Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

 
domenica 31 maggio 2020 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers



Fondazione Edmund Mach Cantina di Custoza Masciarelli WineNet CVA Canicatti https://www.cantinafrentana.it Corte De Pieri way to go www.unexpecteditalian.it Vigna Belvedere CIR http://www.grafical.it/it/  www.cantinatollo.it cantina settesoli mossi 1558 perdomini vidra.com Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ valdoca pertinace vinojobs Wine Monitor
lunedi 24 giugno 2019

Il vino non solo in abbinamento al piatto. Parola di Bruno Barbieri!

L’intervista allo chef pluristellato Bruno Barbieri in occasione della visita in Sicilia alle cantine Duca di Salaparuta di Casteldaccia


Bruno Barbieri, sette stelle Michelin in carriera, giudice storico di Masterchef, guarda e raggiunge sempre più spesso la Sicilia, terra baciata dal mare e dal sole.
E lo fa non solo perché conquistato dalle potenzialità enogastronomiche dell’Isola, ma anche perché fortemente convinto che dietro i prodotti di questo territorio ci sia tanto da raccontare, scoprire, sperimentare.

Storie ed emozioni. Parole che lo chef pluristellato ripete tenacemente, soprattutto dopo avere avvicinato il bicchiere di vino al naso.
Chiude gli occhi e inspira intensamente: i profumi sono odori che vanno oltre, disegnano nella mente un piatto, qualcosa che forse ancora non si è visto e allora figuriamoci assaporato. La bellezza è nelle sensazioni, uniche e diverse.
Lo pensa e lo dice in occasione della degustazione tecnica organizzata lunedì 17 giugno dal gruppo Duca di Salaparuta, con cui lo chef ha stretto una partneship (il gruppo unisce i tre marchi storici di vino Corvo, Duca di Salaparuta e Florio).
Durante la sua presenza alle cantine Duca di Salaparuta di Casteladaccia, in provincia di Palermo, l’abbiamo incontrato per un’intervista.

Chef Barbieri una sua valutazione sul vino italiano e in particolare siciliano...

"Il mondo enologico in Italia sta facendo un lavoro davvero straordinario, cercando di raccontare il Paese, dal Nord al Sud, in maniera eccelsa con risultati evidenti. Per quanto riguarda i vini siciliani, io non posso che riferirmi ai vini Corvo: ho scelto infatti di lavorare con Duca di Salapuruta, perché credo che attraverso i suoi vini racconti emozione".

E in Sicilia come sta andando?
"Ogni volta che arrivo in Sicilia è sempre bellissimo: è una terra meravigliosa. Oggi durante la degustazione tecnica mi sono concentrato sui profumi e sulle sensazioni trasmesse dai vini, che sono stati presentati, cercando di trovare una qualche idea gastronomica. E devo dire che mi è piaciuto molto: ho scoperto cose molto interessanti, che metterò prossimamente e sicuramente in atto".

Quindi Lei pensa all’utilizzo del vino più nella preparazione dei piatti, che nell’abbinamento...
"In genere siamo abituati a vedere il vino abbinato ad un piatto finito, ma in realtà un cuoco deve sapere analizzare tutto ciò che c’è dentro il vino e da qui costruire e creare. In pratica andare alla radice dell’idea e da questa realizzare il piatto".

La Sicilia è una terra dalle innumerevoli potenzialità enoturistiche ed enogastronomiche. Secondo Lei quest’ultime quanto influiscono sullo sviluppo enoturistico?
"Credo che ci sia ancora molto da fare, ma non nell’ambito della produzione, perché in Sicilia ci sono grandi prodotti e grandi vini. Piuttosto si deve lavorare maggiormente nel marketing e nella comunicazione: solo così si riuscirà davvero a raccontare l’Isola.
Le prospettive ci sono tutte, il prodotto c’è. Bisogna solo seguire questa direzione, che è quella giusta. E allora sì che si potranno mettere in campo e realizzare anche tante altre grandi cose, penso ad esempio a nuovi posti di lavoro o anche ad un maggiore coinvolgimento dei giovani sia nel mondo della ristorazione che in quello enologico".

Qual è il ruolo del vino oggi nella ristorazione di qualità?
"È fondamentale e lo è non solo nella ristorazione di qualità. Si deve imparare a bere il vino pure a casa e certamente in questo caso puntare alla qualità".

Dopo il successo di Masterchef hanno cominciato a spopolare tantissimi format televisivi dedicati al cibo. Ma come mai, secondo Lei, non succede lo stesso per il vino?
"Fondamentalmente perché il vino è fatto di emozioni e sensazioni, che ognuno di noi prova nel momento in cui lo assaggia. Si tratta di un prodotto che si presenta già pronto, mentre nella cucina non è così: quando le materie prime arrivano si comincia a costruire il piatto.
Però un’idea interessante potrebbe essere fare dei programmi sul vino in periodi specifici, per esempio durante la vendemmia o per le differenti fasi di produzione.
Ci penso, perché l’idea è buona e potrebbe, perché no, nascere un nuovo formato televisivo".
Il vino non solo in abbinamento al piatto. Parola di Bruno Barbieri!
Lisa Sanfilippo

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Abbiamo degustato per voi Biologico Terre di Chieti IGP Passerina di Cantina Tollo sabato 30 maggio 2020

Italian wines in the world: Biologico Terre di Chieti IGP Passerina di Cantina Tollo

Abbiamo degustato per voi Biologico Terre di Chieti IGP Passerina di Cantina Tollo

Abbiamo degustato per voi l’Adènzia Bianco Sicilia Doc di Baglio del Cristo di Campobello sabato 30 maggio 2020

Italian wines in the world: Adènzia Bianco Sicilia Doc di Baglio del Cristo di Campobello

Abbiamo degustato per voi l’Adènzia Bianco Sicilia Doc di Baglio del Cristo di Campobello

Abbiamo degustato per voi il Lugana DOC Mandolara dell'azienda Le Morette sabato 30 maggio 2020

Italian wines in the world: Lugana DOC Mandolara dell' azienda Le Morette

Abbiamo degustato per voi il Lugana DOC Mandolara dell'azienda Le Morette

Non possiamo più sprecare energie nel lamentarci ma trovare tutte le soluzioni possibili per andare oltre questa crisi e lo dobbiamo fare in fretta. Due soluzioni ci sembrano tra le più utili e attuali: le reti di impresa e un migliore sfruttamento delle nostre denominazioni. venerdi 29 maggio 2020

Superare la crisi: cercasi soluzioni

Non possiamo più sprecare energie nel lamentarci ma trovare tutte le soluzioni possibili per andare oltre questa crisi e lo dobbiamo fare in fretta. Due soluzioni ci sembrano tra le più utili e attuali: le reti di impresa e un migliore sfruttamento delle nostre denominazioni.

Fabio Piccoli
La grande enocatena italiana arriva on line e completa la Wine Experience proposta con circa 1500 referenze, selezionate dagli esperti di Signorvino fra le aziende più rappresentative di ogni zona a vocazione vinicola. giovedi 28 maggio 2020

Signorvino apre il canale e-commerce

La grande enocatena italiana arriva on line e completa la Wine Experience proposta con circa 1500 referenze, selezionate dagli esperti di Signorvino fra le aziende più rappresentative di ogni zona a vocazione vinicola.

Le prime anticipazioni della ricerca “Enoturismo: I Consorzi del vino e il territorio”, commissionata dal Consorzio Tutela del Gavi all’Università Bocconi, che verrà presentata all’assegnazione del Premio Gavi giovedi 28 maggio 2020

I Consorzi di Tutela del vino protagonisti del nuovo enoturismo

Le prime anticipazioni della ricerca “Enoturismo: I Consorzi del vino e il territorio”, commissionata dal Consorzio Tutela del Gavi all’Università Bocconi, che verrà presentata all’assegnazione del Premio Gavi "La Buona Italia 2020".

Partecipa al formato innovativo di Speedtasting digital il prossimo 7 e 8 luglio per incontrare e fare assaggiare i tuoi vini ad almeno 10 importatori di più di 10 Paesi europei. giovedi 28 maggio 2020

SPEEDTASTING B2B DIGITAL: la nuova frontiera per intercettare importatori

Partecipa al formato innovativo di Speedtasting digital il prossimo 7 e 8 luglio per incontrare e fare assaggiare i tuoi vini ad almeno 10 importatori di più di 10 Paesi europei.

Il Covid-19 ha cambiato le scelte dei consumatori britannici e americani sia in termini di modalità di acquisto, ma anche di prodotto acquistato. giovedi 28 maggio 2020

Usa e Regno Unito: le abitudini di consumo tra nuovi e vecchi trend

Il Covid-19 ha cambiato le scelte dei consumatori britannici e americani sia in termini di modalità di acquisto, ma anche di prodotto acquistato.

Agnese Ceschi
Assoenologi ha organizzato una nuova diretta per parlare del difficile momento per l'industria del vino. giovedi 28 maggio 2020

Le risposte delle Istituzioni e l'analisi degli enologi del mondo

Assoenologi ha organizzato una nuova diretta per parlare del difficile momento per l'industria del vino.

Astrid Panizza
Due terzi degli italiani disposti a pagare 20% in più per garantirsi l’italianità del prodotto. Bandiera italiana e claim “100% italiano” fanno crescere le vendite. giovedi 28 maggio 2020

Voglia di Made in Italy: il packaging “tricolore” paga

Due terzi degli italiani disposti a pagare 20% in più per garantirsi l’italianità del prodotto. Bandiera italiana e claim “100% italiano” fanno crescere le vendite.

Emanuele Fiorio
L'indagine di Global Web Index traccia i profili di alcuni comportamenti ricorrenti del consumatori mondiali. Diventeranno questi i paradigmi del panorama della Nuova Normalità? giovedi 28 maggio 2020

Il ventaglio di alternative della Nuova Normalità

L'indagine di Global Web Index traccia i profili di alcuni comportamenti ricorrenti del consumatori mondiali. Diventeranno questi i paradigmi del panorama della Nuova Normalità?

Agnese Ceschi
Per la cantina altoatesina la vendita di vino nel commercio al dettaglio di generi alimentari raggiunge il 45% e si apre la Norvegia come nuovo mercato. mercoledi 27 maggio 2020

Cantina Bolzano: strategie anti-crisi

Per la cantina altoatesina la vendita di vino nel commercio al dettaglio di generi alimentari raggiunge il 45% e si apre la Norvegia come nuovo mercato.

Siamo alla ricerca di nuove idee, testimonianze di successo per raccontare un'Italia che non si ferma. mercoledi 27 maggio 2020

Wine Meridian recruiter di storie vincenti: aspettiamo te!

Siamo alla ricerca di nuove idee, testimonianze di successo per raccontare un'Italia che non si ferma.

Astrid Panizza
Per le aziende statunitensi è una fase cruciale, rimangono le vendite online e gli happy hour virtuali ma molti puntano sulle degustazioni all’aperto. mercoledi 27 maggio 2020

Usa: i produttori affrontano la riapertura

Per le aziende statunitensi è una fase cruciale, rimangono le vendite online e gli happy hour virtuali ma molti puntano sulle degustazioni all’aperto.

Emanuele Fiorio