, riflette il terroir ovvero il terreno, il microclima e le pratiche di lavorazione. Tra le sostanze consentite per la difesa dei vigneti dalle malattie fungine come peronospora, oidio e botrytis cinerea, sono ammessi pochi fungicidi organici, tra i quali i principali sono rame e zolfo. L’uso intensivo del rame può essere problematico. È stato infatti dimostrato che in base al tipo di terreno il rame genera effetti tossici per accumulo, danneggiandone l’ecosistema, dato rilevato in particolar modo sulla fauna e la flora di suoli più sabbiosi e leggeri. Certamente la situazione attuale non è più quella di qualche tempo fa, anni in cui le pratiche agronomiche prevedevano dosi rilevanti di utilizzo, anche fino a 30 kg per ettaro all’anno. Successivamente l’impiego è stato limitato a 6 kg per ettaro all’anno, fino all’ultima revisione che riduce ulteriormente le quantità a 4 kg ha/anno. 

Alza la voce il settore vitivinicolo disorientato da questo cambio normativo; in particolare i vignaioli indipendenti FIVI, supportati dal fatto che non sembra vi siano, al momento, valide ed economiche alternative nella difesa attiva delle malattie fungine. Regole che cambiano in un momento in cui il biologico e la conversione ad esso sono in forte aumento, incrementi che hanno fatto registrare valori a due cifre, di anno in anno, dal 2008 ad oggi. Percentuali di crescita più alte si evidenziano per i vigneti in conversione rispetto a quelli coltivati a biologico, una viticoltura pienamente riconosciuta come scelta ecologicamente, economicamente e socialmente sana. Se al momento sembra essere difficile la sostituzione dell’unico agente micotico valido, mentre una delle poche alternative, il fosfato di potassio, è ancora in fase di studio e sperimentazione, la possibilità di perseguire l’anima dei principi biologici-biodinamici sembra la strada più concreta: nutrire il terreno e non la pianta. 

Ne abbiamo parlato alcuni giorni fa con i produttori presenti al Live Wine, il salone dei vini artigianali di Milano. Vignaioli che credono in un approccio quasi sempre teso ad abbracciare la filosofia biodinamica e raccontano che la conoscenza dei suoli, dei campi, delle condizioni climatiche permette di far crescere vigneti più sani e più facilmente resistenti alle malattie. In un’epoca di cambiamenti climatici importanti come le temperature in aumento, le precipitazioni abbondanti, il vento e la grandine, è necessario trovare soluzioni alternative partendo sia dallo studio delle malattie fungine, sia dall’utilizzo di preparati come il cumulo biodinamico, la propoli agricola e l’equiseto. Non solo si è fatto troppo affidamento sul rame, raccontano i vignaioli, ma si è investito molto poco in studi che permettano di capire i comportamenti e le evoluzioni della peronospora, la cui propagazione è strettamente legata a fattori quali pioggia e umidità. Questo consentirebbe di sapere se, come e quando trattare il vigneto in modo mirato, riducendo sensibilmente l’utilizzo del rame. Un aspetto fondamentale spesso tralasciato è il suolo: un terreno vivo invigorisce la vite accrescendo i meccanismi di difesa naturali.
Le tempistiche nell’uso di misure di protezione, lo sviluppo di un approccio preventivo, l’utilizzo di specifici portainnesti e di varietà autoctone appropriate alle condizioni generali agricole diventano le ulteriori risorse per una difesa maggiormente autonoma della vite. 


Giovanna Romeo

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Il sondaggio di Lastminute.com, uno dei maggiori portali di offerta turistica, rivela la predilezione per l'Italia del vino. giovedi 18 luglio 2019

L’Italia nominata miglior Paese mondiale per il vino dai wine lovers internazionali

Il sondaggio di Lastminute.com, uno dei maggiori portali di offerta turistica, rivela la predilezione per l'Italia del vino.

Export a +7,9% o a -14,4%? La babele di numeri contrastanti continua ad incombere. giovedi 18 luglio 2019

Cina: dati Istat in contrasto con le dogane cinesi

Export a +7,9% o a -14,4%? La babele di numeri contrastanti continua ad incombere.

Intervista a Valentina Abbona, sesta generazione della storica cantina Marchesi di Barolo giovedi 18 luglio 2019

Marchesi di Barolo: una storia dalle nobili origini e un grande futuro avanti a sé

Intervista a Valentina Abbona, sesta generazione della storica cantina Marchesi di Barolo

Noemi Mengo
L'Italia continua a guidare la classifica con una quota di mercato del 33% in volume
giovedi 18 luglio 2019

La nuova meta delle bollicine italiane è il Canada

L'Italia continua a guidare la classifica con una quota di mercato del 33% in volume

Noemi Mengo
Interviene la Confraternita di Valdobbiadene ricordando che il riconoscimento UNESCO si riferisce al territorio e non al prodotto mercoledi 17 luglio 2019

Colline di Conegliano Valdobbiadene Unesco: ben oltre il fenomeno Prosecco

Interviene la Confraternita di Valdobbiadene ricordando che il riconoscimento UNESCO si riferisce al territorio e non al prodotto

A ricevere il prestigioso riconoscimento sabato 28 settembre Jeannie Cho Lee, Roberto Citran, Alain Finkielkraut, Piero Luxardo e Nando Pagnoncelli. mercoledi 17 luglio 2019

Annunciati i vincitori del trentottesimo Premio Masi

A ricevere il prestigioso riconoscimento sabato 28 settembre Jeannie Cho Lee, Roberto Citran, Alain Finkielkraut, Piero Luxardo e Nando Pagnoncelli.

Abbiamo degustato per voi Venere di Azienda Agricola Nenci mercoledi 17 luglio 2019

Italian wines in the world: Venere di Azienda Agricola Nenci

Abbiamo degustato per voi Venere di Azienda Agricola Nenci

Intervista ad Armin H. Mueller, esperto conoscitore del mercato svizzero
mercoledi 17 luglio 2019

Vino italiano in Svizzera: bisogna osservare con gli occhi del consumatore

Intervista ad Armin H. Mueller, esperto conoscitore del mercato svizzero

Noemi Mengo
Secondo il presidente Sartori è una misura necessaria per tutelare l'equilibrio tra mercato e produzione. 
martedi 16 luglio 2019

Consorzio della Valpolicella: pubblicata dalla Regione Veneto la richiesta di blocco totale degli impianti

Secondo il presidente Sartori è una misura necessaria per tutelare l'equilibrio tra mercato e produzione.

Masè subentra a Beniamino Garofalo, che ha terminato il 30 giugno un positivo percorso all’interno del Gruppo martedi 16 luglio 2019

Simone Masè è il nuovo Direttore Generale del Gruppo Lunelli

Masè subentra a Beniamino Garofalo, che ha terminato il 30 giugno un positivo percorso all’interno del Gruppo

Venerdì 12 luglio, il primo incontro: un grande inizio per il corso di avvicinamento al vino di Alberto Ugolini
martedi 16 luglio 2019

Degustare il vino da un’altra prospettiva, la propria

Venerdì 12 luglio, il primo incontro: un grande inizio per il corso di avvicinamento al vino di Alberto Ugolini

Noemi Mengo
We have tasted for you Fattoria Varramista's Frasca tuesday 16 july 2019

Italian wines in the world: Fattoria Varramista's Frasca

We have tasted for you Fattoria Varramista's Frasca

Continua il Simply Italian Great Wines World Tour che il 23 settembre conquista Oslo, in Norvegia, per il quarto anno consecutivo martedi 16 luglio 2019

Simply Italian Great Wines, l’Italia del vino vola in Norvegia

Continua il Simply Italian Great Wines World Tour che il 23 settembre conquista Oslo, in Norvegia, per il quarto anno consecutivo

Valore, varietà e sostenibilità stanno facendo scalare le classifiche americane ai vini siciliani
lunedi 15 luglio 2019

Il successo a stelle e strisce della Sicilia

Valore, varietà e sostenibilità stanno facendo scalare le classifiche americane ai vini siciliani

Agnese Ceschi
Acquisti e motivazione vanno a braccetto, anche nel mondo del vino. 
lunedi 15 luglio 2019

La ricetta di un brand di successo? Pochi (ma buoni) ingredienti, tra questi uno scopo

Acquisti e motivazione vanno a braccetto, anche nel mondo del vino.

Noemi Mengo
L'11 e 12 novembre 2019 saremo a Tokyo con un gruppo di produttori italiani in partnership con Wonderfud. sabato 13 luglio 2019

Partecipa con noi alla missione in Giappone con b2b con agenda programmata

L'11 e 12 novembre 2019 saremo a Tokyo con un gruppo di produttori italiani in partnership con Wonderfud.



sfondo_wm