Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

http://www.winemeridian.com/
domenica 24 marzo 2019 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers


Siddura enosocial.com

vinojobs Wine Monitor Cantina Santa Maria La Palma Fondazione Edmund Mach Siddura WineNet CVA Canicatti Bixio roncoblanchis.it https://corte-de-pieri.business.site/ www.ilvinocomunica.it https://www.accordinistefano.it/ http://www.cantinavicobarone.com/ italian wine academy Farina Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ Tebaldi valdoca pertinace https://www.cantinafrentana.it
mercoledi 13 marzo

Il mondo green nel vino, tra cambiamenti climatici e cambiamenti legislativi

Viticoltura biologica: in cosa consiste veramente?


Il mondo green nel vino, tra cambiamenti climatici e cambiamenti legislativi
È dal 01 agosto 2012 che i vini biologici possono essere dichiarati in etichetta tramite l’utilizzo del logo verde UE. Ciò è stato reso possibile dal Regolamento 203/2012 che ha consolidato la precedente legislazione e che ha introdotto requisiti specifici per la produzione di vino biologico, frutto di un percorso che deve iniziare in vigna e terminare con vinificazioni “biologiche” in cantina. Quest’ultima normativa europea è l’evoluzione di norme nazionali o addirittura private che i paesi produttori hanno preso fino ad allora come riferimento. Disciplinari che vignaioli o associazioni di agricoltura biologica hanno sviluppato autonomamente nel tempo, dettati dal fatto che il vino e la sua produzione erano esclusi dalla tutela delle precedenti legislazioni (Reg. CEE n. 2092/91). Evoluzioni normative sempre volte al miglioramento progressivo dell’impatto sull’ambiente dovuto sia al tipo e alle quantità delle sostanze utilizzabili, sia alle tecniche di produzione. È recente l’ulteriore modifica legislativa comunicata dal MIPAAF sulle sostanze impiegabili: cambiano ulteriormente i limiti annuali sull’utilizzo del rame in agricoltura che si riducono da 6 a 4 kg per ettaro all’anno, tra lo sconcerto dei produttori che temono conseguenze importanti come la ipotizzabile rinuncia a una viticoltura organica. 
Perché norme sempre più restrittive possono portare paradossalmente al rischio di abbandono del regime biologico? In cosa consiste esattamente la viticoltura biologica?
La viticoltura biologica si concentra sull’uso di processi naturali per la produzione di nutrienti della pianta che operino a partire da sé stessa, dalla gestione del vigneto, alla gestione degli infestanti e dei parassiti. Il vigneto è un sistema integrato il cui prodotto finale, l’uva, riflette il terroir ovvero il terreno, il microclima e le pratiche di lavorazione. Tra le sostanze consentite per la difesa dei vigneti dalle malattie fungine come peronospora, oidio e botrytis cinerea, sono ammessi pochi fungicidi organici, tra i quali i principali sono rame e zolfo. L’uso intensivo del rame può essere problematico. È stato infatti dimostrato che in base al tipo di terreno il rame genera effetti tossici per accumulo, danneggiandone l’ecosistema, dato rilevato in particolar modo sulla fauna e la flora di suoli più sabbiosi e leggeri. Certamente la situazione attuale non è più quella di qualche tempo fa, anni in cui le pratiche agronomiche prevedevano dosi rilevanti di utilizzo, anche fino a 30 kg per ettaro all’anno. Successivamente l’impiego è stato limitato a 6 kg per ettaro all’anno, fino all’ultima revisione che riduce ulteriormente le quantità a 4 kg ha/anno. 

Alza la voce il settore vitivinicolo disorientato da questo cambio normativo; in particolare i vignaioli indipendenti FIVI, supportati dal fatto che non sembra vi siano, al momento, valide ed economiche alternative nella difesa attiva delle malattie fungine. Regole che cambiano in un momento in cui il biologico e la conversione ad esso sono in forte aumento, incrementi che hanno fatto registrare valori a due cifre, di anno in anno, dal 2008 ad oggi. Percentuali di crescita più alte si evidenziano per i vigneti in conversione rispetto a quelli coltivati a biologico, una viticoltura pienamente riconosciuta come scelta ecologicamente, economicamente e socialmente sana. Se al momento sembra essere difficile la sostituzione dell’unico agente micotico valido, mentre una delle poche alternative, il fosfato di potassio, è ancora in fase di studio e sperimentazione, la possibilità di perseguire l’anima dei principi biologici-biodinamici sembra la strada più concreta: nutrire il terreno e non la pianta. 

Ne abbiamo parlato alcuni giorni fa con i produttori presenti al Live Wine, il salone dei vini artigianali di Milano. Vignaioli che credono in un approccio quasi sempre teso ad abbracciare la filosofia biodinamica e raccontano che la conoscenza dei suoli, dei campi, delle condizioni climatiche permette di far crescere vigneti più sani e più facilmente resistenti alle malattie. In un’epoca di cambiamenti climatici importanti come le temperature in aumento, le precipitazioni abbondanti, il vento e la grandine, è necessario trovare soluzioni alternative partendo sia dallo studio delle malattie fungine, sia dall’utilizzo di preparati come il cumulo biodinamico, la propoli agricola e l’equiseto. Non solo si è fatto troppo affidamento sul rame, raccontano i vignaioli, ma si è investito molto poco in studi che permettano di capire i comportamenti e le evoluzioni della peronospora, la cui propagazione è strettamente legata a fattori quali pioggia e umidità. Questo consentirebbe di sapere se, come e quando trattare il vigneto in modo mirato, riducendo sensibilmente l’utilizzo del rame. Un aspetto fondamentale spesso tralasciato è il suolo: un terreno vivo invigorisce la vite accrescendo i meccanismi di difesa naturali.
Le tempistiche nell’uso di misure di protezione, lo sviluppo di un approccio preventivo, l’utilizzo di specifici portainnesti e di varietà autoctone appropriate alle condizioni generali agricole diventano le ulteriori risorse per una difesa maggiormente autonoma della vite. 


Giovanna Romeo

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
We have tasted for you Cantina Santa Maria La Palma's Ràfia Vermentino di Sardegna DOC saturday 23 march

Italian wines in the world: Cantina Santa Maria La Palma's Ràfia

We have tasted for you Cantina Santa Maria La Palma's Ràfia Vermentino di Sardegna DOC

Abbiamo degustato per voi Ràfia Vermentino di Sardegna DOC di Cantina Santa Maria La Palma sabato 23 marzo

Italian wines in the world: Ràfia di Cantina Santa Maria La Palma

Abbiamo degustato per voi Ràfia Vermentino di Sardegna DOC di Cantina Santa Maria La Palma

In occasione di ProWein, svelato a Düsseldorf il concept dell’edizione 2019
venerdi 22 marzo

Milano Wine Week punta all'internazionalità

In occasione di ProWein, svelato a Düsseldorf il concept dell’edizione 2019

On March 10th, 2019, the Italian Wine Podcast celebrated its second anniversary since its first weekly episodes were launched on dedicated digital platforms. friday 22 march

Italian Wine Podcast: two years of “cin cin” with Italian wine people

On March 10th, 2019, the Italian Wine Podcast celebrated its second anniversary since its first weekly episodes were launched on dedicated digital platforms.

Climate change is a huge subject that touches everyone. Many of us cannot even conceive the dangers inflicted on our planet by climate change. Time is running out, we need to take charge now! friday 22 march

World's Leading Wine Experts Share Tried and Tested Solutions to Mitigate Climate Change

Climate change is a huge subject that touches everyone. Many of us cannot even conceive the dangers inflicted on our planet by climate change. Time is running out, we need to take charge now!

Michele Shah
Dall’indagine di Wine Intelligence emerge il ruolo delle donne nel consumo dei vini, sempre più vicino a quello dei maschi. Negli Usa preoccupante calo di consumatori abituali tra i più giovani

Donne e vino: più sensibili alla sostenibilità ma meno disposte a spendere

Dall’indagine di Wine Intelligence emerge il ruolo delle donne nel consumo dei vini, sempre più vicino a quello dei maschi. Negli Usa preoccupante calo di consumatori abituali tra i più giovani

Fabio Piccoli
Drink less, but drink better: il nuovo mantra del consumatore inglese giovedi 21 marzo

L'esplosione del biologico nel Regno Unito

Drink less, but drink better: il nuovo mantra del consumatore inglese

Agnese Ceschi
General Manager mercoledi 20 marzo

Offerta di Lavoro

General Manager

La manifestazione di Düsseldorf non solo rappresenta oggi la miglior “piazza” commerciale del vino nel mondo ma anche uno straordinario osservatorio per capire come si è evoluto e si sta evolvendo il settore vitivinicolo a livello mondiale

mercoledi 20 marzo

Prowein 2019, una fiera didattica

La manifestazione di Düsseldorf non solo rappresenta oggi la miglior “piazza” commerciale del vino nel mondo ma anche uno straordinario osservatorio per capire come si è evoluto e si sta evolvendo il settore vitivinicolo a livello mondiale

Fabio Piccoli
L’organizzazione aziendale ha spesso bisogno di un professionista esterno per valorizzare le proprie risorse mercoledi 20 marzo

La figura del Business Coach nel mondo del vino: Chi è? A cosa serve?

L’organizzazione aziendale ha spesso bisogno di un professionista esterno per valorizzare le proprie risorse

Massimo Benedetti, Marketing and communication specialist
Abbiamo girato per i padiglioni italiani alla ricerca delle impressioni dei produttori su questa edizione della nota kermesse tedesca martedi 19 marzo

ProWein 2019: buona la seconda (giornata)!

Abbiamo girato per i padiglioni italiani alla ricerca delle impressioni dei produttori su questa edizione della nota kermesse tedesca

Agnese Ceschi e Noemi Mengo
Report dalla prima giornata di ProWein. Dal Business Report della fiera di Düsseldorf grande crescita in attrattività del mercato cinese 
lunedi 18 marzo

ProWein 2019: deboli piogge, ma previste schiarite

Report dalla prima giornata di ProWein. Dal Business Report della fiera di Düsseldorf grande crescita in attrattività del mercato cinese

Noemi Mengo e Agnese Ceschi
L'intervista a Marius Berlemann, Global Head Wine & Spirits e direttore di ProWein domenica 17 marzo

ProWein here we go!

L'intervista a Marius Berlemann, Global Head Wine & Spirits e direttore di ProWein

Agnese Ceschi
Ci prepariamo all’edizione 2019 della kermesse più attesa in Europa 
sabato 16 marzo

ProWein: 3 punti chiave per fare il giusto ingresso in fiera

Ci prepariamo all’edizione 2019 della kermesse più attesa in Europa

We have tasted for you Tenuta Montemagno's Solis Vis Monferrato Bianco DOC Timorasso saturday 16 march

Italian wines in the world: Tenuta Montemagno's Solis Vis Monferrato Bianco DOC Timorasso

We have tasted for you Tenuta Montemagno's Solis Vis Monferrato Bianco DOC Timorasso

Abbiamo degustato per voi Solis Vis Monferrato Bianco DOC Timorasso di Tenuta Montemagno sabato 16 marzo

Italian wines in the world: Solis Vis Monferrato Bianco DOC Timorasso di Tenuta Montemagno

Abbiamo degustato per voi Solis Vis Monferrato Bianco DOC Timorasso di Tenuta Montemagno

Sembrava stata cancellata dal vocabolario del vino e invece mai come oggi si continua a parlare di tipicità e di quel legame straordinario tra il vino e la sua origine. Ma perché?

venerdi 15 marzo

Il ritorno “silenzioso” ma prezioso della tipicità

Sembrava stata cancellata dal vocabolario del vino e invece mai come oggi si continua a parlare di tipicità e di quel legame straordinario tra il vino e la sua origine. Ma perché?

Fabio Piccoli


http://www.winemeridian.com/