Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

WineMeridian
martedi 31 marzo 2020 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com


way to go Vigna Belvedere https://www.marchesibarolo.com/ http://www.varramista.it/it/ http://www.grafical.it/it/ www.prosecco.wine  www.cantinatollo.it pradellaluna.com catullio.it cantina settesoli mossi 1558 perdomini Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ valdoca pertinace vinojobs Wine Monitor Fondazione Edmund Mach Cantina di Custoza WineNet CVA Canicatti Bixio https://www.cantinafrentana.it Corte De Pieri
giovedi 13 febbraio 2020

Indagine Shanghai, coronavirus e strategie dei ristoranti

La situazione vista dall’uomo della strada, le testimonianze di operatori e consumatori raccontano più di tanti vaniloqui.


Indagine Shanghai, coronavirus e strategie dei ristoranti

Ristorante cinese vuoto


Grazie a Michele Muraro, consulente italiano residente da alcuni anni a Shanghai ed esperto di mercato del vino in Cina, siamo venuti in possesso di una interessante indagine.

I risultati dell'indagine indipendente condotta da Nomfluence mostrano un'istantanea di come clienti ed operatori della ristorazione stanno vivendo l'epidemia di coronavirus.
L'emergenza ha messo in allerta la Cina e il mondo intero con 1.115 decessi e 45.183 casi di contagio accertati (dati aggiornati al 12/02/2020, ndr). La preoccupazione principale ora è la salute di coloro che sono stati infettati dal virus ma l’effetto sull’economia e sulle imprese non è di secondaria importanza.
In che modo i ristoranti sono stati colpiti dall'epidemia di coronavirus?
Il sondaggio è stato effettuato il 3 e 4 febbraio via WeChat (una social chat simile a whatsapp molto diffusa in Cina, ndr) ed ha coinvolto 475 clienti e operatori della ristorazione espatriati che risiedono a Shanghai.

Il sondaggio rivela che, durante il periodo pre-contagio, la maggior parte dei consumatori (37%) mangiava spesso al ristorante, almeno due volte a settimana (6-10 volte al mese) e più del 40% almeno tre volte a settimana.
La domanda seguente sorge spontanea, visto che molti ristoranti sono chiusi a causa delle nuove norme emanate dal Governo per contrastare il contagio.
Quante volte a settimana i consumatori si affidano ad un servizio a domicilio?
Il 48% ordina cibo a domicilio da 1 a 3 volte a settimana, il 42% utilizza i servizi di food delivery da 4 a più di 10 volte a settimana. Un chiaro segnale del fatto che i consumatori temono maggiormente il contatto con l’ambiente esterno piuttosto che quello col cibo.

Come si tutelano le persone dall'epidemia di coronavirus?
Più del 90% della popolazione di Shanghai ha scelto di cucinare a casa in questo periodo difficile ed incerto. Alcuni hanno combinato la cottura a casa con la consegna a domicilio (39%) e la cena al ristorante (20%).

L’indagine prende in esame anche le opinioni dei consumatori rispetto all’intenzione di tornare a mangiare in un ristorante dopo l'epidemia.
Sorprendentemente, il 42% pensa che la situazione sia già abbastanza sicura per tornare a mangiare fuori.
Quello che alla lunga potrebbe danneggiare i ristoranti è il 20% che dichiara di voler tornare solo dopo la dichiarazione ufficiale del Governo sulla bonifica totale di Shanghai, sanata dal virus.
Almeno il 45% delle persone pensa che ci vorrà un mese o più prima di poter tornare al ristorante.

Il giorno di San Valentino (14 febbraio) sarà uno dei principali eventi gastronomici dell'anno, un barometro affidabile per verificare ancor più concretamente la fiducia dei consumatori.
Solo il 15% ha dichiarato che si recherà in un ristorante per San Valentino, il 35% cucinerà a casa e più della metà degli intervistati (51%) non farà nulla di particolare. Questo quadro delinea chiaramente un mese duro per la ristorazione.

Per quanto riguarda gli operatori (titolari e chef) il sondaggio ha evidenziato il desiderio di aprire il prima possibile, ma la maggior parte (37%) prevede che il business tornerà alla normalità solo a maggio 2020.
Tuttavia, molti sono incerti (28%) e solo il 22% si attende che gli affari tornino alla normalità entro marzo, mentre il 13% è più cauto e si aspetta una effettiva normalizzazione solo dopo luglio.
Marzo è di solito un ottimo mese per i ristoranti di Shanghai. Dopo il Capodanno cinese, è il mese in cui le persone tornano alla loro routine. Qual’è dunque l’aspettativa degli operatori della ristorazione per il mese di marzo?
Le previsioni sono pessime: il 76% degli operatori della ristorazione ritiene che i ricavi per marzo 2020 saranno in calo rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente almeno del 50% (35%) o più (41%). Solo l’11% degli intervistati dichiara che non ci saranno sostanziali flessioni.

Previsioni drammatiche ma purtroppo realistiche, resta il fatto che è necessario adottare misure per sopravvivere sino a quando l’emergenza non sarà scemata e normalizzata.
Le strategie messe in campo dagli operatori (titolari e chef) sono molteplici. La maggioranza farà affidamento a concessioni di locazione (85 menzioni), alcuni ridurranno il personale o le ore di lavoro (50 menzioni).
Altri operatori hanno dichiarato che limiteranno il menù (35 menzioni) e le ore di operatività (34 menzioni), faranno più consegne a domicilio (15 menzioni) e promozioni (15 menzioni).
Un numero residuo agirà diminuendo gli stipendi (3 menzioni) e ritardando i pagamenti ai fornitori (3 menzioni).
Pochi purtroppo hanno dichiarato di voler investire maggiormente sulla trasparenza riguardo alle misure igieniche (5 menzioni).

Si profila chiaramente un periodo di crisi piuttosto lungo per l'industria del F&B (Food & Beverage). Gli ultimi due anni non sono stati oggettivamente positivi e il rallentamento degli affari era già in atto prima dell’epidemia.
L'impatto del Covid-19 (sigla scientifica che identifica il Coronavirus) sui ristoranti di Shanghai è già pesante e con molta probabilità gli effetti si prolungheranno per mesi, non ci sarà una ripresa rapida.

Da un’analisi conclusiva e complessiva, scaturiscono elementi significativi e sorprendenti.
Le previsioni degli operatori della ristorazione paiono essere più pessimistiche rispetto a quelle dei consumatori.
Come abbiamo potuto constatare, questi ultimi ritengono che la situazione sia già abbastanza sicura per tornare a mangiare fuori (42%), mentre solo il 9% ritiene che bisognerà aspettare 2 mesi o più.
Controtendenza l’opinione dei ristoratori i quali prevedono che si tornerà alla normalità solo a maggio 2020 (37%) o addirittura dopo luglio (13%).
C’è quindi una maggior fiducia da parte dei consumatori ma il contatto con il business, il polso reale della situazione in questo momento critico chi ce l’ha? Gli operatori, probabilmente.
Emanuele Fiorio

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Come decidiamo di reagire alle situazioni che viviamo dà un significato diverso al nostro tempo, decisione e condizione vitale sono due fattori chiave martedi 31 marzo 2020

Tempo inesorabile e tempo opportuno: come viverlo con “senso”

Come decidiamo di reagire alle situazioni che viviamo dà un significato diverso al nostro tempo, decisione e condizione vitale sono due fattori chiave

Lavinia Furlani
L’attuale slittamento delle iniziative b2b a livello internazionale deve rappresentare un’opportunità per le aziende del vino italiane per prepararsi al meglio al fine di costruire un nuovo modello di approccio ai mercati mondiali del vino.

È tempo di prepararsi ai mercati del futuro

L’attuale slittamento delle iniziative b2b a livello internazionale deve rappresentare un’opportunità per le aziende del vino italiane per prepararsi al meglio al fine di costruire un nuovo modello di approccio ai mercati mondiali del vino.

Lavinia Furlani
Titoli e curricula non bastano, l’importanza del ruolo delle società specializzate e del network di relazioni

La ricerca delle opportunità di lavoro nel mondo del vino: il Curriculum Vitae

Titoli e curricula non bastano, l’importanza del ruolo delle società specializzate e del network di relazioni

Redazione Wine Meridian
Perchè le aziende del vino ricorrono meno alle società di recruiting rispetto alle imprese degli altri settori? - Quarta puntata martedi 31 marzo 2020

#OBIEZIONE 4: Perché devo pagare degli acconti alla società di Head Hunting?

Perchè le aziende del vino ricorrono meno alle società di recruiting rispetto alle imprese degli altri settori? - Quarta puntata

Andrea Pozzan
Un’occasione per continuare a parlare di vino e condividere la nostra passione. lunedi 30 marzo 2020

“IO DEGUSTO A CASA” con FISAR Milano

Un’occasione per continuare a parlare di vino e condividere la nostra passione.

Come sta affrontando la drammaticità del momento Cielo e terra , che sta impegnando ogni risorsa perché il ciclo di produzione si svolga nella massima sicurezza. lunedi 30 marzo 2020

Cielo e terra vini, dai clienti nel mondo messaggi di sostegno e solidarietà

Come sta affrontando la drammaticità del momento Cielo e terra , che sta impegnando ogni risorsa perché il ciclo di produzione si svolga nella massima sicurezza.

Non può essere la paura a guidare ancora le scelte per il nostro futuro. Importanti riflessioni dello scrittore Alessandro Baricco che possono essere molto utili anche per dare un contributo utile alle nostre imprese del vino in una fase così difficile della nostra storia

La più importante lezione da questa emergenza

Non può essere la paura a guidare ancora le scelte per il nostro futuro. Importanti riflessioni dello scrittore Alessandro Baricco che possono essere molto utili anche per dare un contributo utile alle nostre imprese del vino in una fase così difficile della nostra storia

Fabio Piccoli
Gli scenari dei mercati del vino il Oltre Covid-19: andare oltre la crisi, imparare a conoscere la nostra identità e a saperla comunicare lunedi 30 marzo 2020

Partecipa al nostro webinar solidale mercoledi 1 aprile alle 15

Gli scenari dei mercati del vino il Oltre Covid-19: andare oltre la crisi, imparare a conoscere la nostra identità e a saperla comunicare

Ottimi export, consumi interni, GDO ma l’eccessiva dipendenza dal Prosecco rappresenta una debolezza per l’intero settore. lunedi 30 marzo 2020

Spumanti Italia? Forti ma deboli

Ottimi export, consumi interni, GDO ma l’eccessiva dipendenza dal Prosecco rappresenta una debolezza per l’intero settore.

Emanuele Fiorio
I 6 consigli della Sommelier Choice Awards, associazione americana di supporto al mondo dell'Horeca. lunedi 30 marzo 2020

Come può l’industria del vino affrontare il caos causato dal Covid-19?

I 6 consigli della Sommelier Choice Awards, associazione americana di supporto al mondo dell'Horeca.

Agnese Ceschi
Champagne e Barolo hanno annunciato azioni per mantenere i prezzi stabili e garantire la qualità. Roger Morris ci spiega come hanno evitato eccedenze di vino e deflazione dei prezzi. lunedi 30 marzo 2020

Champagne e Barolo, esempi di gestione virtuosa

Champagne e Barolo hanno annunciato azioni per mantenere i prezzi stabili e garantire la qualità. Roger Morris ci spiega come hanno evitato eccedenze di vino e deflazione dei prezzi.

Emanuele Fiorio
Passione, storie, unicità, vigneti autoctoni, tradizione: siete felici di pagare per la reputazione, la rarità e le storie?...perché no! lunedi 30 marzo 2020

Qualità-prezzo, parametro reale o fittizio?

Passione, storie, unicità, vigneti autoctoni, tradizione: siete felici di pagare per la reputazione, la rarità e le storie?...perché no!

Emanuele Fiorio
Ultimo giorno per aderire ai due corsi e-learning  “Vendita e wine marketing” e  “Voglio lavorare nel mondo del vino” a 99 euro lunedi 30 marzo 2020

Formarsi per non fermarsi

Ultimo giorno per aderire ai due corsi e-learning “Vendita e wine marketing” e “Voglio lavorare nel mondo del vino” a 99 euro

Cristian Fanzolato
Crescono le esportazioni, Stati Uniti e Germania i mercati top in valore e volume. Delude il Regno Unito, exploit Russia e Giappone. domenica 29 marzo 2020

Export Italia 2019: volumi da primato mondiale

Crescono le esportazioni, Stati Uniti e Germania i mercati top in valore e volume. Delude il Regno Unito, exploit Russia e Giappone.

Emanuele Fiorio
Uno scopo rivolto al futuro può far aprire davanti a noi una nuova strada lì dove non pensavamo sabato 28 marzo 2020

Blocco generale: come fare quando il timore dipinge davanti a noi un disegno più distorto che veritiero.

Uno scopo rivolto al futuro può far aprire davanti a noi una nuova strada lì dove non pensavamo

Cristian Fanzolato
Tutti gli osservatori ripetono che dopo l’emergenza Coronavirus il mondo non sarà più lo stesso. Ma se questo è vero, come potrebbe cambiare il mercato del vino? venerdi 27 marzo 2020

Ma quanto cambierà il mercato del vino?

Tutti gli osservatori ripetono che dopo l’emergenza Coronavirus il mondo non sarà più lo stesso. Ma se questo è vero, come potrebbe cambiare il mercato del vino?

Fabio Piccoli


WineMeridian