Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

 
domenica 31 maggio 2020 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers



pertinace vinojobs Wine Monitor Fondazione Edmund Mach Cantina di Custoza Masciarelli WineNet CVA Canicatti https://www.cantinafrentana.it Corte De Pieri way to go www.unexpecteditalian.it Vigna Belvedere CIR http://www.grafical.it/it/  www.cantinatollo.it cantina settesoli mossi 1558 perdomini vidra.com Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ valdoca
venerdi 21 giugno 2019

Italia del vino credi nei giovani

Sono sempre di più i giovani che investono in formazione per lavorare nel mondo del vino, ma sono ancora poche le aziende che credono in loro


Italia del vino credi nei giovani

Sto correggendo gli esami dei miei studenti del Master in Wine Culture, Communication e Management dell’Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo dove insegno Wine Industry Marketing.
È il mio terzo anno in questa straordinaria università e non mi stancherò mai di sottolineare l’importanza del ruolo di Carlo Petrini di aver voluto con tutte le sue energie costituire un polo formativo così strategico per il futuro del nostro settore agroalimentare.
Quest’anno avevo ventidue studenti, di cui dodici italiani e altri dieci stranieri di diverse nazionalità (Usa, Regno Unito, Germania, Venezuela, Messico, Brasile e Taiwan).

Per il test finale ho sottoposto loro il seguente quesito: “Come costruire una strategia di sviluppo di un’impresa sui mercati del vino”.
Per rispondere ad una tematica così ampia è essenziale partire dai seguenti punti:
1) Lo stato attuale del sistema produttivo italiano (in termini dimensionali);
2) L’analisi dello scenario competitivo (sui principali mercati del vino);
3) Come costruire una riconoscibilità forte in uno scenario così complesso;
4) Una possibile strategia di sviluppo commerciale (capace di unire sia gli aspetti comunicativi che quelli di diffusione del brand sul mercato/i che si è prescelto).

Ovviamente non è importante entrare nei dettagli ma sono interessato a capire i seguenti aspetti:
1) la vostra consapevolezza sulla perdurante frammentazione del tessuto produttivo italiano (capire cioè come si può costruire una strategia efficace anche per una piccola impresa);
2) la presenza di un numero tuttora elevato di denominazioni di origine (non solo in Italia ma anche in Francia e Spagna);
3) la necessità, pertanto, di evidenziare la propria identità sia dal punto di vista “produttivo” (quali vini? con quale impostazione vitienologica, ecc.) che comunicativo;
4) su quali mercati si ritiene oggi sia possibile sviluppare al meglio la penetrazione commerciale ma anche la visibilità di un brand (se si scegli un mercato emergente, ad esempio, specificare le ragioni di questa scelta).
Sono ben gradite le esemplificazioni (sia reali se ne siete a conoscenza) che basate su vostre ipotesi (sviluppo di una nuova azienda, di una nuova linea di prodotto, di un nuovo canale di distribuzione, ecc.).
Sicuramente si tratta di un quesito complesso che implica una competenza multidisciplinare che come spesso sottolineiamo anche nelle nostre pagine di Wine Meridian rappresenta il bagaglio culturale ideale del manager del vino di oggi.

Ebbene il quesito è complesso ma i test che sto correggendo testimoniano l’ottima capacità di questi studenti di affrontare tematiche così difficili, così vaste.
Un risultato che non esito a considerare eccezionale ma che mi porta anche ad una domanda: come mai a fronte di sempre più giovani che decidono di investire in formazione legata al mondo del vino vi sono ancora così poche aziende che credono in loro?
E l’esempio dell’Università di Pollenzo non è certo l’unico nel panorama formativo italiano. Personalmente insegno in alcuni Master e con i nostri Campus abbiamo un numero sempre più elevato di donne e uomini che investono in formazione nel settore vitivinicolo.
C’è da parte di molti la consapevolezza che la formazione sia strategica per offrire alle aziende del vino italiano un contributo utile.
Certo, tutti siamo coscienti che da sola la formazione, anche la migliore, non è sufficiente a costruire un manager “completo”.
L’esperienza è un requisito fondamentale per “chiudere il cerchio”. Ma permettere la costruzione dell’esperienza dei manager del vino italiani fa parte delle responsabilità delle nostre imprese.
Ci vuole molto più coraggio su questo fronte, lo scrivo con forza perché non possiamo lamentarci di non avere risorse umane competenti se poi non investiamo nella competenza, anche in quella più “acerba”.
Quello che posso garantire, dal nostro osservatorio che sta diventando sempre più ampio, è che esistono ottime risorse potenziali alle quali va data la giusta fiducia.

È il tempo giusto per farlo, non facciamoci scappare centinaia di giovani - ma anche di qualche meno giovane che si sta ricostruendo una professionalità nel nostro comparto - che rappresentano una risorsa straordinaria per la crescita del vino italiano nel mondo.
Un’ultima annotazione: per testimoniare la veridicità di quanto ho scritto nelle prossime settimane pubblicheremo alcuni degli esami dei nostri studenti di Pollenzo per dimostrare di che “pasta sono fatti”.


Fabio Piccoli

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Abbiamo degustato per voi Biologico Terre di Chieti IGP Passerina di Cantina Tollo sabato 30 maggio 2020

Italian wines in the world: Biologico Terre di Chieti IGP Passerina di Cantina Tollo

Abbiamo degustato per voi Biologico Terre di Chieti IGP Passerina di Cantina Tollo

Abbiamo degustato per voi l’Adènzia Bianco Sicilia Doc di Baglio del Cristo di Campobello sabato 30 maggio 2020

Italian wines in the world: Adènzia Bianco Sicilia Doc di Baglio del Cristo di Campobello

Abbiamo degustato per voi l’Adènzia Bianco Sicilia Doc di Baglio del Cristo di Campobello

Abbiamo degustato per voi il Lugana DOC Mandolara dell'azienda Le Morette sabato 30 maggio 2020

Italian wines in the world: Lugana DOC Mandolara dell' azienda Le Morette

Abbiamo degustato per voi il Lugana DOC Mandolara dell'azienda Le Morette

Non possiamo più sprecare energie nel lamentarci ma trovare tutte le soluzioni possibili per andare oltre questa crisi e lo dobbiamo fare in fretta. Due soluzioni ci sembrano tra le più utili e attuali: le reti di impresa e un migliore sfruttamento delle nostre denominazioni. venerdi 29 maggio 2020

Superare la crisi: cercasi soluzioni

Non possiamo più sprecare energie nel lamentarci ma trovare tutte le soluzioni possibili per andare oltre questa crisi e lo dobbiamo fare in fretta. Due soluzioni ci sembrano tra le più utili e attuali: le reti di impresa e un migliore sfruttamento delle nostre denominazioni.

Fabio Piccoli
La grande enocatena italiana arriva on line e completa la Wine Experience proposta con circa 1500 referenze, selezionate dagli esperti di Signorvino fra le aziende più rappresentative di ogni zona a vocazione vinicola. giovedi 28 maggio 2020

Signorvino apre il canale e-commerce

La grande enocatena italiana arriva on line e completa la Wine Experience proposta con circa 1500 referenze, selezionate dagli esperti di Signorvino fra le aziende più rappresentative di ogni zona a vocazione vinicola.

Le prime anticipazioni della ricerca “Enoturismo: I Consorzi del vino e il territorio”, commissionata dal Consorzio Tutela del Gavi all’Università Bocconi, che verrà presentata all’assegnazione del Premio Gavi giovedi 28 maggio 2020

I Consorzi di Tutela del vino protagonisti del nuovo enoturismo

Le prime anticipazioni della ricerca “Enoturismo: I Consorzi del vino e il territorio”, commissionata dal Consorzio Tutela del Gavi all’Università Bocconi, che verrà presentata all’assegnazione del Premio Gavi "La Buona Italia 2020".

Partecipa al formato innovativo di Speedtasting digital il prossimo 7 e 8 luglio per incontrare e fare assaggiare i tuoi vini ad almeno 10 importatori di più di 10 Paesi europei. giovedi 28 maggio 2020

SPEEDTASTING B2B DIGITAL: la nuova frontiera per intercettare importatori

Partecipa al formato innovativo di Speedtasting digital il prossimo 7 e 8 luglio per incontrare e fare assaggiare i tuoi vini ad almeno 10 importatori di più di 10 Paesi europei.

Il Covid-19 ha cambiato le scelte dei consumatori britannici e americani sia in termini di modalità di acquisto, ma anche di prodotto acquistato. giovedi 28 maggio 2020

Usa e Regno Unito: le abitudini di consumo tra nuovi e vecchi trend

Il Covid-19 ha cambiato le scelte dei consumatori britannici e americani sia in termini di modalità di acquisto, ma anche di prodotto acquistato.

Agnese Ceschi
Assoenologi ha organizzato una nuova diretta per parlare del difficile momento per l'industria del vino. giovedi 28 maggio 2020

Le risposte delle Istituzioni e l'analisi degli enologi del mondo

Assoenologi ha organizzato una nuova diretta per parlare del difficile momento per l'industria del vino.

Astrid Panizza
Due terzi degli italiani disposti a pagare 20% in più per garantirsi l’italianità del prodotto. Bandiera italiana e claim “100% italiano” fanno crescere le vendite. giovedi 28 maggio 2020

Voglia di Made in Italy: il packaging “tricolore” paga

Due terzi degli italiani disposti a pagare 20% in più per garantirsi l’italianità del prodotto. Bandiera italiana e claim “100% italiano” fanno crescere le vendite.

Emanuele Fiorio
L'indagine di Global Web Index traccia i profili di alcuni comportamenti ricorrenti del consumatori mondiali. Diventeranno questi i paradigmi del panorama della Nuova Normalità? giovedi 28 maggio 2020

Il ventaglio di alternative della Nuova Normalità

L'indagine di Global Web Index traccia i profili di alcuni comportamenti ricorrenti del consumatori mondiali. Diventeranno questi i paradigmi del panorama della Nuova Normalità?

Agnese Ceschi
Per la cantina altoatesina la vendita di vino nel commercio al dettaglio di generi alimentari raggiunge il 45% e si apre la Norvegia come nuovo mercato. mercoledi 27 maggio 2020

Cantina Bolzano: strategie anti-crisi

Per la cantina altoatesina la vendita di vino nel commercio al dettaglio di generi alimentari raggiunge il 45% e si apre la Norvegia come nuovo mercato.

Siamo alla ricerca di nuove idee, testimonianze di successo per raccontare un'Italia che non si ferma. mercoledi 27 maggio 2020

Wine Meridian recruiter di storie vincenti: aspettiamo te!

Siamo alla ricerca di nuove idee, testimonianze di successo per raccontare un'Italia che non si ferma.

Astrid Panizza
Per le aziende statunitensi è una fase cruciale, rimangono le vendite online e gli happy hour virtuali ma molti puntano sulle degustazioni all’aperto. mercoledi 27 maggio 2020

Usa: i produttori affrontano la riapertura

Per le aziende statunitensi è una fase cruciale, rimangono le vendite online e gli happy hour virtuali ma molti puntano sulle degustazioni all’aperto.

Emanuele Fiorio