Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

 
lunedi 23 luglio 2018 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com

Michele Shah Tommasi WineNet https://www.poderidalnespoli.com/ https://www.cantinafrentana.it Azienda Agricola Coali roncoblanchis.it Farina Enartis Tebaldi wbwe Wine Monitor Fondazione Edmund Mach

Il tabù dei prezzi dei vini in Italia

Il nostro sistema vitivinicolo continua ad essere refrattario ad accettare una maggiore trasparenza e gestione dei prezzi delle denominazioni, anche di quelle più importanti e in crescita. Questo determina una costante fragilità del nostro sistema e il rischio di presidiare in maniera migliore il posizionamento dei vini italiani


Il tabù dei prezzi dei vini in Italia
Un tabù secondo il dizionario di lingua italiana Sabatini Coletti, è “tutto ciò che è oggetto di un divieto senza fondamento oggettivo o ciò di cui si preferisce non parlare”.
Ci sembra una spiegazione che calza a pennello per quello che noi consideriamo il principale tabù del vino italiano: il prezzo.
E’ un argomento di cui si parla pochissimo in maniera ufficiale e anche quando lo si fa non lo si approfondisce mai con dati precisi, con analisi accurate e trasparenti, ma quasi sempre con modalità superficiali o evasive.
Spesso, magari, si polemizza in maniera generica sui prezzi dei nostri vini, ma alla fine sembra che mai nessuno voglia andare in profondità quasi fosse, appunto, un tabù che è meglio non “profanare”.
Scriviamo ancora una volta di prezzi prendendo spunto, come ci capita spesso, dall’editoriale del master of wine Patrick Schmitt, direttore responsabile di The Drink Business.
Schmitt nel suo editoriale scrive dell’ennesimo record conseguito dalle uve prodotte per realizzare lo Champagne che hanno raggiunto il prezzo medio esattamente di 6 euro al kg.
Considerando che per realizzare ogni bottiglia di Champagne è necessario circa 1,2 kg di uve significa che solo per la materia prima il costo di una bottiglia da 0,75 supera i 7 euro. “E’ stato pertanto impressionante " scrive Schmitt " trovare sugli scaffali francesi, belgi, inglesi, prima di quest’ultimo Natale brand di Champagne a prezzi non superiori a quello sopra indicato”.
Bravo Schmitt così significa parlare chiaro e mettere “i piedi dentro il piatto” senza tante metafore o giri di parole.
Ma questo è possibile su prodotti come lo Champagne, ma anche in Borgogna, forse un po’ meno nella grande denominazione di Bordeaux, dove le informazioni sui prezzi circolano in maniera molto più trasparente.
Ma il tema del prezzo viene posto in maniera molto più chiara, senza tabù, nelle culture anglosassoni ed è questa la ragione, ad esempio, che porta il direttore di The Drink Business a parlarne senza reticente o timori.
Da noi il prezzo, ma più in generale, il tema dei “soldi” rimane un tabù invalicabile. E’ la stessa ragione, ad esempio, che per conoscere i reali fatturati delle nostre aziende serva una vera e propria attività di intelligence.
Eppure la problematica “prezzo” rimane forse quella più complessa all’interno del nostro sistema vitivinicolo.
Proprio in questi giorni ci siamo imbattuti nella richiesta del monopolio finlandese Alko di Etna Red Wine con la specifica richiesta che nell’etichetta deve essere riportato che è prodotto da suoli prevalentemente vulcanici. Se poi il vino avesse caratteristiche adeguate per essere idoneo al riconoscimento dell’Alko Green, questo rappresenterebbe un ulteriore vantaggio nella valutazione del monopolio finlandese.
A questo punto di aspetti un prezzo di tutto rispetto e invece ci troviamo di fronte ad un, a nostro parere, modesto 6 euro (per una fornitura di 1.500 litri per 4 mesi) e tra i 6-8 euro (per una richiesta di 1.000 litri per 4 mesi).
Se poi andiamo osservare la richiesta per il bianco Etna si scende a meno di 3,8 euro (2.000 litri/4 mesi), tra i 3,8-5,8 litri (1.000 litri/4 mesi).
Se consideriamo che oggi il brand Etna è forse tra i più trendy ed autorevoli a livello internazionale a noi sembra che siano prezzi difficilmente giustificabili.
Come spesso sottolineiamo quando parliamo di prezzi, non vogliamo assolutamente fare i paladini moralistici sul presidio sacro del prezzo. Non siamo così ingenui, conosciamo bene le regole del mercato.
Ma proprio perché lo conosciamo esortiamo i produttori italiani a dotarsi di strumenti di gestione e controllo dei prezzi. Lasciare libero il mercato, senza nemmeno un minimo di trasparenza, a nostro parere è un suicidio che rischia di far male anche a denominazioni che sono in grande crescita.

Fabio Piccoli

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
L’amore per il vino italiano cresce, cerchiamo di capire i motivi di questo successo e le possibilità ancora da esplorare.
lunedi 23 luglio

Vino italiano in Cina: quali sono i nuovi trend e chi acquista i vini importati?

L’amore per il vino italiano cresce, cerchiamo di capire i motivi di questo successo e le possibilità ancora da esplorare.

Noemi Mengo
Il 21 luglio lo spumante Akènta riemergerà dal mare, un momento di spettacolo accompagnato da tanti festeggiamenti
venerdi 20 luglio

AKÈNTA DAY (& NIGHT): una giornata speciale ed uno spettacolo imperdibile

Il 21 luglio lo spumante Akènta riemergerà dal mare, un momento di spettacolo accompagnato da tanti festeggiamenti

Lo storico presidente di Slow Food ha ricordato il dovere delle imprese vitivinicole ad investire in cultura sia per “restituire” alla collettività i benefici di cui può godere sia per esaltare ulteriormente il suo legame con le risorse culturali del nostro Paese

Grazie a Carlo Petrini per averci ricordato il primato della cultura

Lo storico presidente di Slow Food ha ricordato il dovere delle imprese vitivinicole ad investire in cultura sia per “restituire” alla collettività i benefici di cui può godere sia per esaltare ulteriormente il suo legame con le risorse culturali del nostro Paese

Fabio Piccoli
Nelle fasce più giovani di consumatori interesse nei confronti di lattine e bag in box e ormai gli inglesi non evidenziano più differenze tra i tappi in sughero e quelli a vite

Le preferenze di formati e chiusure nel mercato del Regno Unito

Nelle fasce più giovani di consumatori interesse nei confronti di lattine e bag in box e ormai gli inglesi non evidenziano più differenze tra i tappi in sughero e quelli a vite

Francesco Piccoli
Intervista a Michael Blaise, Vice Presidente per la Sostenibilità di Vinventions giovedi 19 luglio

La svolta sostenibile di Vinventions

Intervista a Michael Blaise, Vice Presidente per la Sostenibilità di Vinventions

È  la consapevolezza a fare la differenza tra un buon e un ottimo manager, tra un imprenditore capace e un imprenditore di successo

Cosa ci rende buoni manager o buoni imprenditori?

È la consapevolezza a fare la differenza tra un buon e un ottimo manager, tra un imprenditore capace e un imprenditore di successo

Roberta Zantedeschi
Ecco un aggiornamento sulla tendenza in atto del consumo di vino o bevande a basso contenuto alcolico martedi 17 luglio

Low- o No-alcohol wines, sì o no?

Ecco un aggiornamento sulla tendenza in atto del consumo di vino o bevande a basso contenuto alcolico

Agnese Ceschi
La competizione, porta d’ingresso per entrare nel mercato e portavoce dei gusti dei consumatori asiatici, lancia la “call to entries” per i produttori italiani, con scadenza al 22 luglio 2018. Affrettatevi!
lunedi 16 luglio

WM rinnova la mediapartnership con l’Hong Kong International Wine and Spirits Competition

La competizione, porta d’ingresso per entrare nel mercato e portavoce dei gusti dei consumatori asiatici, lancia la “call to entries” per i produttori italiani, con scadenza al 22 luglio 2018. Affrettatevi!

Wine Export Manager Senior e Junior lunedi 16 luglio

Offerta di Lavoro

Wine Export Manager Senior e Junior

Il parere di Andrzej Sajniak, importatore polacco e titolare di Caterteam Sp.zo.o e dei punti vendita lunedi 16 luglio

Vino italiano in Polonia: quando l'alta qualità non basta

Il parere di Andrzej Sajniak, importatore polacco e titolare di Caterteam Sp.zo.o e dei punti vendita "Piccola Italia & Mediterraneo" di Varsavia

Noemi Mengo
La freschezza del Chiaretto incontra la pizza contemporanea di Renato Bosco nella terrazza estiva di Monte Zovo venerdì 20 luglio 2018. 
lunedi 16 luglio

Chiaretto&Pizza: l’aperitivo gourmet firmato Monte Zovo e Renato Bosco

La freschezza del Chiaretto incontra la pizza contemporanea di Renato Bosco nella terrazza estiva di Monte Zovo venerdì 20 luglio 2018.

Domenica 8 luglio, luna e stelle hanno fatto luce sui vigneti di Monte Gorna, a Treccastagni, ai piedi dell'Etna per un evento speciale: Notturno in Vigna. domenica 15 luglio

Nasce sull'Etna una nuova narrazione del vino

Domenica 8 luglio, luna e stelle hanno fatto luce sui vigneti di Monte Gorna, a Treccastagni, ai piedi dell'Etna per un evento speciale: Notturno in Vigna.

Lisa Sanfilippo
We have tasted for you Siddùra's Maìa Vermentino di Gallura DOCG Superiore 2016 saturday 14 july

Italian wines in the world: Siddùra's Maìa Vermentino di Gallura DOCG Superiore 2016

We have tasted for you Siddùra's Maìa Vermentino di Gallura DOCG Superiore 2016

Abbiamo degustato per voi il Maìa Vermentino di Gallura DOCG Superiore 2016 di Siddùra sabato 14 luglio

Italian wines in the world: Maìa Vermentino di Gallura docg Superiore 2016 di Siddùra

Abbiamo degustato per voi il Maìa Vermentino di Gallura DOCG Superiore 2016 di Siddùra

All'attrice inglese Helen Mirren il Premio che è diventato negli anni uno degli appuntamenti più importanti nel panorama degli eventi culturali organizzati da un’azienda vitivinicola

Premio Apollonio per gli ulivi del Salento

All'attrice inglese Helen Mirren il Premio che è diventato negli anni uno degli appuntamenti più importanti nel panorama degli eventi culturali organizzati da un’azienda vitivinicola

Il nostro sistema vitivinicolo continua ad essere refrattario ad accettare una maggiore trasparenza e gestione dei prezzi delle denominazioni, anche di quelle più importanti e in crescita. Questo determina una costante fragilità del nostro sistema e il rischio di presidiare in maniera migliore il posizionamento dei vini italiani

Il tabù dei prezzi dei vini in Italia

Il nostro sistema vitivinicolo continua ad essere refrattario ad accettare una maggiore trasparenza e gestione dei prezzi delle denominazioni, anche di quelle più importanti e in crescita. Questo determina una costante fragilità del nostro sistema e il rischio di presidiare in maniera migliore il posizionamento dei vini italiani

Fabio Piccoli
Ultimi giorni per iscriversi al tour dal 2 al 4 ottobre 2018. Ecco i motivi per cui non potete perdervelo!
venerdi 13 luglio

Partecipa al Tour Vietnam 2018 con Unexpected Italian

Ultimi giorni per iscriversi al tour dal 2 al 4 ottobre 2018. Ecco i motivi per cui non potete perdervelo!

Interview with Marco Martini, CEO of Mondodelvino SpA CEO, one of the most interesting and innovative Italian wine groups of Italy and ranked 17 among Italian wine companies in terms of sales in 2017. giovedi 12 luglio

Mondodelvino: one entity, many territories

Interview with Marco Martini, CEO of Mondodelvino SpA CEO, one of the most interesting and innovative Italian wine groups of Italy and ranked 17 among Italian wine companies in terms of sales in 2017.

L'intervista ad uno dei massimi sommelier vietnamiti Alex Thinh giovedi 12 luglio

Giovane ed orientabile: il Vietnam è una delle promesse asiatiche

L'intervista ad uno dei massimi sommelier vietnamiti Alex Thinh

Agnese Ceschi
Scopri la promozione estiva pensata per supportarti nell’internazionalizzazione e comunicazione dei tuoi prodotti nel mondo
mercoledi 11 luglio

Scegli Wine Meridian come Media partner e cambia la tua comunicazione

Scopri la promozione estiva pensata per supportarti nell’internazionalizzazione e comunicazione dei tuoi prodotti nel mondo