Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

 
martedi 18 settembre 2018 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com

Farina Enartis Tebaldi Wine Monitor Fondazione Edmund Mach Michele Shah Tommasi WineNet https://www.poderidalnespoli.com/ https://www.cantinafrentana.it Azienda Agricola Coali roncoblanchis.it www.wine2wine.net
giovedi 21 giugno

Il solido mercato di Singapore, vecchio amico con il quale sperimentare

Vini fermi accolti a braccia aperte dal mercato di Singapore, meno margine di crescita per gli sparkling, ma le previsioni per il 2021 vedono buono spazio di consolidamento per i brand italiani


Il solido mercato di Singapore, vecchio amico con il quale sperimentare
Sebbene Singapore rientri ormai fra i mercati cosiddetti “maturi” dell’Asia e non rappresenti più la nuova sfida per i produttori italiani, è sempre un terreno fertile in cui provare a coltivare, poiché la popolazione accoglie piuttosto di buon grado i nuovi trend d’importazione. Ecco perché abbiamo scelto di proporvi un report sui trend attuali all’interno di questo paese dalle grandi potenzialità di crescita. Un’accurata statistica condotta da IWSR Vinexpo, ci mostra delle interessanti considerazioni sulla crescita del comparto vinicolo dal 2011 fino ad oggi, regalandoci anche una preziosa previsione dell’andamento fino al 2021.
Prima di addentrarci in un’analisi più approfondita, è bene ricordare un breve background della situazione politico-economica del paese.
Come segnala anche una pubblicazione (APAC Rapporto Paese Singapore 2018) promossa da
Atradius, fra i leader mondiali del settore assicurativo internazionale, la situazione politica ed economica di Singapore gode relativamente di buona salute. La distribuzione del reddito è piuttosto equa e, a differenza della vicina Malesia, le tensioni razziali sono trascurabili. Il Partito di Azione Popolare (PAP) è al potere dall’indipendenza di Singapore dichiarata nel 1965, e pur essendo favorevole alle imprese, rispetto agli standard occidentali limita lievemente le libertà personali all’interno dello Stato. Il reddito pro capite e il livello di sviluppo di Singapore soddisfano gli standard dell’OCSE, ma l’economia singaporiana risente di una certa vulnerabilità dovuta all’elevata dipendenza dalla domanda dei partner commerciali, nonostante però le dimensioni dello stato siano decisamente ridotte, l’economia si presenta ben diversificata. Nel 2017 in generale le esportazioni e la produzione industriale sono aumentate rispettivamente del 5% e del 10%, mentre si è registrata una ripresa anche dei consumi privati. Per quanto riguarda il settore vinicolo, grazie anche al commercio on-line, colpito da un cambiamento radicale nel profilo dei visitatori, il mercato del vino ha registrato un andamento notevolmente positivo.

Procediamo quindi con il confrontare l’andamento di vini fermi e sparkling e il loro posizionamento all’interno del mercato singaporiano. Cominciamo innanzitutto a considerare una nota positiva, a differenza di altri mercati asiatici, dove la produzione locale comincia ad avere un certo peso, a Singapore le importazioni dominano il comparto. Francia, Italia e Spagna sono tra i maggiori importatori per entrambe le categorie, superati nettamente solo dall’Australia, che però, in previsione, sembrerà avere sempre meno presa negli anni futuri. 

Vini fermi: rossi e bianchi positivi, rosè con scarso consumo


Dal 2011 al 2018, i vini fermi hanno subito una crescita graduale ma positiva, passando da un volume di 1.0 milioni in casse da 9 litri a 1.1 milioni. La crescita fino al 2021 proseguirà, anche se più lentamente e rientrando all’interno della soglia di 1.1 milioni. Il consumo pro capite è invece diminuito, dato che però non deve scoraggiare se consideriamo la crescita costante dei consumi nel paese. Partendo da 2.1 milioni in casse da 9 litri nel 2011 ha subito un picco di crescita a 2.2 milioni nel 2013 per poi scendere gradualmente, arrivando del 2018 a 2.0 milioni. Le previsioni indicano un’ulteriore diminuzione per il 2021 a 1.9 milioni.
I vini rossi occupano grande spazio, passando da 0.7 milioni nel 2011, con un picco nel 2013 a 0.8, per poi assestarsi stabilmente sotto 0.8 milioni. Per i bianchi l’aumento si è registrato lento e graduale, passando da 0.2 milioni nel 2011 a 0.3 nel 2018, con un lieve rialzo nel 2015, e con la previsione che rimanga costante su questo andamento anche fino al 2021. I rosè hanno invece pochissimo spazio, non superando mai nell’arco degli anni 2011-2018 (e in previsione 2021) la soglia dello 0.0 milioni in casse da nove litri.
Il CAGR quinquennale 2016-2021 segnala un un 2.1% e un volume di 0.1 milioni in casse da 9 litri per i prodotti italiani, volume previsto in aumento. Basandoci sempre sul calcolo CAGR, i vini maggiormente venduti sono quelli della fascia di prezzo standard, che si confermano a 3.8% con un volume che passa da 0.4 milioni nel 2016 a un previsto 0.5 nel 2021. La categoria dei “Super Premium +” per i vini bianchi non ha margine di crescita, pochissimo lo spazio, al momento 0.1 milioni che andranno in diminuzione con un CAGR di -0.5%. 

Vini sparkling: la rivincita del Prosecco

Anche per questi vini i consumi si registrano sulla base di prodotti di importazione. Volume e consumo pro capite qui non vanno in opposizione fra loro, come abbiamo visto per i vini fermi, ma seguono entrambi una graduale crescita. Dal 2011 si parte con un volume in casse da 9 litri al di sotto di 0.1 milioni, quindi 0.170 milioni di litri per adulto circa, e si prevede di arrivare al 2021 con un aumento che rientra sempre all’interno di 0.1 milioni, ma con 0.240 milioni di litri per adulto. Il consumo pro capite passa da 0.204 milioni in casse da 9 litri nel 2011, un picco di 0.229 milioni nel 2014, un lieve calo nel 2015 con 0.227 e una risalita al 2018 con 0.242 milioni. Per il 2021, le previsioni parlano di sfiorare la soglia di 0.250 milioni.

Per quanto riguarda le categorie di prezzo, secondo il calcolo CAGR quinquennale, la fascia standard predomina, con un 6.7% previsto fino al 2021, ma anche la zona dei “Super Premium +” si guadagna una buona fetta di torta, con volume che rientra nel segmento di 0.1 milioni, in leggero calo fino al 2021 con CAGR di -0.7%. Il CAGR 2016-2021 per provenienza invece vede l’Italia a 10.5%, con i volumi più alti dopo la Francia, il cui champagne domina ancora il mercato. Nota positiva per l’italiano prosecco: lo champagne è salito in volume tra il 2012 e il 2013, ma dal 2014 ha effettuato un’inversione di marcia, registrando lievi riduzioni in volume, sempre rientrando in 0.1 milioni. Il Prosecco invece è sempre più in aumento e nel 2021 si prevede raggiunga le quote dello champagne. Fra gli altri sparkling vengono riportati Asti e Lambrusco, i cui volumi sono molto ridotti, ma costanti anche in futuro. 

In conclusione, interessante quindi, per quanto riguarda la categoria sparkling, la prevista rimonta del Prosecco sullo Champagne, un dato da tenere monitorato negli anni a venire. Per noi italiani, c’è globalmente sempre più margine di insediamento all’interno del mercato, perciò è ora di restare fiduciosi e continuare ad investire per fare export a Singapore, un mercato che certamente ha ormai qualche ruga, ma che è pronto per accogliere positivamente le nostre nuove proposte “Made in Italy”.



Noemi Mengo

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Ieri si è svolta a Verona la seconda edizione del Wine Export Manager Day, l’appuntamento dedicato alla figura dell’export manager del vino. 
Presentata l’indagine Wine People-Wine Meridian svolta interrogando aziende ed export manager sul delicato tema delle risorse umane nel mondo vinicolo

Wine Export Manager Day: quando gli export manager fanno network

Ieri si è svolta a Verona la seconda edizione del Wine Export Manager Day, l’appuntamento dedicato alla figura dell’export manager del vino. Presentata l’indagine Wine People-Wine Meridian svolta interrogando aziende ed export manager sul delicato tema delle risorse umane nel mondo vinicolo

Agnese Ceschi
Una classifica Top #8 dei migliori suggerimenti per promuovere alti riconoscimenti a livello internazionale
lunedi 17 settembre

Wine scores: come promuovere i punteggi ottenuti in 8 semplici passi

Una classifica Top #8 dei migliori suggerimenti per promuovere alti riconoscimenti a livello internazionale

Noemi Mengo
Alcune anticipazioni sulle nostre due indagini che presenteremo all’Export Manager Day il prossimo 17 settembre a Verona

Export manager, se ci sei batti un colpo

Alcune anticipazioni sulle nostre due indagini che presenteremo all’Export Manager Day il prossimo 17 settembre a Verona

Fabio Piccoli
Carmelo Bonetta ci racconta l’azienda che gestisce e porta nel cuore 
venerdi 14 settembre

Baglio del Cristo di Campobello, un’azienda siciliana legata alla propria terra e ai propri ricordi

Carmelo Bonetta ci racconta l’azienda che gestisce e porta nel cuore

Ultimi posti per aderire all'evento dedicato ai produttori di biologico nella città danese giovedi 13 settembre

Organic Value vola a Copenhagen

Ultimi posti per aderire all'evento dedicato ai produttori di biologico nella città danese

I giovani talenti del mondo del vino si incontrano a Villa Della Torre, a Fumane (Verona), per il primo Allegrini Boot Camp. giovedi 13 settembre

Allegrini Boot Camp: i giovani talenti del vino si incontrano in Valpolicella

I giovani talenti del mondo del vino si incontrano a Villa Della Torre, a Fumane (Verona), per il primo Allegrini Boot Camp.

Abruzzo’s preeminent winegrower adds to its collection of prestigious national and international awards
thursday 13 september

Codice Citra: Montepulciano d’Abruzzo DOC tops the podium

Abruzzo’s preeminent winegrower adds to its collection of prestigious national and international awards

L'intervista al MW greco Yiannis Karakasis a proposito di vini italiani e non solo giovedi 13 settembre

Grecia, aperto e dinamico, il mercato del vino strizza l’occhio all’Italia

L'intervista al MW greco Yiannis Karakasis a proposito di vini italiani e non solo

Carmen Guerriero
Il 17 settembre 2018 durante il Wine Export Manager Day a Verona verrà presentata l'indagine condotta da Wine People. mercoledi 12 settembre

Ultimi 10 posti per iscriversi al Wine Export Manager Day

Il 17 settembre 2018 durante il Wine Export Manager Day a Verona verrà presentata l'indagine condotta da Wine People.

Chi è la persona adatta all’accoglienza allo stand e come fare? mercoledi 12 settembre

Guida alla buona riuscita della fiera

Chi è la persona adatta all’accoglienza allo stand e come fare?

Agnese Ceschi
Ottimi riscontri per le bollicine italiane nel mercato canadese, si prevede una crescita inarrestabile
martedi 11 settembre

L’Italia fra i maggiori esportatori in Canada: è il Prosecco a scalare le classifiche

Ottimi riscontri per le bollicine italiane nel mercato canadese, si prevede una crescita inarrestabile

Noemi Mengo
Il wine bar di proprietà dell'azienda italiana Avignonesi offre 100 referenze rigorosamente rispettose dell'ambiente lunedi 10 settembre

Un angolo di Italia (biologica e biodinamica) nel cuore di Notting Hill

Il wine bar di proprietà dell'azienda italiana Avignonesi offre 100 referenze rigorosamente rispettose dell'ambiente

Agnese Ceschi
Il progetto Volcanic Wines racconta a ViniMilo i suoi primi 10 anni e presenta le nuove iniziative dell’associazione. venerdi 07 settembre

Sull’Etna si festeggiano le 10 candeline del progetto Volcanic Wines

Il progetto Volcanic Wines racconta a ViniMilo i suoi primi 10 anni e presenta le nuove iniziative dell’associazione.

Mai come in questi ultimi anni si è acceso il dibattito sulle diverse tipologie di tappi che nel tempo hanno assunto un ruolo sempre più importante non solo nella qualificazione dei vini ma anche nella percezione da parte dei consumatori

Il futuro del vino visto dai “tappi”

Mai come in questi ultimi anni si è acceso il dibattito sulle diverse tipologie di tappi che nel tempo hanno assunto un ruolo sempre più importante non solo nella qualificazione dei vini ma anche nella percezione da parte dei consumatori

Fabio Piccoli
Il periodo più importante dell’anno in cui si decide il futuro dell’intera produzione 
venerdi 07 settembre

La vendemmia dei ricordi di Dal Maso

Il periodo più importante dell’anno in cui si decide il futuro dell’intera produzione

Inizia la corsa ai biglietti per partecipare alla 27^ edizione di Merano WineFestival dal 9 al 13 novembre 2018 venerdi 07 settembre

Merano WineFestival 2018: ecco tutti gli appuntamenti da non perdere

Inizia la corsa ai biglietti per partecipare alla 27^ edizione di Merano WineFestival dal 9 al 13 novembre 2018

L’Osservatorio del Vino ha presentato le previsioni vendemmiali 2018 giovedi 06 settembre

Vendemmia 2018: l'Italia si conferma primo produttore al mondo

L’Osservatorio del Vino ha presentato le previsioni vendemmiali 2018

Lettera invito al Wine Export Manager Day del direttore di Wine Meridian a tutti coloro che sono impegnati a conseguire il successo del vino italiano nel mondo: produttori, export manager, imprenditori

Caro export manager ti scrivo….

Lettera invito al Wine Export Manager Day del direttore di Wine Meridian a tutti coloro che sono impegnati a conseguire il successo del vino italiano nel mondo: produttori, export manager, imprenditori

Fabio Piccoli
Con l’incoronazione di Carlo Pagano dal Molise come miglior sommelier del Soave, si chiude la kermesse veronese con ampia partecipazione di pubblico e ristoratori.

Soave Versus: un successo annunciato per i 50 anni della DOC

Con l’incoronazione di Carlo Pagano dal Molise come miglior sommelier del Soave, si chiude la kermesse veronese con ampia partecipazione di pubblico e ristoratori.

Come si è evoluta in questi ultimi anni la figura del wine ambassador nato per spingere la notorietà di un brand a vantaggio dell’azione commerciale ed oggi spesso messa in discussione

C’era una volta il brand ambassador

Come si è evoluta in questi ultimi anni la figura del wine ambassador nato per spingere la notorietà di un brand a vantaggio dell’azione commerciale ed oggi spesso messa in discussione

Fabio Piccoli
I vini della Cantina Santa Maria La Palma hanno ricevuto due prestigiosi riconoscimenti durante l’importante fiera internazionale mercoledi 05 settembre

Medaglia d’oro e d’argento per Aragosta Vermentino di Sardegna DOC e Cannonau Riserva all’Asia Wine Trophy

I vini della Cantina Santa Maria La Palma hanno ricevuto due prestigiosi riconoscimenti durante l’importante fiera internazionale