Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

http://www.winemeridian.com/
domenica 20 gennaio 2019 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com

Fondazione Edmund Mach Michele Shah Siddura WineNet CVA Canicatti https://www.cantinafrentana.it Azienda Agricola Coali roncoblanchis.it https://corte-de-pieri.business.site/ www.ilvinocomunica.it https://www.accordinistefano.it/  http://acquesi.it/ wm Vyno Dienos Farina Enartis Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ Tebaldi valdoca pertinace vinojobs Wine Monitor Cantina Santa Maria La Palma
venerdi 15 dicembre

In Giappone, dove le potenzialità di sviluppo sono ancora tante

Il Giappone rimane la nostra prima frontiera sul grande mercato asiatico. Nonostante numeri ancora abbastanza ridotti per il nostro export la curiosità nei confronti dei nostri vini è in costante crescita e sono ancora molto ampi i nostri margini di sviluppo


In Giappone, dove le potenzialità di sviluppo sono ancora tante
Siamo in Giappone nel nostro tour organizzato in collaborazione con l’Italian Trade Commission di Tokyo e Wonderfud, uno società italiana che in questi anni si è specializzata nell’accompagnamento di imprese italiane soprattutto in questo importante mercato.
Ottima l’organizzazione dell’Italian Trade Commission che a Tokyo ha funzionari di primissimo livello come Toshiko Omichi, responsabile della trade promotion section presso l’Ambasciata Italiana. Spesso si “parla male” delle nostre organizzazioni istituzionali di promozione all’estero ma queste generalizzazioni sono molto pericolose perché in realtà, come sempre, il valore degli enti, delle istituzioni risiede nella competenza e professionalità delle persone, dei funzionari. Dove queste competenze sono presenti le istituzioni diventano partner straordinariamente importanti per le nostre imprese sui mercati internazionali.
Il Giappone rimane un paese straordinariamente strategico per l’export vitivinicolo internazionale, non solo per i numeri attuali (nel 2016 oltre 1,3 miliardi di euro il valore dei vini importanti in questo Paese), ma anche per le sue ancora notevoli potenzialità di sviluppo. Basti pensare che stiamo parlando di un Paese di oltre 127 milioni di abitanti e ad oggi il loro valore di importazione è di poco superiore ad un Paese come l’Olanda che di abitanti ne ha solo 17 milioni.
Lo sappiamo bene che questi sono parallelismi che poco si adattano ad mercato come quello del vino che risente fortemente delle influenze culturali, dell’educazione dei consumatori.
Ma su questi ultimi due fronti il Giappone appare comunque la frontiera asiatica più vicina a noi perché, pur rimanendo notevoli le differenze culturali, è straordinariamente elevata la curiosità nei confronti dei nostri vini e, più in generale, l’apprezzamento verso il nostro Paese.
“Quando ho iniziato ad occuparmi di vino italiano in Giappone - ci ha raccontato Shigeru Hayashi, il noto sommelier giapponese che potremmo definire il più storico ambasciatore del vino italiano in questo Paese - oltre trent’anni fa la quota di mercato dei vostri vini era sotto il 2% e soprattutto la vostra offerta vitienologica era pressoché sconosciuta”.
In trent’anni sono cambiate sicuramente molte cose ma si ha tuttoggi la sensazione che molto ancora si possa fare per crescere.
“Non c’è ombra di dubbio - ci ha spiegato Isao Miyajima, uno dei più autorevoli giornalisti del vino in Giappone grande esperto di vini italiani - che la percezione dell’Italia del vino in Giappone è cresciuta molto in questi ultimi anni ma i margini di sviluppo sono ancora ampi soprattutto se riuscirete ad aumentare le attività di promozione ed educative nel nostro Paese. Avete senza ombra di dubbio la più grande diversità enologica al mondo ma proprio per questo per voi è indispensabile realizzare costanti iniziative di educazione sulle vostre innumerevoli denominazioni”.
Curiosità, oggi una parola molto utilizzata quando si parla di mercati del vino. In Giappone la percezione che sia in forte crescita la curiosità nei confronti dei nostri vini, anche quelli appartenenti alle denominazioni meno note, è alquanto evidente.
Il problema è come riuscire a tradurre questa “curiosità” in reali opportunità di business. E anche su questa tema noi siamo costretti a ricorrere ad una nostra frequente “ricetta” e cioè quella di presidiare meglio i mercati, viverli in maniera più costante.
Ed è chiaro che per le piccole e medie imprese italiane, soprattutto quelle di territori meno famosi, il presidio dei mercati appare spesso come una strategia impossibile.
In questa direzione si inserisce l’opportunità oggi offerta dalle reti di impresa che consentono anche alle imprese di dimensioni più ridotte (la maggioranza del sistema vitivinicolo italiano) di gestire una presenza più adeguata sui mercati internazionali condividendo azioni e risorse umane con altri partner complementari tra di loro.
Ma l’altro elemento che sta sempre di più contraddistinguendo tutti i mercati del vino, Giappone compreso, è la proliferazione di piccoli importatori, i cosiddetti “boutique importers”.
Ne abbiamo incontrati molti in questa nostra missione giapponese e il denominatore comune della loro ricerca è “vini nuovi a prezzi abbordabili”. “Noi siamo alla costante ricerca di vini fuori dal mainstream classico italiano - ci ha raccontato Kay Ezawa, Ceo di La Divina Kay Corp. - perché abbiamo clienti sempre più preparati e pronti a scoprire cose diverse. Ci siamo resi conto nel tempo quanto l’Italia del vino possa oggi offrire prodotti ancora poco noti ma dalla grande personalità. Si tratta di vini che spesso hanno prezzi molto interessanti e possono diventare pertanto particolarmente appetibili sul nostro mercato. Per esempio durante questa iniziativa ho apprezzato particolarmente vini come il Morellino di Scansano e il Montecucco, due denominazioni toscane qui in Giappone ancora pressoché sconosciute ma con prodotti che hanno caratteristiche molto adeguate ai nostri consumatori e alla nostra cucina”.



Fabio Piccoli

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Presentato il 14 gennaio il primo master al mondo dedicato alla formazione di manager per i patrimoni agricoli dell’umanità venerdi 18 gennaio

Patrimonio dell’umanità: il Soave fa scuola

Presentato il 14 gennaio il primo master al mondo dedicato alla formazione di manager per i patrimoni agricoli dell’umanità

Quale scegliere? La parola a Nicola Dal Maso
venerdi 18 gennaio

Durello Metodo Classico o Durello Charmat?

Quale scegliere? La parola a Nicola Dal Maso

Il 30 gennaio la presentazione del primo progetto di rete per le piccole e medie imprese del vino italiano. Un progetto per condividere azioni di comunicazione, di commercializzazione in Italia e all’estero e di gestione comune di risorse umane

Wine Meridian presenta il progetto Rete di Impresa per le pmi del vino italiane

Il 30 gennaio la presentazione del primo progetto di rete per le piccole e medie imprese del vino italiano. Un progetto per condividere azioni di comunicazione, di commercializzazione in Italia e all’estero e di gestione comune di risorse umane

Fabio Piccoli
Produzione sostenibile e territorio incontaminato sono gli ingredienti base dell’azienda piemontese che punta a sposare i mercati del mondo. Come? Grazie al rapporto con la cucina italiana all’estero
venerdi 18 gennaio

Oltre il Bio, la visione di Tenuta Montemagno che esalta i vitigni autoctoni

Produzione sostenibile e territorio incontaminato sono gli ingredienti base dell’azienda piemontese che punta a sposare i mercati del mondo. Come? Grazie al rapporto con la cucina italiana all’estero

Ecco le nostre tappe internazionali previste per il 2019
venerdi 18 gennaio

Wine Meridian around the world

Ecco le nostre tappe internazionali previste per il 2019

Preparati a mettere in agenda i prossimi appuntamenti internazionali del progetto che promuove il biologico nel mondo giovedi 17 gennaio

Organic Value: il calendario del 2019 è pronto!

Preparati a mettere in agenda i prossimi appuntamenti internazionali del progetto che promuove il biologico nel mondo

Sono in tanti a chiedere da anni la riforma delle Anteprime delle nostre principali denominazioni ma poi non viene mai presentato un progetto concreto. Se questo è vero quali le ragioni di questa difficoltà a rinnovare un format che a noi appare da tempo obsoleto?

Ma quali nuove Anteprime?

Sono in tanti a chiedere da anni la riforma delle Anteprime delle nostre principali denominazioni ma poi non viene mai presentato un progetto concreto. Se questo è vero quali le ragioni di questa difficoltà a rinnovare un format che a noi appare da tempo obsoleto?

Fabio Piccoli
Il nuovo anno di Vinventions: tappi all’insegna dello sviluppo sostenibile dalla A alla Z
giovedi 17 gennaio

Quando la sostenibilità passa anche per il tappo

Il nuovo anno di Vinventions: tappi all’insegna dello sviluppo sostenibile dalla A alla Z

La testata americana premia la regione gardesana grazie al suo vino e al paesaggio e il Chiaretto di Bardolino è indicato come “uno dei migliori rosati d’Italia” giovedi 17 gennaio

Il Garda: unica area italiana tra le Top 10 destinazioni vinicole al mondo, secondo Wine Enthusiast

La testata americana premia la regione gardesana grazie al suo vino e al paesaggio e il Chiaretto di Bardolino è indicato come “uno dei migliori rosati d’Italia”

Imprenditrice del vino toscana, resterà in carica per il triennio 2019 - 2022 mercoledi 16 gennaio

Donatella Cinelli Colombini confermata Presidente Nazionale delle Donne Del Vino

Imprenditrice del vino toscana, resterà in carica per il triennio 2019 - 2022

Quando ascoltiamo la versione dell’azienda e la versione del manager e ci domandiamo chi dei due ha ragione...

Le due campane delle risorse umane

Quando ascoltiamo la versione dell’azienda e la versione del manager e ci domandiamo chi dei due ha ragione...

Andrea Pozzan
Scenari futuri e consigli degli esperti in un mercato in rapida e certa evoluzione come quello oltremanica martedi 15 gennaio

La grande B (come Brexit)

Scenari futuri e consigli degli esperti in un mercato in rapida e certa evoluzione come quello oltremanica

Agnese Ceschi
Focus su Slovacchia, Repubblica Ceca e Lettonia, mete ambite da molti esportatori, ma fonte di successo di pochi, ecco svelato il perché. lunedi 14 gennaio

Est Europa e Baltico: quali prospettive future?

Focus su Slovacchia, Repubblica Ceca e Lettonia, mete ambite da molti esportatori, ma fonte di successo di pochi, ecco svelato il perché.

Noemi Mengo
In aumento gli under 35 e le quote rosa che vogliono approfondire il mondo del vino venerdi 11 gennaio

AIS Veneto: più giovani e più donne tra i sommelier

In aumento gli under 35 e le quote rosa che vogliono approfondire il mondo del vino

Da alcuni anni ormai si parla di riformare le anteprime dei grandi vini italiani ma alla fine nulla cambia con il rischio sempre più evidente di trovarsi di fronte ad iniziative costose con un’efficacia sempre più limitata

Anteprime vini, una riforma che non si può più rimandare

Da alcuni anni ormai si parla di riformare le anteprime dei grandi vini italiani ma alla fine nulla cambia con il rischio sempre più evidente di trovarsi di fronte ad iniziative costose con un’efficacia sempre più limitata

Fabio Piccoli
La storica cantina sociale dei Castelli romani vuole andare oltre i preconcetti, per affermare la bontà e le potenzialità delle sue produzioni venerdi 11 gennaio

Gotto D’Oro: il Lazio che rivendica la qualità in Italia e all'estero

La storica cantina sociale dei Castelli romani vuole andare oltre i preconcetti, per affermare la bontà e le potenzialità delle sue produzioni

Nuova edizione ad aprile 2019: diventare export manager del vino

Campus Export Manager: entrare nel mondo del vino

Nuova edizione ad aprile 2019: diventare export manager del vino

Sarah Norell ci fa comprendere come la sostenibilità stia diventando un fattore sempre più di impatto nell’industria vinicola svedese.
giovedi 10 gennaio

Ekologiskt? Yes, please!

Sarah Norell ci fa comprendere come la sostenibilità stia diventando un fattore sempre più di impatto nell’industria vinicola svedese.

Agnese Ceschi
Responsabile Vendite Italia - Canale HORECA mercoledi 09 gennaio

Offerta di lavoro

Responsabile Vendite Italia - Canale HORECA

Punti di forza e di debolezza di un Paese storicamente interessante per i produttori italiani, che però mostra oggi qualche resistenza. Tre consigli chiave per ridare smalto al vino italiano 
mercoledi 09 gennaio

Come recuperare l'appeal del vino italiano in Svizzera

Punti di forza e di debolezza di un Paese storicamente interessante per i produttori italiani, che però mostra oggi qualche resistenza. Tre consigli chiave per ridare smalto al vino italiano

Federica Lago
Per il secondo anno Wine Meridian, in partnership con Unexpected Italian, ritorna in Vietnam: il 30 settembre ad Ho Chi Minh e il 3 ottobre ad Hanoi martedi 08 gennaio

Vietnam Wine Tour 2019: due tappe per presidiare uno dei più promettenti mercati asiatici

Per il secondo anno Wine Meridian, in partnership con Unexpected Italian, ritorna in Vietnam: il 30 settembre ad Ho Chi Minh e il 3 ottobre ad Hanoi



http://www.winemeridian.com/