Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

http://www.winemeridian.com/
mercoledi 20 febbraio 2019 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com

CVA Canicatti Bixio https://www.cantinafrentana.it Azienda Agricola Coali roncoblanchis.it https://corte-de-pieri.business.site/ www.ilvinocomunica.it https://www.accordinistefano.it/ http://www.cantinavicobarone.com/  http://acquesi.it/ wm Vyno Dienos italian wine academy Farina Enartis Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ Tebaldi valdoca pertinace vinojobs Wine Monitor Cantina Santa Maria La Palma Fondazione Edmund Mach Siddura Tommasi WineNet
martedi 10 luglio

Il segreto è anticipare le richieste del mercato, non solo rispondere ad esse

Intervista a Francesco Bergaglio, business director di Enartis, società leader di prodotti enologici nel mondo


Il segreto è anticipare le richieste del mercato, non solo rispondere ad esse

Francesco Bergaglio


Perché il mercato accolga un prodotto non basta rispondere alle sue richieste, occorre anticipare i tempi e guardare avanti. Questo lo spirito con cui Enartis, azienda leader nella fornitura di prodotti enologici, approccia i mercati nel mondo in cui è presente ormai da più di 15 anni.
Francesco Bergaglio, business director di Enartis, ci racconta come questa azienda, che fa dell’innovazione e della sostenibilità i cavalli di battaglia, cerchi di essere una presenza certa per i propri clienti, per fare in modo che questi affrontino i mercati internazionali nel migliore dei modi.

Cos’è Enartis e quando è nata?
Enartis è una società di fornitura di prodotti enologici, in particolare coadiuvanti e additivi enologici alle cantine e alle aziende vinicole. Affiancando il processo di vinificazione, affinamento e imbottigliamento dei prodotti della propria clientela, si impegna per operare, attraverso filiali dirette e/o distributori in tutti i paesi del mondo, nella totale qualità e sicurezza dei propri servizi. Enartis come brand enologico nasce nel 2003 ed è l’emanazione enologica di “Esseco”, società nata nel 1920.

Fornite principalmente aziende italiane?
No, siamo equamente ripartiti in molti Paesi al mondo. L’Italia chiaramente rappresenta la presenza più longeva, ma nel 2005 ha preso corpo il progetto di internazionalizzazione e da allora abbiamo sviluppato la nostra presenza in molti Paesi. Oggi il peso dell’Italia rispetto al resto del mondo è di circa il 25-30%, un terzo del nostro giro di affari.

Qual è il prodotto che proponete che meglio rappresenta il marchio Enartis?

Nel 2017 abbiamo lanciato “Zenit”, i nostri formulati a base di poliaspartato di potassio, che penso sintetizzino bene le caratteristiche e il DNA di Enartis, che è innovazione, sostenibilità, e facilità di applicazione e di valutazione dei risultati.

Se dovessi definire l’azienda con un aggettivo o con una frase…
Noi ci definiamo “sempre un passo avanti”. Da sempre cerchiamo di anticipare i tempi e precorrere le esigenze del mercato per dare nuove opportunità ai nostri clienti.

Qual è, secondo Lei, in questo momento l’esigenza maggiore per le aziende vinicole da un punto di vista vitienologico?
Oggi le parole chiave sono responsabilità, sostenibilità e durabilità. Cerchiamo di dare degli strumenti facilmente misurabili affinché le produzioni dei nostri clienti vengono messe sul mercato con queste caratteristiche.

Biologico: qual è la vostra posizione a riguardo?

Siamo sicuramente attenti a quello che, secondo noi, è un processo avviato e si consoliderà sempre più. Mi permetto di fare una piccola polemica agli organi che governano le norme sul biologico, in quanto credo siano troppo lenti nel recepire le innovazioni a loro favore. Ad esempio, parlando di molecole, oggi ci sono a disposizione delle molecole di carattere naturale, come il chitosano o il poliaspartato, le quali darebbero dei vantaggi competitivi ai produttori biologici, ma purtroppo le normative bio ancora non hanno recepito tutto questo.

Dal Suo osservatorio come se la stanno cavando i vini italiani nel mondo?
Per dirla con una canzone “Bene, ma non benissimo”. Purtroppo oggi la qualità intrinseca di un vino viene data per scontata a livello mondiale. Noi italiani non dobbiamo sederci sui nostri meriti, sulle quote di mercato che abbiamo ottenuto, ma guardare con attenzione i nostri vicini, ad esempio la Spagna che ha fatto passi da gigante in questi mesi, con rapporti qualità prezzo davvero interessanti. Non dobbiamo abusare della fortuna di cui gode il “made in Italy”.

Il vostro settore è un ambito molto tecnico e richiede conoscenze che devono stare al passo con l’innovazione…
Certo, vanno di pari passo con quelle che sono le anticipazioni del mercato. Inoltre, secondo me, oltre alle conoscenze, la capacità di fare squadra e di fare un marketing moderno e adeguato è ciò che farà fare la differenza al nostro settore. Importante è la formazione delle persone, bisogna cercare di evitare le avventure ma arrivare sul mercato preparati e con tutte le armi giuste al posto giusto.

Quindi il vostro lavoro consiste nel percepire quale vento sta cambiando?
Sì, dobbiamo anticipare i trend e arrivare a vele già spiegate. Il nostro obiettivo è dare all’azienda delle risposte che siano in linea con le esigenze del mercato.

Qual è la parte più difficile del vostro lavoro?
Guadagnare la fiducia del nostro interlocutore. Quando il produttore ci richiama perché vuole sviluppare nuovi prodotti, allora lì si è realizzato il nostro obbiettivo. 
Agnese Ceschi

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
8 punti chiave per descrivere il mercato polacco e i suoi consumatori mercoledi 20 febbraio

Polonia: da mercato emergente ad economia in crescita

8 punti chiave per descrivere il mercato polacco e i suoi consumatori

Noemi Mengo
Partecipa con noi a Vyno Dienos, la fiera più importante per il mercato dei paesi Baltici, il 3 e 4 maggio
mercoledi 20 febbraio

Wine Meridian vola in Lituania, il mercato driver dei paesi Baltici

Partecipa con noi a Vyno Dienos, la fiera più importante per il mercato dei paesi Baltici, il 3 e 4 maggio

AGENTI VINO province Como, Varese, Milano martedi 19 febbraio

Offerta di Lavoro

AGENTI VINO province Como, Varese, Milano

I numeri di Nomisma-Wine Monitor, presentati a Benvenuto Brunello, confermano scenari importanti e unici per questo grande rosso toscano martedi 19 febbraio

Benvenuto Brunello, la grande sfida tra passato e futuro

I numeri di Nomisma-Wine Monitor, presentati a Benvenuto Brunello, confermano scenari importanti e unici per questo grande rosso toscano

Giovanna Romeo
Domenica 3 e lunedì 4 marzo torna l’appuntamento con le produzioni artigianali di qualità con centocinquanta cantine italiane e estere
martedi 19 febbraio

Live Wine 2019: a Milano la quinta edizione del Salone Internazionale del Vino Artigianale

Domenica 3 e lunedì 4 marzo torna l’appuntamento con le produzioni artigianali di qualità con centocinquanta cantine italiane e estere

Intervista a Sergio Bucci, Direttore della Cantina Vignaioli del Morellino di Scansano 
martedi 19 febbraio

Viaggio nel mondo della cooperazione e delle denominazioni

Intervista a Sergio Bucci, Direttore della Cantina Vignaioli del Morellino di Scansano

I problemi nascono perché ogni persona è differente, così come lo sono i mercati, i vini e i canali distributivi, mentre noi tendiamo a trattare tutti nello stesso modo. martedi 19 febbraio

Perchè è cosi difficile vendere vino?

I problemi nascono perché ogni persona è differente, così come lo sono i mercati, i vini e i canali distributivi, mentre noi tendiamo a trattare tutti nello stesso modo.

Roberta Zantedeschi
Intervista a Richard Alderson, appassionato ed esperto di vino in Nuova Zelanda, che ci svela i lunedi 18 febbraio

Nuova Zelanda: l’educazione al vino italiano partendo dalla GDO

Intervista a Richard Alderson, appassionato ed esperto di vino in Nuova Zelanda, che ci svela i "segreti" di questo piccolo ma interessante mercato del vino che presenta anche buone opportunità di sviluppo per le nostre imprese

Noemi Mengo
We have tasted for you Ronco Blanchis' Chardonnay Particella 3 saturday 16 february

Italian wines in the world: Ronco Blanchis' Chardonnay Particella 3

We have tasted for you Ronco Blanchis' Chardonnay Particella 3

Abbiamo degustato per voi Chardonnay Particella 3 di Ronco Blanchis 
sabato 16 febbraio

Italian wines in the world: Chardonnay Particella 3 di Ronco Blanchis

Abbiamo degustato per voi Chardonnay Particella 3 di Ronco Blanchis

Image Line raccoglie le testimonianze delle aziende vitivinicole che hanno adottato soluzioni digitali per la gestione dei loro vigneti e l’ottimizzazione del lavoro in campo.
venerdi 15 febbraio

Innovazione in vigneto: la parola a chi ha accolto la sfida

Image Line raccoglie le testimonianze delle aziende vitivinicole che hanno adottato soluzioni digitali per la gestione dei loro vigneti e l’ottimizzazione del lavoro in campo.

Anche le attuali difficoltà dei produttori di latte in Sardegna ci evidenziano il maggiore limite del nostro agroalimentare, la cultura di vendita, e anche nel settore vitivinicolo il problema è evidente

AAA cultura di vendita cercasi

Anche le attuali difficoltà dei produttori di latte in Sardegna ci evidenziano il maggiore limite del nostro agroalimentare, la cultura di vendita, e anche nel settore vitivinicolo il problema è evidente

Fabio Piccoli
Cerchiamo un Wine Sales Manager - Piemonte

Offerta di lavoro

Cerchiamo un Wine Sales Manager - Piemonte

In previsione del nostro tour a Singagore, il 22 e 23 maggio prossimi, presentiamo le previsioni al 2022 di IWSR su questo importante mercato del sud est asiatico dove l'Italia ha ampi margini di crescita
giovedi 14 febbraio

A Singapore dove il Prosecco fa recuperare quote all'Italia del vino

In previsione del nostro tour a Singagore, il 22 e 23 maggio prossimi, presentiamo le previsioni al 2022 di IWSR su questo importante mercato del sud est asiatico dove l'Italia ha ampi margini di crescita

Noemi Mengo
Basta vini a basso prezzo, solo Shiraz o vini dal medesimo stile, il cambio di rotta degli australiani negli Usa sta generando un nuovo rinascimento del vino made in Australia nel Paese a stelle e strisce
mercoledi 13 febbraio

Fascia premium e diversità le parole chiave della rinascita del vino australiano in Usa

Basta vini a basso prezzo, solo Shiraz o vini dal medesimo stile, il cambio di rotta degli australiani negli Usa sta generando un nuovo rinascimento del vino made in Australia nel Paese a stelle e strisce

Agnese Ceschi
Raccontaci cosa fai per promuovere e per comunicare il tuo vino. Siamo alla ricerca di progetti e di idee originali per valorizzarlo e comunicarlo. mercoledi 13 febbraio

Partecipa al concorso "Il Meridiano del vino": Wine Meridian premia le migliori idee di comunicazione e promozione del vino italiano

Raccontaci cosa fai per promuovere e per comunicare il tuo vino. Siamo alla ricerca di progetti e di idee originali per valorizzarlo e comunicarlo.

Un manuale per chi vuole fare impresa e non solo produrre buon vino

Un libro per gli imprenditori del mondo del vino di oggi

Un manuale per chi vuole fare impresa e non solo produrre buon vino

Roberta Zantedeschi
Intervista ad Andrea Fioratti, coordinatore del WSET Approved Programme Provider di Verona Italian Wine Academy

lunedi 11 febbraio

Uno sguardo all’interno di Italian Wine Academy

Intervista ad Andrea Fioratti, coordinatore del WSET Approved Programme Provider di Verona Italian Wine Academy



http://www.winemeridian.com/