Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

WineMeridian
martedi 31 marzo 2020 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com


cantina settesoli mossi 1558 perdomini Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ valdoca pertinace vinojobs Wine Monitor Fondazione Edmund Mach Cantina di Custoza WineNet CVA Canicatti Bixio https://www.cantinafrentana.it Corte De Pieri way to go Vigna Belvedere https://www.marchesibarolo.com/ http://www.varramista.it/it/ http://www.grafical.it/it/ www.prosecco.wine  www.cantinatollo.it pradellaluna.com catullio.it
venerdi 14 febbraio 2020

Il peccato originale della Cabina di regia del vino italiano

Fino a quando si penserà solo ai contenitori e non ai contenuti, ai progetti, alle attività da svolgere, sarà molto difficile veder partire concretamente un organismo di coordinamento per le strategie di sviluppo del vino italiano


Il peccato originale della Cabina di regia del vino italiano
Eravamo presenti anche noi il 25 novembre scorso al wine2wine di Verona quando il ministro delle politiche agricole, Teresa Bellanova, con un videomessaggio aveva annunciato la costituzione, entro la fine del mese di gennaio 2020, della mitica Cabina di regia permanente per il vino italiano.
La Bellanova, ricordiamo, aveva detto: “'A gennaio vogliamo far partire la Cabina di regia permanente per il vino al nostro Ministero. Deve diventare il luogo dove progettare il futuro di questa filiera strategica, dove vogliamo raccogliere proposte e tradurle in risultati per le aziende’'.
Lavoriamo nel mondo del vino ormai da oltre tre decenni e potremmo quasi affermare che questo annuncio lo ascoltiamo da altrettanto tempo, dalla voce della miriade dei ministri agricoli che si sono succeduti almeno in questi ultimi vent’anni.
É incredibile, per certi aspetti, come anche un neo ministro, come lo era la Bellanova a novembre, fosse già stata ben informata rispetto alla necessità di costituire una cabina di regia per il vino italiano, in particolare per ciò che riguarda il tema della promozione.
Lo ammettiamo, anche noi per un certo periodo abbiamo ritenuto che questo “organismo” sarebbe stato utile per il nostro settore.
Abbiamo anche cercato di dare un nostro modesto contributo su come, dal nostro punto di vista, questa “cabina” avrebbe potuto operare e anche gli enti che potevano esserne i driver.
Avevamo, però, sempre sottolineato che per poter arrivare ad un cabina di regia autorevole, credibile e quindi utile, sarebbe stato necessario capire bene gli obiettivi e soprattutto i contenuti della sua azione.
Il nostro timore, infatti, era che se si dava priorità alla selezione degli organismi da coinvolgere invece di “pretendere” prima una progettualità, dei contenuti operativi, avremmo ancora una volta fatto l’italico esercizio dello spoil system. E cioè del preoccuparmi solo di chi mettere su una poltrona e non su cosa dovrà fare su quella poltrona.
Purtroppo non ci sembra che ci eravamo sbagliati. La verità è sotto gli occhi di tutti. Anche oggi, dopo anni e anni di annunci sulla fantomatica cabina di regia, non ne vediamo la luce se non in astratti tavoli di lavoro dove la principale preoccupazione è cercare di non lasciare a casa nessuna organizzazione professionale.
Eppure se nel frattempo il Ministero delle politiche agricole avesse indetto una sorta di bando, di concorso per raccogliere progetti sulla promozione del vino italiano, sul supporto alle aziende del nostro Paese sui mercati internazionali, ma anche a casa nostra, oggi non solo avremmo idee concrete e innovative ma pure i soggetti più accreditati per realizzarle.
E invece, tutt’oggi, la discussione è ferma se sarà Vinitaly il driver o l’Ice o chissà altro. Nulla di più sterile, che tra l’altro in qualche misura delegittima gli stessi enti o società che sono via via citate come possibili componenti di questa organismo di coordinamento.
Ma questo, purtroppo, è un male nazionale, una sorta di peccato originale che caratterizza quasi sempre l’agire probabilmente non solo all’interno del mondo politico ma anche quello della nostra società civile.
Siamo sempre impegnati a concentrarci sui contenitori e non ci preoccupiamo mai seriamente dei contenuti. Ed è questo il motivo per cui quasi mai si costruisce un organismo attraverso un metodo meritocratico.
E adesso, quindi, cosa succederà?
Nulla di nuovo. Tra un po’ vedremo che delle risorse, anche ingenti, andranno a qualche entità per organizzare attività per il vino italiano nel mondo.
Qualcuno si chiederà: ma chi ha preso questa decisione?
Ma come non lo sai? La cabina di regia del vino italiano. Quella che non c’è ma c’è.
Fabio Piccoli

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Come decidiamo di reagire alle situazioni che viviamo dà un significato diverso al nostro tempo, decisione e condizione vitale sono due fattori chiave martedi 31 marzo 2020

Tempo inesorabile e tempo opportuno: come viverlo con “senso”

Come decidiamo di reagire alle situazioni che viviamo dà un significato diverso al nostro tempo, decisione e condizione vitale sono due fattori chiave

Lavinia Furlani
L’attuale slittamento delle iniziative b2b a livello internazionale deve rappresentare un’opportunità per le aziende del vino italiane per prepararsi al meglio al fine di costruire un nuovo modello di approccio ai mercati mondiali del vino.

È tempo di prepararsi ai mercati del futuro

L’attuale slittamento delle iniziative b2b a livello internazionale deve rappresentare un’opportunità per le aziende del vino italiane per prepararsi al meglio al fine di costruire un nuovo modello di approccio ai mercati mondiali del vino.

Lavinia Furlani
Titoli e curricula non bastano, l’importanza del ruolo delle società specializzate e del network di relazioni

La ricerca delle opportunità di lavoro nel mondo del vino: il Curriculum Vitae

Titoli e curricula non bastano, l’importanza del ruolo delle società specializzate e del network di relazioni

Redazione Wine Meridian
Perchè le aziende del vino ricorrono meno alle società di recruiting rispetto alle imprese degli altri settori? - Quarta puntata martedi 31 marzo 2020

#OBIEZIONE 4: Perché devo pagare degli acconti alla società di Head Hunting?

Perchè le aziende del vino ricorrono meno alle società di recruiting rispetto alle imprese degli altri settori? - Quarta puntata

Andrea Pozzan
Un’occasione per continuare a parlare di vino e condividere la nostra passione. lunedi 30 marzo 2020

“IO DEGUSTO A CASA” con FISAR Milano

Un’occasione per continuare a parlare di vino e condividere la nostra passione.

Come sta affrontando la drammaticità del momento Cielo e terra , che sta impegnando ogni risorsa perché il ciclo di produzione si svolga nella massima sicurezza. lunedi 30 marzo 2020

Cielo e terra vini, dai clienti nel mondo messaggi di sostegno e solidarietà

Come sta affrontando la drammaticità del momento Cielo e terra , che sta impegnando ogni risorsa perché il ciclo di produzione si svolga nella massima sicurezza.

Non può essere la paura a guidare ancora le scelte per il nostro futuro. Importanti riflessioni dello scrittore Alessandro Baricco che possono essere molto utili anche per dare un contributo utile alle nostre imprese del vino in una fase così difficile della nostra storia

La più importante lezione da questa emergenza

Non può essere la paura a guidare ancora le scelte per il nostro futuro. Importanti riflessioni dello scrittore Alessandro Baricco che possono essere molto utili anche per dare un contributo utile alle nostre imprese del vino in una fase così difficile della nostra storia

Fabio Piccoli
Gli scenari dei mercati del vino il Oltre Covid-19: andare oltre la crisi, imparare a conoscere la nostra identità e a saperla comunicare lunedi 30 marzo 2020

Partecipa al nostro webinar solidale mercoledi 1 aprile alle 15

Gli scenari dei mercati del vino il Oltre Covid-19: andare oltre la crisi, imparare a conoscere la nostra identità e a saperla comunicare

Ottimi export, consumi interni, GDO ma l’eccessiva dipendenza dal Prosecco rappresenta una debolezza per l’intero settore. lunedi 30 marzo 2020

Spumanti Italia? Forti ma deboli

Ottimi export, consumi interni, GDO ma l’eccessiva dipendenza dal Prosecco rappresenta una debolezza per l’intero settore.

Emanuele Fiorio
I 6 consigli della Sommelier Choice Awards, associazione americana di supporto al mondo dell'Horeca. lunedi 30 marzo 2020

Come può l’industria del vino affrontare il caos causato dal Covid-19?

I 6 consigli della Sommelier Choice Awards, associazione americana di supporto al mondo dell'Horeca.

Agnese Ceschi
Champagne e Barolo hanno annunciato azioni per mantenere i prezzi stabili e garantire la qualità. Roger Morris ci spiega come hanno evitato eccedenze di vino e deflazione dei prezzi. lunedi 30 marzo 2020

Champagne e Barolo, esempi di gestione virtuosa

Champagne e Barolo hanno annunciato azioni per mantenere i prezzi stabili e garantire la qualità. Roger Morris ci spiega come hanno evitato eccedenze di vino e deflazione dei prezzi.

Emanuele Fiorio
Passione, storie, unicità, vigneti autoctoni, tradizione: siete felici di pagare per la reputazione, la rarità e le storie?...perché no! lunedi 30 marzo 2020

Qualità-prezzo, parametro reale o fittizio?

Passione, storie, unicità, vigneti autoctoni, tradizione: siete felici di pagare per la reputazione, la rarità e le storie?...perché no!

Emanuele Fiorio
Ultimo giorno per aderire ai due corsi e-learning  “Vendita e wine marketing” e  “Voglio lavorare nel mondo del vino” a 99 euro lunedi 30 marzo 2020

Formarsi per non fermarsi

Ultimo giorno per aderire ai due corsi e-learning “Vendita e wine marketing” e “Voglio lavorare nel mondo del vino” a 99 euro

Cristian Fanzolato
Crescono le esportazioni, Stati Uniti e Germania i mercati top in valore e volume. Delude il Regno Unito, exploit Russia e Giappone. domenica 29 marzo 2020

Export Italia 2019: volumi da primato mondiale

Crescono le esportazioni, Stati Uniti e Germania i mercati top in valore e volume. Delude il Regno Unito, exploit Russia e Giappone.

Emanuele Fiorio
Uno scopo rivolto al futuro può far aprire davanti a noi una nuova strada lì dove non pensavamo sabato 28 marzo 2020

Blocco generale: come fare quando il timore dipinge davanti a noi un disegno più distorto che veritiero.

Uno scopo rivolto al futuro può far aprire davanti a noi una nuova strada lì dove non pensavamo

Cristian Fanzolato
Tutti gli osservatori ripetono che dopo l’emergenza Coronavirus il mondo non sarà più lo stesso. Ma se questo è vero, come potrebbe cambiare il mercato del vino? venerdi 27 marzo 2020

Ma quanto cambierà il mercato del vino?

Tutti gli osservatori ripetono che dopo l’emergenza Coronavirus il mondo non sarà più lo stesso. Ma se questo è vero, come potrebbe cambiare il mercato del vino?

Fabio Piccoli


WineMeridian