Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

http://www.winemeridian.com/
lunedi 21 gennaio 2019 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com

vinojobs Wine Monitor Cantina Santa Maria La Palma Fondazione Edmund Mach Michele Shah Siddura WineNet CVA Canicatti https://www.cantinafrentana.it Azienda Agricola Coali roncoblanchis.it https://corte-de-pieri.business.site/ www.ilvinocomunica.it https://www.accordinistefano.it/  http://acquesi.it/ wm Vyno Dienos Farina Enartis Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ Tebaldi valdoca pertinace
martedi 18 dicembre

Il valore aggiunto di un vino? Nasce dal cuore della terra e cresce sotto il sole

Principe di Corleone punta al marketing del territorio con il nuovo San Loè Metodo Classico Brut


Il valore aggiunto di un vino? Nasce dal cuore della terra e cresce sotto il sole
Una storia che parla di un prodotto e del gusto di un pubblico che sta diventando più ricettivo che mai, ma la differenza, quando si parla di vitigni autoctoni, la fa il “sapore del territorio”, unico al mondo.

Siamo nel cuore della Sicilia, terra che grazie alle condizioni meteo peculiari di cui gode durante tutto l’anno, regala alle proprie uve caratteristiche inconfondibili, che permettono la creazione di vini strutturati e spumanti freschi senza pari.
Fra i vitigni che elevano la bellezza e l’unicità dell’isola troviamo anche il Nerello Mascalese, vitigno autoctono storico, originario della piana di Mascali, da cui deriva il suo nome. Le pendici nord orientali dell’Etna godono di un clima unico rispetto al resto della Sicilia; la brezza del mare tocca il vulcano e ne mitiga le temperature, mentre i terreni, frutto del susseguirsi di eruzioni, presentano una forte componente minerale.

San Loè Metodo Classico Brut, l’intuizione dell’azienda Principe di Corleone, nasce proprio da questo vitigno dalle caratteristiche generose che il territorio così vocato alla produzione gli dona. Il nome evoca la località, per l’appunto la contrada di “San Loè” (San Lorenzo), a pochi chilometri da Palermo, delimitata da presenze naturalistiche quali la Riserva della Ficuzza e Rocca Busambra.

Vincenzo Pollara, il titolare dell’azienda, ci ha raccontato la storia che lo ha portato a creare un prodotto, che possa penetrare i mercati, ma sempre portando alto il valore della Sicilia, un vino che attraverso l’assaggio porti al naso e alla bocca l’essenza della sicilianità, creando immagini suggestive per chi è nuovo alla sua degustazione, e ricordi preziosi a chi ha vissuto il territorio siciliano nei suoi sapori e nelle sue tradizioni.

Emozionato e orgoglioso del proprio lavoro, ci ha portato con sé in un viaggio a ritroso nel tempo, fino a 50 anni fa, quando già accompagnava il nonno tra i filari a raccogliere le uve. Vincenzo, allora giovane enologo con la voglia di sperimentare, si è lasciato travolgere da un’intuizione, ovvero quella di provare a cambiare la storica produzione delle uve di mascalese per poi scoprire che si prestavano benissimo alla spumantizzazione.
San Loè Metodo Classico Brut nasce da uve raccolte in cassetta, pigiate e lavorate con mosto bianco. Il risultato viene poi imbottigliato con tutti i lieviti e lasciato fermentare in bottiglia ad una temperatura controllata di 15 gradi. Un vino maturo, con un perlage delicato, fine e continuo.

Un riscontro positivo, che si percepisce nei mercati in cui Principe di Corleone esporta, in particolare Germania e Stati Uniti che si sono dimostrati colpiti dalla limpidezza e la gradevolezza di un vino proveniente da uve genericamente dedicate alla produzione di rossi importanti.

“Il consumatore, nella maggior parte dei mercati, è ancora in fase di educazione. Apprezza il vino e l’esperienza di degustazione è sempre positiva, ma ottenere la piena memorabilità è il compito più difficile” afferma Vincenzo Pollara.
“Al contrario del mercato italiano, già pronto e sul quale lavoriamo costantemente organizzando eventi, degustazioni e momenti di incontro con i consumatori, i nostri prodotti all’estero penetrano sul mercato sfidando più ostacoli.
Una sfida che, sicuramente, ci accomuna a molte aziende del territorio italiano, che soffrono di una mancata comunicazione efficace delle denominazioni e delle regioni vocate. Ciò che necessitiamo tutti, è un marketing del territorio, promosso dalle istituzioni, dai consorzi, che formi i consumatori sui territori italiani in maniera unificata, evitando la poco proficua promozione di ogni singola realtà.” Continua.

“La concorrenza c’è, ad esempio Cile e Australia fanno il loro ingresso sui mercati con prodotti dai prezzi molto competitivi, ma il valore aggiunto è con noi, ce l’abbiamo sotto gli occhi e sotto i piedi, è il nostro territorio, un elemento che nessun altro Paese può vantare e per la cui promozione credo dovremo continuare a lottare. Le speranze e le aspettative però ci sono, e sono buone” conclude Vincenzo Pollara. 
Il valore aggiunto di un vino? Nasce dal cuore della terra e cresce sotto il sole
Noemi Mengo

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Which one should I choose? Let's ask Nicola Dal Maso, owner of the Dal Maso winery monday 21 january

Durello Classic Method or Durello Charmat?

Which one should I choose? Let's ask Nicola Dal Maso, owner of the Dal Maso winery

Produzione sostenibile e territorio incontaminato sono gli ingredienti base dell’azienda piemontese che punta a sposare i mercati del mondo. Come? Grazie al rapporto con la cucina italiana all’estero
lunedi 21 gennaio

Oltre il Bio, la visione di Tenuta Montemagno che esalta i vitigni autoctoni

Produzione sostenibile e territorio incontaminato sono gli ingredienti base dell’azienda piemontese che punta a sposare i mercati del mondo. Come? Grazie al rapporto con la cucina italiana all’estero

Partecipa con noi a Vyno Dienos, la fiera più importante per il mercato dei paesi Baltici, il 3 e 4 maggio
lunedi 21 gennaio

Wine Meridian vola in Lituania, il mercato driver dei paesi Baltici

Partecipa con noi a Vyno Dienos, la fiera più importante per il mercato dei paesi Baltici, il 3 e 4 maggio

Presentato il 14 gennaio il primo master al mondo dedicato alla formazione di manager per i patrimoni agricoli dell’umanità venerdi 18 gennaio

Patrimonio dell’umanità: il Soave fa scuola

Presentato il 14 gennaio il primo master al mondo dedicato alla formazione di manager per i patrimoni agricoli dell’umanità

Quale scegliere? La parola a Nicola Dal Maso
venerdi 18 gennaio

Durello Metodo Classico o Durello Charmat?

Quale scegliere? La parola a Nicola Dal Maso

Il 30 gennaio la presentazione del primo progetto di rete per le piccole e medie imprese del vino italiano. Un progetto per condividere azioni di comunicazione, di commercializzazione in Italia e all’estero e di gestione comune di risorse umane

Wine Meridian presenta il progetto Rete di Impresa per le pmi del vino italiane

Il 30 gennaio la presentazione del primo progetto di rete per le piccole e medie imprese del vino italiano. Un progetto per condividere azioni di comunicazione, di commercializzazione in Italia e all’estero e di gestione comune di risorse umane

Fabio Piccoli
Ecco le nostre tappe internazionali previste per il 2019
venerdi 18 gennaio

Wine Meridian around the world

Ecco le nostre tappe internazionali previste per il 2019

Preparati a mettere in agenda i prossimi appuntamenti internazionali del progetto che promuove il biologico nel mondo giovedi 17 gennaio

Organic Value: il calendario del 2019 è pronto!

Preparati a mettere in agenda i prossimi appuntamenti internazionali del progetto che promuove il biologico nel mondo

Sono in tanti a chiedere da anni la riforma delle Anteprime delle nostre principali denominazioni ma poi non viene mai presentato un progetto concreto. Se questo è vero quali le ragioni di questa difficoltà a rinnovare un format che a noi appare da tempo obsoleto?

Ma quali nuove Anteprime?

Sono in tanti a chiedere da anni la riforma delle Anteprime delle nostre principali denominazioni ma poi non viene mai presentato un progetto concreto. Se questo è vero quali le ragioni di questa difficoltà a rinnovare un format che a noi appare da tempo obsoleto?

Fabio Piccoli
Il nuovo anno di Vinventions: tappi all’insegna dello sviluppo sostenibile dalla A alla Z
giovedi 17 gennaio

Quando la sostenibilità passa anche per il tappo

Il nuovo anno di Vinventions: tappi all’insegna dello sviluppo sostenibile dalla A alla Z

La testata americana premia la regione gardesana grazie al suo vino e al paesaggio e il Chiaretto di Bardolino è indicato come “uno dei migliori rosati d’Italia” giovedi 17 gennaio

Il Garda: unica area italiana tra le Top 10 destinazioni vinicole al mondo, secondo Wine Enthusiast

La testata americana premia la regione gardesana grazie al suo vino e al paesaggio e il Chiaretto di Bardolino è indicato come “uno dei migliori rosati d’Italia”

Imprenditrice del vino toscana, resterà in carica per il triennio 2019 - 2022 mercoledi 16 gennaio

Donatella Cinelli Colombini confermata Presidente Nazionale delle Donne Del Vino

Imprenditrice del vino toscana, resterà in carica per il triennio 2019 - 2022

Quando ascoltiamo la versione dell’azienda e la versione del manager e ci domandiamo chi dei due ha ragione...

Le due campane delle risorse umane

Quando ascoltiamo la versione dell’azienda e la versione del manager e ci domandiamo chi dei due ha ragione...

Andrea Pozzan
Scenari futuri e consigli degli esperti in un mercato in rapida e certa evoluzione come quello oltremanica martedi 15 gennaio

La grande B (come Brexit)

Scenari futuri e consigli degli esperti in un mercato in rapida e certa evoluzione come quello oltremanica

Agnese Ceschi
Focus su Slovacchia, Repubblica Ceca e Lettonia, mete ambite da molti esportatori, ma fonte di successo di pochi, ecco svelato il perché. lunedi 14 gennaio

Est Europa e Baltico: quali prospettive future?

Focus su Slovacchia, Repubblica Ceca e Lettonia, mete ambite da molti esportatori, ma fonte di successo di pochi, ecco svelato il perché.

Noemi Mengo
In aumento gli under 35 e le quote rosa che vogliono approfondire il mondo del vino venerdi 11 gennaio

AIS Veneto: più giovani e più donne tra i sommelier

In aumento gli under 35 e le quote rosa che vogliono approfondire il mondo del vino

Da alcuni anni ormai si parla di riformare le anteprime dei grandi vini italiani ma alla fine nulla cambia con il rischio sempre più evidente di trovarsi di fronte ad iniziative costose con un’efficacia sempre più limitata

Anteprime vini, una riforma che non si può più rimandare

Da alcuni anni ormai si parla di riformare le anteprime dei grandi vini italiani ma alla fine nulla cambia con il rischio sempre più evidente di trovarsi di fronte ad iniziative costose con un’efficacia sempre più limitata

Fabio Piccoli
La storica cantina sociale dei Castelli romani vuole andare oltre i preconcetti, per affermare la bontà e le potenzialità delle sue produzioni venerdi 11 gennaio

Gotto D’Oro: il Lazio che rivendica la qualità in Italia e all'estero

La storica cantina sociale dei Castelli romani vuole andare oltre i preconcetti, per affermare la bontà e le potenzialità delle sue produzioni

Nuova edizione ad aprile 2019: diventare export manager del vino

Campus Export Manager: entrare nel mondo del vino

Nuova edizione ad aprile 2019: diventare export manager del vino

Sarah Norell ci fa comprendere come la sostenibilità stia diventando un fattore sempre più di impatto nell’industria vinicola svedese.
giovedi 10 gennaio

Ekologiskt? Yes, please!

Sarah Norell ci fa comprendere come la sostenibilità stia diventando un fattore sempre più di impatto nell’industria vinicola svedese.

Agnese Ceschi
Responsabile Vendite Italia - Canale HORECA mercoledi 09 gennaio

Offerta di lavoro

Responsabile Vendite Italia - Canale HORECA



http://www.winemeridian.com/