Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

sfondo_wm
giovedi 18 aprile 2019 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers


Siddura enosocial.com

Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ Tebaldi valdoca pertinace vinojobs Wine Monitor Cantina Santa Maria La Palma Fondazione Edmund Mach Siddura WineNet CVA Canicatti Bixio https://www.cantinafrentana.it roncoblanchis.it https://corte-de-pieri.business.site/ www.ilvinocomunica.it https://www.accordinistefano.it/ http://www.cantinavicobarone.com/ Vigna Belvedere italian wine academy http://www.varramista.it/it/ Farina

In British Columbia, dove la curiosità è di casa

Si conferma una delle province canadesi più dinamiche e curiose, con agenzie di importazione alla ricerca di novità e consumatori sempre più sofisticati. La sfida però è di fare vivere esperienze del made in Italy autentico


In British Columbia, dove la curiosità è di casa
Siamo a Vancouver per la quarta edizione del nostro Wine Meridian Tour che domani 1° novembre si concluderà a Seattle, nello Stato di Washington.
La British Columbia si conferma probabilmente la provincia più sofisticata e, per certi aspetti, complessa del mercato canadese.
Ormai ci sentiamo di casa in questa splendida provincia nella costa ovest canadese e per questo ci permettiamo alcune valutazioni che possono aiutare ad avere una chiave di lettura di questo importante mercato.
Partiamo dalle cose positive. Si tratta di un mercato estremamente curioso con agenzie di importazioni molto dinamiche, un monopolio (il British Columbia Liquor Distributor Branch) che nell’ultimo decennio ha allargato molto la sua offerta (sono più di 1.000 oggi le aziende vitivinicole, tra canadesi ed internazionali, presenti nel suo portfolio), una ristorazione di ottimo pregio e consumatori sempre più curiosi. Senza dimenticare che sono in aumento costante anche i liquor store privati che hanno superato abbondantemente le 1.000 unità.
Un mix di fattori, pertanto, che fa della British Columbia un mercato molto interessante anche per le imprese italiane.
Abbiamo avuto conferma di questa “curiosità” nei confronti dei vini italiani anche nelle due masterclass che abbiamo realizzato a Vancouver e che da settimane erano state completamente prenotate da parte di buyer e giornalisti di settore.
La folta e autorevole presenza testimonia come oggi gli operatori del trade di questa provincia non solo sono molto evoluti ma interessati a prodotti “diversi dal solito”, ad alto valore identitario e di autenticità.
Molto interesse, ad esempio, ha destato nei nostri tasting anche un vitigno poco noto, almeno fino ad oggi, come la Tintilia del Molise. Ma grande desiderio di approfondire la conoscenza di vitigni più noti come il Montepulciano d’Abruzzo o il Nero d’Avola. Dalle domande si evince facilmente la competenza e l’interesse.
Quali, allora, i punti di debolezza di questo mercato? Innanzitutto, ma questo è una costante un po’ ovunque nei mercati internazionali più maturi, la presenza crescente di competitor.
L’export ormai è una strategia (qualcuno parla, secondo noi erroneamente, di obbligo) che viene adottata da molte realtà del nostro Paese ed internazionali. Dobbiamo inevitabilmente fare i conti con questa competizione che si fa di anno in anno più dura. Significa che chi vuole essere competitivo sui mercati internazionali deve essere organizzato e consapevole che si tratta di un investimento a medio lungo termine.
Ci è piaciuto sentire da un’export manager rappresentante di una nota azienda siciliana che ci sottolineava:”E’ il terzo anno di fila che partecipo ad eventi in British Columbia. Il primo anno ho avviato i primi contatti che poi ho incontrato nuovamente al Prowein di Dusseldorf. Il secondo anno ho avuto i primi risultati, piccoli ma un primo segnale, e quest’anno spero di poter partire con ordini più cospicui. Ma so che si deve avere pazienza ed essere costanti e non illudersi di potercela fare con il mordi e fuggi”.
Una frase che andrebbe incorniciata e interiorizzata da tutti coloro che hanno responsabilità sul fronte export. Per chi necessita di strategie speculative, della serie devo trovare presto qualcuno che mi compra tanto prodotto magari ad un prezzo alto, non è certo l’export che potrà dargli soddisfazione (ma non sapremmo cosa altro consigliare a chi ha visioni di così breve respiro).
Il tempo significa denaro, lo sappiamo bene, e presidiare mercati costosi come tutto il Nord America non è cosa per tutti. Ed è per questo che noi non ci stancheremo mai di esortare molte aziende italiane ad accettare la sfida della rete di impresa.
Anche in questa tappa abbiamo incontrato molti importatori e la parola d’ordine è “the wineries must support us in our job”, le aziende devono supportarci nel lavoro qui sul campo. E stare sul campo, accompagnare gli importatori a visitare ristoranti, enoteche, wine bar, a fare formazione ai commerciali, ad investire nell’advertising, a migliorare il rating dei propri vini, significa essere obbligati ad avere “ossigeno” sufficiente.
Siamo onesti, allo stato attuale, viste le dimensioni medie delle aziende vitivinicole italiane, l’ossigeno sufficiente per presidiare al meglio i mercati internazionali, non ce l’hanno molte. Anche in questi giorni quasi tutti i produttori o export manager presenti ci hanno evidenziato come “quando stiamo qualche giorno o settimana con i nostri importatori le vendite si muovono, poi ritorniamo a casa e dopo un po’ tutto si rallenta”.
Una vecchia storia ma ancora di grande attualità, anzi oggi ancor più che nel passato.
Altre negatività non ne vediamo, anzi abbiamo sempre più la convinzione che ci sia ancora molto spazio di crescita per i vini italiani in questa parte del Canada.
Uno spazio che ci possiamo prendere aumentando soprattutto l’appeal generale del nostro Made in Italy. Ma per spiegare, comunicare il valore del Made in Italy, purtroppo, non bastano le pagine pubblicitarie in qualche magazine, è necessario fare vivere “esperienze italiane”.
E su questo fronte, ragazzi, senza squadra non si va da nessuna parte.

Fabio Piccoli

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Domenica 19 maggio 2019, a Tenuta Frassanelle in provincia di Padova, l'evento dedicato ai vini vulcanici aperto dalla masterclass del MW John Szabo giovedi 18 aprile

Vulcanei: il più grande banco d'assaggio di vini da suolo vulcanico

Domenica 19 maggio 2019, a Tenuta Frassanelle in provincia di Padova, l'evento dedicato ai vini vulcanici aperto dalla masterclass del MW John Szabo

Domenica 12 e lunedì 13 maggio al via la prima edizione dell'evento biennale dedicato alla cultura vitivinicola del territorio e al suo vitigno principe giovedi 18 aprile

A Incontri Rotazioni 2019 protagonisti il Teroldego e i vini di Borgogna

Domenica 12 e lunedì 13 maggio al via la prima edizione dell'evento biennale dedicato alla cultura vitivinicola del territorio e al suo vitigno principe

Dal Forno sigla un accordo di distribuzione in esclusiva: una bottiglia su sei andrà in Cina.
giovedi 18 aprile

Export: l'Amarone di Dal Forno alla conquista della Cina

Dal Forno sigla un accordo di distribuzione in esclusiva: una bottiglia su sei andrà in Cina.

Federica Lago
Dal 23 aprile 2019 saranno disponibili due percorsi on-line: iscriviti alla lista d’attesa, i posti sono limitati!

Campus Online la formazione di WinePeople per tutti e ovunque

Dal 23 aprile 2019 saranno disponibili due percorsi on-line: iscriviti alla lista d’attesa, i posti sono limitati!

Maria Bandolin
Appuntamento in Russia il 31 maggio e il 1 giugno per i 25 anni di Simple Group mercoledi 17 aprile

Nuove opportunità in Russia: Simple Group racconta tendenze e prospettive di business

Appuntamento in Russia il 31 maggio e il 1 giugno per i 25 anni di Simple Group

A maggio due tappe per connettere le aziende di vino biologico ai mercati strategici di Svezia e Finlandia mercoledi 17 aprile

Organic Value: ultimi posti per il tour scandinavo nel mondo del vino biologico

A maggio due tappe per connettere le aziende di vino biologico ai mercati strategici di Svezia e Finlandia

Una Sicilia del vino nuova e diversa, la loro, ma sempre fedele a sé stessa. mercoledi 17 aprile

Cantine Settesoli, il vino salverà Selinunte

Una Sicilia del vino nuova e diversa, la loro, ma sempre fedele a sé stessa.

Carmen Guerriero
La Svezia si conferma un porto sicuro per il vino italiano nei prossimi anni. Bollicine, rosé e bianchi sono tra i favoriti, grazie al loro “healty style”. 
mercoledi 17 aprile

L’export tricolore sfreccia alto nei cieli svedesi

La Svezia si conferma un porto sicuro per il vino italiano nei prossimi anni. Bollicine, rosé e bianchi sono tra i favoriti, grazie al loro “healty style”.

Noemi Mengo
Due tappe, Mosca il 17 giugno e San Pietroburgo il 19 giugno 2019, per scoprire il mercato ed incontrare le sue figure chiave 
mercoledi 17 aprile

Partecipa alla tappa in Russia con Wine Meridian e Simply Italian Great Wines

Due tappe, Mosca il 17 giugno e San Pietroburgo il 19 giugno 2019, per scoprire il mercato ed incontrare le sue figure chiave

Il 22 e 23 maggio Wine Meridian ritorna in partnership con Wonderfud per la nuova tappa a Singapore 
mercoledi 17 aprile

Ultimi posti per il tour Singapore: agenda con b2b organizzati e masterclass

Il 22 e 23 maggio Wine Meridian ritorna in partnership con Wonderfud per la nuova tappa a Singapore

Abbiamo degustato per voi il Soave DOC Classico di Cantina del Castello mercoledi 17 aprile

Italian wines in the world: Soave DOC Classico di Cantina del Castello

Abbiamo degustato per voi il Soave DOC Classico di Cantina del Castello

Nel 2018 il volume è cresciuto del 10,5% nei canali Nielsen (2,25 milioni di casse), con vendite aumentate del 14,2% (347 milioni di dollari). Aumenti del 12,3% (1,6 milioni di casse) anche nei canali IRI per un valore aumentato del 16,4% (247 milioni di dollari)
martedi 16 aprile

Il Prosecco guida il boom degli sparkling anche negli Usa

Nel 2018 il volume è cresciuto del 10,5% nei canali Nielsen (2,25 milioni di casse), con vendite aumentate del 14,2% (347 milioni di dollari). Aumenti del 12,3% (1,6 milioni di casse) anche nei canali IRI per un valore aumentato del 16,4% (247 milioni di dollari)

Fabio Piccoli
Interessante tasting a Vinitaly per capire se esiste uno stile italiano nel Pinot Grigio che consentirebbe una comunicazione più chiara di uno dei vini del nostro Paese di maggior successo sui mercati internazionali
lunedi 15 aprile

Pinot Grigio, esiste uno stile italiano?

Interessante tasting a Vinitaly per capire se esiste uno stile italiano nel Pinot Grigio che consentirebbe una comunicazione più chiara di uno dei vini del nostro Paese di maggior successo sui mercati internazionali

Fabio Piccoli
Un convegno sui temi del vino in relazione alla territorialità e quindi alla sostenibilità e all’efficienza di azioni concrete, ed una cena di chiusura con specialità delle 4 regioni protagoniste. lunedi 15 aprile

Le Donne del Vino delle Marche protagoniste a Vinitaly 2019

Un convegno sui temi del vino in relazione alla territorialità e quindi alla sostenibilità e all’efficienza di azioni concrete, ed una cena di chiusura con specialità delle 4 regioni protagoniste.

A Verona l'evento di Vinea Domini con lo Chef Stellato Ciro Scamardella del Ristorante Pipero lunedi 15 aprile

Gotto D'oro a Vinitaly: Vinea Domini mostra il suo lato Nobile alla Roma Stellata

A Verona l'evento di Vinea Domini con lo Chef Stellato Ciro Scamardella del Ristorante Pipero

We have tasted for you Principe di Corleone's San Loé Metodo Classico saturday 13 april

Italian wines in the world: Principe di Corleone's San Loé Metodo Classico

We have tasted for you Principe di Corleone's San Loé Metodo Classico

Abbiamo degustato per voi San Loé Metodo Classico dell'azienda Principe di Corleone sabato 13 aprile

Italian wines in the world: San Loé Metodo Classico dell'azienda Principe di Corleone

Abbiamo degustato per voi San Loé Metodo Classico dell'azienda Principe di Corleone

Sono solo cinque negli Usa i territori del vino italiani nella classifica delle prime 45 regioni vitivinicole riconosciute dai consumatori regolari di vino statunitensi venerdi 12 aprile

Allarme “riconoscibilità origine” anche negli Usa

Sono solo cinque negli Usa i territori del vino italiani nella classifica delle prime 45 regioni vitivinicole riconosciute dai consumatori regolari di vino statunitensi

Fabio Piccoli


sfondo_wm