Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

 
giovedi 28 maggio 2020 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers



http://www.grafical.it/it/  www.cantinatollo.it cantina settesoli mossi 1558 perdomini vidra.com Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ valdoca pertinace vinojobs Wine Monitor Fondazione Edmund Mach Cantina di Custoza Masciarelli WineNet CVA Canicatti https://www.cantinafrentana.it Corte De Pieri way to go www.unexpecteditalian.it Vigna Belvedere CIR

Il valore della rabbia

Come tutte le nostre emozioni la rabbia può essere un nemico. Oppure un grande alleato, anche in tempi di crisi. Tutto dipende dal nostro modo di gestirla.



Il valore della rabbia


Come imprenditori del vino non possiamo certo negare che questo periodo ci abbia letteralmente sommersi di emozioni.
Come per tutti, anche noi, chiusi non come il vino in una bottiglia, ma come uomini e professionisti nelle nostre case, ci siamo sentiti impotenti.
Abbiamo rintracciato nelle numerose interviste che abbiamo fatto agli operatori del settore molte sensazioni ma, di sicuro, una di quelle che più fra tutte si è fatta sentire è la rabbia.
Maledetta rabbia, oseremmo dire!
Se invece vi dicessimo che, come in tutte le emozioni, anche questa potrebbe insegnarci qualcosa?

La rabbia è un’emozione primaria legata ai nostri istinti di sopravvivenza.
Un tempo la agivamo per difendere il nostro territorio da predatori.
Oggi per proteggere i nostri ambienti mentali da pensieri, credenze, azioni o condizioni che non collimano con le nostre.
Ci arrabbiamo insomma con chi pensa o fa diversamente da noi. I nostri nemici sono coloro che invadono, magari senza permesso, i nostri confini: fisici o mentali. Questo tipo di persone o situazioni li chiamiamo nemici.
Per questi proviamo solitamente odio e avversione. O, perlomeno, antipatia.
Partendo da questo presupposto già è facile comprendere che la rabbia verso il nemico non sia poi così tanto una cosa folle.
Banalmente, è il nostro sistema di difesa e sopravvivenza che si mette all’opera.

Perché però, spingendoci oltre, potremmo vederla come una risorsa?
Prima di tutto perché queste persone e queste condizioni sono per noi una cartina tornasole incredibile.
Ci aiutano a scorgere i limiti delle nostre convinzioni e delle nostre credenze, così come delle nostre strategie, permettendoci di oltrepassarli o, quantomeno, di ampliare l’orizzonte dei nostri.
Quando ci arrabbiamo con un nostro nemico probabilmente lo facciamo perché questo esprime un’idea o un modo d’essere diverso dal nostro. Se stiamo ben attenti questi momenti potrebbero perciò indicarci, meglio di altri, il modo in cui siamo fatti e le idee che abbiamo.
A questo punto possiamo permanere nell’odio.
Oppure, scelta per lo meno più curiosa, possiamo chiederci come mai noi la vediamo diversamente. Cosa ci spinge a non voler cambiare e rimanere relegati in quei confini.
I nemici ci spronano a pensare come quell'idea o quell’agito, pur lontano da noi, potrebbe arricchirci se non addirittura migliorarci. O quantomeno mettere in discussione una conoscenza.

Facciamo un esempio traslando dalla dimensione interpersonale a quella di impresa: questa situazione di crisi ci ha fatto arrabbiare. Eppure, a ben vedere, è stata più capace di altre nel mostrarci alcuni dei nostri limiti imprenditoriali:
- La resistenza che abbiamo al cambiamento.
- La poca creatività che a volte abbiamo dimostrato.
- La scarsa conoscenza delle tecnologie digitali a nostra disposizione.
- La necessità di esercitare la pazienza e l’esigenza di creare modelli più sostenibili. Il che non significa solo a minor impatto ambientale, ma anche processi più snelli, efficienti e quindi economicamente vantaggiosi.
- L’esigenza di rivedere il nostro operato in modo Smart: essere più flessibili, meno inchiodati ad orari fissi ma a obiettivi di performance (per i ruoli che possono ovviamente) e abili nel creare il giusto rapporto fra vita professionale e personale/famigliare.
- Ideare nuove modalità per la vendita del vino.
- La consapevolezza di vedere con onestà i limiti delle risorse umane che vivono le nostre aziende e l’esigenza di riorganizzare su questo versante il nostro team.

L’aspetto positivo è che questi limiti, che ora si sono palesati forse con più evidenza, possono essere colmati e sovvertiti attraverso la giusta presa di coscienza e, per procedere, con l’opportuna formazione e azione necessaria.
Accogliamo e isoliamo la rabbia, non sovrapponiamola ad altre emozioni come la preoccupazione, e proviamo ad ascoltarla per poi arrivare a trasformarla nelle nostre imprese.


Prendiamo, come esempio, le risorse umane in azienda. Molti di voi hanno dichiarato di aver provato rabbia e frustrazione nel vedere dipendenti inermi e incapaci di re-inventarsi in una quotidianità professionale. Dopo aver accolto questa emozione, e non sta certo a noi verificarne la legittimità legata ai vostri collaboratori, avrete uno scenario molto più lucido sul fronte risorse umane.
E potreste iniziare a farvi le prime domande trasformative che, partendo da una situazione di rabbia, vi porteranno ad una situazione di cambiamento:

- Chi non ha saputo reggere la situazione in azienda?
- Quali limiti personali di queste persone sono emersi?
Ricordiamo che i limiti sono già presenti dentro ognuno di noi e nelle situazioni di difficoltà emergono in modo più immediato.
C’è qualcuno che ha manifestato invece risorse inaspettate?
Insomma, la rabbia iniziale, se vissuta e ascoltata, ci accompagna in un’analisi aziendale che potrebbe produrre dei cambiamenti proficui.

Con questo non vogliamo dire che la situazione non sia stata e sarà difficile, o che non sia stato lecito arrabbiarsi, semplicemente abbiamo deciso di guardare le cose da un altro punto di vista, per aumentare il numero delle possibilità a nostra disposizione invece che diminuirlo.
Insomma, abbiamo deciso di esplorare con voi il valore della rabbia.






Questo articolo è scritto a 4 mani con Alessandro Fortis, che collabora con noi nello straordinario viaggio delle competenze trasversali e della psicologia aziendale che ci possono aiutare nel percorso di manager del vino consapevoli.
Alessandro ha una laurea in formazione e più di dieci anni di esperienza alle spalle, dove ha coordinato diversi progetti di formazione trasversale, diretto rubriche di psicologia aziendale e crede fermamente che per essere qualcosa o qualcuno devi prima pensare di non esserlo: per questo ogni giorno studia e ogni anno attiva nuovi progetti di sostegno al business.







Lavinia Furlani e Alessandro Fortis

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
La grande enocatena italiana arriva on line e completa la Wine Experience proposta con circa 1500 referenze, selezionate dagli esperti di Signorvino fra le aziende più rappresentative di ogni zona a vocazione vinicola. giovedi 28 maggio 2020

Signorvino apre il canale e-commerce

La grande enocatena italiana arriva on line e completa la Wine Experience proposta con circa 1500 referenze, selezionate dagli esperti di Signorvino fra le aziende più rappresentative di ogni zona a vocazione vinicola.

Le prime anticipazioni della ricerca “Enoturismo: I Consorzi del vino e il territorio”, commissionata dal Consorzio Tutela del Gavi all’Università Bocconi, che verrà presentata all’assegnazione del Premio Gavi giovedi 28 maggio 2020

I Consorzi di Tutela del vino protagonisti del nuovo enoturismo

Le prime anticipazioni della ricerca “Enoturismo: I Consorzi del vino e il territorio”, commissionata dal Consorzio Tutela del Gavi all’Università Bocconi, che verrà presentata all’assegnazione del Premio Gavi "La Buona Italia 2020".

Partecipa al formato innovativo di Speedtasting digital il prossimo 7 e 8 luglio per incontrare e fare assaggiare i tuoi vini ad almeno 10 importatori di più di 10 Paesi europei. giovedi 28 maggio 2020

SPEEDTASTING B2B DIGITAL: la nuova frontiera per intercettare importatori

Partecipa al formato innovativo di Speedtasting digital il prossimo 7 e 8 luglio per incontrare e fare assaggiare i tuoi vini ad almeno 10 importatori di più di 10 Paesi europei.

Il Covid-19 ha cambiato le scelte dei consumatori britannici e americani sia in termini di modalità di acquisto, ma anche di prodotto acquistato. giovedi 28 maggio 2020

Usa e Regno Unito: le abitudini di consumo tra nuovi e vecchi trend

Il Covid-19 ha cambiato le scelte dei consumatori britannici e americani sia in termini di modalità di acquisto, ma anche di prodotto acquistato.

Agnese Ceschi
Assoenologi ha organizzato una nuova diretta per parlare del difficile momento per l'industria del vino. giovedi 28 maggio 2020

Le risposte delle Istituzioni e l'analisi degli enologi del mondo

Assoenologi ha organizzato una nuova diretta per parlare del difficile momento per l'industria del vino.

Astrid Panizza
Due terzi degli italiani disposti a pagare 20% in più per garantirsi l’italianità del prodotto. Bandiera italiana e claim “100% italiano” fanno crescere le vendite. giovedi 28 maggio 2020

Voglia di Made in Italy: il packaging “tricolore” paga

Due terzi degli italiani disposti a pagare 20% in più per garantirsi l’italianità del prodotto. Bandiera italiana e claim “100% italiano” fanno crescere le vendite.

Emanuele Fiorio
L'indagine di Global Web Index traccia i profili di alcuni comportamenti ricorrenti del consumatori mondiali. Diventeranno questi i paradigmi del panorama della Nuova Normalità? giovedi 28 maggio 2020

Il ventaglio di alternative della Nuova Normalità

L'indagine di Global Web Index traccia i profili di alcuni comportamenti ricorrenti del consumatori mondiali. Diventeranno questi i paradigmi del panorama della Nuova Normalità?

Agnese Ceschi
Per la cantina altoatesina la vendita di vino nel commercio al dettaglio di generi alimentari raggiunge il 45% e si apre la Norvegia come nuovo mercato. mercoledi 27 maggio 2020

Cantina Bolzano: strategie anti-crisi

Per la cantina altoatesina la vendita di vino nel commercio al dettaglio di generi alimentari raggiunge il 45% e si apre la Norvegia come nuovo mercato.

Siamo alla ricerca di nuove idee, testimonianze di successo per raccontare un'Italia che non si ferma. mercoledi 27 maggio 2020

Wine Meridian recruiter di storie vincenti: aspettiamo te!

Siamo alla ricerca di nuove idee, testimonianze di successo per raccontare un'Italia che non si ferma.

Astrid Panizza
Per le aziende statunitensi è una fase cruciale, rimangono le vendite online e gli happy hour virtuali ma molti puntano sulle degustazioni all’aperto. mercoledi 27 maggio 2020

Usa: i produttori affrontano la riapertura

Per le aziende statunitensi è una fase cruciale, rimangono le vendite online e gli happy hour virtuali ma molti puntano sulle degustazioni all’aperto.

Emanuele Fiorio
Slancio positivo per gli spumanti italiani che si assicurano il 35% del mercato totale, il Prosecco sta diventando un “every day wine”, un’abitudine di consumo degli americani. mercoledi 27 maggio 2020

Usa: gli spumanti italiani non perdono un colpo

Slancio positivo per gli spumanti italiani che si assicurano il 35% del mercato totale, il Prosecco sta diventando un “every day wine”, un’abitudine di consumo degli americani.

Emanuele Fiorio
We have tasted for you Masot’s Colfondo igt Colli Trevigiani 2017 wednesday 27 may 2020

Italian wines in the world: Masot’s Colfondo igt Colli Trevigiani 2017

We have tasted for you Masot’s Colfondo igt Colli Trevigiani 2017

Ottimo periodo pre-pandemia, i principali fornitori europei di vini sfusi sono cresciuti a 2 cifre in volume, ma l’emergenza globale produrrà perdite sostanziali. mercoledi 27 maggio 2020

Export vini sfusi: la “Belle Èpoque” prima del Covid-19

Ottimo periodo pre-pandemia, i principali fornitori europei di vini sfusi sono cresciuti a 2 cifre in volume, ma l’emergenza globale produrrà perdite sostanziali.

Emanuele Fiorio
In attesa dello sblocco del canale Horeca negli Usa, aziende, distributori e importatori si confrontano per pianificare lo sviluppo dell’agroalimentare italiano nel post Covid-19
mercoledi 27 maggio 2020

Prepararsi al rilancio del vino italiano negli Usa

In attesa dello sblocco del canale Horeca negli Usa, aziende, distributori e importatori si confrontano per pianificare lo sviluppo dell’agroalimentare italiano nel post Covid-19

Astrid Panizza
Un sistema di finanziamento alternativo e innovativo che crea l’incontro tra produttori vitivinicoli italiani di qualità e wine lovers trasformando l’acquisto in un’esperienza con l’inedita possibilità di acquistare anche En Primeur. martedi 26 maggio 2020

Nasce CrowdWine: la prima piattaforma di crowdfunding dedicata al vino italiano

Un sistema di finanziamento alternativo e innovativo che crea l’incontro tra produttori vitivinicoli italiani di qualità e wine lovers trasformando l’acquisto in un’esperienza con l’inedita possibilità di acquistare anche En Primeur.