Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

 
lunedi 25 giugno 2018 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com

https://www.cantinafrentana.it Azienda Agricola Coali Farina Enartis http://www.principedicorleone.it/ Iron3 Tebaldi valdoca pertinace wbwe Wine Monitor Fondazione Edmund Mach Michele Shah Tommasi WineNet

Il vignaiolo eroico dell’Isola del Giglio e i paradossi italiani

A Francesco Carfagna è stata comminata una multa di 8.000 euro e il rischio di 11 giorni di galera semplicemente per aver ripulito pochi metri quadri di sterpaglia per evitare che questa fagocitasse la sua piccola vigna


Il vignaiolo eroico dell’Isola del Giglio e i paradossi italiani

Francesco Carfagna


Conosciamo Francesco Carfagna da molti anni e lo scriviamo subito è un caro amico. Ma questa amicizia sincera non ci impedisce di essere obiettivi nel raccontare l’ennesima storia di paradossi, contraddizioni italiane.
Ma prima di arrivare all’attualità è fondamentale fare una seppur breve premessa (anche se per raccontare la storia di Francesco Carfagna e la sua “avventura viticola” all’Isola del Giglio servirebbe un libro).
Francesco, dopo aver frequentato l’Isola del Giglio da ragazzo in vacanza, decide di trasferirsi definitivamente nella splendida isola dell’arcipelago toscano, nel 1985.
E’ una scelta molto coraggiosa, qualcuno potrebbe anche affermare ai limiti della follia, ma per Francesco inseguire i sogni e prodigarsi al massimo affinché essi si realizzino da sempre è stata una sua impronta di vita.
Da insegnante di matematica in un liceo a Firenze, pur di poter sopravvivere nella suggestiva ma difficile Isola del Giglio, Francesco accetta un mare di diversi lavori, a partire dal muratore.
Tappa però fondamentale nel suo percorso isolano è l’apertura di un piccolissimo ma splendido ristorante, il mitico (per tutti coloro che hanno avuto la fortuna di frequentarlo) “Arcobalena”. Lì, aiutato dalla moglie Gabriella e da suo figlio più grande Mattia e poi dalla più piccola Irene inizia ad esprimere creatività anche nell’arte della cucina. Ma tutto sempre all’insegna del rispetto dell’ambiente, delle persone, dei luoghi. E tra un piatto e l’altro Francesco intratteneva gli ospiti raccontando poesie e il suo sogno più importante, coltivare e produrre vino all’Isola del Giglio.
Erano gli anni (verso la fine degli anni 90 primi del 2000) in cui era partito, grazie a grandi uomini della viticoltura italiana come il prof. Mario Fregoni, e funzionari pubblici illuminati come Giovanni Piscolla (Regione Toscana) e Walter Nunziatini (Provincia di Grosseto), uno straordinario progetto per il rilancio della viticoltura delle piccole isole del Mediterraneo.
Sono stati anni unici ed irripetibili dove è stato possibile vedere realizzati progetti ritenuti quasi impossibili.
E uno di questi è stata l’Altura, la piccola azienda realizzata grazie ad un massacrante recupero durato più di 10 anni di quattro ettari di antichi vigneti abbarbicati sui pendii più scoscesi nella parte sud-ovest dell'Isola del Giglio.
Siamo stati diretti e fortunati testimoni di questo incredibile decennio (che prosegue tuttora) di recupero faticoso, di ripristino di muretti a secco, di reimpianto di barbatelle di Ansonaco divorate costantemente dalla moltitudine di conigli presenti (e ovviamente protetti come una sorta di “specie in via di estinzione”) e di continue vessazioni derivanti da quel dedalo allucinante di leggi che invece di rendere migliore il nostro Paese lo uccide lentamente e subdolamente.
Una di queste leggi ha portato nei giorni scorsi Francesco a ricevere l’ennesima offesa con una denuncia che definire grottesca è poco.
Francesco, infatti, commette il “gravissimo” reato di tagliare qualche rovo per fare pulizia ed evitare che la vegetazione selvaggia si riprenda la vigna vanificando cosi gli enormi sforzi fatti. Il giudice però non la pensa così perché quel suolo è vincolato all’interno del Parco nazionale dell’Arcipelago Toscano e non è stata chiesta nessuna autorizzazione, pertanto condanna Francesco Romano Carfagna e gli viene comminata una multa di ben 8.000 euro. Ma la beffa non finisce qui, infatti se la multa non verrà pagata (con generosità gli è stata proposta la possibilità di farlo in 20 comode rate), Francesco dovrà scontare 11 giorni nella patrie galere.
Francesco in questi giorni sta portando avanti con la sua famiglia una battaglia contro questa ennesima ingiustizia italiana che di fatto “ha equiparato il taglio di una frasca alla lottizzazione abusiva a scopo edilizio”.
Lo fa con le armi che da sempre l’hanno contraddistinto e cioè quelle del rispetto del prossimo e l’uso intelligente dell’ironia, anche quella più amara.
Innanzitutto ha scritto al presidente della Regione Toscana Enrico Rossi e al presidente del Parco, Giampiero Sammuri una lettera nella quale dichiara:”Se fossimo giungla il patrimonio sarebbe giungla. Ma siamo da sempre vigne, orti, frutti. Il patrimonio allora dovrebbe essere vigneto e paesaggio agricolo». E aggiunge: «Il recupero di questa agricoltura così difficile comporta comunque, oltre a una altissima dose di buona volontà e di amore (cuore puro), altrettanto altissimi costi e lavoro manuale enorme. Tanto è vero che gli opportunisti, speculatori, cacciatori di contributi e creatori di aziende fantasma sono piuttosto rari in questi territori, poco adatti ai loro scopi”.
E’ proprio così Francesco e tu con il tuo lavoro straordinario testimoni, più di tante chiacchere, di cosa vuol dire vivere di “sola terra”, di accettare sacrifici anche enormi, senza compromessi, per rimanere coerentemente un vignaiolo e un uomo vero.
Supererai anche questo, noi siamo con te.


Fabio Piccoli

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Non lasciatevi spaventare dai consumi decrescenti degli scorsi anni, il mercato della Thailandia ritorna a vivere
lunedi 25 giugno

La grande ripresa del mercato Thailandese: spazio all’export italiano

Non lasciatevi spaventare dai consumi decrescenti degli scorsi anni, il mercato della Thailandia ritorna a vivere

Noemi Mengo
La campagna di promozione del vino italiano negli Usa, coordinata dall’Italian Trade Agency, attraverso le pagine pubblicitarie

Eleganza, passione e gusto, le tre parole per convincere gli americani a scegliere vino italiano

La campagna di promozione del vino italiano negli Usa, coordinata dall’Italian Trade Agency, attraverso le pagine pubblicitarie

Fabio Piccoli
Intervista a Marco Martini, CEO di Mondodelvino SpA, una delle realtà più interessanti ed innovative del panorama vitivinicolo italiano. 
venerdi 22 giugno

Mondo del Vino: una realtà, tanti territori

Intervista a Marco Martini, CEO di Mondodelvino SpA, una delle realtà più interessanti ed innovative del panorama vitivinicolo italiano.

Agnese Ceschi
Stipulato un accordo fra Tenute Piccini e Banca IFIS per una migliore gestione dei pagamenti per la consegna dell'uva e una facilitazione all'accesso del credito per le imprese agricole fornitrici coinvolte

giovedi 21 giugno

Tenute Piccini e Banca IFIS insieme per la crescita della filiera vitivinicola in Italia

Stipulato un accordo fra Tenute Piccini e Banca IFIS per una migliore gestione dei pagamenti per la consegna dell'uva e una facilitazione all'accesso del credito per le imprese agricole fornitrici coinvolte

Vini fermi accolti a braccia aperte dal mercato di Singapore, meno margine di crescita per gli sparkling, ma le previsioni per il 2021 vedono buono spazio di consolidamento per i brand italiani
giovedi 21 giugno

Il solido mercato di Singapore, vecchio amico con il quale sperimentare

Vini fermi accolti a braccia aperte dal mercato di Singapore, meno margine di crescita per gli sparkling, ma le previsioni per il 2021 vedono buono spazio di consolidamento per i brand italiani

Noemi Mengo
La presentazione dei nuovi Campus Vendita, Impresa ed Export Manager di Wine People mercoledi 20 giugno

Open Day Wine People Campus: il 12 ottobre presenteremo i nuovi corsi pensati per voi!

La presentazione dei nuovi Campus Vendita, Impresa ed Export Manager di Wine People

A version of Sicily inside Castelluccimiano’s glass 

wednesday 20 june

Catarratto and Perricone: mountain natives

A version of Sicily inside Castelluccimiano’s glass

Oltre venti espositori, tra aziende vitivinicole e produttori artigianali di specialità gastronomiche, si sono riuniti nel cuore del centro storico di Vicenza all'interno del Palazzo delle Opere Sociali in piazza Duomo in occasione di Garganica 2018 dal 9 all'11 giugno mercoledi 20 giugno

GARGANICA 2018: un evento per scoprire il Gambellara Doc

Oltre venti espositori, tra aziende vitivinicole e produttori artigianali di specialità gastronomiche, si sono riuniti nel cuore del centro storico di Vicenza all'interno del Palazzo delle Opere Sociali in piazza Duomo in occasione di Garganica 2018 dal 9 all'11 giugno

Una versione della Sicilia nel calice dell’azienda Castelluccimiano martedi 19 giugno

Catarratto e Perricone: gli indigeni di montagna

Una versione della Sicilia nel calice dell’azienda Castelluccimiano

Agnese Ceschi
I danni delle gravi grandinate che hanno coinvolto recentemente importanti territori produttivi della Francia sono stati comunicati in una maniera molto più chiara, dettagliata e trasparente rispetto alla modalità con cui questi eventi vengono raccontati nel nostro Paese

martedi 19 giugno

Danni da grandine, cosa ci insegna la Francia

I danni delle gravi grandinate che hanno coinvolto recentemente importanti territori produttivi della Francia sono stati comunicati in una maniera molto più chiara, dettagliata e trasparente rispetto alla modalità con cui questi eventi vengono raccontati nel nostro Paese

Fabio Piccoli
Interview with Pierangelo Tommasi, executive director of Tommasi Family Estates
monday 18 june

Tommasi: a history of family values and resourcefulness

Interview with Pierangelo Tommasi, executive director of Tommasi Family Estates

Il mercato cinese rappresenta una straordinaria opportunità anche per dimostrare finalmente la nostra capacità di coordinare attività di promozione, di selezionare i progetti con un criterio meritocratico e di monitorare con attenzione e trasparenza i risultati e l’efficacia delle iniziative

Il nostro pensiero sulla promozione del vino in Cina

Il mercato cinese rappresenta una straordinaria opportunità anche per dimostrare finalmente la nostra capacità di coordinare attività di promozione, di selezionare i progetti con un criterio meritocratico e di monitorare con attenzione e trasparenza i risultati e l’efficacia delle iniziative

Fabio Piccoli
Il Tai Rosso dei Colli Berici raccontato da Nicola Dal Maso venerdi 15 giugno

Focus sugli autoctoni: il Tai Rosso

Il Tai Rosso dei Colli Berici raccontato da Nicola Dal Maso

Medaglie importanti per i vini di Cantina di Soave al Decanter World Wine Awards 2018
venerdi 15 giugno

Best in show all’Amarone e Platino al Ripasso di Cantina Soave

Medaglie importanti per i vini di Cantina di Soave al Decanter World Wine Awards 2018

Negli Stati Uniti attualmente si consuma il 20% della produzione mondiale di vini rosé, dietro solo alla Francia. Sono la tipologia di vini dalla maggior crescita anche nel 2017 con un +59% rispetto all’anno precedente. La Francia con il 51% di quota di mercato è la leader seguita da Usa (37%) e Italia (5%). Ma quanto durerà questa evoluzione? giovedi 14 giugno

Non si arresta la crescita dei rosè negli Usa

Negli Stati Uniti attualmente si consuma il 20% della produzione mondiale di vini rosé, dietro solo alla Francia. Sono la tipologia di vini dalla maggior crescita anche nel 2017 con un +59% rispetto all’anno precedente. La Francia con il 51% di quota di mercato è la leader seguita da Usa (37%) e Italia (5%). Ma quanto durerà questa evoluzione?

Fabio Piccoli
Una panoramica sui fattori che rendono l’India un mercato potenziale giovedi 14 giugno

La nuova sfida futura in Asia passa dall’India

Una panoramica sui fattori che rendono l’India un mercato potenziale

Noemi Mengo
Ultimi giorni per iscriversi al tour dal 2 al 4 ottobre 2018. Ecco i motivi per cui non potete perdervelo!
mercoledi 13 giugno

Ultime possibilità per unirsi al Tour Vietnam 2018 con Unexpected Italian

Ultimi giorni per iscriversi al tour dal 2 al 4 ottobre 2018. Ecco i motivi per cui non potete perdervelo!

Sembra strano, ma parlando di valore quello che è ovvio per i prodotti e i servizi viene completamente disatteso quando si parla del lavoro delle persone.

Chi decide la retribuzione corretta per un manager?

Sembra strano, ma parlando di valore quello che è ovvio per i prodotti e i servizi viene completamente disatteso quando si parla del lavoro delle persone.