Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

 
domenica 22 aprile 2018 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com

WineNet Azienda Agricola Coali Farina Enartis http://www.principedicorleone.it/ Iron3 www.farinatransparency.com Tebaldi valdoca pertinace vinojobs wbwe Wine Monitor Fondazione Edmund Mach Michele Shah Tommasi

Il vignaiolo eroico dell’Isola del Giglio e i paradossi italiani

A Francesco Carfagna è stata comminata una multa di 8.000 euro e il rischio di 11 giorni di galera semplicemente per aver ripulito pochi metri quadri di sterpaglia per evitare che questa fagocitasse la sua piccola vigna


Il vignaiolo eroico dell’Isola del Giglio e i paradossi italiani

Francesco Carfagna


Conosciamo Francesco Carfagna da molti anni e lo scriviamo subito è un caro amico. Ma questa amicizia sincera non ci impedisce di essere obiettivi nel raccontare l’ennesima storia di paradossi, contraddizioni italiane.
Ma prima di arrivare all’attualità è fondamentale fare una seppur breve premessa (anche se per raccontare la storia di Francesco Carfagna e la sua “avventura viticola” all’Isola del Giglio servirebbe un libro).
Francesco, dopo aver frequentato l’Isola del Giglio da ragazzo in vacanza, decide di trasferirsi definitivamente nella splendida isola dell’arcipelago toscano, nel 1985.
E’ una scelta molto coraggiosa, qualcuno potrebbe anche affermare ai limiti della follia, ma per Francesco inseguire i sogni e prodigarsi al massimo affinché essi si realizzino da sempre è stata una sua impronta di vita.
Da insegnante di matematica in un liceo a Firenze, pur di poter sopravvivere nella suggestiva ma difficile Isola del Giglio, Francesco accetta un mare di diversi lavori, a partire dal muratore.
Tappa però fondamentale nel suo percorso isolano è l’apertura di un piccolissimo ma splendido ristorante, il mitico (per tutti coloro che hanno avuto la fortuna di frequentarlo) “Arcobalena”. Lì, aiutato dalla moglie Gabriella e da suo figlio più grande Mattia e poi dalla più piccola Irene inizia ad esprimere creatività anche nell’arte della cucina. Ma tutto sempre all’insegna del rispetto dell’ambiente, delle persone, dei luoghi. E tra un piatto e l’altro Francesco intratteneva gli ospiti raccontando poesie e il suo sogno più importante, coltivare e produrre vino all’Isola del Giglio.
Erano gli anni (verso la fine degli anni 90 primi del 2000) in cui era partito, grazie a grandi uomini della viticoltura italiana come il prof. Mario Fregoni, e funzionari pubblici illuminati come Giovanni Piscolla (Regione Toscana) e Walter Nunziatini (Provincia di Grosseto), uno straordinario progetto per il rilancio della viticoltura delle piccole isole del Mediterraneo.
Sono stati anni unici ed irripetibili dove è stato possibile vedere realizzati progetti ritenuti quasi impossibili.
E uno di questi è stata l’Altura, la piccola azienda realizzata grazie ad un massacrante recupero durato più di 10 anni di quattro ettari di antichi vigneti abbarbicati sui pendii più scoscesi nella parte sud-ovest dell'Isola del Giglio.
Siamo stati diretti e fortunati testimoni di questo incredibile decennio (che prosegue tuttora) di recupero faticoso, di ripristino di muretti a secco, di reimpianto di barbatelle di Ansonaco divorate costantemente dalla moltitudine di conigli presenti (e ovviamente protetti come una sorta di “specie in via di estinzione”) e di continue vessazioni derivanti da quel dedalo allucinante di leggi che invece di rendere migliore il nostro Paese lo uccide lentamente e subdolamente.
Una di queste leggi ha portato nei giorni scorsi Francesco a ricevere l’ennesima offesa con una denuncia che definire grottesca è poco.
Francesco, infatti, commette il “gravissimo” reato di tagliare qualche rovo per fare pulizia ed evitare che la vegetazione selvaggia si riprenda la vigna vanificando cosi gli enormi sforzi fatti. Il giudice però non la pensa così perché quel suolo è vincolato all’interno del Parco nazionale dell’Arcipelago Toscano e non è stata chiesta nessuna autorizzazione, pertanto condanna Francesco Romano Carfagna e gli viene comminata una multa di ben 8.000 euro. Ma la beffa non finisce qui, infatti se la multa non verrà pagata (con generosità gli è stata proposta la possibilità di farlo in 20 comode rate), Francesco dovrà scontare 11 giorni nella patrie galere.
Francesco in questi giorni sta portando avanti con la sua famiglia una battaglia contro questa ennesima ingiustizia italiana che di fatto “ha equiparato il taglio di una frasca alla lottizzazione abusiva a scopo edilizio”.
Lo fa con le armi che da sempre l’hanno contraddistinto e cioè quelle del rispetto del prossimo e l’uso intelligente dell’ironia, anche quella più amara.
Innanzitutto ha scritto al presidente della Regione Toscana Enrico Rossi e al presidente del Parco, Giampiero Sammuri una lettera nella quale dichiara:”Se fossimo giungla il patrimonio sarebbe giungla. Ma siamo da sempre vigne, orti, frutti. Il patrimonio allora dovrebbe essere vigneto e paesaggio agricolo». E aggiunge: «Il recupero di questa agricoltura così difficile comporta comunque, oltre a una altissima dose di buona volontà e di amore (cuore puro), altrettanto altissimi costi e lavoro manuale enorme. Tanto è vero che gli opportunisti, speculatori, cacciatori di contributi e creatori di aziende fantasma sono piuttosto rari in questi territori, poco adatti ai loro scopi”.
E’ proprio così Francesco e tu con il tuo lavoro straordinario testimoni, più di tante chiacchere, di cosa vuol dire vivere di “sola terra”, di accettare sacrifici anche enormi, senza compromessi, per rimanere coerentemente un vignaiolo e un uomo vero.
Supererai anche questo, noi siamo con te.


Fabio Piccoli

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Chiusi i battenti di una 52a edizione di grande successo di Vinitaly è opportuno chiedersi se tale risultato è da ascrivere ad una medesima vitalità delle nostre imprese vitivinicole

Il successo di Vinitaly è speculare allo stato di salute del vino italiano?

Chiusi i battenti di una 52a edizione di grande successo di Vinitaly è opportuno chiedersi se tale risultato è da ascrivere ad una medesima vitalità delle nostre imprese vitivinicole

Fabio Piccoli
Claudio Farina: “D’ora in poi i nostri vini avranno tappi Select Green della Nomacorc a tutela dei nostri investimenti in vigna e cantina e a garanzia dei nostri clienti”
giovedi 19 aprile

Farina sceglie i tappi Select Green della Nomacorc

Claudio Farina: “D’ora in poi i nostri vini avranno tappi Select Green della Nomacorc a tutela dei nostri investimenti in vigna e cantina e a garanzia dei nostri clienti”

Le stime a poche ore dalla chiusura parlano di 4380 aziende, 128 mila presenza e 32 mila operatori stranieri con al primo posto la conferma degli USA giovedi 19 aprile

Vinitaly 2018 all'insegna della positività

Le stime a poche ore dalla chiusura parlano di 4380 aziende, 128 mila presenza e 32 mila operatori stranieri con al primo posto la conferma degli USA

Agnese Ceschi
Mercoledì 18 aprile annunciati i sei vincitori della terza edizione del contest organizzato da Wine Meridian per trovare idee innovative di comunicazione e promozione del vino: Tenute Piccini, Tenuta Cocci Grifoni, Francesca Negri, The Round Table - Consorzio tutela del Gavi, Associazione Nazionale Città del Vino e Antonio Castelli


mercoledi 18 aprile

I vincitori del III concorso “Il Meridiano del Vino”

Mercoledì 18 aprile annunciati i sei vincitori della terza edizione del contest organizzato da Wine Meridian per trovare idee innovative di comunicazione e promozione del vino: Tenute Piccini, Tenuta Cocci Grifoni, Francesca Negri, The Round Table - Consorzio tutela del Gavi, Associazione Nazionale Città del Vino e Antonio Castelli

Una pubblicazione preziosa, curata da  Stevie Kim, direttrice di Vinitaly International e Ian D’Agata, direttore scientifico di Vinitaly International Academy, che presenta il vino italiano per la prima volta non partendo dalle denominazioni ma dai vitigni

Italian Wine Unplugged, quando spiegare la grande diversità del vino italiano è possibile

Una pubblicazione preziosa, curata da Stevie Kim, direttrice di Vinitaly International e Ian D’Agata, direttore scientifico di Vinitaly International Academy, che presenta il vino italiano per la prima volta non partendo dalle denominazioni ma dai vitigni

Inaugurata la 52a di Vinitaly con un rinnovato spirito collaborativo tra istituzioni e una presenza della politica (quella dei partiti) mai così forte nel passato

Vinitaly si apre all’insegna del “fare sistema” e della politica in prima fila

Inaugurata la 52a di Vinitaly con un rinnovato spirito collaborativo tra istituzioni e una presenza della politica (quella dei partiti) mai così forte nel passato

Fabio Piccoli
Dall’annuale analisi delle prime 155 imprese vitivinicole italiane (con fatturato superiore ai 25 milioni di euro) emerge un’industria vitivinicola italiana nel 2017 in crescita sia in termini di fatturato (+6,5%) che di export (+7,7%)

I big del vino italiano in salute nel rapporto di Mediobanca

Dall’annuale analisi delle prime 155 imprese vitivinicole italiane (con fatturato superiore ai 25 milioni di euro) emerge un’industria vitivinicola italiana nel 2017 in crescita sia in termini di fatturato (+6,5%) che di export (+7,7%)

Fabio Piccoli
Mentre l’Italia del vino spesso teme di la sua incredibile biodiversità vitienologica, Spagna e Cile cercano di dare un’immagine più complessa della loro offerta enologica per aumentare la propria reputazione e il posizionamento dei propri vini

Spagna e Cile cercano di “assomigliare” all’Italia

Mentre l’Italia del vino spesso teme di la sua incredibile biodiversità vitienologica, Spagna e Cile cercano di dare un’immagine più complessa della loro offerta enologica per aumentare la propria reputazione e il posizionamento dei propri vini

Fabio Piccoli
La selezione di Wine Meridian degli appuntamenti più interessanti, e originali, di questa 52a edizione di Vinitaly

Vinitaly 2018: gli appuntamenti, secondo noi, da non perdere

La selezione di Wine Meridian degli appuntamenti più interessanti, e originali, di questa 52a edizione di Vinitaly

Il Global Wine Brand Index di Wine Intelligence ha evidenziato in Yellow Tail (Australia) e Casillero del Diablo (Cile) i due brand aziendali del vino maggiormente riconosciuti dai consumatori

Quando è il brand aziendale a prevalere

Il Global Wine Brand Index di Wine Intelligence ha evidenziato in Yellow Tail (Australia) e Casillero del Diablo (Cile) i due brand aziendali del vino maggiormente riconosciuti dai consumatori

Francesco Piccoli
Il debutto della nuova formula a Vinitaly mercoledi 11 aprile

Vini Buoni d'Italia ed Enosocial assieme per l'acquisto dei vini in fiera

Il debutto della nuova formula a Vinitaly

Fissa un appuntamento con i nostri esperti di risorse umane durante i giorni di Vinitaly

Stai cercando lavoro nel mondo del vino? Vieni a presentarti

Fissa un appuntamento con i nostri esperti di risorse umane durante i giorni di Vinitaly

Focus su Stati Uniti con analisi sul mercato all'evento inaugurale di Vinitaly mercoledi 11 aprile

Vinitaly-Nomisma: Controsorpasso negli Usa, Italia del Vino di nuovo prima

Focus su Stati Uniti con analisi sul mercato all'evento inaugurale di Vinitaly

A dieci anni dall’ultima edizione, un nuovo libro dal titolo “Wine Marketing mercoledi 11 aprile

Tutti i segreti del Wine Marketing in un nuovo libro

A dieci anni dall’ultima edizione, un nuovo libro dal titolo “Wine Marketing" a cura di Nomisma Wine Monitor e con il supporto di Business Strategies

L'iniziativa di Ewmd Verona in collaborazione con Vinitaly and The City con esperti dell’enoturismo a Bardolino il 14 aprile. mercoledi 11 aprile

Convegni: turisti tra le vigne toccano 13 milioni di arrivi

L'iniziativa di Ewmd Verona in collaborazione con Vinitaly and The City con esperti dell’enoturismo a Bardolino il 14 aprile.

Torna a Villa Favorita di Sarego (VI) la tre giorni dedicata ai vini naturali con 158 produttori presenti mercoledi 11 aprile

Villa Favorita 2018: Vinnatur guarda al futuro

Torna a Villa Favorita di Sarego (VI) la tre giorni dedicata ai vini naturali con 158 produttori presenti

Una ventata di aria fresca per la cantina bresciana: nuove etichette creative, realizzate da Raineri Design e una preziosa collaborazione con l’enologo Stefano Chioccioli
mercoledi 11 aprile

Borgo La Caccia si rinnova: un restyling creativo e tante altre novità

Una ventata di aria fresca per la cantina bresciana: nuove etichette creative, realizzate da Raineri Design e una preziosa collaborazione con l’enologo Stefano Chioccioli

Bertani è tra i 100 migliori produttori italiani selezionati per partecipare all’evento “OperaWine, Finest Italian Wines: 100 Great Producers”, organizzato da Wine Spectator e Vinitaly.
mercoledi 11 aprile

Bertani ad OperaWine 2018 con l'Amarone Classico 2008

Bertani è tra i 100 migliori produttori italiani selezionati per partecipare all’evento “OperaWine, Finest Italian Wines: 100 Great Producers”, organizzato da Wine Spectator e Vinitaly.

Dopo due mesi dall'inizio della nostra attvità formativa, i protagonisti ci raccontano la loro esperienza

Campus Vendita e Campus Impresa: la formazione pratica per il mondo del vino

Dopo due mesi dall'inizio della nostra attvità formativa, i protagonisti ci raccontano la loro esperienza