Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

sfondo_wm
venerdi 19 luglio 2019 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com


pertinace vinojobs Wine Monitor Cantina Santa Maria La Palma Fondazione Edmund Mach Siddura WineNet CVA Canicatti Bixio https://www.cantinafrentana.it roncoblanchis.it https://corte-de-pieri.business.site/ www.ilvinocomunica.it https://www.accordinistefano.it/ http://www.cantinavicobarone.com/ Vigna Belvedere italian wine academy https://www.marchesibarolo.com/ http://www.varramista.it/it/ Farina Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ Tebaldi valdoca
venerdi 15 marzo 2019

Il ritorno “silenzioso” ma prezioso della tipicità

Sembrava stata cancellata dal vocabolario del vino e invece mai come oggi si continua a parlare di tipicità e di quel legame straordinario tra il vino e la sua origine. Ma perché?


Il ritorno “silenzioso” ma prezioso della tipicità
Sembra incredibile come oggi si sia ripreso a parlare di tipicità nel mondo del vino. Magari non si cita spesso questo termine come se un po’ ci vergognassimo.
Ne parliamo senza fare quasi mai il suo nome. Probabilmente si teme che ritornare a parlare di tipicità sia in qualche misura rinnegare un recente passato dove il successo del vino è stato determinato dallo scollegamento con il suo territorio di origine.
Qualcuno sicuramente avrebbe da ridire riguardo a questa nostra ultima affermazione ma la realtà a nostro parere è questa. Per molto tempo, più o meno un ventennio, il vino non ha avuto la necessità di dimostrare la sua genesi. Anzi, per certi aspetti, l’essere “ubiquitario” lo ha reso più libero di muoversi sul mercato senza troppi vincoli.
Si è deciso di passare dal concetto di “tipicità territoriale” a quello dello “stile del produttore” perché questo ha significato non essere più legati ad un cordone ombelicale suggestivo ma anche molto impegnativo.
Certo, non tutti i produttori hanno scelto questa strada, ma molti sì e non vanno certo biasimati. Non si può nemmeno negare che per parecchio tempo questa sia stata la strada privilegiata. Il mercato per oltre vent’anni ha premiato questa scelta, inutile negarlo, ma per quegli affascinanti misteri del mercato del vino, ad un certo punto ha iniziato a dubitare di tanta libertà. In questi ultimi anni, infatti, il mercato (spinto dai consumatori ricordiamocelo sempre) sembra molto più interessato a capire, ad approfondire, insomma appare molto meno superficiale.
E quando il mercato ha iniziato ad essere più “esigente” anche in termini di informazioni, di dettagli lo “stile del produttore” ha cominciato a registrare qualche crepa.
È in questo contesto che emerge, ad esempio, il ruolo dei Master of wine, una tipologia di esperto che di fatto spende gran parte del proprio tempo di studio proprio a capire il legame tra vino e tutti gli elementi del terroir (dal vitigno ai suoli, dai microclimi alle esposizioni, dai sistemi di allevamento a quelli di vinificazione).
Anche i buyer, dagli importatori ai retailer, ristoratori, enotecari, sommelier riprendono a rispolverare il tema della tipicità, ovviamente evitando quasi sempre di evocare questo termine.L’importanza dell’origine nel frattempo ha assunto un significato sicuramente più evoluto rispetto a trent’anni fa. Se nel passato, infatti, il concetto di tipicità era spesso ascritto a considerazioni un po’ astratte legate alla tradizione o altre volte a riferimenti “normativi” (i disciplinari di produzione), oggi quando si parla di legame tra un vino e un suo terroir l’importanza che gli si riconosce è molto più rilevante e complessa.
A questo riguardo sfruttiamo un pensiero di Sandro Sangiorgi, a nostro parere non solo uno dei maggiori esperti di vino italiani ma anche un uomo dal pensiero libero. Un pensiero espresso da Sangiorgi nel libro “Il vino capovolto: la degustazione geosensoriale” scritto insieme a Jacky Rigaux: “Un vino è buono se, prima di tutto, restituisce, attraverso profumo, sapore e gusto, il suo luogo d’origine. Nonostante gli ultimi quarant’anni abbiano imposto la varietà dell’uva usata, è dall’antichità che il liquido odoroso deve la sua bellezza e la sua unicità a quello slancio della natura che il luogo di coltivazione della vite”.
E noi che ci occupiamo più di mercati che di vino, rispetto all’amico Sandro, alla sua riflessione aggiungiamo che mai come oggi riuscire ad esprimere autenticamente l’origine ha un senso anche economico, di posizionamento, di riconoscibilità.
Certo probabilmente dovremmo a questo punto impegnarci a cambiare nome alla tipicità che si porta dietro ancora un senso astratto. Ma aldilà delle problematiche legate ad un nome rimane importante, a nostro parere, che l’origine abbia oggi ritrovato una posizione strategica nell’identità di un vino, nella comunicazione di questo straordinario prodotto.
Oggi abbiamo a disposizione molte informazioni in più per sfruttare l’origine nel racconto dei nostri vini, ma molte altre dovremo andarle a ricercare. Su questo fronte va dato un plauso a tutte quelle aziende che si stanno impegnando al fine di capire sempre di più il legame tra i loro vini e i rispettivi terroir produttivi. Spesso lo fanno con un investimento di tempo ed economico ingente, talvolta senza apparentemente avere un riconoscimento forte dalla critica enologica.
Ci rendiamo conto che ci vorrà ancora un po’ di tempo affinché definitivamente finisca il tempo della superficialità enologica, delle suggestioni sopra i contenuti forti e veri.
Ma i segnali ormai sono sempre più forti e ancora una volta sono i consumatori a dettare le nuove regole.
Non ascoltarli questa volta sarebbe molto pericoloso, i tempi sono cambiati, non possiamo più da un lato affermare la necessità di essere “unici” e “peculiari” e poi non essere mai in grado di testimoniarlo con fatti concreti.
Il territorio è lo strumento più straordinario che possiamo utilizzare. Lui è a disposizione sta a noi decidere se utilizzarlo o meno.


Fabio Piccoli

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
In queste settimane alcuni Consorzi si stanno muovendo per ridurre le produzioni con lo stop di nuovi impianti e, come per la Valpolicella, diminuire la percentuale di uve per l'Amarone. Ma è giusto che a pagare le eccedenze produttive e i bassi posizionamenti siano anche i produttori virtuosi? venerdi 19 luglio 2019

E se la miglior regola fosse la libertà e il controllo?

In queste settimane alcuni Consorzi si stanno muovendo per ridurre le produzioni con lo stop di nuovi impianti e, come per la Valpolicella, diminuire la percentuale di uve per l'Amarone. Ma è giusto che a pagare le eccedenze produttive e i bassi posizionamenti siano anche i produttori virtuosi?

Fabio Piccoli
Il sondaggio di Lastminute.com, uno dei maggiori portali di offerta turistica, rivela la predilezione per l'Italia del vino. giovedi 18 luglio 2019

L’Italia nominata miglior Paese mondiale per il vino dai wine lovers internazionali

Il sondaggio di Lastminute.com, uno dei maggiori portali di offerta turistica, rivela la predilezione per l'Italia del vino.

Export a +7,9% o a -14,4%? La babele di numeri contrastanti continua ad incombere. giovedi 18 luglio 2019

Cina: dati Istat in contrasto con le dogane cinesi

Export a +7,9% o a -14,4%? La babele di numeri contrastanti continua ad incombere.

Intervista a Valentina Abbona, sesta generazione della storica cantina Marchesi di Barolo giovedi 18 luglio 2019

Marchesi di Barolo: una storia dalle nobili origini e un grande futuro avanti a sé

Intervista a Valentina Abbona, sesta generazione della storica cantina Marchesi di Barolo

Noemi Mengo
L'Italia continua a guidare la classifica con una quota di mercato del 33% in volume
giovedi 18 luglio 2019

La nuova meta delle bollicine italiane è il Canada

L'Italia continua a guidare la classifica con una quota di mercato del 33% in volume

Noemi Mengo
Interviene la Confraternita di Valdobbiadene ricordando che il riconoscimento UNESCO si riferisce al territorio e non al prodotto mercoledi 17 luglio 2019

Colline di Conegliano Valdobbiadene Unesco: ben oltre il fenomeno Prosecco

Interviene la Confraternita di Valdobbiadene ricordando che il riconoscimento UNESCO si riferisce al territorio e non al prodotto

A ricevere il prestigioso riconoscimento sabato 28 settembre Jeannie Cho Lee, Roberto Citran, Alain Finkielkraut, Piero Luxardo e Nando Pagnoncelli. mercoledi 17 luglio 2019

Annunciati i vincitori del trentottesimo Premio Masi

A ricevere il prestigioso riconoscimento sabato 28 settembre Jeannie Cho Lee, Roberto Citran, Alain Finkielkraut, Piero Luxardo e Nando Pagnoncelli.

Abbiamo degustato per voi Venere di Azienda Agricola Nenci mercoledi 17 luglio 2019

Italian wines in the world: Venere di Azienda Agricola Nenci

Abbiamo degustato per voi Venere di Azienda Agricola Nenci

Intervista ad Armin H. Mueller, esperto conoscitore del mercato svizzero
mercoledi 17 luglio 2019

Vino italiano in Svizzera: bisogna osservare con gli occhi del consumatore

Intervista ad Armin H. Mueller, esperto conoscitore del mercato svizzero

Noemi Mengo
Secondo il presidente Sartori è una misura necessaria per tutelare l'equilibrio tra mercato e produzione. 
martedi 16 luglio 2019

Consorzio della Valpolicella: pubblicata dalla Regione Veneto la richiesta di blocco totale degli impianti

Secondo il presidente Sartori è una misura necessaria per tutelare l'equilibrio tra mercato e produzione.

Masè subentra a Beniamino Garofalo, che ha terminato il 30 giugno un positivo percorso all’interno del Gruppo martedi 16 luglio 2019

Simone Masè è il nuovo Direttore Generale del Gruppo Lunelli

Masè subentra a Beniamino Garofalo, che ha terminato il 30 giugno un positivo percorso all’interno del Gruppo

Venerdì 12 luglio, il primo incontro: un grande inizio per il corso di avvicinamento al vino di Alberto Ugolini
martedi 16 luglio 2019

Degustare il vino da un’altra prospettiva, la propria

Venerdì 12 luglio, il primo incontro: un grande inizio per il corso di avvicinamento al vino di Alberto Ugolini

Noemi Mengo
We have tasted for you Fattoria Varramista's Frasca tuesday 16 july 2019

Italian wines in the world: Fattoria Varramista's Frasca

We have tasted for you Fattoria Varramista's Frasca

Continua il Simply Italian Great Wines World Tour che il 23 settembre conquista Oslo, in Norvegia, per il quarto anno consecutivo martedi 16 luglio 2019

Simply Italian Great Wines, l’Italia del vino vola in Norvegia

Continua il Simply Italian Great Wines World Tour che il 23 settembre conquista Oslo, in Norvegia, per il quarto anno consecutivo

Valore, varietà e sostenibilità stanno facendo scalare le classifiche americane ai vini siciliani
lunedi 15 luglio 2019

Il successo a stelle e strisce della Sicilia

Valore, varietà e sostenibilità stanno facendo scalare le classifiche americane ai vini siciliani

Agnese Ceschi
Acquisti e motivazione vanno a braccetto, anche nel mondo del vino. 
lunedi 15 luglio 2019

La ricetta di un brand di successo? Pochi (ma buoni) ingredienti, tra questi uno scopo

Acquisti e motivazione vanno a braccetto, anche nel mondo del vino.

Noemi Mengo


sfondo_wm