Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

WineMeridian
venerdi 19 gennaio 2018 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers


Michele Shah Tommasi WineNet Bixio Ceccheto Farina Enartis http://www.principedicorleone.it/ Iron3 IWSC www.farinatransparency.com www.bellenda.it Tebaldi valdoca pertinace vinojobs wbwe Wine Monitor Fondazione Edmund Mach Social Meter Analysis

In onore di Gualtiero Marchesi

Il ricordo di un uomo che ha saputo sperimentare personalmente, nell’arco di una vita, la condizione umana di tre epoche


In onore di Gualtiero Marchesi
Nei giorni scorsi abbiamo appreso della morte di Gualtiero Marchesi e sono scrosciati giù i ricordi del Maestro, rievocati da decine di allievi orfani ormai della sua arte culinaria e dei suoi saggi insegnamenti di vita.
Tanti sono accorsi ad accaparrarsi un microfono ed una inquadratura per rivendicare un pezzo di vita del grande Gualtiero Marchesi, fondatore della moderna cucina italiana. Hanno scritto o detto dell’adolescenza con i genitori albergatori in Milano, degli studi in Svizzera, del primo periodo milanese e poi del lungo soggiorno formativo in Francia, ormai già maturo con moglie e figli. Infine il ritorno e l’inizio della nuova avventura milanese in Bonvesin de la Riva con il traguardo raggiunto in pochi anni - primo in Italia- delle tre stelle Michelin.

Pochi hanno ricordato dell’incontro con Vittorio Moretti - Mattia Vezzola ‘facilitatore' - che spalancò a Gualtiero le porte dell’Albereta che per lunghi quindici anni è stata la sua casa: il luogo dove la sua ‘visione’ prese una forma compiuta. Per chi, come me, l’ha conosciuto, assistito sempre dall’inseparabile moglie Antonietta, in quel luogo, tutti i ricordi dei suoi piatti, dei suoi libri e delle nostre conversazioni rimandano sempre a quel tempio del bello che diventò, grazie alle sue magie, l’Albereta. Senza l’Albereta noi tutti racconteremmo di un altro Marchesi, perché quegli anni sono stati i più fecondi per le sue creazioni, lo spazio virtuoso dove si è dispiegata nella maniera più ispirata ogni piega del suo immenso talento.

Non c’è dubbio che la particolarità di Gualtiero Marchesi - come direbbe il sociologo De Masi - è stata la rara fortuna di sperimentare personalmente, nell’arco di una vita, la condizione umana di tre epoche: quella rurale (cucine a fuoco a legna, economiche), quella industriale (cucine elettriche ed a gas), e quella post-industriale (induzione e sottovuoto). E di averle attraversate con diletto e rigore, gioco, divertimento e scienza senza mai rinunciare alla felicità di una passione, la cucina, che attraverso una singolare visione creativa partisse appunto dal rurale e giungesse al post-industriale trasformando le brigate da lavoratori freddi e strumentali in gruppi caldi espressivi e giocosi.

Dunque chi è stato davvero Gualtiero Marchesi? Innanzitutto un leader carismatico impegnato senza sosta nella sua missione: traghettare a suon di ingredienti e ricette la stanca cucina italiana ancora influenzata da canoni ottocenteschi verso la contemporaneità. Quando mi guidò nella visita della sua mostra al castello Sforzesco di Milano nel 2010, fu impareggiabile perché d’un colpo mi furono chiare le sue motivazioni di ‘leader’. Nel congiungere in una catena di esperienze le tante tappe della sua vita mi fu chiaro dapprima che in lui albergava la consapevolezza di essere un capo carismatico perché dotato di una ‘sua’ visione della cucina, mi rivelò poi il forte sentimento di fare una scuola, ma con la passione pedagogica di un antico maestro greco, piuttosto che di un precettore moderno ed infine mi confessò, senza nascondere una vena di amarezza, che un vero capo deve essere pronto ad affrontare anche l’insuccesso che deve vivere facendo leva sulla sua tolleranza.

Ripercorremmo, in seguito, negli incontri che diventavano sempre più sporadici, le cosiddette tappe salienti della sua vita e con grande stupore mi toccò registrare che al primo posto dei suoi interessi rimaneva sempre lo studio dell’arte, quella contemporanea, la più complessa, ovvero quella astratta e poi la musica affascinato com’era più dalle dissonanze che dalle armonie. Ed il tutto serviva a ravvivare l’ispirazione dei suoi splendidi piatti a cui aggiungeva il tocco personale del suo ‘design’. Fino all’ultimo ha continuato a creare ed il suo cruccio maggiore era l’apparente isolamento in cui certa critica gastronomica l’aveva relegato, lui sempre pronto a cimentarsi in nuove ed originali proposte gastronomiche. Ma non perdeva il suo proverbiale umore né rinunciava alla sua pesante ironia che spesso sfiorava il sarcasmo.

L’ultima volta che l’ho visto al Marchesino dove ha voluto farmi assaggiare ancora una volta il suo risotto con la foglia d’oro mi ha salutato con un sorriso ricordando la massima di Eraclito: Il tempo è un fanciullo che gioca. Addio Maestro.
Vincenzo Ercolino

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Attualmente la produzione di Prosecco in Australia ha un valore di circa 40 milioni di euro ma è in forte crescita e potrebbe raggiungere a breve i 150 milioni di euro. Secondo alcuni osservatori la produzione di Prosecco australiano potrebbe rappresentare un beneficio anche all’immagine e posizionamento di quello italiano

Prosecco pedina di scambio nell’accordo tra UE e Australia?

Attualmente la produzione di Prosecco in Australia ha un valore di circa 40 milioni di euro ma è in forte crescita e potrebbe raggiungere a breve i 150 milioni di euro. Secondo alcuni osservatori la produzione di Prosecco australiano potrebbe rappresentare un beneficio anche all’immagine e posizionamento di quello italiano

Francesco Piccoli
Partecipa gratuitamente alla straordinaria opportunità di condividere esperienze

Pochi giorni al meeting per gli export manager di Wineout

Partecipa gratuitamente alla straordinaria opportunità di condividere esperienze

Intervista a Nicola Baù e a Roberta Crivellaro dello Studio legale Whiters giovedi 18 gennaio

Importare vini italiani in America: non ci si improvvisa

Intervista a Nicola Baù e a Roberta Crivellaro dello Studio legale Whiters

Noemi Mengo
Intervista a Julien Miquel, wine blogger di uno dei più influenti wine blog al mondo, Social Vignerons giovedi 18 gennaio

Wine influencer: quanto valore portano alla wine community e quanto accrescono la conoscenza comune del vino?

Intervista a Julien Miquel, wine blogger di uno dei più influenti wine blog al mondo, Social Vignerons

Noemi Mengo
Wine People presenta l'unico percorso personalizzato di formazione e consulenza ideato per gli imprenditori del vino che vogliono ottenere più risultati. A febbraio il primo incontro.

Cosa significa essere oggi un imprenditore del vino?

Wine People presenta l'unico percorso personalizzato di formazione e consulenza ideato per gli imprenditori del vino che vogliono ottenere più risultati. A febbraio il primo incontro.

Perché esportare nel secondo mercato più felice al mondo? martedi 16 gennaio

Danimarca: dove la felicità è di casa

Perché esportare nel secondo mercato più felice al mondo?

Agnese Ceschi
Come raccontarsi in modo efficace nell'etichetta? lunedi 15 gennaio

120 cm ² per raccontare la propria storia

Come raccontarsi in modo efficace nell'etichetta?

La più importante hub del commercio asiatico venerdi 12 gennaio

Inserirsi nel mercato cinese: perché dovreste usare Hong Kong come tramite

La più importante hub del commercio asiatico

Noemi Mengo
Chi sono i wine influencer cinesi? Lo scopriamo assieme… giovedi 11 gennaio

Come essere influenti in Cina

Chi sono i wine influencer cinesi? Lo scopriamo assieme…

Redazione Wine Meridian
Finalmente ci siamo: a febbraio partirà il WinePeople Campus sulla Vendita. Vogliamo creare professionisti di successo nella vendita del vino italiano nel mondo! Richiedi un colloquio informativo

Il primo corso per imparare a vendere vino nel mondo e in Italia

Finalmente ci siamo: a febbraio partirà il WinePeople Campus sulla Vendita. Vogliamo creare professionisti di successo nella vendita del vino italiano nel mondo! Richiedi un colloquio informativo

Parte l’8 febbraio il primo Wine Campus Imprenditori, un percorso in 8 tappe per diventare imprenditori del vino consapevoli del proprio ruolo nella gestione dell’impresa, sullo stato di salute della propria azienda, delle dinamiche dei mercati, del come costruirsi una identità riconoscibile, degli strumenti di marketing e di comunicazione

Diventare imprenditori del vino consapevoli

Parte l’8 febbraio il primo Wine Campus Imprenditori, un percorso in 8 tappe per diventare imprenditori del vino consapevoli del proprio ruolo nella gestione dell’impresa, sullo stato di salute della propria azienda, delle dinamiche dei mercati, del come costruirsi una identità riconoscibile, degli strumenti di marketing e di comunicazione

Fabio Piccoli
Il ricordo di un uomo che ha saputo sperimentare personalmente, nell’arco di una vita, la condizione umana di tre epoche

In onore di Gualtiero Marchesi

Il ricordo di un uomo che ha saputo sperimentare personalmente, nell’arco di una vita, la condizione umana di tre epoche

Vincenzo Ercolino


WineMeridian