Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

 
lunedi 25 giugno 2018 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com

Tommasi WineNet https://www.cantinafrentana.it Azienda Agricola Coali Farina Enartis http://www.principedicorleone.it/ Iron3 Tebaldi valdoca pertinace wbwe Wine Monitor Fondazione Edmund Mach Michele Shah

Il Prosecco finalmente dà valore ai suoi terroir

Il successo del Prosecco di questi ultimi anni aveva praticamente cancellato il ruolo e l’importanza dei diversi terroir produttivi nelle espressioni qualitative della Glera. Ultimamente sembra si voglia finalmente uscire da questo “anonimato”


Il Prosecco finalmente dà valore ai suoi terroir
C’era una volta solo il Prosecco. Un nome che raccontava di una bollicina facile, immediata, ottima per tutte le occasioni. Un nome che evocava in maniera immediata una tipologia di vino senza mai sentire l’esigenza di dover dare ulteriori spiegazioni.
Dal punto di vista del marketing, della comunicazione, quanto di meglio possa capitare: un nome che già dice tutto.
Ma quanto può durare una “strategia” di questa natura senza che questa “indifferenziazione” rischi di inficiare l’immagine e il posizionamento di una tipologia di vino?
Al momento è solo una sensazione ma se ne stanno accorgendo anche autorevoli opinion leader internazionali, a partire da
Lauren Eads che ha scritto recentemente un interessante articolo su The Drink Business riguardo la scelta di molti “prosecchisti” di evidenziare al trade e ai consumatori le loro diversità produttive.
Sembrerebbe, insomma, che molti produttori del Prosecco si stiano rendendo conto che non è più sufficiente nascondersi dietro questo nome e che anzi questo “anonimato” si può trasformare in una vera trappola per tutti coloro che cercano un migliore posizionamento, una migliore reputazione.

I numeri del Prosecco parlano di trionfo - scrive Lauren Eads " ma questo successo maschera anche una verità scomoda: mentre se ne consumano grandi quantità, la maggior parte non viene acquistata sulla base della sua storia storica, del carattere regionale o addirittura della qualità, ma in relazione al suo fascino facile, senza complicazioni e poco costoso”. “Solo pochi consumatori " prosegue la Eads " manifestano interesse nei confronti delle diversità del Prosecco come tra la doc e la docg, il Cartizze o le Rive, o, ancor più importante, esprimono il desiderio di pagare di più per prodotti di maggior qualità espressiva”.
L’analisi della giornalista inglese è spietata quanto vera e da tempo noi enfatizziamo questo aspetto legato ai rischi del successo attuale del Prosecco.

Nella storia moderna del vino siamo pieni di
case history che testimonia la fragilità di quelle tipologie di vino, di denominazioni che non sono state in grado di evidenziare al meglio le proprie diversità, peculiarità. Basti citare due esempi eclatanti come il Lambrusco e il Moscato per farci capire con facilità.
Ma la Eads evidenzia come recentemente si stiano iniziando a vedere dei tentativi più chiari da parte di alcuni produttori di Prosecco di mettere in risalto maggiormente le proprie peculiarità, a partire dal quelle territoriali.
“Anche perché " spiega Alex Canetti, direttore dell’off-trade di Berkmann Wine Cellars " oggi i consumatori non si stanno rendendo conto della miriade di differenziazioni all’interno dell’universo del Prosecco, sia in termini di stile, di caratteristiche gustative (da quelli più fruttati a quelli più floreali”. “In una degustazione alla cieca, ad esempio " prosegue Canetti " tu puoi individuare abbastanza facilmente un Prosecco della docg Asolo che normalmente è più rotondo, di maggior struttura (corpo), rispetto ad un Valdobbiadene docg normalmente più elegante con una maggiore finezza. Per non parlare del Cartizze normalmente caratterizzato da maggiore acidità e concentrazione”.

Fino ad oggi, però,
queste diversificazioni non sono quasi mai state evidenziate nella comunicazione del Prosecco sia a livello istituzionale (Consorzi di tutela) sia dalle singole aziende.
Una sorta di “strapotere” del nome Prosecco che in qualche misura ha sovrastato anche i singoli interpreti.
Quante volte ci siamo sentiti dire, a questo riguardo:”La nostra forza sta nel nome Prosecco, inutile andare ad evidenziare altre peculiarità che potrebbero spaventare e allontanare i tanti potenziali ulteriori consumatori”.
Ed è proprio nel continuare a considerare il bacino potenziale di consumatori di Prosecco ancora ampissimo dove, a nostro parere, si corre il maggior pericolo.
Avere potenzialità di sviluppo di mercato ancora ampie non significa che si debba concentrare la strategia comunicativa solo sul nome “Prosecco”. Ormai è noto, infatti, che il corretto presidio del posizionamento, come abbiamo scritto numerose volte, risiede nel saper dare una chiare diversificazione del sistema produttivo.

Su questo fronte, però, sempre
The Drink Business, ha riportato alcune opinioni di autorevoli rappresentanti dell’universo del Prosecco. Dalle opinioni espresse emerge una certa convergenza rispetto all’importanza di evidenziare meglio le diversità ma vi sono alcuni distinguo tra chi è convinto che questa diversificazione è già chiara e chi invece, la maggioranza, la considera ancora molto lontana dall’essere raggiunta.
C’è chi, come Domenico Scimone, direttore marketing di Carpenè Malvolti che ritiene sia “ancora prematuro aspettarsi che tutti i consumatori possano riconoscere le differenze tra i numerosi territori produttivi del Prosecco. La stessa docg del Prosecco di Conegliano Valdobbiadene è troppo giovane (riconosciuta nel 2009) per poter aver acquisito una corretta notorietà”.
Secondo Gianluca Bisol, invece, presidente di Bisol Desiderio & Figli “la complessità della produzione del Prosecco e le relative differenze tra le denominazioni coinvolte è ben rappresentata dall’attuale piramide qualitativa che vede alla base il Prosecco doc (prodotto nelle 9 province tra Veneto e Friuli Venezia Giulia), nella parte media troviamo l’Asolo Prosecco docg per puoi muoversi verso il vertice della piramide dove troviamo il Conegliano Valdobbiadene Superiore docg. Ed è in quest’ultimo vertice dove si trova il Cartizze e le selezioni delle Rive come espressioni massime qualitative dovute, in particolare, alla caratterizzazione fortemente collinare di questi terroir produttive”.
Non è chiaro, però, se questa piramide “ben rappresentativa” di fatto oggi è percepita non solo dai consumatori ma anche di gran parte del trade a livello internazionale.

Secondo
Innocente Nardi, presidente del Consorzio Conegliano Valdobbiadene Prosecco docgè molto importante spiegare al pubblico, dai ristoratori ai consumatori, l’esistenza di questa piramide qualitativa che definisce bene l’universo del Prosecco”.
C’è poi chi come Paolo Lasagni, managing director di Bosco Viticultori che addirittura ritiene che la specificazione territoriale della docg Conegliano Valdobbiadene Superiore “aumenta la confusione all’interno dell’universo del Prosecco, simile a quanto avvenuto nelle denominazioni del Lambrusco che alla fine ha determinato una diminuzione complessiva del valore. Per questa ragione è più che sufficiente tenere separate la doc e la docg, soprattutto se diversificano una produzione di pianura rispetto ad una di collina, ma il termine le Rive può avere una valenza solo locale”.

Molto chiaro, infine, su questo tema
Francesco Zonin, vicepresidente di Zonin1821 che ha The Drink Business ha dichiarato:”Lo sviluppo delle differenze territoriali all’interno del sistema produttivo del Prosecco è fondamentale per specificare il valore di ogni singolo terroir ed aiuta a spiegare al trade che il Prosecco non è una commodity indifferenziata, ma esprime un territorio di origine con molte percepibili differenze”.


Fabio Piccoli

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Non lasciatevi spaventare dai consumi decrescenti degli scorsi anni, il mercato della Thailandia ritorna a vivere
lunedi 25 giugno

La grande ripresa del mercato Thailandese: spazio all’export italiano

Non lasciatevi spaventare dai consumi decrescenti degli scorsi anni, il mercato della Thailandia ritorna a vivere

Noemi Mengo
Il 10 luglio al Complesso Monumentale di Abbadia Isola Monteriggioni in Toscana, una giornata dedicata alle imprese vitivinicole lunedi 25 giugno

Management DiVino, un progetto per le imprese vitivinicole che vogliono eccellere

Il 10 luglio al Complesso Monumentale di Abbadia Isola Monteriggioni in Toscana, una giornata dedicata alle imprese vitivinicole

Vediamo la delicata ed ambigua questione sui Paesi in cui sono state già svolte azioni di promozione finanziate 
domenica 24 giugno

L’Italia rischia di vedere drasticamente diminuiti i fondi OCM?

Vediamo la delicata ed ambigua questione sui Paesi in cui sono state già svolte azioni di promozione finanziate

La campagna di promozione del vino italiano negli Usa, coordinata dall’Italian Trade Agency, attraverso le pagine pubblicitarie

Eleganza, passione e gusto, le tre parole per convincere gli americani a scegliere vino italiano

La campagna di promozione del vino italiano negli Usa, coordinata dall’Italian Trade Agency, attraverso le pagine pubblicitarie

Fabio Piccoli
Intervista a Marco Martini, CEO di Mondodelvino SpA, una delle realtà più interessanti ed innovative del panorama vitivinicolo italiano. 
venerdi 22 giugno

Mondo del Vino: una realtà, tanti territori

Intervista a Marco Martini, CEO di Mondodelvino SpA, una delle realtà più interessanti ed innovative del panorama vitivinicolo italiano.

Agnese Ceschi
Stipulato un accordo fra Tenute Piccini e Banca IFIS per una migliore gestione dei pagamenti per la consegna dell'uva e una facilitazione all'accesso del credito per le imprese agricole fornitrici coinvolte

giovedi 21 giugno

Tenute Piccini e Banca IFIS insieme per la crescita della filiera vitivinicola in Italia

Stipulato un accordo fra Tenute Piccini e Banca IFIS per una migliore gestione dei pagamenti per la consegna dell'uva e una facilitazione all'accesso del credito per le imprese agricole fornitrici coinvolte

Vini fermi accolti a braccia aperte dal mercato di Singapore, meno margine di crescita per gli sparkling, ma le previsioni per il 2021 vedono buono spazio di consolidamento per i brand italiani
giovedi 21 giugno

Il solido mercato di Singapore, vecchio amico con il quale sperimentare

Vini fermi accolti a braccia aperte dal mercato di Singapore, meno margine di crescita per gli sparkling, ma le previsioni per il 2021 vedono buono spazio di consolidamento per i brand italiani

Noemi Mengo
La presentazione dei nuovi Campus Vendita, Impresa ed Export Manager di Wine People mercoledi 20 giugno

Open Day Wine People Campus: il 12 ottobre presenteremo i nuovi corsi pensati per voi!

La presentazione dei nuovi Campus Vendita, Impresa ed Export Manager di Wine People

A version of Sicily inside Castelluccimiano’s glass 

wednesday 20 june

Catarratto and Perricone: mountain natives

A version of Sicily inside Castelluccimiano’s glass

Oltre venti espositori, tra aziende vitivinicole e produttori artigianali di specialità gastronomiche, si sono riuniti nel cuore del centro storico di Vicenza all'interno del Palazzo delle Opere Sociali in piazza Duomo in occasione di Garganica 2018 dal 9 all'11 giugno mercoledi 20 giugno

GARGANICA 2018: un evento per scoprire il Gambellara Doc

Oltre venti espositori, tra aziende vitivinicole e produttori artigianali di specialità gastronomiche, si sono riuniti nel cuore del centro storico di Vicenza all'interno del Palazzo delle Opere Sociali in piazza Duomo in occasione di Garganica 2018 dal 9 all'11 giugno

Una versione della Sicilia nel calice dell’azienda Castelluccimiano martedi 19 giugno

Catarratto e Perricone: gli indigeni di montagna

Una versione della Sicilia nel calice dell’azienda Castelluccimiano

Agnese Ceschi
I danni delle gravi grandinate che hanno coinvolto recentemente importanti territori produttivi della Francia sono stati comunicati in una maniera molto più chiara, dettagliata e trasparente rispetto alla modalità con cui questi eventi vengono raccontati nel nostro Paese

martedi 19 giugno

Danni da grandine, cosa ci insegna la Francia

I danni delle gravi grandinate che hanno coinvolto recentemente importanti territori produttivi della Francia sono stati comunicati in una maniera molto più chiara, dettagliata e trasparente rispetto alla modalità con cui questi eventi vengono raccontati nel nostro Paese

Fabio Piccoli
Interview with Pierangelo Tommasi, executive director of Tommasi Family Estates
monday 18 june

Tommasi: a history of family values and resourcefulness

Interview with Pierangelo Tommasi, executive director of Tommasi Family Estates

Il mercato cinese rappresenta una straordinaria opportunità anche per dimostrare finalmente la nostra capacità di coordinare attività di promozione, di selezionare i progetti con un criterio meritocratico e di monitorare con attenzione e trasparenza i risultati e l’efficacia delle iniziative

Il nostro pensiero sulla promozione del vino in Cina

Il mercato cinese rappresenta una straordinaria opportunità anche per dimostrare finalmente la nostra capacità di coordinare attività di promozione, di selezionare i progetti con un criterio meritocratico e di monitorare con attenzione e trasparenza i risultati e l’efficacia delle iniziative

Fabio Piccoli
Il Tai Rosso dei Colli Berici raccontato da Nicola Dal Maso venerdi 15 giugno

Focus sugli autoctoni: il Tai Rosso

Il Tai Rosso dei Colli Berici raccontato da Nicola Dal Maso

Medaglie importanti per i vini di Cantina di Soave al Decanter World Wine Awards 2018
venerdi 15 giugno

Best in show all’Amarone e Platino al Ripasso di Cantina Soave

Medaglie importanti per i vini di Cantina di Soave al Decanter World Wine Awards 2018

Negli Stati Uniti attualmente si consuma il 20% della produzione mondiale di vini rosé, dietro solo alla Francia. Sono la tipologia di vini dalla maggior crescita anche nel 2017 con un +59% rispetto all’anno precedente. La Francia con il 51% di quota di mercato è la leader seguita da Usa (37%) e Italia (5%). Ma quanto durerà questa evoluzione? giovedi 14 giugno

Non si arresta la crescita dei rosè negli Usa

Negli Stati Uniti attualmente si consuma il 20% della produzione mondiale di vini rosé, dietro solo alla Francia. Sono la tipologia di vini dalla maggior crescita anche nel 2017 con un +59% rispetto all’anno precedente. La Francia con il 51% di quota di mercato è la leader seguita da Usa (37%) e Italia (5%). Ma quanto durerà questa evoluzione?

Fabio Piccoli
Una panoramica sui fattori che rendono l’India un mercato potenziale giovedi 14 giugno

La nuova sfida futura in Asia passa dall’India

Una panoramica sui fattori che rendono l’India un mercato potenziale

Noemi Mengo