Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

WineMeridian
venerdi 19 gennaio 2018 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers


IWSC www.farinatransparency.com www.bellenda.it Tebaldi valdoca pertinace vinojobs wbwe Wine Monitor Fondazione Edmund Mach Social Meter Analysis Michele Shah Tommasi WineNet Bixio Ceccheto Farina Enartis http://www.principedicorleone.it/ Iron3

In India cultura e religione tengono ancora lontano il vino

Nonostante le grandi potenzialità dettate dall’andamento demografico l’India continua a rimanere un mercato del vino molto marginale e cultura e religione tuttoggi appaiono “ostacoli” difficili da superare per sperare a breve un aumento di consumi in questo grande Paese


In India cultura e religione tengono ancora lontano il vino
Scriviamo questo articolo dall’India, da dove mancavamo da circa sei anni. Questa volta non abbiamo al nostro seguito aziende, ma siamo in un cosiddetto viaggio “esplorativo”, per capire cioè se esistono nuove strade per aiutare le nostre imprese del vino a trovare vie di sbocco in questo difficile mercato.
Un mercato, è bene ricordarlo, veramente marginale sul fronte delle importazioni di vino che nel 2016 ha registrato un valore inferiore ai 20 milioni di euro per un volume che di poco supera i 40 mila ettolitri. Se a questi aggiungiamo i circa 130.000 hl di vino indiano (la superficie vitata in India è di poco meno di 90.000 ettari) mediamente prodotto nell’ultimo triennio ci si rende facilmente conto di come la nostra amata bevanda sia ancora ben lontana dall’essere considerata un’opzione interessante nei consumi di questo grande Paese.
Non si hanno dati certi sul consumo di vino in India ma sono affidabili quelli relativi al consumo complessivo di bevande alcoliche raccolti dalla World Health Organization che per il 2015 vede questo Paese di quasi 1,3 miliardi di persone, fermo a 4,6 litri pro capite. Un quantitativo che colloca l’India al decimo posto tra i Paesi asiatici. In questa speciale classifica troviamo al primo posto la Corea del Sud (10,9 litri pro capite), il Vietnam (8,7 litri), la Tailandia (8,3), la Mongolia (7,8), la Cina (7,6), il Giappone (7,5), il Laos (7,5), la Cambogia (6,1) e le Filippine (5,6). Di fatto l’India è di poco sopra ai Paesi asiatici di prevalenza mussulmana come il Pakistan, il Bangladesh, l’Indonesia, dove praticamente il consumo di bevande alcoliche è assente.
A complicare ulteriormente lo sviluppo dell’export enologico in India le tasse di importazione tuttoggi esorbitanti. Tanto per intenderci ci si imbatte su un dazione federale complessivo del 160%, ma non finisce qui, ogni singolo Stato, infatti, è autorizzato ad aggiungere la propria accise (l’esempio più estremo è il Maharashtra con un +200 % sul valore CIF).
Difficile prevedere il futuro ma la sensazione che stiamo ricavando da questo nostro ennesimo viaggio in India è che difficilmente nel prossimo decennio assisteremo a crescite particolarmente interessanti di consumo di vino in India.
Qui la situazione è molto diversa, ad esempio, rispetto alla Cina dove, nonostante le note difficoltà, soprattutto per il vino italiano, il tessuto socio-economico sembra sempre più interessato al consumo di vino. Vi sono, infatti, molte meno barriere culturali e religiose in Cina rispetto all’India dove tuttoggi, in gran parte degli Stati (l’India ricordiamo è uno Stato federale), in particolare del Sud, il consumo di vino è praticamente bandito. Vi sono grandi città, come Chennay ad esempio (la ex Madras) che nonostante con i suoi oltre 5 milioni di abitanti sia la quarta metropoli indiana, risulta difficilissimo trovare ristoranti o locali dove si può degustare vino.
Questa tipologia di “barriere” culturali risultano oggi, magari meno alte rispetto al passato, ma ancora non semplici da superare.
In India risulta pertanto oggi fondamentale una forte azione educativa, partendo magari dalle tante scuole alberghiere di questo Paese. A questo proposito ricordiamo una delle iniziative più interessanti, a cui abbiamo avuto il piacere di partecipare, gestita da Unione Italiana Vini, il progetto “The Next Quality Experience”. Un progetto durato tre anni (dal 2009 al 2011) e che aveva coinvolto anche l’India attraverso una intensa attività di formazione in due Istituti turistico alberghieri nei sobborghi di Delhi. Un’esperienza straordinaria che ci ha consentito, per la prima volta, non solo di parlare di vino italiano in scuole di questa tipologia ma anche di far sperimentare ad un numero rilevante di studenti i possibili abbinamenti tra cucina indiana e vini del nostro Paese.
Purtroppo, come spesso capita nel nostro Paese, esperienze così utili e importanti si fermano nel momento stesso che si esauriscono i finanziamenti e questo non può che inevitabilmente rallentare le nostre potenzialità di sviluppo in mercati così complessi come quello indiano o cinese.

Fabio Piccoli

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Attualmente la produzione di Prosecco in Australia ha un valore di circa 40 milioni di euro ma è in forte crescita e potrebbe raggiungere a breve i 150 milioni di euro. Secondo alcuni osservatori la produzione di Prosecco australiano potrebbe rappresentare un beneficio anche all’immagine e posizionamento di quello italiano

Prosecco pedina di scambio nell’accordo tra UE e Australia?

Attualmente la produzione di Prosecco in Australia ha un valore di circa 40 milioni di euro ma è in forte crescita e potrebbe raggiungere a breve i 150 milioni di euro. Secondo alcuni osservatori la produzione di Prosecco australiano potrebbe rappresentare un beneficio anche all’immagine e posizionamento di quello italiano

Francesco Piccoli
Partecipa gratuitamente alla straordinaria opportunità di condividere esperienze

Pochi giorni al meeting per gli export manager di Wineout

Partecipa gratuitamente alla straordinaria opportunità di condividere esperienze

Intervista a Nicola Baù e a Roberta Crivellaro dello Studio legale Whiters giovedi 18 gennaio

Importare vini italiani in America: non ci si improvvisa

Intervista a Nicola Baù e a Roberta Crivellaro dello Studio legale Whiters

Noemi Mengo
Intervista a Julien Miquel, wine blogger di uno dei più influenti wine blog al mondo, Social Vignerons giovedi 18 gennaio

Wine influencer: quanto valore portano alla wine community e quanto accrescono la conoscenza comune del vino?

Intervista a Julien Miquel, wine blogger di uno dei più influenti wine blog al mondo, Social Vignerons

Noemi Mengo
Wine People presenta l'unico percorso personalizzato di formazione e consulenza ideato per gli imprenditori del vino che vogliono ottenere più risultati. A febbraio il primo incontro.

Cosa significa essere oggi un imprenditore del vino?

Wine People presenta l'unico percorso personalizzato di formazione e consulenza ideato per gli imprenditori del vino che vogliono ottenere più risultati. A febbraio il primo incontro.

Perché esportare nel secondo mercato più felice al mondo? martedi 16 gennaio

Danimarca: dove la felicità è di casa

Perché esportare nel secondo mercato più felice al mondo?

Agnese Ceschi
Come raccontarsi in modo efficace nell'etichetta? lunedi 15 gennaio

120 cm ² per raccontare la propria storia

Come raccontarsi in modo efficace nell'etichetta?

La più importante hub del commercio asiatico venerdi 12 gennaio

Inserirsi nel mercato cinese: perché dovreste usare Hong Kong come tramite

La più importante hub del commercio asiatico

Noemi Mengo
Chi sono i wine influencer cinesi? Lo scopriamo assieme… giovedi 11 gennaio

Come essere influenti in Cina

Chi sono i wine influencer cinesi? Lo scopriamo assieme…

Redazione Wine Meridian
Finalmente ci siamo: a febbraio partirà il WinePeople Campus sulla Vendita. Vogliamo creare professionisti di successo nella vendita del vino italiano nel mondo! Richiedi un colloquio informativo

Il primo corso per imparare a vendere vino nel mondo e in Italia

Finalmente ci siamo: a febbraio partirà il WinePeople Campus sulla Vendita. Vogliamo creare professionisti di successo nella vendita del vino italiano nel mondo! Richiedi un colloquio informativo

Parte l’8 febbraio il primo Wine Campus Imprenditori, un percorso in 8 tappe per diventare imprenditori del vino consapevoli del proprio ruolo nella gestione dell’impresa, sullo stato di salute della propria azienda, delle dinamiche dei mercati, del come costruirsi una identità riconoscibile, degli strumenti di marketing e di comunicazione

Diventare imprenditori del vino consapevoli

Parte l’8 febbraio il primo Wine Campus Imprenditori, un percorso in 8 tappe per diventare imprenditori del vino consapevoli del proprio ruolo nella gestione dell’impresa, sullo stato di salute della propria azienda, delle dinamiche dei mercati, del come costruirsi una identità riconoscibile, degli strumenti di marketing e di comunicazione

Fabio Piccoli
Il ricordo di un uomo che ha saputo sperimentare personalmente, nell’arco di una vita, la condizione umana di tre epoche

In onore di Gualtiero Marchesi

Il ricordo di un uomo che ha saputo sperimentare personalmente, nell’arco di una vita, la condizione umana di tre epoche

Vincenzo Ercolino


WineMeridian