Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

 
domenica 31 maggio 2020 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers



Fondazione Edmund Mach Cantina di Custoza Masciarelli WineNet CVA Canicatti https://www.cantinafrentana.it Corte De Pieri way to go www.unexpecteditalian.it Vigna Belvedere CIR http://www.grafical.it/it/  www.cantinatollo.it cantina settesoli mossi 1558 perdomini vidra.com Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ valdoca pertinace vinojobs Wine Monitor
mercoledi 13 marzo 2019

Il mondo green nel vino, tra cambiamenti climatici e cambiamenti legislativi

Viticoltura biologica: in cosa consiste veramente?


Il mondo green nel vino, tra cambiamenti climatici e cambiamenti legislativi
È dal 01 agosto 2012 che i vini biologici possono essere dichiarati in etichetta tramite l’utilizzo del logo verde UE. Ciò è stato reso possibile dal Regolamento 203/2012 che ha consolidato la precedente legislazione e che ha introdotto requisiti specifici per la produzione di vino biologico, frutto di un percorso che deve iniziare in vigna e terminare con vinificazioni “biologiche” in cantina. Quest’ultima normativa europea è l’evoluzione di norme nazionali o addirittura private che i paesi produttori hanno preso fino ad allora come riferimento. Disciplinari che vignaioli o associazioni di agricoltura biologica hanno sviluppato autonomamente nel tempo, dettati dal fatto che il vino e la sua produzione erano esclusi dalla tutela delle precedenti legislazioni (Reg. CEE n. 2092/91). Evoluzioni normative sempre volte al miglioramento progressivo dell’impatto sull’ambiente dovuto sia al tipo e alle quantità delle sostanze utilizzabili, sia alle tecniche di produzione. È recente l’ulteriore modifica legislativa comunicata dal MIPAAF sulle sostanze impiegabili: cambiano ulteriormente i limiti annuali sull’utilizzo del rame in agricoltura che si riducono da 6 a 4 kg per ettaro all’anno, tra lo sconcerto dei produttori che temono conseguenze importanti come la ipotizzabile rinuncia a una viticoltura organica. 
Perché norme sempre più restrittive possono portare paradossalmente al rischio di abbandono del regime biologico? In cosa consiste esattamente la viticoltura biologica?
La viticoltura biologica si concentra sull’uso di processi naturali per la produzione di nutrienti della pianta che operino a partire da sé stessa, dalla gestione del vigneto, alla gestione degli infestanti e dei parassiti. Il vigneto è un sistema integrato il cui prodotto finale, l’uva, riflette il terroir ovvero il terreno, il microclima e le pratiche di lavorazione. Tra le sostanze consentite per la difesa dei vigneti dalle malattie fungine come peronospora, oidio e botrytis cinerea, sono ammessi pochi fungicidi organici, tra i quali i principali sono rame e zolfo. L’uso intensivo del rame può essere problematico. È stato infatti dimostrato che in base al tipo di terreno il rame genera effetti tossici per accumulo, danneggiandone l’ecosistema, dato rilevato in particolar modo sulla fauna e la flora di suoli più sabbiosi e leggeri. Certamente la situazione attuale non è più quella di qualche tempo fa, anni in cui le pratiche agronomiche prevedevano dosi rilevanti di utilizzo, anche fino a 30 kg per ettaro all’anno. Successivamente l’impiego è stato limitato a 6 kg per ettaro all’anno, fino all’ultima revisione che riduce ulteriormente le quantità a 4 kg ha/anno. 

Alza la voce il settore vitivinicolo disorientato da questo cambio normativo; in particolare i vignaioli indipendenti FIVI, supportati dal fatto che non sembra vi siano, al momento, valide ed economiche alternative nella difesa attiva delle malattie fungine. Regole che cambiano in un momento in cui il biologico e la conversione ad esso sono in forte aumento, incrementi che hanno fatto registrare valori a due cifre, di anno in anno, dal 2008 ad oggi. Percentuali di crescita più alte si evidenziano per i vigneti in conversione rispetto a quelli coltivati a biologico, una viticoltura pienamente riconosciuta come scelta ecologicamente, economicamente e socialmente sana. Se al momento sembra essere difficile la sostituzione dell’unico agente micotico valido, mentre una delle poche alternative, il fosfato di potassio, è ancora in fase di studio e sperimentazione, la possibilità di perseguire l’anima dei principi biologici-biodinamici sembra la strada più concreta: nutrire il terreno e non la pianta. 

Ne abbiamo parlato alcuni giorni fa con i produttori presenti al Live Wine, il salone dei vini artigianali di Milano. Vignaioli che credono in un approccio quasi sempre teso ad abbracciare la filosofia biodinamica e raccontano che la conoscenza dei suoli, dei campi, delle condizioni climatiche permette di far crescere vigneti più sani e più facilmente resistenti alle malattie. In un’epoca di cambiamenti climatici importanti come le temperature in aumento, le precipitazioni abbondanti, il vento e la grandine, è necessario trovare soluzioni alternative partendo sia dallo studio delle malattie fungine, sia dall’utilizzo di preparati come il cumulo biodinamico, la propoli agricola e l’equiseto. Non solo si è fatto troppo affidamento sul rame, raccontano i vignaioli, ma si è investito molto poco in studi che permettano di capire i comportamenti e le evoluzioni della peronospora, la cui propagazione è strettamente legata a fattori quali pioggia e umidità. Questo consentirebbe di sapere se, come e quando trattare il vigneto in modo mirato, riducendo sensibilmente l’utilizzo del rame. Un aspetto fondamentale spesso tralasciato è il suolo: un terreno vivo invigorisce la vite accrescendo i meccanismi di difesa naturali.
Le tempistiche nell’uso di misure di protezione, lo sviluppo di un approccio preventivo, l’utilizzo di specifici portainnesti e di varietà autoctone appropriate alle condizioni generali agricole diventano le ulteriori risorse per una difesa maggiormente autonoma della vite. 


Giovanna Romeo

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Abbiamo degustato per voi Biologico Terre di Chieti IGP Passerina di Cantina Tollo sabato 30 maggio 2020

Italian wines in the world: Biologico Terre di Chieti IGP Passerina di Cantina Tollo

Abbiamo degustato per voi Biologico Terre di Chieti IGP Passerina di Cantina Tollo

Abbiamo degustato per voi l’Adènzia Bianco Sicilia Doc di Baglio del Cristo di Campobello sabato 30 maggio 2020

Italian wines in the world: Adènzia Bianco Sicilia Doc di Baglio del Cristo di Campobello

Abbiamo degustato per voi l’Adènzia Bianco Sicilia Doc di Baglio del Cristo di Campobello

Abbiamo degustato per voi il Lugana DOC Mandolara dell'azienda Le Morette sabato 30 maggio 2020

Italian wines in the world: Lugana DOC Mandolara dell' azienda Le Morette

Abbiamo degustato per voi il Lugana DOC Mandolara dell'azienda Le Morette

Non possiamo più sprecare energie nel lamentarci ma trovare tutte le soluzioni possibili per andare oltre questa crisi e lo dobbiamo fare in fretta. Due soluzioni ci sembrano tra le più utili e attuali: le reti di impresa e un migliore sfruttamento delle nostre denominazioni. venerdi 29 maggio 2020

Superare la crisi: cercasi soluzioni

Non possiamo più sprecare energie nel lamentarci ma trovare tutte le soluzioni possibili per andare oltre questa crisi e lo dobbiamo fare in fretta. Due soluzioni ci sembrano tra le più utili e attuali: le reti di impresa e un migliore sfruttamento delle nostre denominazioni.

Fabio Piccoli
La grande enocatena italiana arriva on line e completa la Wine Experience proposta con circa 1500 referenze, selezionate dagli esperti di Signorvino fra le aziende più rappresentative di ogni zona a vocazione vinicola. giovedi 28 maggio 2020

Signorvino apre il canale e-commerce

La grande enocatena italiana arriva on line e completa la Wine Experience proposta con circa 1500 referenze, selezionate dagli esperti di Signorvino fra le aziende più rappresentative di ogni zona a vocazione vinicola.

Le prime anticipazioni della ricerca “Enoturismo: I Consorzi del vino e il territorio”, commissionata dal Consorzio Tutela del Gavi all’Università Bocconi, che verrà presentata all’assegnazione del Premio Gavi giovedi 28 maggio 2020

I Consorzi di Tutela del vino protagonisti del nuovo enoturismo

Le prime anticipazioni della ricerca “Enoturismo: I Consorzi del vino e il territorio”, commissionata dal Consorzio Tutela del Gavi all’Università Bocconi, che verrà presentata all’assegnazione del Premio Gavi "La Buona Italia 2020".

Partecipa al formato innovativo di Speedtasting digital il prossimo 7 e 8 luglio per incontrare e fare assaggiare i tuoi vini ad almeno 10 importatori di più di 10 Paesi europei. giovedi 28 maggio 2020

SPEEDTASTING B2B DIGITAL: la nuova frontiera per intercettare importatori

Partecipa al formato innovativo di Speedtasting digital il prossimo 7 e 8 luglio per incontrare e fare assaggiare i tuoi vini ad almeno 10 importatori di più di 10 Paesi europei.

Il Covid-19 ha cambiato le scelte dei consumatori britannici e americani sia in termini di modalità di acquisto, ma anche di prodotto acquistato. giovedi 28 maggio 2020

Usa e Regno Unito: le abitudini di consumo tra nuovi e vecchi trend

Il Covid-19 ha cambiato le scelte dei consumatori britannici e americani sia in termini di modalità di acquisto, ma anche di prodotto acquistato.

Agnese Ceschi
Assoenologi ha organizzato una nuova diretta per parlare del difficile momento per l'industria del vino. giovedi 28 maggio 2020

Le risposte delle Istituzioni e l'analisi degli enologi del mondo

Assoenologi ha organizzato una nuova diretta per parlare del difficile momento per l'industria del vino.

Astrid Panizza
Due terzi degli italiani disposti a pagare 20% in più per garantirsi l’italianità del prodotto. Bandiera italiana e claim “100% italiano” fanno crescere le vendite. giovedi 28 maggio 2020

Voglia di Made in Italy: il packaging “tricolore” paga

Due terzi degli italiani disposti a pagare 20% in più per garantirsi l’italianità del prodotto. Bandiera italiana e claim “100% italiano” fanno crescere le vendite.

Emanuele Fiorio
L'indagine di Global Web Index traccia i profili di alcuni comportamenti ricorrenti del consumatori mondiali. Diventeranno questi i paradigmi del panorama della Nuova Normalità? giovedi 28 maggio 2020

Il ventaglio di alternative della Nuova Normalità

L'indagine di Global Web Index traccia i profili di alcuni comportamenti ricorrenti del consumatori mondiali. Diventeranno questi i paradigmi del panorama della Nuova Normalità?

Agnese Ceschi
Per la cantina altoatesina la vendita di vino nel commercio al dettaglio di generi alimentari raggiunge il 45% e si apre la Norvegia come nuovo mercato. mercoledi 27 maggio 2020

Cantina Bolzano: strategie anti-crisi

Per la cantina altoatesina la vendita di vino nel commercio al dettaglio di generi alimentari raggiunge il 45% e si apre la Norvegia come nuovo mercato.

Siamo alla ricerca di nuove idee, testimonianze di successo per raccontare un'Italia che non si ferma. mercoledi 27 maggio 2020

Wine Meridian recruiter di storie vincenti: aspettiamo te!

Siamo alla ricerca di nuove idee, testimonianze di successo per raccontare un'Italia che non si ferma.

Astrid Panizza
Per le aziende statunitensi è una fase cruciale, rimangono le vendite online e gli happy hour virtuali ma molti puntano sulle degustazioni all’aperto. mercoledi 27 maggio 2020

Usa: i produttori affrontano la riapertura

Per le aziende statunitensi è una fase cruciale, rimangono le vendite online e gli happy hour virtuali ma molti puntano sulle degustazioni all’aperto.

Emanuele Fiorio