Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

sfondo_wm
domenica 18 agosto 2019 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com


Vigna Belvedere italian wine academy https://www.marchesibarolo.com/ http://www.varramista.it/it/ http://www.grafical.it/it/ www.prosecco.wine Farina Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ Tebaldi valdoca pertinace vinojobs Wine Monitor Cantina Santa Maria La Palma Fondazione Edmund Mach Siddura WineNet CVA Canicatti Bixio https://www.cantinafrentana.it Corte De Pieri www.ilvinocomunica.it https://www.accordinistefano.it/ http://www.cantinavicobarone.com/
lunedi 15 luglio 2019

Il successo a stelle e strisce della Sicilia

Valore, varietà e sostenibilità stanno facendo scalare le classifiche americane ai vini siciliani


Il successo a stelle e strisce della Sicilia
Nerello Mascalese, Nerello Cappuccio, Frappato, Nero d'Avola, Catarratto, Grillo. Non si tratta di certo di nome facili da ricordare per i consumatori americani, eppure gli esperti ci dicono che stanno progressivamente guadagnando i favori degli stessi. I vini siciliani stanno andando forte in America, ce lo testimonia un interessante articolo uscito recentemente sul magazine Market Watch dal titolo molto esplicativo “Sicily Ascends”.

Secondo l’autorevole testata americana, che ha interpellato esperti e importatori, dopo decenni di piccoli volumi, i produttori di vino siciliani hanno cambiato marcia negli ultimi cinque o sei anni nel mercato a stelle e strisce, facendo breccia nel mercato principalmente nelle fasce super premium e di lusso. Nonostante i numeri non siano ancora ai massimi livelli, la Sicilia è favorita da sommelier e consumatori che sono sempre più favorevoli ad esplorare i vini dell’isola italiana.

Un primo elemento che la favorisce ad altre regioni italiane è la grande varietà di vitigni autoctoni, che un tempo erano oscurate da scelte produttive in favore dei varietali internazionali come lo Chardonnay e il Cabernet Sauvignon che venivano esportati principalmente nei mercati del Nord Europa. Secondo Giacomo Turone, vicepresidente senior dello sviluppo del marchio per Palm Bay International. "I produttori di vino siciliani avevano questo incredibile patrimonio di varietà autoctone che non hanno mai abbandonato, ma è solo negli ultimi 15 anni che lo hanno rivalutato”. Ted Campbell, vicepresidente senior e direttore generale della divisione LLS di Winebow, ha dichiarato che i sommelier amano varietà e aree uniche, in sintesi i vini siciliani hanno catturato l'attenzione dei gate-keepers della ristorazione. Perché questa grande curiosità? "Poiché le varietà sono nuove per i consumatori, a loro piace l'opportunità di provare. In questo momento, non stiamo vedendo che ciò si traduce in una massiccia crescita al dettaglio. C'è un sacco di vendita invece on-premise e indipendente”.

L’area siciliana che sta riscontrando maggiore successo è senza dubbio l'Etna, una DOC nell'angolo nord-orientale dell'isola che ha una marcia in più a livello comunicativo: il vulcano. Il terreno vulcanico che ne deriva è un elemento chiave per differenziare i vini prodotti con le uve dell'Etna. Secondo la testata americana, l’Etna e la sua popolarità sono state un importante volano per l’intera Sicilia. Secondo Gregory Doody, presidente e CEO di Vineyard Brands: "È terreno vulcanico, e c'è molto interesse attorno a ciò e nei confronti delle varietà autoctone che sono sulla montagna. Non credo che i consumatori debbano necessariamente conoscere le varietà o essere in grado di pronunciarle. Il nome Etna li fa bere il vino. “

Un’altra questione a favore dei vini siciliani è più di carattere corporativo. “ I siciliani stanno lavorando in modo molto collaborativo in termini di comunicazione dei loro vini. Non stanno combattendo l'uno con l'altro. In realtà stanno lavorando insieme per investire in quel messaggio e per essere presenti insieme sul mercato con le loro diverse offerte” hanno spiegato gli esperti.
Parte di questa cooperazione sta investendo in qualità. "La maggior parte dei produttori si è allontanata dal business da $ 10 in su," ha detto Campbell di Winebow. Invece, dice, il settore dinamico dei vini siciliani è saldamente nel super-premium e oltre come fascia di prezzo. “Per i vini monovarietali i prezzi sono ovunque da 15 a 20 dollari, mentre i vini dell'Etna hanno un prezzo ultra-premium, più vicino ai 30 dollari al dettaglio.”

Infine un altro vantaggio per la Sicilia si chiama sostenibilità, un tema che i consumatori mondiali stanno iniziando a tenere debitamente in conto al momento della scelta del vino da bere. La Sicilia rappresenta il 38% della produzione di vino biologico in Italia, aiutata dal clima che rende l’isola perfetta per l'agricoltura biologica: 300 giorni di sole all'anno, temperate influenze mediterranee, venti insulari che proteggono dal gelo e dalla muffa e uno dei raccolti più lunghi del pianeta, che dura più di 90 giorni.
“Sapendo che i consumatori negli Stati Uniti hanno posto una maggiore enfasi sul benessere e sulla sostenibilità ambientale, riteniamo di essere sulla buona strada per vedere la continua crescita e domanda tra la produzione di vino sostenibile nei prossimi anni “ ha dichiarato Antonio Rallo, presidente della DOC Sicilia al magazine americano.
E dunque il futuro, l’onda lunga da cavalcare per incrementare il successo dei vini siciliani tra in consumatori millennials americani è sicuramente la sostenibilità. 
Agnese Ceschi

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Consorzio del Franciacorta e del Chianti Classico hanno attivi degli osservatori economici che consentono una gestione della denominazione anche alla luce dei dati di mercato e di posizionamento dei vini
venerdi 16 agosto 2019

Consorzi, pronti anche gli osservatori economici

Consorzio del Franciacorta e del Chianti Classico hanno attivi degli osservatori economici che consentono una gestione della denominazione anche alla luce dei dati di mercato e di posizionamento dei vini

Fabio Piccoli
Raccontare storie è un'arte molto antica. Ma cosa c'entra con il business del vino? mercoledi 14 agosto 2019

Perché investire sullo storytelling?

Raccontare storie è un'arte molto antica. Ma cosa c'entra con il business del vino?

Agnese Ceschi
We have tasted for you: DOMENIS1898's Grappa Secolo Barrique Millesimata wednesday 14 august 2019

Italian wines in the world: DOMENIS1898's Grappa Secolo Barrique Millesimata

We have tasted for you: DOMENIS1898's Grappa Secolo Barrique Millesimata

In poco più di 10 anni l’azienda agrigentina è diventata tra le realtà più interessanti e dinamiche nel panorama vitienologico siciliano con una storia dove vino e religione trovano un legame unico
martedi 13 agosto 2019

Cristo di Campobello, un “pellegrinaggio” nel vino di Sicilia

In poco più di 10 anni l’azienda agrigentina è diventata tra le realtà più interessanti e dinamiche nel panorama vitienologico siciliano con una storia dove vino e religione trovano un legame unico

Fabio Piccoli
Nell’enclave del Riesling abbiamo incontrato un pioniere della vinificazione del Pinot Nero. August Kesseler si racconta. 
martedi 13 agosto 2019

Oltre il Riesling: lo Spätburgunder in Rheingau è il regno di August Kesseler

Nell’enclave del Riesling abbiamo incontrato un pioniere della vinificazione del Pinot Nero. August Kesseler si racconta.

Giovanna Romeo
Intervista a Marco Nordio, italiano, in Nuova Zelanda da 16 anni e titolare di una società di importazione lunedi 12 agosto 2019

Nuova Zelanda: un binocolo puntato all'estremità del mondo

Intervista a Marco Nordio, italiano, in Nuova Zelanda da 16 anni e titolare di una società di importazione

Agnese Ceschi
Abbiamo degustato per voi la Grappa Secolo Barrique Millesimata di DOMENIS1898 sabato 10 agosto 2019

Italian wines in the world: Grappa Secolo Barrique Millesimata di DOMENIS1898

Abbiamo degustato per voi la Grappa Secolo Barrique Millesimata di DOMENIS1898

Lo Chardonnay continua ad essere il vino più apprezzato dai consumatori americani. Un successo che dimostra parecchie cose e spazza via molti pericolosi luoghi comuni che ancora sono presenti nel nostro Paese
venerdi 09 agosto 2019

Cosa ci insegna lo Chardonnay negli Usa

Lo Chardonnay continua ad essere il vino più apprezzato dai consumatori americani. Un successo che dimostra parecchie cose e spazza via molti pericolosi luoghi comuni che ancora sono presenti nel nostro Paese

Fabio Piccoli
Torniamo a focalizzare la nostra attenzione sul direct shipping, scoprendo il parere di alcuni importanti testimoni dell’area retail statunitense
giovedi 08 agosto 2019

Direct To Consumer, cosa ne pensano i retailer negli USA?

Torniamo a focalizzare la nostra attenzione sul direct shipping, scoprendo il parere di alcuni importanti testimoni dell’area retail statunitense

Noemi Mengo
Abbiamo incontrato Emma Taveri, esperta in Destination Marketing e Management CEO di Destination Markers e ci siamo fatti spiegare perché il vino dovrebbe puntare su questo mercoledi 07 agosto 2019

Come far diventare il vostro territorio una wine destination di successo?

Abbiamo incontrato Emma Taveri, esperta in Destination Marketing e Management CEO di Destination Markers e ci siamo fatti spiegare perché il vino dovrebbe puntare su questo

Agnese Ceschi
Abbiamo degustato per voi il Barbera d'Asti Superiore di Cascina Ciuché mercoledi 07 agosto 2019

Italian wines in the world: Barbera d'Asti Superiore di Cascina Ciuché

Abbiamo degustato per voi il Barbera d'Asti Superiore di Cascina Ciuché

Direttore Consorzio Tutela D.O.C martedi 06 agosto 2019

Offerta di Lavoro

Direttore Consorzio Tutela D.O.C

La prematura scomparsa di Franco Zanovello, titolare di Cà Lustra, priva il settore vitienologico italiano non solo di un ottimo produttore ma anche di un uomo vero, autentico, amante della sua terra, i Colli Euganei

Addio Franco, anima degli Euganei

La prematura scomparsa di Franco Zanovello, titolare di Cà Lustra, priva il settore vitienologico italiano non solo di un ottimo produttore ma anche di un uomo vero, autentico, amante della sua terra, i Colli Euganei

Fabio Piccoli
Non perdere tempo, i Campus Online di Wine People completano la tua formazione anche durante l'estate. martedi 06 agosto 2019

Campus Online di Wine People, la formazione anche sotto l’ombrellone

Non perdere tempo, i Campus Online di Wine People completano la tua formazione anche durante l'estate.

We have tasted for you Azienda Vinicola Anna Spinato's Rosato IGT Trevenezie 2018 tuesday 06 august 2019

Italian wines in the world: Azienda Vinicola Anna Spinato's Rosato IGT Trevenezie 2018

We have tasted for you Azienda Vinicola Anna Spinato's Rosato IGT Trevenezie 2018

Fabio Tavazzani
Il Friulano di Ronco Blanchis, un bianco fresco, la cui capacità di invecchiamento sorprende i palati
martedi 06 agosto 2019

Il Friulano che sorprende negli anni

Il Friulano di Ronco Blanchis, un bianco fresco, la cui capacità di invecchiamento sorprende i palati

Scopriamo assieme gli interessanti speech del WEMDay 2019. lunedi 05 agosto 2019

Wine Export Manager Day: la prima novità sono gli speaker!

Scopriamo assieme gli interessanti speech del WEMDay 2019.

Agnese Ceschi
Un approfondimento sul mercato sud coreano con la head sommelier Su-Jin Park ci fa scoprire uno dei mercati più dinamici in Asia di questo momento lunedi 05 agosto 2019

Hon-Sul, vini naturali e orange: i nuovi trend della Corea del Sud

Un approfondimento sul mercato sud coreano con la head sommelier Su-Jin Park ci fa scoprire uno dei mercati più dinamici in Asia di questo momento

Agnese Ceschi
La storica azienda di Bassano del Grappa ha scelto di essere una distilleria aperta che ospita al mese decine di migliaia di visitatori lunedi 05 agosto 2019

Poli, quando grappa fa rima con ospitalità

La storica azienda di Bassano del Grappa ha scelto di essere una distilleria aperta che ospita al mese decine di migliaia di visitatori

Lavinia Furlani


sfondo_wm