Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

 
venerdi 25 maggio 2018 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com

Tebaldi valdoca pertinace vinojobs wbwe Wine Monitor Fondazione Edmund Mach Michele Shah Tommasi WineNet https://www.cantinafrentana.it Azienda Agricola Coali Farina Enartis http://www.principedicorleone.it/ Iron3
lunedi 30 aprile

In Australia cresce il trend del “formato alternativo”

In generale riscontri molto positivi per l’immagine del prodotto italiano in Australia. Tra i giovani dilaga la tendenza ad orientarsi su formati di bottiglie alternativi


In Australia cresce il trend del “formato alternativo”
Che l’Australia sia da anni un mercato vincente per i produttori vinicoli italiani, è ormai un dato di fatto, ma è sempre piacevole scoprire che le opportunità tricolori non si esauriscono in un mercato così consolidato, anzi aumentano. Secondo alcuni report (forniti dalla piattaforma di statistica Nielsen) la quota vendite dei prodotti alimentari italiani in Australia è aumentata del 7,4% con il 2017. Questo dato di per sé non ci conduce direttamente ad un aumento delle vendite per il prodotto vino, ma può sicuramente essere di buon auspicio: se l’appeal per il prodotto fresco Made in Italy aumenta, cresce anche il numero di consumatori venuti a conoscenza dello stile italiano, intenzionati, con tutta probabilità, ad immergersi maggiormente nella scoperta della vasta gamma di prodotti italiani, primo fra tutti il vino.

Ma le opportunità per l’export non finiscono qui. Il 2018 sembra essere l’anno dell’
alternative packaging, una tendenza che sta crescendo globalmente, e che ora sta insinuandosi anche nel mercato australiano, in particolare nella fascia di consumatori più giovani. Sempre secondo Nielsen, le bottiglie classiche in vetro (a livello globale, non considerando quindi solo il mercato australiano) occupano il 73% sul totale delle vendite, ma è chiaramente in crescita la piccola percentuale di acquisto di vini in lattina o altri formati. È naturale quindi chiedersi se il formato standard da 750ml continuerà ad occupare percentuali così alte in futuro.

Gli esperti di marketing australiani, infatti, sono già all’opera per non sopperire alla frenetica rivoluzione dell’utilizzo di materiali sempre più nuovi, accattivanti e soprattutto sostenibili. Questo è parte di quanto ci riporta anche uno degli ultimi report di Wine Intelligence: un focus sui cambiamenti nel consumo di vino, e sulla quantità dello stesso.

A livello sociologico, la tendenza riscontrata è quella di un consumo di vino ridotto nelle quantità per persona, il che vuol dire che il formato da 750ml può risultare eccessivo e sarebbe meglio orientarsi su volumi di 500ml o addirittura 375ml, a seconda della formalità o informalità del contesto in cui si consuma.
Stiamo naturalmente parlando di tendenze al momento davvero a lento sviluppo, perciò la bottiglia da 750ml sopravvivrà per ancora molto tempo. Sarà però interessante scoprire come evolverà il trend del vino nel packaging alternativo: secondo il report, infatti, i consumatori australiani under 35 sono sempre più invogliati ad allontanarsi dal 750ml, acquistando in parte bottiglie più grandi da 1,5l (soprattutto per la categoria rosè) e in parte molto più piccole. Questo, statisticamente, accade grazie ad una maggiore apertura mentale e consapevolezza dei formati esistenti dei giovani rispetto alle generazioni più anziane. L’apertura di cui stiamo parlando perciò porta inevitabilmente a considerare la maggiore fruibilità riscontrata del vino in lattina. In Italia non è al momento nemmeno considerabile, ma in Australia, in piccola parte, funziona, poiché è un formato che viene visto come disponibile, reperibile e probabilmente anche meno pretenzioso. C’è quindi una tendenza a cercare di guardare il vino da un’altra prospettiva, diversa e inusuale, un po’ per divertimento e, chissà, forse un po’ per noia.

Siamo ben lontani da un cambio di rotta nella scelta dei formati di bottiglia (la bottiglia da 750ml è ancora la bella signora che tutti si voltano a guardare), ma è bene essere aperti mentalmente e considerare tutte le ultime tendenze in crescita. 

Noemi Mengo

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
A Treviso, l’8 e il 22 giugno, i nuovi corsi di Gheusis “Comunicare con la stampa” e “Comunicare con le emozioni”

Le emozioni: conoscerle per comunicarle meglio

A Treviso, l’8 e il 22 giugno, i nuovi corsi di Gheusis “Comunicare con la stampa” e “Comunicare con le emozioni”

Il successo del Prosecco di questi ultimi anni aveva praticamente cancellato il ruolo e l’importanza dei diversi terroir produttivi nelle espressioni qualitative della Glera. Ultimamente sembra si voglia finalmente uscire da questo “anonimato”

Il Prosecco finalmente dà valore ai suoi terroir

Il successo del Prosecco di questi ultimi anni aveva praticamente cancellato il ruolo e l’importanza dei diversi terroir produttivi nelle espressioni qualitative della Glera. Ultimamente sembra si voglia finalmente uscire da questo “anonimato”

Fabio Piccoli
Come evitare l'effetto copia e rendere in modo autentico l'identità di un'azienda in pochi centimetri quadrati giovedi 24 maggio

Arconvert, quando l’etichetta esalta in maniera coerente l’identità

Come evitare l'effetto copia e rendere in modo autentico l'identità di un'azienda in pochi centimetri quadrati

Sabato 26 maggio 2018 a Scansano verrà ufficialmente inaugurata la nuova cantina dei Vignaioli del Morellino di Scansano, realtà storica maremmana da oggi dotata di una sede che punta ad arricchire l’offerta enoturistica locale.

La cantina cooperativa Vignaioli del Morellino di Scansano inaugura la nuova cantina

Sabato 26 maggio 2018 a Scansano verrà ufficialmente inaugurata la nuova cantina dei Vignaioli del Morellino di Scansano, realtà storica maremmana da oggi dotata di una sede che punta ad arricchire l’offerta enoturistica locale.

Dieci testimonial, tra produttori ed enologi, intervistati da Vino.tv per il colosso delle chiusure giovedi 24 maggio

Vinventions, da Nord a Sud l'Italia del vino sceglie l'innovazione

Dieci testimonial, tra produttori ed enologi, intervistati da Vino.tv per il colosso delle chiusure

Back Office Commerciale Estero - USA, Canada, Giappone

Offerta di lavoro

Back Office Commerciale Estero - USA, Canada, Giappone

Un’azienda più che centenaria, che vuole valorizzare i Colli Tortonesi per farli conoscere al mondo intero.
giovedi 24 maggio

Cantine Volpi, la storica realtà piemontese pioniera nella produzione del biologico

Un’azienda più che centenaria, che vuole valorizzare i Colli Tortonesi per farli conoscere al mondo intero.

Il contributo di Riedel, la nota casa di produzione di bicchieri, alla valorizzazione dei vini di qualità è ormai ampiamente riconosciuto, ma sono ancora troppi, anche tra gli addetti ai lavori, coloro che sottovalutano l’importanza della tipologia di bicchiere nell’esaltazione (o meno) delle caratteristiche di un vino

Grazie Riedel, ancora troppo inascoltato

Il contributo di Riedel, la nota casa di produzione di bicchieri, alla valorizzazione dei vini di qualità è ormai ampiamente riconosciuto, ma sono ancora troppi, anche tra gli addetti ai lavori, coloro che sottovalutano l’importanza della tipologia di bicchiere nell’esaltazione (o meno) delle caratteristiche di un vino

Fabio Piccoli
Careful selection of grapes and longer aging compared to official guidelines: this is Coali's philosophy thursday 24 may

From marble to wine: Azienda Agricola Coali in the heart of Valpolicella Classica

Careful selection of grapes and longer aging compared to official guidelines: this is Coali's philosophy

Agnese Ceschi
Il 12 ottobre l’Open Day per presentare i Campus 2018/2019. Saranno tre i percorsi di quest'anno: uno dedicato all'export manager uno alla vendita di vino e uno all'impresa.

Wine Campus: la formazione per i professionisti del vino

Il 12 ottobre l’Open Day per presentare i Campus 2018/2019. Saranno tre i percorsi di quest'anno: uno dedicato all'export manager uno alla vendita di vino e uno all'impresa.

Un luogo di condivisione per tutti  gli operatori di export

Wine-Out: il forum per gli export manager

Un luogo di condivisione per tutti gli operatori di export

Agnese Ceschi
Non perdetevi le nostre prossime tappe internazionali in autunno! martedi 22 maggio

Wine Meridian International Tour

Non perdetevi le nostre prossime tappe internazionali in autunno!

La seconda edizione della Scuola degli Imprenditori

Campus Impresa: come gestire una azienda del vino?

La seconda edizione della Scuola degli Imprenditori

Al via il Campus beginners: diventare export manager del vino

Campus Export Manager: entrare nel mondo del vino

Al via il Campus beginners: diventare export manager del vino

Marco Farnè, referente di Unexpected Italian ed export manager, ci spiega perché puntare al Vietnam, un mercato emergente dalle potenzialità di sviluppo molto interessanti anche per i vini italiani

Imprese del vino in Vietnam con Wine Meridian

Marco Farnè, referente di Unexpected Italian ed export manager, ci spiega perché puntare al Vietnam, un mercato emergente dalle potenzialità di sviluppo molto interessanti anche per i vini italiani

 Piccolo test pratico in quattro punti. Per entrare nel mercato giapponese, prima di qualsiasi passo, quello che occorre capire è se i vini hanno la potenzialità necessaria per piacere a quel mercato. martedi 22 maggio

I vostri vini piaceranno in Giappone?

Piccolo test pratico in quattro punti. Per entrare nel mercato giapponese, prima di qualsiasi passo, quello che occorre capire è se i vini hanno la potenzialità necessaria per piacere a quel mercato.

Roberto Bosticco, corrispondente da Tokyo
Dal 30 ottobre al 1 novembre 2018 andremo prima a Vancouver e poi a Seattle, due città centrali per il business del vino nord americano martedi 22 maggio

Partecipa con noi al tour Canada e Usa 2018

Dal 30 ottobre al 1 novembre 2018 andremo prima a Vancouver e poi a Seattle, due città centrali per il business del vino nord americano

Un corso per imparare a vendere più vino

Campus Vendita: la palestra per i venditori del vino

Un corso per imparare a vendere più vino