Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

WineMeridian
mercoledi 28 giugno 2017 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers


Wine Monitor Fondazione Edmund Mach Social Meter Analysis Michele Shah Consorsio Morellino di Scansano Siddura winethics Vini Cina WineNet Bixio Farina http://www.principedicorleone.it/ mackenzie Iron3 Consorzio Soave InternationalWineTraders IWSC www.farinatransparency.com vinojobs HKIWSC IWSC registration

Il Prosecco apre la strada anche agli sparkling inglesi

Con circa 85 milioni di bottiglie vendute nel 2016 il Prosecco rimane il re degli sparkling nel Regno Unito ma per la prima volta gli spumanti inglesi scalano di due posti la classifica superando Australia e i Cremant francesi


Il Prosecco apre la strada anche agli sparkling inglesi
Nei giorni scorsi la Wsta (Wine and Spirit Trade Association) - che raggruppa 300 tra le principali aziende di produzione, importazione, export, trasporto e vendita di bevande alcoliche nel Regno Unito - ha diffuso un interessante report sull’andamento delle vendite degli sparkling in UK.
Dal rapporto emergono alcuni dati interessanti, perlopiù già noti, ma che vale la pena evidenziare.
Innanzitutto che il Regno Unito è uno straordinario amante delle bollicine di tutto il mondo. Basti pensare che complessivamente nel 2016 sono state vendute ben 12,8 milioni di casse di sparkling (oltre 153 milioni di bottiglie! Con un aumento del 3% rispetto al 2016).
E di questi 153 milioni di bottiglie oltre 85 milioni sono made in Italy e, in grandissima maggioranza, si tratta del nostro Prosecco.
Un numero impressionante se si considera che lo Champagne ci segue da molto lontano con le sue circa 2,6 milioni di casse (poco più di 31 milioni di bottiglie).
Ancor più lontano la Spagna con il suo Cava che lo scorso anno ha visto calare ulteriormente del 15% le proprie vendite (l’Italia è cresciuta del 12% e la Francia del 2%) assestandosi di poco sotto alle 2 milioni di casse (circa 24 milioni di bottiglie).
E’ interessante notare che di questa “onda lunga” generata dal Prosecco ne stanno beneficiando anche gli sparkling inglesi che lo scorso anno si sono attestati al 4° posto nel ranking delle vendite con 300.000 casse (+8% sul 2015) e cioè circa 3,6 milioni di bottiglie.
Non un gran numero confrontato con i 3 big che precedono le bollicine inglesi ma comunque superiori, ad esempio, ai Cremant francesi (3,5 milioni di bottiglie), a quelli australiani (3,4 milioni di bottiglie) e a quelli statunitensi (1,1 milioni di bottiglie).
La crescita degli sparkling made in UK viene confermata anche dall’aumento del numero delle aziende vitivinicole che nel 2016, sempre secondo i dati Wsta, sono diventate 503 in Inghilterra e 133 nel Galles. Negli ultimi 10 anni il vigneto del Regno Unito è più che raddoppiato ed è destinato a crescere di un ulteriore 50% entro il 2020 per raggiungere una produzione di oltre 10 milioni di bottiglie.
Ormai le condizioni climatiche del sud d’Inghilterra sono molto simili a quelle dello Champagne; non è un caso che aziende del calibro di Taittinger e Pommery stanno acquistando terreni e investendo in vigneti nel Regno Unito.

Fabio Piccoli

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Il presidente del Consorzio Vino Chianti, ritorna sul tema, troppo spesso dimenticato, della necessità di un coordinamento nazionale per la promozione del sistema vitivinicolo italiano ma anche per difenderci da una burocrazia sempre più esasperata

Necessaria una regia per il made in Italy vitivinicolo

Il presidente del Consorzio Vino Chianti, ritorna sul tema, troppo spesso dimenticato, della necessità di un coordinamento nazionale per la promozione del sistema vitivinicolo italiano ma anche per difenderci da una burocrazia sempre più esasperata

Fabio Piccoli
Una nuova tappa di AgroInnovation Tour targato Image Line per approfondire le potenzialità di strumenti di lavoro sempre più innovativi
e rispondere alle esigenze normative del settore vitivinicolo

Vigneti 2.0: la rivoluzione è in campo

Una nuova tappa di AgroInnovation Tour targato Image Line per approfondire le potenzialità di strumenti di lavoro sempre più innovativi e rispondere alle esigenze normative del settore vitivinicolo

Azienda della Valpolicella ricerca responsabile operation (acquisti - imbottigliamento - magazzino)

Offerta di lavoro

Azienda della Valpolicella ricerca responsabile operation (acquisti - imbottigliamento - magazzino)

Venerdi 30 giugno ad Asolo presentazione del libro

Sono le risorse umane la chiave per il successo nel mondo del vino

Venerdi 30 giugno ad Asolo presentazione del libro " XFactor per il successo nel mondo del vino" . Questo il titolo del libro scritto a quattro mani da Lavinia Furlani e Andrea Pozzan per valorizzare le competenze delle risorse umane per essere competitivi sui mercati.

L'analisi sul mercato giapponese del consulente export Roberto Bosticco martedi 27 giugno

Il futuro del vino guarda ad Oriente

L'analisi sul mercato giapponese del consulente export Roberto Bosticco

L'Osservatorio del Vino fornisce gli aggiornamenti sull’export del primo trimestre 2017
lunedi 26 giugno

L'export italiano cresce, ma il valore medio a bottiglia resta basso

L'Osservatorio del Vino fornisce gli aggiornamenti sull’export del primo trimestre 2017

Cerchiamo un Wine Sales Manager

Offerta di lavoro

Cerchiamo un Wine Sales Manager

Al via a New York il tour mondiale dell'International Accademy venerdi 23 giugno

Vinitaly negli Stati Uniti con MISE e ICE

Al via a New York il tour mondiale dell'International Accademy

Sempre più forte l’investimento nelle cosiddette varietà alternative dove spiccano nomi a noi noti come il Nero d’Avola, il Vermentino, il Fiano, l’Arneis, il Friulano, il Dolcetto, il Sagrantino e il Teroldego

L’Australia del vino fa più paura adesso

Sempre più forte l’investimento nelle cosiddette varietà alternative dove spiccano nomi a noi noti come il Nero d’Avola, il Vermentino, il Fiano, l’Arneis, il Friulano, il Dolcetto, il Sagrantino e il Teroldego

Fabio Piccoli
Abbiamo bisogno del tuo supporto attraverso un breve questionario che ci permetterà di focalizzare le prossime attività in base alle tue esigenze

Indagine per capire i vostri fabbisogni sui mercati internazionali

Abbiamo bisogno del tuo supporto attraverso un breve questionario che ci permetterà di focalizzare le prossime attività in base alle tue esigenze

Lavinia Furlani
A Milano anche i Docg e Doc dell’azienda vincola Siddùra.
giovedi 22 giugno

I vini sardi “sfilano” alla settimana della moda

A Milano anche i Docg e Doc dell’azienda vincola Siddùra.



WineMeridian