Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

sfondo_wm
venerdi 23 agosto 2019 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com


pertinace vinojobs Wine Monitor Cantina Santa Maria La Palma Fondazione Edmund Mach Siddura WineNet CVA Canicatti Bixio https://www.cantinafrentana.it Corte De Pieri www.ilvinocomunica.it https://www.accordinistefano.it/ http://www.cantinavicobarone.com/ Vigna Belvedere italian wine academy https://www.marchesibarolo.com/ http://www.varramista.it/it/ http://www.grafical.it/it/ www.prosecco.wine Farina Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ Tebaldi valdoca
lunedi 10 giugno 2019

In Germania c’è poco spazio per la “brand awareness”, vincono qualità e regione d'origine

I consumatori tedeschi si evolvono ed i loro acquisti si orientano su scelte diverse rispetto al passato.


In Germania c’è poco spazio per la “brand awareness”, vincono qualità e regione d'origine
Ritorniamo a parlare del mercato tedesco: un modello economico invidiabile, che presenta volumi stabili e dove i consumatori si accingono ad acquistare il vino senza voler risparmiare troppo, all’insegna del trend, ormai comune, che mette sopra la qualità, e dove il prezzo vien da sé. Ce lo ricorda Wine Intelligence che, dopo il focus German Landscapes 2019, presenta un’ulteriore ricerca incentrata sul comportamento dei consumatori tedeschi, vista l’importanza della Nazione per il mondo del vino di oggi.
Fino ad ora, la maggioranza dei consumatori ha preferito il consumo dei vini dei tre importatori leader nel Paese: Francia, Italia e Spagna; anche se lo sguardo più attento di Wine Intelligence, mostra che il comportamento sta iniziando a cambiare. Sembra che i bevitori tedeschi stiano scegliendo di bere vino meno frequentemente, sia in occasioni formali che in contesti casual, rispetto ai dati rilevati nel 2016. È stata inoltre riscontrata una crescente volontà di valutare e ponderare sul prezzo al momento dell’acquisto di vino, con tutta probabilità dovuta al crescente valore di ogni bottiglia acquistata, ed anche una volontà di spendere di più per il vino (se ne vale qualitativamente la pena), specialmente nel canale on-trade.

Questo cambiamento nelle abitudini di consumo, sta avendo conseguenze per la vendita al dettaglio, i discount infatti si stanno allontanando dall’offrire solo vini entry level a basso prezzo, a favore di una selezione di maggiore qualità che, sebbene abbia prezzi più alti, riscuote successo fra i consumatori, che non ne disdegnano l’acquisto.
Il canale GDO sta anche ampliando l’offerta di vini locali, i quali iniziano a costare di più rispetto agli scorsi anni, ma sono comunque in crescita, considerata sia la maggiore spesa impiegata dai consumatori per i prodotti, sia la tendenza a valutare più positivamente la buona qualità nei prodotti locali, piuttosto che importati. Una caratteristica, questa, che nutre e, anzi, ingrassa uno dei nostri diretti concorrenti, il mercato locale tedesco, dove un tempo il vino veniva sottoscritto agli stereotipi di economico ed eccessivamente dolce, mentre ora sta vivendo una vera e propria rinascita, essendo associato al termine “tradizionale” o “versatile”.
Il tutto grazie ad una delle più grandi doti del popolo tedesco, quella di essere sempre in grado di soddisfare i tempi; ai produttori locali va riconosciuto infatti il merito di aver iniziato a creare prodotti moderni, freschi e qualitativamente competitivi.

Inoltre, è stata riscontrata un'ulteriore tendenza, ovvero quella della conoscenza e della consapevolezza della regione d’origine del vino, specie fra i consumatori più coinvolti, tendenza che per ovvie ragioni offre dei vantaggi ai rivenditori locali.
Un altro dato, l’ultimo per questa occasione, ci preme sottolineare: sembra che in Germania, il lavoro sulla creazione di un engagement tra brand e consumatori non prometta i risultati sperati, come in altri mercati. Secondo le indagini di Wine Intelligence, infatti, i consumatori sembrano essere più attratti dagli aspetti qualitativi e dalla regione di provenienza, come accennato poco sopra, piuttosto che dal marchio. Può sembrare una cattiva notizia per alcuni, ma si tratta in realtà di un’opportunità per le aziende con un basso livello di brand awareness per educare i consumatori ed introdurli ai propri prodotti o alle intere categorie a cui essi appartengono. Un’occasione non solo per ampliare il target dei consumatori, ma anche per ridefinire e ripensare alcune linee di prodotto, sviluppandone di nuove che attraggano anche nuovi segmenti di pubblico.
Noemi Mengo

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Da una nostra indagine emerge come la comunicazione, sia quella tradizionale che attraverso i social media, continua ad essere una leva utilizzata poco e male da molte imprese vitivinicole del nostro paese venerdi 23 agosto 2019

Comunicazione: tutti ne parlano, pochi la fanno

Da una nostra indagine emerge come la comunicazione, sia quella tradizionale che attraverso i social media, continua ad essere una leva utilizzata poco e male da molte imprese vitivinicole del nostro paese

Fabio Piccoli
A quasi un anno dal riconoscimento, il Soave festeggia con i suoi wine lovers il prestigioso riconoscimento e parlerà di cru ed enoturismo
giovedi 22 agosto 2019

Soave Versus, 3 giorni per celebrare il Soave, patrimonio agricolo globale

A quasi un anno dal riconoscimento, il Soave festeggia con i suoi wine lovers il prestigioso riconoscimento e parlerà di cru ed enoturismo

Cinque tra le maggiori realtà esperte del proprio settore saliranno sul palco del Wine Export Manager Day come sponsor il prossimo 16 settembre giovedi 22 agosto 2019

Wemday 2019: chi sono i nostri sponsor?

Cinque tra le maggiori realtà esperte del proprio settore saliranno sul palco del Wine Export Manager Day come sponsor il prossimo 16 settembre

Abbiamo chiesto alcune anticipazioni a 3 dei 5 relatori che saranno sul palco del Wine Export Manager Day il 16 settembre a FICO- Bologna mercoledi 21 agosto 2019

Contrattualistica internazionale, data analysis e fenomeno biologico: ecco tre dei cinque interventi del WEMDay

Abbiamo chiesto alcune anticipazioni a 3 dei 5 relatori che saranno sul palco del Wine Export Manager Day il 16 settembre a FICO- Bologna

Agnese Ceschi
Una ricerca condotta da Bytek sulle query online dal 2015 al 2018, ci svela le varietà più cercate dai consumatori dei paesi del G7
mercoledi 21 agosto 2019

Qual è il vino più digitato sui motori di ricerca?

Una ricerca condotta da Bytek sulle query online dal 2015 al 2018, ci svela le varietà più cercate dai consumatori dei paesi del G7

Noemi Mengo
Intervista a Filippo Magnani, fondatore dell’agenzia Fufluns, che con il 2019 festeggia i vent’anni di attività
mercoledi 21 agosto 2019

Enoturismo: il lifestyle italiano al centro del legame con il consumatore

Intervista a Filippo Magnani, fondatore dell’agenzia Fufluns, che con il 2019 festeggia i vent’anni di attività

Noemi Mengo
Comunicare se stessi è il valore aggiunto durante una trattativa di vendita
martedi 20 agosto 2019

Chi ben comincia…

Comunicare se stessi è il valore aggiunto durante una trattativa di vendita

Mentre i vini australiani crescono in export negli Stati Uniti, Wine Australia investe 79 milioni di dollari in ricerca e sviluppo del settore vitivinicolo.
lunedi 19 agosto 2019

Il 2020 di Wine Australia indossa un abito a stelle e strisce

Mentre i vini australiani crescono in export negli Stati Uniti, Wine Australia investe 79 milioni di dollari in ricerca e sviluppo del settore vitivinicolo.

Noemi Mengo
Consorzio del Franciacorta e del Chianti Classico hanno attivi degli osservatori economici che consentono una gestione della denominazione anche alla luce dei dati di mercato e di posizionamento dei vini
venerdi 16 agosto 2019

Consorzi, pronti anche gli osservatori economici

Consorzio del Franciacorta e del Chianti Classico hanno attivi degli osservatori economici che consentono una gestione della denominazione anche alla luce dei dati di mercato e di posizionamento dei vini

Fabio Piccoli
Raccontare storie è un'arte molto antica. Ma cosa c'entra con il business del vino? mercoledi 14 agosto 2019

Perché investire sullo storytelling?

Raccontare storie è un'arte molto antica. Ma cosa c'entra con il business del vino?

Agnese Ceschi
We have tasted for you: DOMENIS1898's Grappa Secolo Barrique Millesimata wednesday 14 august 2019

Italian wines in the world: DOMENIS1898's Grappa Secolo Barrique Millesimata

We have tasted for you: DOMENIS1898's Grappa Secolo Barrique Millesimata

In poco più di 10 anni l’azienda agrigentina è diventata tra le realtà più interessanti e dinamiche nel panorama vitienologico siciliano con una storia dove vino e religione trovano un legame unico
martedi 13 agosto 2019

Cristo di Campobello, un “pellegrinaggio” nel vino di Sicilia

In poco più di 10 anni l’azienda agrigentina è diventata tra le realtà più interessanti e dinamiche nel panorama vitienologico siciliano con una storia dove vino e religione trovano un legame unico

Fabio Piccoli
Nell’enclave del Riesling abbiamo incontrato un pioniere della vinificazione del Pinot Nero. 
martedi 13 agosto 2019

Oltre il Riesling: lo Spätburgunder in Rheingau è il regno di August Kesseler

Nell’enclave del Riesling abbiamo incontrato un pioniere della vinificazione del Pinot Nero.

Giovanna Romeo
Intervista a Marco Nordio, italiano, in Nuova Zelanda da 16 anni e titolare di una società di importazione lunedi 12 agosto 2019

Nuova Zelanda: un binocolo puntato all'estremità del mondo

Intervista a Marco Nordio, italiano, in Nuova Zelanda da 16 anni e titolare di una società di importazione

Agnese Ceschi
Abbiamo degustato per voi la Grappa Secolo Barrique Millesimata di DOMENIS1898 sabato 10 agosto 2019

Italian wines in the world: Grappa Secolo Barrique Millesimata di DOMENIS1898

Abbiamo degustato per voi la Grappa Secolo Barrique Millesimata di DOMENIS1898

Lo Chardonnay continua ad essere il vino più apprezzato dai consumatori americani. Un successo che dimostra parecchie cose e spazza via molti pericolosi luoghi comuni che ancora sono presenti nel nostro Paese
venerdi 09 agosto 2019

Cosa ci insegna lo Chardonnay negli Usa

Lo Chardonnay continua ad essere il vino più apprezzato dai consumatori americani. Un successo che dimostra parecchie cose e spazza via molti pericolosi luoghi comuni che ancora sono presenti nel nostro Paese

Fabio Piccoli
Torniamo a focalizzare la nostra attenzione sul direct shipping, scoprendo il parere di alcuni importanti testimoni dell’area retail statunitense
giovedi 08 agosto 2019

Direct To Consumer, cosa ne pensano i retailer negli USA?

Torniamo a focalizzare la nostra attenzione sul direct shipping, scoprendo il parere di alcuni importanti testimoni dell’area retail statunitense

Noemi Mengo
Abbiamo incontrato Emma Taveri, esperta in Destination Marketing e Management CEO di Destination Markers e ci siamo fatti spiegare perché il vino dovrebbe puntare su questo mercoledi 07 agosto 2019

Come far diventare il vostro territorio una wine destination di successo?

Abbiamo incontrato Emma Taveri, esperta in Destination Marketing e Management CEO di Destination Markers e ci siamo fatti spiegare perché il vino dovrebbe puntare su questo

Agnese Ceschi
Abbiamo degustato per voi il Barbera d'Asti Superiore di Cascina Ciuché mercoledi 07 agosto 2019

Italian wines in the world: Barbera d'Asti Superiore di Cascina Ciuché

Abbiamo degustato per voi il Barbera d'Asti Superiore di Cascina Ciuché



sfondo_wm