Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

sfondo_wm
domenica 19 maggio 2019 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers


Siddura enosocial.com

https://www.accordinistefano.it/ http://www.cantinavicobarone.com/ Vigna Belvedere italian wine academy http://www.varramista.it/it/ http://www.palazzoroccabruna.it/it/Eventi/Pages/2019Roccabruna/2019MostraVini.aspx Farina Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ Tebaldi valdoca pertinace vinojobs Wine Monitor Cantina Santa Maria La Palma Fondazione Edmund Mach Siddura WineNet CVA Canicatti Bixio https://www.cantinafrentana.it roncoblanchis.it https://corte-de-pieri.business.site/ www.ilvinocomunica.it
venerdi 15 marzo

Il ritorno “silenzioso” ma prezioso della tipicità

Sembrava stata cancellata dal vocabolario del vino e invece mai come oggi si continua a parlare di tipicità e di quel legame straordinario tra il vino e la sua origine. Ma perché?


Il ritorno “silenzioso” ma prezioso della tipicità
Sembra incredibile come oggi si sia ripreso a parlare di tipicità nel mondo del vino. Magari non si cita spesso questo termine come se un po’ ci vergognassimo.
Ne parliamo senza fare quasi mai il suo nome. Probabilmente si teme che ritornare a parlare di tipicità sia in qualche misura rinnegare un recente passato dove il successo del vino è stato determinato dallo scollegamento con il suo territorio di origine.
Qualcuno sicuramente avrebbe da ridire riguardo a questa nostra ultima affermazione ma la realtà a nostro parere è questa. Per molto tempo, più o meno un ventennio, il vino non ha avuto la necessità di dimostrare la sua genesi. Anzi, per certi aspetti, l’essere “ubiquitario” lo ha reso più libero di muoversi sul mercato senza troppi vincoli.
Si è deciso di passare dal concetto di “tipicità territoriale” a quello dello “stile del produttore” perché questo ha significato non essere più legati ad un cordone ombelicale suggestivo ma anche molto impegnativo.
Certo, non tutti i produttori hanno scelto questa strada, ma molti sì e non vanno certo biasimati. Non si può nemmeno negare che per parecchio tempo questa sia stata la strada privilegiata. Il mercato per oltre vent’anni ha premiato questa scelta, inutile negarlo, ma per quegli affascinanti misteri del mercato del vino, ad un certo punto ha iniziato a dubitare di tanta libertà. In questi ultimi anni, infatti, il mercato (spinto dai consumatori ricordiamocelo sempre) sembra molto più interessato a capire, ad approfondire, insomma appare molto meno superficiale.
E quando il mercato ha iniziato ad essere più “esigente” anche in termini di informazioni, di dettagli lo “stile del produttore” ha cominciato a registrare qualche crepa.
È in questo contesto che emerge, ad esempio, il ruolo dei Master of wine, una tipologia di esperto che di fatto spende gran parte del proprio tempo di studio proprio a capire il legame tra vino e tutti gli elementi del terroir (dal vitigno ai suoli, dai microclimi alle esposizioni, dai sistemi di allevamento a quelli di vinificazione).
Anche i buyer, dagli importatori ai retailer, ristoratori, enotecari, sommelier riprendono a rispolverare il tema della tipicità, ovviamente evitando quasi sempre di evocare questo termine.L’importanza dell’origine nel frattempo ha assunto un significato sicuramente più evoluto rispetto a trent’anni fa. Se nel passato, infatti, il concetto di tipicità era spesso ascritto a considerazioni un po’ astratte legate alla tradizione o altre volte a riferimenti “normativi” (i disciplinari di produzione), oggi quando si parla di legame tra un vino e un suo terroir l’importanza che gli si riconosce è molto più rilevante e complessa.
A questo riguardo sfruttiamo un pensiero di Sandro Sangiorgi, a nostro parere non solo uno dei maggiori esperti di vino italiani ma anche un uomo dal pensiero libero. Un pensiero espresso da Sangiorgi nel libro “Il vino capovolto: la degustazione geosensoriale” scritto insieme a Jacky Rigaux: “Un vino è buono se, prima di tutto, restituisce, attraverso profumo, sapore e gusto, il suo luogo d’origine. Nonostante gli ultimi quarant’anni abbiano imposto la varietà dell’uva usata, è dall’antichità che il liquido odoroso deve la sua bellezza e la sua unicità a quello slancio della natura che il luogo di coltivazione della vite”.
E noi che ci occupiamo più di mercati che di vino, rispetto all’amico Sandro, alla sua riflessione aggiungiamo che mai come oggi riuscire ad esprimere autenticamente l’origine ha un senso anche economico, di posizionamento, di riconoscibilità.
Certo probabilmente dovremmo a questo punto impegnarci a cambiare nome alla tipicità che si porta dietro ancora un senso astratto. Ma aldilà delle problematiche legate ad un nome rimane importante, a nostro parere, che l’origine abbia oggi ritrovato una posizione strategica nell’identità di un vino, nella comunicazione di questo straordinario prodotto.
Oggi abbiamo a disposizione molte informazioni in più per sfruttare l’origine nel racconto dei nostri vini, ma molte altre dovremo andarle a ricercare. Su questo fronte va dato un plauso a tutte quelle aziende che si stanno impegnando al fine di capire sempre di più il legame tra i loro vini e i rispettivi terroir produttivi. Spesso lo fanno con un investimento di tempo ed economico ingente, talvolta senza apparentemente avere un riconoscimento forte dalla critica enologica.
Ci rendiamo conto che ci vorrà ancora un po’ di tempo affinché definitivamente finisca il tempo della superficialità enologica, delle suggestioni sopra i contenuti forti e veri.
Ma i segnali ormai sono sempre più forti e ancora una volta sono i consumatori a dettare le nuove regole.
Non ascoltarli questa volta sarebbe molto pericoloso, i tempi sono cambiati, non possiamo più da un lato affermare la necessità di essere “unici” e “peculiari” e poi non essere mai in grado di testimoniarlo con fatti concreti.
Il territorio è lo strumento più straordinario che possiamo utilizzare. Lui è a disposizione sta a noi decidere se utilizzarlo o meno.


Fabio Piccoli

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
We have tasted for you DOMENIS1898's Grappa Storica Nera Bio saturday 18 may

Italian wines in the world: DOMENIS1898's Grappa Storica Nera Bio

We have tasted for you DOMENIS1898's Grappa Storica Nera Bio

Giovanna Romeo
Abbiamo degustato per voi la Grappa Storica Nera Bio di DOMENIS1898 sabato 18 maggio

Italian wines in the world: Grappa Storica Nera Bio di DOMENIS1898

Abbiamo degustato per voi la Grappa Storica Nera Bio di DOMENIS1898

Giovanna Romeo
Wine Meridian sarà presente a Vinexpo Shanghai, che si svolgerà il prossimo ottobre, con una nuova area collettiva di aziende italiane sabato 18 maggio

Vinexpo apre le porte ad una nuova fiera a Shanghai

Wine Meridian sarà presente a Vinexpo Shanghai, che si svolgerà il prossimo ottobre, con una nuova area collettiva di aziende italiane

La collaborazione con venerdi 17 maggio

Signorvino e le nuove etichette personalizzate

La collaborazione con "Cibo" contro i simboli nazifascisti

Lunedì 20 maggio a Stoccolma e mercoledì 22 maggio ad Helsinki per valorizzare le aziende biologiche italiane e connetterle a due dei mercati più attratti dai prodotti organic venerdi 17 maggio

Stoccolma ed Helsinki per le aziende bio, con Organic Value

Lunedì 20 maggio a Stoccolma e mercoledì 22 maggio ad Helsinki per valorizzare le aziende biologiche italiane e connetterle a due dei mercati più attratti dai prodotti organic

Due mondi che faticano ancora a confrontarsi eppure sia i produttori che i distributori hanno sempre più bisogno l’uno dell’altro

Alleanza produttori e distributori cercasi

Due mondi che faticano ancora a confrontarsi eppure sia i produttori che i distributori hanno sempre più bisogno l’uno dell’altro

Fabio Piccoli
Si riconferma con voto unanime la presidenza di Francesco Cavazza Isolani per il Consorzio Pignoletto Emilia Romagna venerdi 17 maggio

Francesco Cavazza Isolani presidente in terzo mandato del Consorzio Pignoletto Emilia Romagna

Si riconferma con voto unanime la presidenza di Francesco Cavazza Isolani per il Consorzio Pignoletto Emilia Romagna

Conosciamo una realtà storica, che ha avuto il coraggio di ri-lanciarsi nel mercato vitivinicolo di oggi, contando solo sulle proprie forze. 
giovedi 16 maggio

Vigna Belvedere: una storia di famiglia, radici e ambizione

Conosciamo una realtà storica, che ha avuto il coraggio di ri-lanciarsi nel mercato vitivinicolo di oggi, contando solo sulle proprie forze.

Horeca, Prosecco, Pinot Grigio: dopo la crisi del 2015 in Russia, questi i tre moschettieri chiamati a difendere i segnali di crescita economica nel settore del vino
giovedi 16 maggio

Russia: tra crisi e rinascita

Horeca, Prosecco, Pinot Grigio: dopo la crisi del 2015 in Russia, questi i tre moschettieri chiamati a difendere i segnali di crescita economica nel settore del vino

Giulia Tartaglione
Il 16 settembre 2019, presso FICO EATALYWORLD di Bologna, la 3° edizione della giornata dedicata agli export manager del vino con delle grandi novità
giovedi 16 maggio

Save the date: torna il Wine Export Manager Day!

Il 16 settembre 2019, presso FICO EATALYWORLD di Bologna, la 3° edizione della giornata dedicata agli export manager del vino con delle grandi novità

WinePeople presenta il suo nuovo percorso di 25 lezioni e-learning sulle modalità di vendita del vino 
giovedi 16 maggio

Vendita, marketing e comunicazione del vino: formazione a distanza

WinePeople presenta il suo nuovo percorso di 25 lezioni e-learning sulle modalità di vendita del vino

Maria Bandolin
Lunedì 20 maggio la seconda giornata di incontri e degustazioni dedicata alla prima rete di cooperative dell'eccellenza italiana presso l'azienda Val d'Oca mercoledi 15 maggio

Alla scoperta di The Wine Net

Lunedì 20 maggio la seconda giornata di incontri e degustazioni dedicata alla prima rete di cooperative dell'eccellenza italiana presso l'azienda Val d'Oca

Abbiamo degustato per voi il Friuli Colli orientali Sauvignon dell'Azienda Specogna mercoledi 15 maggio

Italian wines in the world: Friuli Colli orientali Sauvignon dell'Azienda Specogna

Abbiamo degustato per voi il Friuli Colli orientali Sauvignon dell'Azienda Specogna

Parte la nostra analisi sul mercato del vino italiano attraverso gli “occhi” e le “esperienze” degli agenti e delle agenzie commerciali italiane. Obiettivo è capire da un lato le evoluzioni del mercato, i fabbisogni del trade, dei canali di distribuzione e dall’altro le competenze necessarie oggi per essere una risorsa umana adeguata allo sviluppo del wine business sul mercato nazionale

Indagine sul mercato del vino in Italia visto dall’Osservatorio Agenti

Parte la nostra analisi sul mercato del vino italiano attraverso gli “occhi” e le “esperienze” degli agenti e delle agenzie commerciali italiane. Obiettivo è capire da un lato le evoluzioni del mercato, i fabbisogni del trade, dei canali di distribuzione e dall’altro le competenze necessarie oggi per essere una risorsa umana adeguata allo sviluppo del wine business sul mercato nazionale

Intervista a Graziano Molon, Direttore del Consorzio Vini del Trentino mercoledi 15 maggio

Consorzio Vini del Trentino: una realtà che parla di unione e valorizzazione del territorio

Intervista a Graziano Molon, Direttore del Consorzio Vini del Trentino

Essere Junior (area manager) in un mondo che vuole solo Senior

Vengo anch'io? No, tu no!

Essere Junior (area manager) in un mondo che vuole solo Senior

Andrea Pozzan
Partito il progetto di formazione frutto della collaborazione tra WinePeople e Assoenologi con lo scopo di migliorare le competenze comunicative di una delle figure più strategiche anche nello sviluppo dell’immagine del vino italiano nel mondo

WinePeople e Assoenologi uniti nella comunicazione del vino

Partito il progetto di formazione frutto della collaborazione tra WinePeople e Assoenologi con lo scopo di migliorare le competenze comunicative di una delle figure più strategiche anche nello sviluppo dell’immagine del vino italiano nel mondo

Dai premi internazionali uno slancio per l’isola, puntando su nuovi flussi in arrivo grazie all’enoturismo lunedi 13 maggio

Siddùra ambasciatrice della Sardegna nel mondo: quattro ori e cinque argenti al World Wine Contest

Dai premi internazionali uno slancio per l’isola, puntando su nuovi flussi in arrivo grazie all’enoturismo



sfondo_wm