Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

WineMeridian
venerdi 19 gennaio 2018 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers


WineNet Bixio Ceccheto Farina Enartis http://www.principedicorleone.it/ Iron3 IWSC www.farinatransparency.com www.bellenda.it Tebaldi valdoca pertinace vinojobs wbwe Wine Monitor Fondazione Edmund Mach Social Meter Analysis Michele Shah Tommasi
venerdi 12 gennaio

Inserirsi nel mercato cinese: perché dovreste usare Hong Kong come tramite

La più importante hub del commercio asiatico


Inserirsi nel mercato cinese: perché dovreste usare Hong Kong come tramite
Commerciare con la Cina è uno degli obiettivi a cui la maggior parte delle aziende sta puntando negli ultimi anni. È ormai risaputo che questo Paese, dal 2015, si qualifica come seconda più grande potenza economica al mondo, naturalmente dopo gli Stati Uniti.
Per quanto l’idea di allargare il proprio mercato possa sembrare appetibile, non è semplice come sembra: la Cina ha un sistema economico e culturale interessante, che però va compreso a fondo prima di entrarvi in contatto. Il consiglio di chi già importa con questo Paese, è il seguente: dotarsi di una persona di fiducia, che conosca la lingua e la cultura cinese, poiché nel mercato asiatico, le conoscenze sono molto importanti.
Questo è quanto emerso recentemente dagli incontri del forum del business del vino a Verona, Wine2wine.

E per entrare nel delicato sistema del Paese del Dragone, Hong Kong potrebbe essere la chiave. Lo sostiene anche Dawn Chan, Exhibitions Project Manager di HKTDC, che a Wine2wine 2017 ha tenuto un seminario sui vantaggi di utilizzare Hong Kong come piattaforma d’importazione che faccia da tramite con i distributori in Cina.

A causa delle politiche in continuo mutamento, del clima molto rigido che compromette trasporti e integrità dei prodotti e della difficoltà nei pagamenti, la Cina non è una meta facile in cui inserirsi con vini italiani. Le conoscenze dei commercianti in materia sono molto scarse, e la cultura cinese prevede che si conoscano determinati usi e consuetudini, per assicurarsi rapporti solidi.

Vediamo quindi, nel dettaglio, quali sono i vantaggi di affidarsi agli importatori di Hong Kong.
Innanzitutto, gli abitanti amano molto il vino italiano, ne conoscono i marchi più famosi ed amano berlo in compagnia: più precisamente ad Hong Kong si bevono circa 5,4 litri di vino pro-capite.
Dal 2008, inoltre, il governo di Hong Kong ha eliminato qualsiasi tassa sugli alcolici, ad eccezione degli spirits, mossa che rende le pratiche commerciali molto più veloci ed economiche. Il paese si è accreditato anche con il primo “accreditation scheme" per le wine storage facilities del mondo e, dal 2007, Hong Kong si qualifica come primo centro di auction internazionale.
Ultimo, ma non meno importante: vista la conoscenza che un distributore di questo Paese può avere del clima asiatico, affidarcisi potrebbe garantire una maggiore sicurezza nel trasporto dei vini, in condizioni che ne preservino le caratteristiche e non ne mutino il sapore.

Questi sono dei fattori da tenere altamente in considerazione secondo Dawn Chan. Ci chiediamo dunque: potrà rappresentare Hong Kong nei prossimi anni il giusto porto da cui traghettare a vele spiegate verso la Cina?
Noemi Mengo

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Attualmente la produzione di Prosecco in Australia ha un valore di circa 40 milioni di euro ma è in forte crescita e potrebbe raggiungere a breve i 150 milioni di euro. Secondo alcuni osservatori la produzione di Prosecco australiano potrebbe rappresentare un beneficio anche all’immagine e posizionamento di quello italiano

Prosecco pedina di scambio nell’accordo tra UE e Australia?

Attualmente la produzione di Prosecco in Australia ha un valore di circa 40 milioni di euro ma è in forte crescita e potrebbe raggiungere a breve i 150 milioni di euro. Secondo alcuni osservatori la produzione di Prosecco australiano potrebbe rappresentare un beneficio anche all’immagine e posizionamento di quello italiano

Francesco Piccoli
Partecipa gratuitamente alla straordinaria opportunità di condividere esperienze

Pochi giorni al meeting per gli export manager di Wineout

Partecipa gratuitamente alla straordinaria opportunità di condividere esperienze

Intervista a Nicola Baù e a Roberta Crivellaro dello Studio legale Whiters giovedi 18 gennaio

Importare vini italiani in America: non ci si improvvisa

Intervista a Nicola Baù e a Roberta Crivellaro dello Studio legale Whiters

Noemi Mengo
Intervista a Julien Miquel, wine blogger di uno dei più influenti wine blog al mondo, Social Vignerons giovedi 18 gennaio

Wine influencer: quanto valore portano alla wine community e quanto accrescono la conoscenza comune del vino?

Intervista a Julien Miquel, wine blogger di uno dei più influenti wine blog al mondo, Social Vignerons

Noemi Mengo
Wine People presenta l'unico percorso personalizzato di formazione e consulenza ideato per gli imprenditori del vino che vogliono ottenere più risultati. A febbraio il primo incontro.

Cosa significa essere oggi un imprenditore del vino?

Wine People presenta l'unico percorso personalizzato di formazione e consulenza ideato per gli imprenditori del vino che vogliono ottenere più risultati. A febbraio il primo incontro.

Perché esportare nel secondo mercato più felice al mondo? martedi 16 gennaio

Danimarca: dove la felicità è di casa

Perché esportare nel secondo mercato più felice al mondo?

Agnese Ceschi
Come raccontarsi in modo efficace nell'etichetta? lunedi 15 gennaio

120 cm ² per raccontare la propria storia

Come raccontarsi in modo efficace nell'etichetta?

La più importante hub del commercio asiatico venerdi 12 gennaio

Inserirsi nel mercato cinese: perché dovreste usare Hong Kong come tramite

La più importante hub del commercio asiatico

Noemi Mengo
Chi sono i wine influencer cinesi? Lo scopriamo assieme… giovedi 11 gennaio

Come essere influenti in Cina

Chi sono i wine influencer cinesi? Lo scopriamo assieme…

Redazione Wine Meridian
Finalmente ci siamo: a febbraio partirà il WinePeople Campus sulla Vendita. Vogliamo creare professionisti di successo nella vendita del vino italiano nel mondo! Richiedi un colloquio informativo

Il primo corso per imparare a vendere vino nel mondo e in Italia

Finalmente ci siamo: a febbraio partirà il WinePeople Campus sulla Vendita. Vogliamo creare professionisti di successo nella vendita del vino italiano nel mondo! Richiedi un colloquio informativo

Parte l’8 febbraio il primo Wine Campus Imprenditori, un percorso in 8 tappe per diventare imprenditori del vino consapevoli del proprio ruolo nella gestione dell’impresa, sullo stato di salute della propria azienda, delle dinamiche dei mercati, del come costruirsi una identità riconoscibile, degli strumenti di marketing e di comunicazione

Diventare imprenditori del vino consapevoli

Parte l’8 febbraio il primo Wine Campus Imprenditori, un percorso in 8 tappe per diventare imprenditori del vino consapevoli del proprio ruolo nella gestione dell’impresa, sullo stato di salute della propria azienda, delle dinamiche dei mercati, del come costruirsi una identità riconoscibile, degli strumenti di marketing e di comunicazione

Fabio Piccoli
Il ricordo di un uomo che ha saputo sperimentare personalmente, nell’arco di una vita, la condizione umana di tre epoche

In onore di Gualtiero Marchesi

Il ricordo di un uomo che ha saputo sperimentare personalmente, nell’arco di una vita, la condizione umana di tre epoche

Vincenzo Ercolino


WineMeridian