Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

 
giovedi 24 maggio 2018 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com

wbwe Wine Monitor Fondazione Edmund Mach Michele Shah Tommasi WineNet Azienda Agricola Coali Farina Enartis http://www.principedicorleone.it/ Iron3 Tebaldi valdoca pertinace vinojobs

Il Prosecco apre la strada anche agli sparkling inglesi

Con circa 85 milioni di bottiglie vendute nel 2016 il Prosecco rimane il re degli sparkling nel Regno Unito ma per la prima volta gli spumanti inglesi scalano di due posti la classifica superando Australia e i Cremant francesi


Il Prosecco apre la strada anche agli sparkling inglesi
Nei giorni scorsi la Wsta (Wine and Spirit Trade Association) - che raggruppa 300 tra le principali aziende di produzione, importazione, export, trasporto e vendita di bevande alcoliche nel Regno Unito - ha diffuso un interessante report sull’andamento delle vendite degli sparkling in UK.
Dal rapporto emergono alcuni dati interessanti, perlopiù già noti, ma che vale la pena evidenziare.
Innanzitutto che il Regno Unito è uno straordinario amante delle bollicine di tutto il mondo. Basti pensare che complessivamente nel 2016 sono state vendute ben 12,8 milioni di casse di sparkling (oltre 153 milioni di bottiglie! Con un aumento del 3% rispetto al 2016).
E di questi 153 milioni di bottiglie oltre 85 milioni sono made in Italy e, in grandissima maggioranza, si tratta del nostro Prosecco.
Un numero impressionante se si considera che lo Champagne ci segue da molto lontano con le sue circa 2,6 milioni di casse (poco più di 31 milioni di bottiglie).
Ancor più lontano la Spagna con il suo Cava che lo scorso anno ha visto calare ulteriormente del 15% le proprie vendite (l’Italia è cresciuta del 12% e la Francia del 2%) assestandosi di poco sotto alle 2 milioni di casse (circa 24 milioni di bottiglie).
E’ interessante notare che di questa “onda lunga” generata dal Prosecco ne stanno beneficiando anche gli sparkling inglesi che lo scorso anno si sono attestati al 4° posto nel ranking delle vendite con 300.000 casse (+8% sul 2015) e cioè circa 3,6 milioni di bottiglie.
Non un gran numero confrontato con i 3 big che precedono le bollicine inglesi ma comunque superiori, ad esempio, ai Cremant francesi (3,5 milioni di bottiglie), a quelli australiani (3,4 milioni di bottiglie) e a quelli statunitensi (1,1 milioni di bottiglie).
La crescita degli sparkling made in UK viene confermata anche dall’aumento del numero delle aziende vitivinicole che nel 2016, sempre secondo i dati Wsta, sono diventate 503 in Inghilterra e 133 nel Galles. Negli ultimi 10 anni il vigneto del Regno Unito è più che raddoppiato ed è destinato a crescere di un ulteriore 50% entro il 2020 per raggiungere una produzione di oltre 10 milioni di bottiglie.
Ormai le condizioni climatiche del sud d’Inghilterra sono molto simili a quelle dello Champagne; non è un caso che aziende del calibro di Taittinger e Pommery stanno acquistando terreni e investendo in vigneti nel Regno Unito.

Fabio Piccoli

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Il contributo di Riedel, la nota casa di produzione di bicchieri, alla valorizzazione dei vini di qualità è ormai ampiamente riconosciuto, ma sono ancora troppi, anche tra gli addetti ai lavori, coloro che sottovalutano l’importanza della tipologia di bicchiere nell’esaltazione (o meno) delle caratteristiche di un vino

Grazie Riedel, ancora troppo inascoltato

Il contributo di Riedel, la nota casa di produzione di bicchieri, alla valorizzazione dei vini di qualità è ormai ampiamente riconosciuto, ma sono ancora troppi, anche tra gli addetti ai lavori, coloro che sottovalutano l’importanza della tipologia di bicchiere nell’esaltazione (o meno) delle caratteristiche di un vino

Il 12 ottobre l’Open Day per presentare i Campus 2018/2019. Saranno tre i percorsi di quest'anno: uno dedicato all'export manager uno alla vendita di vino e uno all'impresa.

Wine Campus: la formazione per i professionisti del vino

Il 12 ottobre l’Open Day per presentare i Campus 2018/2019. Saranno tre i percorsi di quest'anno: uno dedicato all'export manager uno alla vendita di vino e uno all'impresa.

Un luogo di condivisione per tutti  gli operatori di export

Wine-Out: il forum per gli export manager

Un luogo di condivisione per tutti gli operatori di export

Agnese Ceschi
Non perdetevi le nostre prossime tappe internazionali in autunno! martedi 22 maggio

Wine Meridian International Tour

Non perdetevi le nostre prossime tappe internazionali in autunno!

La seconda edizione della Scuola degli Imprenditori

Campus Impresa: come gestire una azienda del vino?

La seconda edizione della Scuola degli Imprenditori

Al via il Campus beginners: diventare export manager del vino

Campus Export Manager: entrare nel mondo del vino

Al via il Campus beginners: diventare export manager del vino

Marco Farnè, referente di Unexpected Italian ed export manager, ci spiega perché puntare al Vietnam, un mercato emergente dalle potenzialità di sviluppo molto interessanti anche per i vini italiani

Imprese del vino in Vietnam con Wine Meridian

Marco Farnè, referente di Unexpected Italian ed export manager, ci spiega perché puntare al Vietnam, un mercato emergente dalle potenzialità di sviluppo molto interessanti anche per i vini italiani

 Piccolo test pratico in quattro punti. Per entrare nel mercato giapponese, prima di qualsiasi passo, quello che occorre capire è se i vini hanno la potenzialità necessaria per piacere a quel mercato. martedi 22 maggio

I vostri vini piaceranno in Giappone?

Piccolo test pratico in quattro punti. Per entrare nel mercato giapponese, prima di qualsiasi passo, quello che occorre capire è se i vini hanno la potenzialità necessaria per piacere a quel mercato.

Roberto Bosticco, corrispondente da Tokyo
Dal 30 ottobre al 1 novembre 2018 andremo prima a Vancouver e poi a Seattle, due città centrali per il business del vino nord americano martedi 22 maggio

Partecipa con noi al tour Canada e Usa 2018

Dal 30 ottobre al 1 novembre 2018 andremo prima a Vancouver e poi a Seattle, due città centrali per il business del vino nord americano

Un corso per imparare a vendere più vino

Campus Vendita: la palestra per i venditori del vino

Un corso per imparare a vendere più vino

Dall'8 al 10 novembre parteciperemo alla 11esima edizione della fiera più importante per il business del mercato asiatico lunedi 21 maggio

Wine Meridian torna con un'area collettiva all'Hong Kong International Wine and Spirits Fair

Dall'8 al 10 novembre parteciperemo alla 11esima edizione della fiera più importante per il business del mercato asiatico

Noemi Mengo
il 22 giugno a Firenze imprenditori e Imprenditrici insieme per valorizzare i loro brand territoriali e aziendali

Primo corso in Italia su brand Territoriali e sui Consorzi di Tutela

il 22 giugno a Firenze imprenditori e Imprenditrici insieme per valorizzare i loro brand territoriali e aziendali

L’evento milanese Packaging Première appena trascorso e il Paperday di Villa Allegrini: Arconvert tra gli sponsor ufficiali
lunedi 21 maggio

Arconvert protagonista di due eventi nazionali sul Packaging del prodotto vino

L’evento milanese Packaging Première appena trascorso e il Paperday di Villa Allegrini: Arconvert tra gli sponsor ufficiali

L’uscita di 14 aziende dal Consorzio evidenzia ancora una volta il problema della rappresentatività e della gestione democratica dei Consorzi di tutela

venerdi 18 maggio

Cosa ci insegna l’ennesimo scisma del Consorzio Oltrepò Pavese

L’uscita di 14 aziende dal Consorzio evidenzia ancora una volta il problema della rappresentatività e della gestione democratica dei Consorzi di tutela

Fabio Piccoli
La prima tappa a Copenhagen il 9 novembre 2018 venerdi 18 maggio

Lo strumento per il vino bio all’estero? Organic Value

La prima tappa a Copenhagen il 9 novembre 2018

Ottimi risultati al concorso enologico curato dalla rivista The Drinks Business per la DOC del Triveneto venerdi 18 maggio

Con 18 medaglie al Global Masters il Pinot grigio DOC delle Venezie pronto a conquistare il mercato inglese

Ottimi risultati al concorso enologico curato dalla rivista The Drinks Business per la DOC del Triveneto

Dopo il successo delle prime tre edizioni torna a Macerata Terroir Marche Festival, dal 19 al 20 maggio 2018: 18 cantine “bio” marchigiane per un totale di 180 vini. giovedi 17 maggio

Terroir Marche Festival, la IV edizione il 19 e il 20 maggio 2018 a Macerata

Dopo il successo delle prime tre edizioni torna a Macerata Terroir Marche Festival, dal 19 al 20 maggio 2018: 18 cantine “bio” marchigiane per un totale di 180 vini.

Chatbot ed altre strategie essenziali per incrementare la propria presenza nel mondo social
giovedi 17 maggio

L’importanza del Social Media Marketing nel mondo del vino

Chatbot ed altre strategie essenziali per incrementare la propria presenza nel mondo social

Noemi Mengo