Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

sfondo_wm
venerdi 23 agosto 2019 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com


www.prosecco.wine Farina Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ Tebaldi valdoca pertinace vinojobs Wine Monitor Cantina Santa Maria La Palma Fondazione Edmund Mach Siddura WineNet CVA Canicatti Bixio https://www.cantinafrentana.it Corte De Pieri www.ilvinocomunica.it https://www.accordinistefano.it/ http://www.cantinavicobarone.com/ Vigna Belvedere italian wine academy https://www.marchesibarolo.com/ http://www.varramista.it/it/ http://www.grafical.it/it/
martedi 05 febbraio 2019

In Florida, dove consumi e import crescono

Commenti dalla prima tappa dell’anno di Simply Italian Great Wines in Florida, il secondo Stato americano per consumi e davanti a New York per l’import



È l’alba quando ci siamo svegliati a Miami. Il sole cerca di farsi spazio tra le nuvole sopra il mare. Un po’ come le aziende italiane qua negli Usa sempre sospese tra sole e nuvole.
Consentiteci questo inizio un po’ poetico per introdurre la prima giornata del Simply Italian Great Wines Americas Tour che dopo Miami porterà le circa 30 aziende presenti il 6 febbraio anche a Città del Messico.
L’organizzatore è la collaudata società veronese IEM (International Exhibition Management) che ormai da circa vent’anni è specializzata nell’organizzazione di questi eventi b2b nei principali mercati del mondo.
E proprio a Miami hanno una loro sede, come ci spiega Marina Nedic responsabile insieme a Giancarlo Voglino della società: “A Miami siamo di casa dal 2007 " ci spiega la Nedic - e abbiamo visto crescere in maniera impressionante il mercato della Florida che oggi rappresenta il secondo Stato in termini di consumi (2.710 ettolitri all’anno secondo il Surveillance Report del National Institute of Health, un risultato battuto solo dalla California con 5.442 ettolitri, dove però si concentra anche l’86% della produzione vinicola americana) ed è davanti addirittura allo Stato di New York per importazioni. In Florida, inoltre sono presenti sia i grandi big della distribuzione ma anche numerosi rappresentanti dell’importazione di piccole realtà. Senza dimenticare che la Florida è anche il gate di ingresso ideale anche per il Sud America e gli Stati Caraibici”.
“Dobbiamo puntare con maggior decisione alle fasce più alte di mercato " ha aggiunto la Nedic - per mantenere la nostra leadership in Usa. In queste fasce premium anche il vino italiano sembra immune alle flessioni dell’import. Il peso dell’imbottigliato a denominazione vale la metà del nostro export complessivo in Usa: 826,63 milioni di euro per oltre 1,7 milioni di ettolitri. E continua a crescere: +15,7% in valore (417,6 milioni di euro) e +22,2% in quantità (901 mila ettolitri)”.
Uno Stato molto importante ma anche molto complesso: “Come tutti gli Usa e tutti i mercati mondiali " sottolinea Giancarlo Voglino " che oggi vanno affrontati con la chiara consapevolezza dei propri mezzi aziendali cercando di selezionare i Paesi che si è in grado di presidiare al meglio. Delegare tutto all’importatore e illudersi che questo possa fare il lavoro al posto nostro è pericoloso. Oggi per essere vincenti sul fronte export servono tre caratteristiche fondamentali, presenza, costanza e pazienza, tanta pazienza”.
Tre le masterclass realizzate in questa prima giornata: “One Denomination, Three Great Wines: Asti, Asti Secco, Moscato d’Asti”, a cura del Consorzio per la Tutela dell’Asti Docg (condotta dal wine writer Lyn Farmer). “Ricci Curbastro: One Family, Two Territories: Franciacorta and Romagna”, guidata dal produttore stesso. “The Sparkling Life: Fresh & Fun Wines from Friuli” con 10 vini del Consorzio Tutela Vini Doc Friuli Grave (anche questa condotta da Lyn Farmer).
Alla prima tappa svoltasi nell’iconico luxury hotel The Ritz-Carlton di Fort Lauderdale,
hanno partecipato circa 300 operatori e i primi commenti raccolti dalle aziende italiane presenti sono stati molto positivi.
Abbiamo raccolto numerose valutazioni dagli operatori presenti e in questa prima giornata ci piace sottolineare quello di un’importante analista del mercato americano, che però ci ha chiesto di non riportare il suo nome, che ci ha sottolineato come sia molto pericoloso fare generalizzazioni sul vino negli Usa.
“Ultimamente " ci ha spiegato " abbiamo letto numerose analisi che parlano di un presunto “distacco” dei Millennials nei confronti del vino. Ma anche in questo caso siamo invece di fronte ad una forte stratificazione dove si trovano giovani consumatori assolutamente appassionati e curiosi, alla ricerca di novità e disponibili anche ad un certo investimento rispetto ad altri che invece oggi hanno difficoltà e scelgono bevande alcoliche più semplici e a prezzi bassi. Il punto chiave rimane sempre come riuscire ad intercettarli al meglio, stimolarli a scegliere le nostre straordinarie diversità, fargli ben capire le peculiarità del vino italiano”.

E i social possono essere utili in questo?
Molto interessante e per certi aspetti preoccupante la risposta della nostra interlocutrice: “Ho la sensazione che abbiamo sopravvalutato molti dei cosiddetti influencer di questo grande Paese " ci ha detto " e oggi la mia sensazione è che molti di questi non sono in grado di condizionare realmente le scelte di acquisto. Gli stessi social aziendali non possono pensare di modificare fortemente le scelte ma sono però importanti nella costruzione di una reputazione a patto che i contenuti siano interessanti, originali, ben costruiti. Quando si leggono contenuti social ben realizzati i follower pensano che allora si tratti di un’azienda che sarà anche brava e in grado di ben presidiare il loro mercato”.
È ancora la cucina un grande driver per i vini italiani negli Usa secondo Garry Tornberg di Tricana Import, una società di importazione da molti anni specializzata sui vini italiani.
“Cucina e vini italiani " ci ha spiegato sono un binomio che rende i prodotti italiani preferibili a tanti altri " ma è fondamentale che le aziende italiane si rendano conto che è indispensabile seguire molto meglio tutto il processo di importazione e distribuzione negli Usa”. E il suggerimento di Tornberg è di farlo “attraverso un importatore nazionale (come sono loro ndr) rispetto ad uno regionale. Questo perché un nazionale riesce a seguire meglio tutte le dinamiche di sviluppo di un brand all’interno del Paese, in particolare gestendo in maniera regolare le dinamiche del posizionamento e l’immagine complessiva dei prodotti”.

Lavinia Furlani

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Da una nostra indagine emerge come la comunicazione, sia quella tradizionale che attraverso i social media, continua ad essere una leva utilizzata poco e male da molte imprese vitivinicole del nostro paese venerdi 23 agosto 2019

Comunicazione: tutti ne parlano, pochi la fanno

Da una nostra indagine emerge come la comunicazione, sia quella tradizionale che attraverso i social media, continua ad essere una leva utilizzata poco e male da molte imprese vitivinicole del nostro paese

Fabio Piccoli
A quasi un anno dal riconoscimento, il Soave festeggia con i suoi wine lovers il prestigioso riconoscimento e parlerà di cru ed enoturismo
giovedi 22 agosto 2019

Soave Versus, 3 giorni per celebrare il Soave, patrimonio agricolo globale

A quasi un anno dal riconoscimento, il Soave festeggia con i suoi wine lovers il prestigioso riconoscimento e parlerà di cru ed enoturismo

Cinque tra le maggiori realtà esperte del proprio settore saliranno sul palco del Wine Export Manager Day come sponsor il prossimo 16 settembre giovedi 22 agosto 2019

Wemday 2019: chi sono i nostri sponsor?

Cinque tra le maggiori realtà esperte del proprio settore saliranno sul palco del Wine Export Manager Day come sponsor il prossimo 16 settembre

Abbiamo chiesto alcune anticipazioni a 3 dei 5 relatori che saranno sul palco del Wine Export Manager Day il 16 settembre a FICO- Bologna mercoledi 21 agosto 2019

Contrattualistica internazionale, data analysis e fenomeno biologico: ecco tre dei cinque interventi del WEMDay

Abbiamo chiesto alcune anticipazioni a 3 dei 5 relatori che saranno sul palco del Wine Export Manager Day il 16 settembre a FICO- Bologna

Agnese Ceschi
Una ricerca condotta da Bytek sulle query online dal 2015 al 2018, ci svela le varietà più cercate dai consumatori dei paesi del G7
mercoledi 21 agosto 2019

Qual è il vino più digitato sui motori di ricerca?

Una ricerca condotta da Bytek sulle query online dal 2015 al 2018, ci svela le varietà più cercate dai consumatori dei paesi del G7

Noemi Mengo
Intervista a Filippo Magnani, fondatore dell’agenzia Fufluns, che con il 2019 festeggia i vent’anni di attività
mercoledi 21 agosto 2019

Enoturismo: il lifestyle italiano al centro del legame con il consumatore

Intervista a Filippo Magnani, fondatore dell’agenzia Fufluns, che con il 2019 festeggia i vent’anni di attività

Noemi Mengo
Comunicare se stessi è il valore aggiunto durante una trattativa di vendita
martedi 20 agosto 2019

Chi ben comincia…

Comunicare se stessi è il valore aggiunto durante una trattativa di vendita

Mentre i vini australiani crescono in export negli Stati Uniti, Wine Australia investe 79 milioni di dollari in ricerca e sviluppo del settore vitivinicolo.
lunedi 19 agosto 2019

Il 2020 di Wine Australia indossa un abito a stelle e strisce

Mentre i vini australiani crescono in export negli Stati Uniti, Wine Australia investe 79 milioni di dollari in ricerca e sviluppo del settore vitivinicolo.

Noemi Mengo
Consorzio del Franciacorta e del Chianti Classico hanno attivi degli osservatori economici che consentono una gestione della denominazione anche alla luce dei dati di mercato e di posizionamento dei vini
venerdi 16 agosto 2019

Consorzi, pronti anche gli osservatori economici

Consorzio del Franciacorta e del Chianti Classico hanno attivi degli osservatori economici che consentono una gestione della denominazione anche alla luce dei dati di mercato e di posizionamento dei vini

Fabio Piccoli
Raccontare storie è un'arte molto antica. Ma cosa c'entra con il business del vino? mercoledi 14 agosto 2019

Perché investire sullo storytelling?

Raccontare storie è un'arte molto antica. Ma cosa c'entra con il business del vino?

Agnese Ceschi
We have tasted for you: DOMENIS1898's Grappa Secolo Barrique Millesimata wednesday 14 august 2019

Italian wines in the world: DOMENIS1898's Grappa Secolo Barrique Millesimata

We have tasted for you: DOMENIS1898's Grappa Secolo Barrique Millesimata

In poco più di 10 anni l’azienda agrigentina è diventata tra le realtà più interessanti e dinamiche nel panorama vitienologico siciliano con una storia dove vino e religione trovano un legame unico
martedi 13 agosto 2019

Cristo di Campobello, un “pellegrinaggio” nel vino di Sicilia

In poco più di 10 anni l’azienda agrigentina è diventata tra le realtà più interessanti e dinamiche nel panorama vitienologico siciliano con una storia dove vino e religione trovano un legame unico

Fabio Piccoli
Nell’enclave del Riesling abbiamo incontrato un pioniere della vinificazione del Pinot Nero. 
martedi 13 agosto 2019

Oltre il Riesling: lo Spätburgunder in Rheingau è il regno di August Kesseler

Nell’enclave del Riesling abbiamo incontrato un pioniere della vinificazione del Pinot Nero.

Giovanna Romeo
Intervista a Marco Nordio, italiano, in Nuova Zelanda da 16 anni e titolare di una società di importazione lunedi 12 agosto 2019

Nuova Zelanda: un binocolo puntato all'estremità del mondo

Intervista a Marco Nordio, italiano, in Nuova Zelanda da 16 anni e titolare di una società di importazione

Agnese Ceschi
Abbiamo degustato per voi la Grappa Secolo Barrique Millesimata di DOMENIS1898 sabato 10 agosto 2019

Italian wines in the world: Grappa Secolo Barrique Millesimata di DOMENIS1898

Abbiamo degustato per voi la Grappa Secolo Barrique Millesimata di DOMENIS1898

Lo Chardonnay continua ad essere il vino più apprezzato dai consumatori americani. Un successo che dimostra parecchie cose e spazza via molti pericolosi luoghi comuni che ancora sono presenti nel nostro Paese
venerdi 09 agosto 2019

Cosa ci insegna lo Chardonnay negli Usa

Lo Chardonnay continua ad essere il vino più apprezzato dai consumatori americani. Un successo che dimostra parecchie cose e spazza via molti pericolosi luoghi comuni che ancora sono presenti nel nostro Paese

Fabio Piccoli
Torniamo a focalizzare la nostra attenzione sul direct shipping, scoprendo il parere di alcuni importanti testimoni dell’area retail statunitense
giovedi 08 agosto 2019

Direct To Consumer, cosa ne pensano i retailer negli USA?

Torniamo a focalizzare la nostra attenzione sul direct shipping, scoprendo il parere di alcuni importanti testimoni dell’area retail statunitense

Noemi Mengo
Abbiamo incontrato Emma Taveri, esperta in Destination Marketing e Management CEO di Destination Markers e ci siamo fatti spiegare perché il vino dovrebbe puntare su questo mercoledi 07 agosto 2019

Come far diventare il vostro territorio una wine destination di successo?

Abbiamo incontrato Emma Taveri, esperta in Destination Marketing e Management CEO di Destination Markers e ci siamo fatti spiegare perché il vino dovrebbe puntare su questo

Agnese Ceschi
Abbiamo degustato per voi il Barbera d'Asti Superiore di Cascina Ciuché mercoledi 07 agosto 2019

Italian wines in the world: Barbera d'Asti Superiore di Cascina Ciuché

Abbiamo degustato per voi il Barbera d'Asti Superiore di Cascina Ciuché



sfondo_wm