Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

sfondo_wm
venerdi 19 luglio 2019 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com


Farina Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ Tebaldi valdoca pertinace vinojobs Wine Monitor Cantina Santa Maria La Palma Fondazione Edmund Mach Siddura WineNet CVA Canicatti Bixio https://www.cantinafrentana.it roncoblanchis.it https://corte-de-pieri.business.site/ www.ilvinocomunica.it https://www.accordinistefano.it/ http://www.cantinavicobarone.com/ Vigna Belvedere italian wine academy https://www.marchesibarolo.com/ http://www.varramista.it/it/
venerdi 01 febbraio 2019

L'Anteprima dell'Anteprima Amarone

Si è aperto il programma del week end dedicato al Grande Rosso Veronese con la Seconda Conferenza Annuale sulla Valpolicella


L'Anteprima dell'Anteprima Amarone
Si è aperta ufficialmente venerdì 1° febbraio l’anteprima dell’Anteprima Amarone. La Seconda Conferenza Annuale sulla Valpolicella (e sull’Amarone nel mondo) anticipa infatti di un giorno l’evento annuale che celebra ed esalta l’Amarone, il re delle denominazioni della Valpolicella, che ha fatto conoscere e amare questo territorio nel mondo.
“L’Amarone oggi è un vino di grandissimo successo sia in Italia che all’estero, ma è una denominazione ancora giovane rispetto ad altre grandi Doc, che risente della propria giovinezza”. Queste parole di Andrea Sartori, presidente del Consorzio tutela vini Valpolicella, hanno aperto il dibattito condotto da Fabio Bogo, vicedirettore di La Repubblica, che ha visto ospiti nazionali ed internazionali di spicco del mondo della sommellerie, della finanza, delle indagini economiche.
Dal dibattito è emerso un tema centrale per la denominazione: l’Amarone sta crescendo come brand e bandiera dell’Italia, è un vino di successo nel mondo, ed è considerato a tutti gli effetti un fine wine.
Secondo l’indagine condotta da Wine Intelligence e presentata oggi da Pierpaolo Penco, i consumatori di fine wines e dunque di vini nella fascia premium “sono disposti a spendere più della media, bevono con più frequenza e in maniera più diversificata, con una maggiore propensione verso etichette europee e made in Italy”.
I due Paesi che occupano una fascia di mercato importante nel settore dei luxury wines sono senza dubbio gli Stati Uniti e la Cina, in cui i consumatori premium rappresentano rispettivamente il 7% e il 12%. “Se nel Paese del Dragone i vini di lusso vengono associati al prestigio dell’etichetta, a partire dal produttore, dalla regione di origine o dai punteggi della critica, negli Usa sono le considerazioni sulla qualità del prodotto (invecchiamento e riconosciuta costanza) a prevalere, accompagnate da un’emergente attenzione alla sostenibilità, indicata da 7 premium consumer americani su 10” ha spiegato Penco.
Secondo l’esperto, poi, il consumatore premium americano ha un repertorio molto ampio di vini, spende il doppio rispetto al consumatore medio. Lo abbiamo classificato come avventuroso e curioso.
Un limite? I produttori devono imparare a parlare a questi consumatori, che sono più giovani rispetto alla media di chi consuma vini della stessa categoria. Si sono approcciati al vino in modo più recente, il vino fa parte del loro stile di vita e utilizzano il turismo del vino come strumento di valore esperienziale.
Invece il consumatore cinese si sta approcciando recentemente al vino, acquista spesso via e-commerce e prevalentemente attraverso mobile, cerca uno stile di vita occidentale, essendo relativamente giovane e spesso avendo già visitato l’Occidente.
Andando invece in terra di brand di lusso, era presente alla conferenza anche Tussah Borah, sommelier del luxury hotel  Burj Al Arab di Dubai. In un mercato che fa 16 milioni di visitatori ogni anno, il vino italiano sta crescendo molto specialmente se si parla di vini come Amarone, Super Tuscan e Barolo. “Se penso al mio mercato - ha spiegato - ogni hotel in apertura che inserisca la cucina italiana, sicuramente mette in carta l’Amarone. Chi chiede di più questa tipologia di vino?
Russi, cinesi ed europei senza dubbio”.
La rete ed il digitale sono inoltre dei campi di prova dell’appeal di questo grande vino.
Marco Bagnacavallo, CEO di Tannico ha spiegato che “considerando i fine wine come i vini sopra i 15 euro e analizzando i rossi, le prime denominazioni richieste dai nostri clienti sono Brunello, Barolo, Amarone e Bolgheri. Il cliente tipo che acquista Amarone spende due volte di più e del cliente medio e per ogni due bottiglie di Amarone ne compra una di Champagne ed ha un’istruzione media più alta”.
Infine, un’importante questione attorno all’Amarone, che si posiziona a tutti gli effetti tra i brand di lusso del vino, è rappresentata dagli investimenti in borsa. “Il mercato del vino italiano parla ancora molto di piccole e medie aziende. Il vino soffre dunque del nanismo italiano e della mancanza di capitali” ha detto Renato Maviglia, Head of Equity Prospectus e CONSOB IPO Office.
“È un mondo con una potenzialità ancora inespressa che se avesse più capitali a disposizione potrebbe fiorire. Ma per gli investitori è importante il sistema organizzativo interno, la percezione del brand da parte dei consumatori e il posizionamento competitivo all’interno del proprio settore” ha concluso Maviglia.

Agnese Ceschi

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
In queste settimane alcuni Consorzi si stanno muovendo per ridurre le produzioni con lo stop di nuovi impianti e, come per la Valpolicella, diminuire la percentuale di uve per l'Amarone. Ma è giusto che a pagare le eccedenze produttive e i bassi posizionamenti siano anche i produttori virtuosi? venerdi 19 luglio 2019

E se la miglior regola fosse la libertà e il controllo?

In queste settimane alcuni Consorzi si stanno muovendo per ridurre le produzioni con lo stop di nuovi impianti e, come per la Valpolicella, diminuire la percentuale di uve per l'Amarone. Ma è giusto che a pagare le eccedenze produttive e i bassi posizionamenti siano anche i produttori virtuosi?

Fabio Piccoli
Il sondaggio di Lastminute.com, uno dei maggiori portali di offerta turistica, rivela la predilezione per l'Italia del vino. giovedi 18 luglio 2019

L’Italia nominata miglior Paese mondiale per il vino dai wine lovers internazionali

Il sondaggio di Lastminute.com, uno dei maggiori portali di offerta turistica, rivela la predilezione per l'Italia del vino.

Export a +7,9% o a -14,4%? La babele di numeri contrastanti continua ad incombere. giovedi 18 luglio 2019

Cina: dati Istat in contrasto con le dogane cinesi

Export a +7,9% o a -14,4%? La babele di numeri contrastanti continua ad incombere.

Intervista a Valentina Abbona, sesta generazione della storica cantina Marchesi di Barolo giovedi 18 luglio 2019

Marchesi di Barolo: una storia dalle nobili origini e un grande futuro avanti a sé

Intervista a Valentina Abbona, sesta generazione della storica cantina Marchesi di Barolo

Noemi Mengo
L'Italia continua a guidare la classifica con una quota di mercato del 33% in volume
giovedi 18 luglio 2019

La nuova meta delle bollicine italiane è il Canada

L'Italia continua a guidare la classifica con una quota di mercato del 33% in volume

Noemi Mengo
Interviene la Confraternita di Valdobbiadene ricordando che il riconoscimento UNESCO si riferisce al territorio e non al prodotto mercoledi 17 luglio 2019

Colline di Conegliano Valdobbiadene Unesco: ben oltre il fenomeno Prosecco

Interviene la Confraternita di Valdobbiadene ricordando che il riconoscimento UNESCO si riferisce al territorio e non al prodotto

A ricevere il prestigioso riconoscimento sabato 28 settembre Jeannie Cho Lee, Roberto Citran, Alain Finkielkraut, Piero Luxardo e Nando Pagnoncelli. mercoledi 17 luglio 2019

Annunciati i vincitori del trentottesimo Premio Masi

A ricevere il prestigioso riconoscimento sabato 28 settembre Jeannie Cho Lee, Roberto Citran, Alain Finkielkraut, Piero Luxardo e Nando Pagnoncelli.

Abbiamo degustato per voi Venere di Azienda Agricola Nenci mercoledi 17 luglio 2019

Italian wines in the world: Venere di Azienda Agricola Nenci

Abbiamo degustato per voi Venere di Azienda Agricola Nenci

Intervista ad Armin H. Mueller, esperto conoscitore del mercato svizzero
mercoledi 17 luglio 2019

Vino italiano in Svizzera: bisogna osservare con gli occhi del consumatore

Intervista ad Armin H. Mueller, esperto conoscitore del mercato svizzero

Noemi Mengo
Secondo il presidente Sartori è una misura necessaria per tutelare l'equilibrio tra mercato e produzione. 
martedi 16 luglio 2019

Consorzio della Valpolicella: pubblicata dalla Regione Veneto la richiesta di blocco totale degli impianti

Secondo il presidente Sartori è una misura necessaria per tutelare l'equilibrio tra mercato e produzione.

Masè subentra a Beniamino Garofalo, che ha terminato il 30 giugno un positivo percorso all’interno del Gruppo martedi 16 luglio 2019

Simone Masè è il nuovo Direttore Generale del Gruppo Lunelli

Masè subentra a Beniamino Garofalo, che ha terminato il 30 giugno un positivo percorso all’interno del Gruppo

Venerdì 12 luglio, il primo incontro: un grande inizio per il corso di avvicinamento al vino di Alberto Ugolini
martedi 16 luglio 2019

Degustare il vino da un’altra prospettiva, la propria

Venerdì 12 luglio, il primo incontro: un grande inizio per il corso di avvicinamento al vino di Alberto Ugolini

Noemi Mengo
We have tasted for you Fattoria Varramista's Frasca tuesday 16 july 2019

Italian wines in the world: Fattoria Varramista's Frasca

We have tasted for you Fattoria Varramista's Frasca

Continua il Simply Italian Great Wines World Tour che il 23 settembre conquista Oslo, in Norvegia, per il quarto anno consecutivo martedi 16 luglio 2019

Simply Italian Great Wines, l’Italia del vino vola in Norvegia

Continua il Simply Italian Great Wines World Tour che il 23 settembre conquista Oslo, in Norvegia, per il quarto anno consecutivo

Valore, varietà e sostenibilità stanno facendo scalare le classifiche americane ai vini siciliani
lunedi 15 luglio 2019

Il successo a stelle e strisce della Sicilia

Valore, varietà e sostenibilità stanno facendo scalare le classifiche americane ai vini siciliani

Agnese Ceschi
Acquisti e motivazione vanno a braccetto, anche nel mondo del vino. 
lunedi 15 luglio 2019

La ricetta di un brand di successo? Pochi (ma buoni) ingredienti, tra questi uno scopo

Acquisti e motivazione vanno a braccetto, anche nel mondo del vino.

Noemi Mengo


sfondo_wm