Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

http://www.winemeridian.com/
lunedi 21 gennaio 2019 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com

pertinace vinojobs Wine Monitor Cantina Santa Maria La Palma Fondazione Edmund Mach Michele Shah Siddura WineNet CVA Canicatti https://www.cantinafrentana.it Azienda Agricola Coali roncoblanchis.it https://corte-de-pieri.business.site/ www.ilvinocomunica.it https://www.accordinistefano.it/  http://acquesi.it/ wm Vyno Dienos Farina Enartis Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ Tebaldi valdoca

In British Columbia, dove la curiosità è di casa

Si conferma una delle province canadesi più dinamiche e curiose, con agenzie di importazione alla ricerca di novità e consumatori sempre più sofisticati. La sfida però è di fare vivere esperienze del made in Italy autentico


In British Columbia, dove la curiosità è di casa
Siamo a Vancouver per la quarta edizione del nostro Wine Meridian Tour che domani 1° novembre si concluderà a Seattle, nello Stato di Washington.
La British Columbia si conferma probabilmente la provincia più sofisticata e, per certi aspetti, complessa del mercato canadese.
Ormai ci sentiamo di casa in questa splendida provincia nella costa ovest canadese e per questo ci permettiamo alcune valutazioni che possono aiutare ad avere una chiave di lettura di questo importante mercato.
Partiamo dalle cose positive. Si tratta di un mercato estremamente curioso con agenzie di importazioni molto dinamiche, un monopolio (il British Columbia Liquor Distributor Branch) che nell’ultimo decennio ha allargato molto la sua offerta (sono più di 1.000 oggi le aziende vitivinicole, tra canadesi ed internazionali, presenti nel suo portfolio), una ristorazione di ottimo pregio e consumatori sempre più curiosi. Senza dimenticare che sono in aumento costante anche i liquor store privati che hanno superato abbondantemente le 1.000 unità.
Un mix di fattori, pertanto, che fa della British Columbia un mercato molto interessante anche per le imprese italiane.
Abbiamo avuto conferma di questa “curiosità” nei confronti dei vini italiani anche nelle due masterclass che abbiamo realizzato a Vancouver e che da settimane erano state completamente prenotate da parte di buyer e giornalisti di settore.
La folta e autorevole presenza testimonia come oggi gli operatori del trade di questa provincia non solo sono molto evoluti ma interessati a prodotti “diversi dal solito”, ad alto valore identitario e di autenticità.
Molto interesse, ad esempio, ha destato nei nostri tasting anche un vitigno poco noto, almeno fino ad oggi, come la Tintilia del Molise. Ma grande desiderio di approfondire la conoscenza di vitigni più noti come il Montepulciano d’Abruzzo o il Nero d’Avola. Dalle domande si evince facilmente la competenza e l’interesse.
Quali, allora, i punti di debolezza di questo mercato? Innanzitutto, ma questo è una costante un po’ ovunque nei mercati internazionali più maturi, la presenza crescente di competitor.
L’export ormai è una strategia (qualcuno parla, secondo noi erroneamente, di obbligo) che viene adottata da molte realtà del nostro Paese ed internazionali. Dobbiamo inevitabilmente fare i conti con questa competizione che si fa di anno in anno più dura. Significa che chi vuole essere competitivo sui mercati internazionali deve essere organizzato e consapevole che si tratta di un investimento a medio lungo termine.
Ci è piaciuto sentire da un’export manager rappresentante di una nota azienda siciliana che ci sottolineava:”E’ il terzo anno di fila che partecipo ad eventi in British Columbia. Il primo anno ho avviato i primi contatti che poi ho incontrato nuovamente al Prowein di Dusseldorf. Il secondo anno ho avuto i primi risultati, piccoli ma un primo segnale, e quest’anno spero di poter partire con ordini più cospicui. Ma so che si deve avere pazienza ed essere costanti e non illudersi di potercela fare con il mordi e fuggi”.
Una frase che andrebbe incorniciata e interiorizzata da tutti coloro che hanno responsabilità sul fronte export. Per chi necessita di strategie speculative, della serie devo trovare presto qualcuno che mi compra tanto prodotto magari ad un prezzo alto, non è certo l’export che potrà dargli soddisfazione (ma non sapremmo cosa altro consigliare a chi ha visioni di così breve respiro).
Il tempo significa denaro, lo sappiamo bene, e presidiare mercati costosi come tutto il Nord America non è cosa per tutti. Ed è per questo che noi non ci stancheremo mai di esortare molte aziende italiane ad accettare la sfida della rete di impresa.
Anche in questa tappa abbiamo incontrato molti importatori e la parola d’ordine è “the wineries must support us in our job”, le aziende devono supportarci nel lavoro qui sul campo. E stare sul campo, accompagnare gli importatori a visitare ristoranti, enoteche, wine bar, a fare formazione ai commerciali, ad investire nell’advertising, a migliorare il rating dei propri vini, significa essere obbligati ad avere “ossigeno” sufficiente.
Siamo onesti, allo stato attuale, viste le dimensioni medie delle aziende vitivinicole italiane, l’ossigeno sufficiente per presidiare al meglio i mercati internazionali, non ce l’hanno molte. Anche in questi giorni quasi tutti i produttori o export manager presenti ci hanno evidenziato come “quando stiamo qualche giorno o settimana con i nostri importatori le vendite si muovono, poi ritorniamo a casa e dopo un po’ tutto si rallenta”.
Una vecchia storia ma ancora di grande attualità, anzi oggi ancor più che nel passato.
Altre negatività non ne vediamo, anzi abbiamo sempre più la convinzione che ci sia ancora molto spazio di crescita per i vini italiani in questa parte del Canada.
Uno spazio che ci possiamo prendere aumentando soprattutto l’appeal generale del nostro Made in Italy. Ma per spiegare, comunicare il valore del Made in Italy, purtroppo, non bastano le pagine pubblicitarie in qualche magazine, è necessario fare vivere “esperienze italiane”.
E su questo fronte, ragazzi, senza squadra non si va da nessuna parte.

Fabio Piccoli

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Which one should I choose? Let's ask Nicola Dal Maso, owner of the Dal Maso winery monday 21 january

Durello Classic Method or Durello Charmat?

Which one should I choose? Let's ask Nicola Dal Maso, owner of the Dal Maso winery

Produzione sostenibile e territorio incontaminato sono gli ingredienti base dell’azienda piemontese che punta a sposare i mercati del mondo. Come? Grazie al rapporto con la cucina italiana all’estero
lunedi 21 gennaio

Oltre il Bio, la visione di Tenuta Montemagno che esalta i vitigni autoctoni

Produzione sostenibile e territorio incontaminato sono gli ingredienti base dell’azienda piemontese che punta a sposare i mercati del mondo. Come? Grazie al rapporto con la cucina italiana all’estero

Partecipa con noi a Vyno Dienos, la fiera più importante per il mercato dei paesi Baltici, il 3 e 4 maggio
lunedi 21 gennaio

Wine Meridian vola in Lituania, il mercato driver dei paesi Baltici

Partecipa con noi a Vyno Dienos, la fiera più importante per il mercato dei paesi Baltici, il 3 e 4 maggio

Presentato il 14 gennaio il primo master al mondo dedicato alla formazione di manager per i patrimoni agricoli dell’umanità venerdi 18 gennaio

Patrimonio dell’umanità: il Soave fa scuola

Presentato il 14 gennaio il primo master al mondo dedicato alla formazione di manager per i patrimoni agricoli dell’umanità

Quale scegliere? La parola a Nicola Dal Maso
venerdi 18 gennaio

Durello Metodo Classico o Durello Charmat?

Quale scegliere? La parola a Nicola Dal Maso

Il 30 gennaio la presentazione del primo progetto di rete per le piccole e medie imprese del vino italiano. Un progetto per condividere azioni di comunicazione, di commercializzazione in Italia e all’estero e di gestione comune di risorse umane

Wine Meridian presenta il progetto Rete di Impresa per le pmi del vino italiane

Il 30 gennaio la presentazione del primo progetto di rete per le piccole e medie imprese del vino italiano. Un progetto per condividere azioni di comunicazione, di commercializzazione in Italia e all’estero e di gestione comune di risorse umane

Fabio Piccoli
Ecco le nostre tappe internazionali previste per il 2019
venerdi 18 gennaio

Wine Meridian around the world

Ecco le nostre tappe internazionali previste per il 2019

Preparati a mettere in agenda i prossimi appuntamenti internazionali del progetto che promuove il biologico nel mondo giovedi 17 gennaio

Organic Value: il calendario del 2019 è pronto!

Preparati a mettere in agenda i prossimi appuntamenti internazionali del progetto che promuove il biologico nel mondo

Sono in tanti a chiedere da anni la riforma delle Anteprime delle nostre principali denominazioni ma poi non viene mai presentato un progetto concreto. Se questo è vero quali le ragioni di questa difficoltà a rinnovare un format che a noi appare da tempo obsoleto?

Ma quali nuove Anteprime?

Sono in tanti a chiedere da anni la riforma delle Anteprime delle nostre principali denominazioni ma poi non viene mai presentato un progetto concreto. Se questo è vero quali le ragioni di questa difficoltà a rinnovare un format che a noi appare da tempo obsoleto?

Fabio Piccoli
Il nuovo anno di Vinventions: tappi all’insegna dello sviluppo sostenibile dalla A alla Z
giovedi 17 gennaio

Quando la sostenibilità passa anche per il tappo

Il nuovo anno di Vinventions: tappi all’insegna dello sviluppo sostenibile dalla A alla Z

La testata americana premia la regione gardesana grazie al suo vino e al paesaggio e il Chiaretto di Bardolino è indicato come “uno dei migliori rosati d’Italia” giovedi 17 gennaio

Il Garda: unica area italiana tra le Top 10 destinazioni vinicole al mondo, secondo Wine Enthusiast

La testata americana premia la regione gardesana grazie al suo vino e al paesaggio e il Chiaretto di Bardolino è indicato come “uno dei migliori rosati d’Italia”

Imprenditrice del vino toscana, resterà in carica per il triennio 2019 - 2022 mercoledi 16 gennaio

Donatella Cinelli Colombini confermata Presidente Nazionale delle Donne Del Vino

Imprenditrice del vino toscana, resterà in carica per il triennio 2019 - 2022

Quando ascoltiamo la versione dell’azienda e la versione del manager e ci domandiamo chi dei due ha ragione...

Le due campane delle risorse umane

Quando ascoltiamo la versione dell’azienda e la versione del manager e ci domandiamo chi dei due ha ragione...

Andrea Pozzan
Scenari futuri e consigli degli esperti in un mercato in rapida e certa evoluzione come quello oltremanica martedi 15 gennaio

La grande B (come Brexit)

Scenari futuri e consigli degli esperti in un mercato in rapida e certa evoluzione come quello oltremanica

Agnese Ceschi
Focus su Slovacchia, Repubblica Ceca e Lettonia, mete ambite da molti esportatori, ma fonte di successo di pochi, ecco svelato il perché. lunedi 14 gennaio

Est Europa e Baltico: quali prospettive future?

Focus su Slovacchia, Repubblica Ceca e Lettonia, mete ambite da molti esportatori, ma fonte di successo di pochi, ecco svelato il perché.

Noemi Mengo
In aumento gli under 35 e le quote rosa che vogliono approfondire il mondo del vino venerdi 11 gennaio

AIS Veneto: più giovani e più donne tra i sommelier

In aumento gli under 35 e le quote rosa che vogliono approfondire il mondo del vino

Da alcuni anni ormai si parla di riformare le anteprime dei grandi vini italiani ma alla fine nulla cambia con il rischio sempre più evidente di trovarsi di fronte ad iniziative costose con un’efficacia sempre più limitata

Anteprime vini, una riforma che non si può più rimandare

Da alcuni anni ormai si parla di riformare le anteprime dei grandi vini italiani ma alla fine nulla cambia con il rischio sempre più evidente di trovarsi di fronte ad iniziative costose con un’efficacia sempre più limitata

Fabio Piccoli
La storica cantina sociale dei Castelli romani vuole andare oltre i preconcetti, per affermare la bontà e le potenzialità delle sue produzioni venerdi 11 gennaio

Gotto D’Oro: il Lazio che rivendica la qualità in Italia e all'estero

La storica cantina sociale dei Castelli romani vuole andare oltre i preconcetti, per affermare la bontà e le potenzialità delle sue produzioni

Nuova edizione ad aprile 2019: diventare export manager del vino

Campus Export Manager: entrare nel mondo del vino

Nuova edizione ad aprile 2019: diventare export manager del vino

Sarah Norell ci fa comprendere come la sostenibilità stia diventando un fattore sempre più di impatto nell’industria vinicola svedese.
giovedi 10 gennaio

Ekologiskt? Yes, please!

Sarah Norell ci fa comprendere come la sostenibilità stia diventando un fattore sempre più di impatto nell’industria vinicola svedese.

Agnese Ceschi
Responsabile Vendite Italia - Canale HORECA mercoledi 09 gennaio

Offerta di lavoro

Responsabile Vendite Italia - Canale HORECA



http://www.winemeridian.com/