Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

http://www.winemeridian.com/
domenica 20 gennaio 2019 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com

Azienda Agricola Coali roncoblanchis.it https://corte-de-pieri.business.site/ www.ilvinocomunica.it https://www.accordinistefano.it/  http://acquesi.it/ wm Vyno Dienos Farina Enartis Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ Tebaldi valdoca pertinace vinojobs Wine Monitor Cantina Santa Maria La Palma Fondazione Edmund Mach Michele Shah Siddura WineNet CVA Canicatti https://www.cantinafrentana.it

In onore di Gualtiero Marchesi

Il ricordo di un uomo che ha saputo sperimentare personalmente, nell’arco di una vita, la condizione umana di tre epoche


In onore di Gualtiero Marchesi
Nei giorni scorsi abbiamo appreso della morte di Gualtiero Marchesi e sono scrosciati giù i ricordi del Maestro, rievocati da decine di allievi orfani ormai della sua arte culinaria e dei suoi saggi insegnamenti di vita.
Tanti sono accorsi ad accaparrarsi un microfono ed una inquadratura per rivendicare un pezzo di vita del grande Gualtiero Marchesi, fondatore della moderna cucina italiana. Hanno scritto o detto dell’adolescenza con i genitori albergatori in Milano, degli studi in Svizzera, del primo periodo milanese e poi del lungo soggiorno formativo in Francia, ormai già maturo con moglie e figli. Infine il ritorno e l’inizio della nuova avventura milanese in Bonvesin de la Riva con il traguardo raggiunto in pochi anni - primo in Italia- delle tre stelle Michelin.

Pochi hanno ricordato dell’incontro con Vittorio Moretti - Mattia Vezzola ‘facilitatore' - che spalancò a Gualtiero le porte dell’Albereta che per lunghi quindici anni è stata la sua casa: il luogo dove la sua ‘visione’ prese una forma compiuta. Per chi, come me, l’ha conosciuto, assistito sempre dall’inseparabile moglie Antonietta, in quel luogo, tutti i ricordi dei suoi piatti, dei suoi libri e delle nostre conversazioni rimandano sempre a quel tempio del bello che diventò, grazie alle sue magie, l’Albereta. Senza l’Albereta noi tutti racconteremmo di un altro Marchesi, perché quegli anni sono stati i più fecondi per le sue creazioni, lo spazio virtuoso dove si è dispiegata nella maniera più ispirata ogni piega del suo immenso talento.

Non c’è dubbio che la particolarità di Gualtiero Marchesi - come direbbe il sociologo De Masi - è stata la rara fortuna di sperimentare personalmente, nell’arco di una vita, la condizione umana di tre epoche: quella rurale (cucine a fuoco a legna, economiche), quella industriale (cucine elettriche ed a gas), e quella post-industriale (induzione e sottovuoto). E di averle attraversate con diletto e rigore, gioco, divertimento e scienza senza mai rinunciare alla felicità di una passione, la cucina, che attraverso una singolare visione creativa partisse appunto dal rurale e giungesse al post-industriale trasformando le brigate da lavoratori freddi e strumentali in gruppi caldi espressivi e giocosi.

Dunque chi è stato davvero Gualtiero Marchesi? Innanzitutto un leader carismatico impegnato senza sosta nella sua missione: traghettare a suon di ingredienti e ricette la stanca cucina italiana ancora influenzata da canoni ottocenteschi verso la contemporaneità. Quando mi guidò nella visita della sua mostra al castello Sforzesco di Milano nel 2010, fu impareggiabile perché d’un colpo mi furono chiare le sue motivazioni di ‘leader’. Nel congiungere in una catena di esperienze le tante tappe della sua vita mi fu chiaro dapprima che in lui albergava la consapevolezza di essere un capo carismatico perché dotato di una ‘sua’ visione della cucina, mi rivelò poi il forte sentimento di fare una scuola, ma con la passione pedagogica di un antico maestro greco, piuttosto che di un precettore moderno ed infine mi confessò, senza nascondere una vena di amarezza, che un vero capo deve essere pronto ad affrontare anche l’insuccesso che deve vivere facendo leva sulla sua tolleranza.

Ripercorremmo, in seguito, negli incontri che diventavano sempre più sporadici, le cosiddette tappe salienti della sua vita e con grande stupore mi toccò registrare che al primo posto dei suoi interessi rimaneva sempre lo studio dell’arte, quella contemporanea, la più complessa, ovvero quella astratta e poi la musica affascinato com’era più dalle dissonanze che dalle armonie. Ed il tutto serviva a ravvivare l’ispirazione dei suoi splendidi piatti a cui aggiungeva il tocco personale del suo ‘design’. Fino all’ultimo ha continuato a creare ed il suo cruccio maggiore era l’apparente isolamento in cui certa critica gastronomica l’aveva relegato, lui sempre pronto a cimentarsi in nuove ed originali proposte gastronomiche. Ma non perdeva il suo proverbiale umore né rinunciava alla sua pesante ironia che spesso sfiorava il sarcasmo.

L’ultima volta che l’ho visto al Marchesino dove ha voluto farmi assaggiare ancora una volta il suo risotto con la foglia d’oro mi ha salutato con un sorriso ricordando la massima di Eraclito: Il tempo è un fanciullo che gioca. Addio Maestro.
Vincenzo Ercolino

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Presentato il 14 gennaio il primo master al mondo dedicato alla formazione di manager per i patrimoni agricoli dell’umanità venerdi 18 gennaio

Patrimonio dell’umanità: il Soave fa scuola

Presentato il 14 gennaio il primo master al mondo dedicato alla formazione di manager per i patrimoni agricoli dell’umanità

Quale scegliere? La parola a Nicola Dal Maso
venerdi 18 gennaio

Durello Metodo Classico o Durello Charmat?

Quale scegliere? La parola a Nicola Dal Maso

Il 30 gennaio la presentazione del primo progetto di rete per le piccole e medie imprese del vino italiano. Un progetto per condividere azioni di comunicazione, di commercializzazione in Italia e all’estero e di gestione comune di risorse umane

Wine Meridian presenta il progetto Rete di Impresa per le pmi del vino italiane

Il 30 gennaio la presentazione del primo progetto di rete per le piccole e medie imprese del vino italiano. Un progetto per condividere azioni di comunicazione, di commercializzazione in Italia e all’estero e di gestione comune di risorse umane

Fabio Piccoli
Produzione sostenibile e territorio incontaminato sono gli ingredienti base dell’azienda piemontese che punta a sposare i mercati del mondo. Come? Grazie al rapporto con la cucina italiana all’estero
venerdi 18 gennaio

Oltre il Bio, la visione di Tenuta Montemagno che esalta i vitigni autoctoni

Produzione sostenibile e territorio incontaminato sono gli ingredienti base dell’azienda piemontese che punta a sposare i mercati del mondo. Come? Grazie al rapporto con la cucina italiana all’estero

Ecco le nostre tappe internazionali previste per il 2019
venerdi 18 gennaio

Wine Meridian around the world

Ecco le nostre tappe internazionali previste per il 2019

Preparati a mettere in agenda i prossimi appuntamenti internazionali del progetto che promuove il biologico nel mondo giovedi 17 gennaio

Organic Value: il calendario del 2019 è pronto!

Preparati a mettere in agenda i prossimi appuntamenti internazionali del progetto che promuove il biologico nel mondo

Sono in tanti a chiedere da anni la riforma delle Anteprime delle nostre principali denominazioni ma poi non viene mai presentato un progetto concreto. Se questo è vero quali le ragioni di questa difficoltà a rinnovare un format che a noi appare da tempo obsoleto?

Ma quali nuove Anteprime?

Sono in tanti a chiedere da anni la riforma delle Anteprime delle nostre principali denominazioni ma poi non viene mai presentato un progetto concreto. Se questo è vero quali le ragioni di questa difficoltà a rinnovare un format che a noi appare da tempo obsoleto?

Fabio Piccoli
Il nuovo anno di Vinventions: tappi all’insegna dello sviluppo sostenibile dalla A alla Z
giovedi 17 gennaio

Quando la sostenibilità passa anche per il tappo

Il nuovo anno di Vinventions: tappi all’insegna dello sviluppo sostenibile dalla A alla Z

La testata americana premia la regione gardesana grazie al suo vino e al paesaggio e il Chiaretto di Bardolino è indicato come “uno dei migliori rosati d’Italia” giovedi 17 gennaio

Il Garda: unica area italiana tra le Top 10 destinazioni vinicole al mondo, secondo Wine Enthusiast

La testata americana premia la regione gardesana grazie al suo vino e al paesaggio e il Chiaretto di Bardolino è indicato come “uno dei migliori rosati d’Italia”

Imprenditrice del vino toscana, resterà in carica per il triennio 2019 - 2022 mercoledi 16 gennaio

Donatella Cinelli Colombini confermata Presidente Nazionale delle Donne Del Vino

Imprenditrice del vino toscana, resterà in carica per il triennio 2019 - 2022

Quando ascoltiamo la versione dell’azienda e la versione del manager e ci domandiamo chi dei due ha ragione...

Le due campane delle risorse umane

Quando ascoltiamo la versione dell’azienda e la versione del manager e ci domandiamo chi dei due ha ragione...

Andrea Pozzan
Scenari futuri e consigli degli esperti in un mercato in rapida e certa evoluzione come quello oltremanica martedi 15 gennaio

La grande B (come Brexit)

Scenari futuri e consigli degli esperti in un mercato in rapida e certa evoluzione come quello oltremanica

Agnese Ceschi
Focus su Slovacchia, Repubblica Ceca e Lettonia, mete ambite da molti esportatori, ma fonte di successo di pochi, ecco svelato il perché. lunedi 14 gennaio

Est Europa e Baltico: quali prospettive future?

Focus su Slovacchia, Repubblica Ceca e Lettonia, mete ambite da molti esportatori, ma fonte di successo di pochi, ecco svelato il perché.

Noemi Mengo
In aumento gli under 35 e le quote rosa che vogliono approfondire il mondo del vino venerdi 11 gennaio

AIS Veneto: più giovani e più donne tra i sommelier

In aumento gli under 35 e le quote rosa che vogliono approfondire il mondo del vino

Da alcuni anni ormai si parla di riformare le anteprime dei grandi vini italiani ma alla fine nulla cambia con il rischio sempre più evidente di trovarsi di fronte ad iniziative costose con un’efficacia sempre più limitata

Anteprime vini, una riforma che non si può più rimandare

Da alcuni anni ormai si parla di riformare le anteprime dei grandi vini italiani ma alla fine nulla cambia con il rischio sempre più evidente di trovarsi di fronte ad iniziative costose con un’efficacia sempre più limitata

Fabio Piccoli
La storica cantina sociale dei Castelli romani vuole andare oltre i preconcetti, per affermare la bontà e le potenzialità delle sue produzioni venerdi 11 gennaio

Gotto D’Oro: il Lazio che rivendica la qualità in Italia e all'estero

La storica cantina sociale dei Castelli romani vuole andare oltre i preconcetti, per affermare la bontà e le potenzialità delle sue produzioni

Nuova edizione ad aprile 2019: diventare export manager del vino

Campus Export Manager: entrare nel mondo del vino

Nuova edizione ad aprile 2019: diventare export manager del vino

Sarah Norell ci fa comprendere come la sostenibilità stia diventando un fattore sempre più di impatto nell’industria vinicola svedese.
giovedi 10 gennaio

Ekologiskt? Yes, please!

Sarah Norell ci fa comprendere come la sostenibilità stia diventando un fattore sempre più di impatto nell’industria vinicola svedese.

Agnese Ceschi
Responsabile Vendite Italia - Canale HORECA mercoledi 09 gennaio

Offerta di lavoro

Responsabile Vendite Italia - Canale HORECA

Punti di forza e di debolezza di un Paese storicamente interessante per i produttori italiani, che però mostra oggi qualche resistenza. Tre consigli chiave per ridare smalto al vino italiano 
mercoledi 09 gennaio

Come recuperare l'appeal del vino italiano in Svizzera

Punti di forza e di debolezza di un Paese storicamente interessante per i produttori italiani, che però mostra oggi qualche resistenza. Tre consigli chiave per ridare smalto al vino italiano

Federica Lago
Per il secondo anno Wine Meridian, in partnership con Unexpected Italian, ritorna in Vietnam: il 30 settembre ad Ho Chi Minh e il 3 ottobre ad Hanoi martedi 08 gennaio

Vietnam Wine Tour 2019: due tappe per presidiare uno dei più promettenti mercati asiatici

Per il secondo anno Wine Meridian, in partnership con Unexpected Italian, ritorna in Vietnam: il 30 settembre ad Ho Chi Minh e il 3 ottobre ad Hanoi



http://www.winemeridian.com/