Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

sfondo_wm
martedi 17 settembre 2019 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com


Farina Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ Tebaldi valdoca pertinace vinojobs Wine Monitor Cantina Santa Maria La Palma Fondazione Edmund Mach Siddura WineNet CVA Canicatti Bixio https://www.cantinafrentana.it Corte De Pieri www.ilvinocomunica.it https://www.accordinistefano.it/ http://www.cantinavicobarone.com/ Vigna Belvedere italian wine academy https://www.marchesibarolo.com/ http://www.varramista.it/it/ STUDIO GIURI http://www.grafical.it/it/ www.prosecco.wine
lunedi 20 maggio 2019

Kazakhstan: un mercato da esplorare

Intervista a Artem Lebedev, presidente della Kazakhstan Sommelier Association


Kazakhstan: un mercato da esplorare

Artem Lebedev


Il 25 giugno saremo ad Almaty con un b2b con walk around tasting in collaborazione con Unexpected Italian. Il Kazakhstan, paese membro dell' EEAU (Unione Economica Eurasiatica) nata con il fine dell'integrazione economica regionale, può sembrare una meta insolita, ma non lo è. Paese che oggi riscontra circa 20 milioni di abitanti ed un business del vino che registra quasi 53 milioni di litri, rientra fra i mercati internazionali più attratti dal vino italiano, dove il Bel Paese è il primo paese dell’UE e il terzo, dopo Russia e Cina, con un giro d’affari di 17 miliardi di euro.
Per comprendere meglio questo “nuovo” mercato abbiamo intervistato Artem Lebedev, presidente della Kazakhstan Sommelier Association e il proprietario e principle docente della scuola per sommelier “O,Vino”, sommelier certificato ASI, Official Sherry educator e studente WSET.
 
Come descriverebbe il mercato del Kazakhstan?
Ci sono pro e contro, ovviamente. La popolazione arriva a 20 milioni di persone. Il Kazakhstan è uno Stato laico anche se la parte musulmana pesa per una percentuale del 70%. Tuttavia è praticato il consumo di alcol anche in questi ambiti a causa del controllo in passato dell’Unione Sovietica.
Gli alcolici come la vodka e il whisky sono ancora molto importanti, ma principalmente per le generazioni più vecchie, ma sempre più persone di queste categorie passano lentamente a bevande meno alcoliche. E una generazione più giovane dei "millennial" si rivolge principalmente alle bevande come vino, birra e cocktail.

Come descriverebbe i consumatori di vino del Kazakhstan?
Ci sono due tipologie di consumatori: quelli che arrivano al vino dal consumo deli spirits e sono guidati dalla scelta di grandi marchi e etichette note e bevono principalmente vini provenienti da regioni popolari o da produttori popolari; quelli che iniziano a bere direttamente il vino. Sono curiosi di conoscere l'intera categoria del vino e vogliono provare nuove regioni, nuovi stili, scoprire nuovi sapori e approfondire la loro conoscenza del vino.

Come va il vino italiano?
Il vino italiano ora è un marchio molto forte in Kazakhstan e ha un'immagine molto promettente, dovuta principalmente alla popolarità del cibo italiano e allo stile di vita italiano in generale in Kazakhstan. I top vini italiani sono rappresentati sul mercato meglio dei vini di Bordeaux e Borgogna. Mentre sul piano dei vini più economici il Pinot Grigio, il Trebbiano e il Bardolino fanno girare grandi quantità.

Qual è il principale canale di mercato: GDO o Horeca?
Dipende sempre dai prezzi. L’Horeca funziona molto bene con la categoria premium wines ma anche con i vini “al bicchiere" ultra-economici. Mentre la GDO si concentra principalmente sui vini a basso e medio prezzo. Mi sento di dire che c'è ancora molto lavoro da fare e cose da cambiare in entrambe le direzioni.

Quale suggerimento darebbe alle cantine italiane per entrare in questo mercato?
L'Italia è un marchio in Kazakhstan, quindi in generale il mercato è felice di vedere nuovi produttori dall'Italia. E poi il Kazakhstan è un Paese con cibi dal gusto forte e intenso, quindi trovano ottimo spazio i vini aromatici, brillanti, vivaci, croccanti, audaci e tannici. Inoltre il consumatore tradizionalmente gradisce un po’ di residuo zuccherino.
Non dimentichiamo però che la parte sud del Paese va spesso incontro ad estati caldissime e dunque qui in questa stagione sono molto apprezzati i vini sparkling, a basso contenuto alcolico, i rosè ed i rossi più di facile beva. Infine, il Kazakhstan, in termini di consumo, è molto vicino alla Russia, ma alla Russia di 5/10 anni fa.

Sarà presente all’evento del prossimo giugno di Unexpected Italian?

Non vedo l'ora che arrivi l'evento che si terrà ad Almaty nel mese di giugno. Sarà esattamente quel tipo di accelerazione di nuove regioni e nuovi stili di vini italiani sul mercato del Kazakhstan di cui abbiamo bisogno ora. Sono assolutamente fiducioso che sarà un inizio di grande successo per i lunghi rapporti commerciali reciproci tra i due Paesi.


Per partecipare con noi scrivi a redazione@winemeridian.com
Agnese Ceschi

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Si è conclusa la terza edizione di Wine Manager Day, da quest’anno aperto a molte più figure del comparto. Momenti di formazione ed uno spazio per fare network, eccovi raccontata la giornata dei manager del vino. 
martedi 17 settembre 2019

Wine Manager Day 2019: in gioco le emozioni

Si è conclusa la terza edizione di Wine Manager Day, da quest’anno aperto a molte più figure del comparto. Momenti di formazione ed uno spazio per fare network, eccovi raccontata la giornata dei manager del vino.

We have tasted for you Bosco Viticultori's Canal Grando Rosso Venezia DOC tuesday 17 september 2019

Italian wines in the world: Bosco Viticultori's Canal Grando Rosso Venezia DOC

We have tasted for you Bosco Viticultori's Canal Grando Rosso Venezia DOC

Un rapido sguardo al report Drinks Market Analysis Global di IWSR. Oltre al vino, i dati relativi alle principali categorie del settore Beverage mondiale
lunedi 16 settembre 2019

Diminuiscono i consumi ma aumenta il valore del prodotto

Un rapido sguardo al report Drinks Market Analysis Global di IWSR. Oltre al vino, i dati relativi alle principali categorie del settore Beverage mondiale

Noemi Mengo
Abbiamo degustato per voi Canal Grando Rosso Venezia DOC di Bosco Viticultori sabato 14 settembre 2019

Italian wines in the world: Canal Grando Rosso Venezia DOC di Bosco Viticultori

Abbiamo degustato per voi Canal Grando Rosso Venezia DOC di Bosco Viticultori

La rivista britannica World of fine Wine premia l'eccellenza della carta vini de La Bottega del Vino venerdi 13 settembre 2019

La Bottega del Vino eletta "Miglior Carta Vini del Mondo per i Vini da Dessert 2019"

La rivista britannica World of fine Wine premia l'eccellenza della carta vini de La Bottega del Vino

Tante novità in questa seconda edizione, ed uno sguardo più attento alle nuove generazioni venerdi 13 settembre 2019

Dal 6 al 13 ottobre torna "Milano Wine Week", palcoscenico del vino nella città meneghina

Tante novità in questa seconda edizione, ed uno sguardo più attento alle nuove generazioni

Che il mercato del vino stia attraversando una fase non facile alla luce soprattutto di numerose incognite è sempre più evidente, ma talvolta la paura di alcuni imprenditori e manager rischia di peggiorare notevolmente la situazione
venerdi 13 settembre 2019

Quando la paura fa più danni dei problemi reali

Che il mercato del vino stia attraversando una fase non facile alla luce soprattutto di numerose incognite è sempre più evidente, ma talvolta la paura di alcuni imprenditori e manager rischia di peggiorare notevolmente la situazione

Fabio Piccoli
Il parere degli esperti influenza gli acquisti dei consumatori, ma ottenere un rating alto non starà diventando un’ossessione per i produttori?
giovedi 12 settembre 2019

96/100? Ma dove ho sbagliato?

Il parere degli esperti influenza gli acquisti dei consumatori, ma ottenere un rating alto non starà diventando un’ossessione per i produttori?

Noemi Mengo
Wine Export Manager Day è l’evento che non ti aspetti. Non perdertelo il 16 settembre a FICO Eataly World (Bologna), rimangono ancora pochi posti!
mercoledi 11 settembre 2019

5 motivi per non perdere il WEMDAY 2019 se non ti sei ancora iscritto

Wine Export Manager Day è l’evento che non ti aspetti. Non perdertelo il 16 settembre a FICO Eataly World (Bologna), rimangono ancora pochi posti!

Secondo IWSR il vino biologico raggiungerà 87,5 milioni a livello globale entro il 2022. I mercati europei guidano la domanda.
mercoledi 11 settembre 2019

Vino biologico in crescita in 5 mercati del mondo

Secondo IWSR il vino biologico raggiungerà 87,5 milioni a livello globale entro il 2022. I mercati europei guidano la domanda.

Noemi Mengo
We have tasted for you Marchesi di Barolo's Barbera d'Alba DOC Peiragal 2017 wednesday 11 september 2019

Italian wines in the world: Marchesi di Barolo's Barbera d'Alba DOC Peiragal 2017

We have tasted for you Marchesi di Barolo's Barbera d'Alba DOC Peiragal 2017

Abbiamo degustato per voi il Rosé Brut Le Torri 2018 dell'azienda Le Torri mercoledi 11 settembre 2019

Italian wines in the world: Rosé Brut Le Torri 2018 dell'azienda Le Torri

Abbiamo degustato per voi il Rosé Brut Le Torri 2018 dell'azienda Le Torri

Giovanna Romeo
Nel mese delle previsioni, a vendemmia in corso, i tecnici viticoltori del territorio raccontano una stagione produttiva ricca di aspettative. martedi 10 settembre 2019

Pinot grigio delle Venezie DOC sulla Vendemmia 2019: quando la viticoltura crea valore

Nel mese delle previsioni, a vendemmia in corso, i tecnici viticoltori del territorio raccontano una stagione produttiva ricca di aspettative.

L'azienda trevigiana rinuncia definitivamente al termine prosecco prediligendo invece “Valdobbiadene DOCG” in tutti i canali comunicativi e sulle etichette martedi 10 settembre 2019

La coraggiosa scelta di Col Vetoraz: produrre solo "Valdobbiadene Docg"

L'azienda trevigiana rinuncia definitivamente al termine prosecco prediligendo invece “Valdobbiadene DOCG” in tutti i canali comunicativi e sulle etichette

A WEMDAY 2019 uno degli interventi sarà presidiato da Vincenzo Russo, docente di psicologia e neuromarketing all’Università IULM
martedi 10 settembre 2019

Vino e Neuromarketing: ce ne parla Vincenzo Russo

A WEMDAY 2019 uno degli interventi sarà presidiato da Vincenzo Russo, docente di psicologia e neuromarketing all’Università IULM

Noemi Mengo
A WEMDay 2019, lunedì 16 settembre, 5 interventi per diventare manager consapevoli
martedi 10 settembre 2019

Wine Export Manager Day: gli speaker vi aspettano

A WEMDay 2019, lunedì 16 settembre, 5 interventi per diventare manager consapevoli

Il vino realizzato congiuntamente da Masi e Vespa ha fatto scaturire un mare di polemiche per aver “sfruttato” in maniera scorretta il prestigio di due denominazioni come quella dell’Amarone della Valpolicella e del Primitivo di Manduria. Ma se la questione vera non fosse nella comunicazione sbagliata?
lunedi 09 settembre 2019

Terregiunte, le polemiche nascondono la “rivoluzione”

Il vino realizzato congiuntamente da Masi e Vespa ha fatto scaturire un mare di polemiche per aver “sfruttato” in maniera scorretta il prestigio di due denominazioni come quella dell’Amarone della Valpolicella e del Primitivo di Manduria. Ma se la questione vera non fosse nella comunicazione sbagliata?

Fabio Piccoli
Un’azienda legata alla nobile storia italiana, in varie sfaccettature, che oggi vuole crescere e rinnovarsi, senza dimenticare le proprie origini
lunedi 09 settembre 2019

Fattoria Varramista: una sfida per il futuro, che cresce su radici antiche

Un’azienda legata alla nobile storia italiana, in varie sfaccettature, che oggi vuole crescere e rinnovarsi, senza dimenticare le proprie origini

Noemi Mengo
La Mosella, il mercato americano e non solo: ecco cosa ci raccontano i produttori. 
domenica 08 settembre 2019

Il Riesling renano ama gli Stati Uniti

La Mosella, il mercato americano e non solo: ecco cosa ci raccontano i produttori.

Giovanna Romeo


sfondo_wm