Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

 
giovedi 09 aprile 2020 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com


http://www.grafical.it/it/ www.prosecco.wine  www.cantinatollo.it pradellaluna.com cantina settesoli mossi 1558 perdomini Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ valdoca pertinace vinojobs Wine Monitor Fondazione Edmund Mach Cantina di Custoza WineNet CVA Canicatti Bixio https://www.cantinafrentana.it Corte De Pieri way to go Vigna Belvedere https://www.marchesibarolo.com/ http://www.varramista.it/it/
mercoledi 19 febbraio 2020

L'era dell'immagine digitale aiuta a promuovere il prodotto

Arconvert offre visibilità gratuita alle cantine attraverso i suoi strumenti di marketing e il concorso internazionale Fedrigoni TOP AWARD.


L'era dell'immagine digitale aiuta a promuovere il prodotto
Le neuroscienze confermano che un’etichetta ben progettata e curata nella scelta del materiale e nella stampa offre stimoli visivi e tattili al consumatore, catalizzandone l’attenzione e aumentandone la propensione all’acquisto. Abbiamo chiesto a Chiara Tomasi, Marketing Manager di Arconvert, graphic designer ed esperta di packaging, in che modo le aziende del vino italiane stanno gestendo la loro “comunicazione” attraverso il packaging e le etichette e quali sono gli esempi virtuosi nei mercati internazionali e perché?

"Ho la fortuna di essere membro di giuria in alcuni concorsi internazionali di packaging design nel settore del food and beverage. Lo considero un privilegio perché ho la possibilità di premiare i nuovi talenti e di esaminare in anteprima le ultime tendenze. Inoltre, quella che io e gli altri giurati possiamo esaminare è una galleria di proposte che arrivano da varie parti del mondo, riuscendo quindi a comprendere anche le differenti sfumature culturali che vanno a connotare più o meno il prodotto. Ma, specie nel settore del vino, si riesce a farsi un’idea molto chiara di quali sono i paesi più “impegnati” nel farsi notare sullo scaffale, ma ancora più importante nell’era dell’immagine digitale, sui siti di e-commerce. Sappiamo tutti che giganti come Alibaba, ma anche Amazon stanno investendo parecchio nella commercializzazione del vino.
Con mio rammarico, l’
Italia è molto indietro dal punto di vista del packaging rispetto ad esempio a Spagna, Stati Uniti, Argentina, Cile, Sud Africa e Australia. È un fatto paradossale perché l’Italia vanta i migliori designer del mondo e moltissimi nuovi talenti. Ma, come quelle francesi, le cantine italiane, specie quelle più importanti, hanno paura di rinnovarsi “troppo” perché temono di perdere riconoscibilità. Dovrebbero però considerare che i target si stanno moltiplicando e si stanno evolvendo. Non possono rimanere ancorate al passato perché stanno già perdendo competitività. In Spagna, dove il vino ha una storia e tradizione molto forte come quella italiana e francese, le cantine hanno creduto nel cambiamento e si stanno vendendo molto meglio alle nuove generazioni sia a livello nazionale che all’estero".

Cosa potrebbero imparare le aziende italiane da questi esempi?
"Sicuramente che il cambiamento fa paura, ma che un’immagine vecchia e polverosa non aiuta a vendere nell’era dei social media e del web marketing.
Inoltre, ancora troppe cantine non hanno neppure una persona in azienda che si occupi di marketing perché sono ancore legate più al prodotto che al cliente. È importante essere sicuri della qualità del proprio prodotto, ma, considerando l’attuale polverizzazione del mercato in Italia - dove il moltiplicarsi delle referenze sullo scaffale è un’impressionante - ma anche la crescente forza dei concorrenti stranieri, è fondamentale aprirsi al cambiamento e considerare anche e soprattutto l’immagine del vino, non più solo il vino. Accettare l’idea di rinnovare l’immagine affidandosi a professionisti seri del design e della stampa e scegliendo materiali attraenti e adatti per la tipologia del vino e il mercato di destino. Molti produttori credono che sia troppo costoso investire nel rebranding o anche solo nel restyle di una gamma di vini o di una sola etichetta, ma non è così.
Una bella etichetta, di quelle che vincono i premi di packaging design, può costare mediamente anche solo 50 centesimi, pur scegliendo la carta migliore sul mercato. Il risultato però funziona se tutti i player della filiera del packaging sono dei veri professionisti. La costrizione dei budget degli anni post crisi porta a ricercare forme essenziali, strade nuove, spesso sperimentali nel mix di tecnologie digitali e aspetti artigianali, arrivando a una forma raffinata di semplicità. I vincoli di budget servono ad aguzzare l’ingegno. Dal designer all’etichettificio, dal produttore di capsule a quello della carta autoadesiva a quello del vetro. Se si sceglie la carta più bella sul mercato e poi si fa fare il design al cugino che lavora in azienda e sa “smanettare” un po’ con Photoshop l’investimento non serve a nulla. Steve Jobs una volta ha detto “Noi assumiamo delle persone in gamba per farci dire da loro cosa è meglio fare, non per dire loro cosa fare”.

Qual è l’incidenza del packaging sulle scelte del consumatore, dai dati in vostro possesso?
"Le statistiche dicono che un bel packaging ha il 76% delle probabilità in più di un packaging standard di farsi notare dal cliente. Inoltre, dato fondamentale, la percentuale di decisioni d’acquisto presa nel punto vendita è pari al 75% rispetto a un 25% di decisioni predeterminate. Questo vale ancora di più se si parla di e-commerce. Inoltre, il 65% dei consumatori dichiara di acquistare solo in base a packaging/etichetta.
Sono dati davvero impressionanti".

Quali sono le iniziative attraverso le quali Arconvert propone visibilità alle aziende del vino per esaltare le migliori scelte in fatto di packaging ed etichette?
"Arconvert produce materiali autoadesivi premium per l’industria del food and beverage, in particolare per l’esigente settore dei vini e degli spirits, ed è parte del Gruppo Fedrigoni, multinazionale leader a livello globale nella produzione di carte speciali per il packaging e la brand protection. Arconvert, per aumentare la consapevolezza dei produttori rispetto all’importanza di presentarsi sul mercato con un’immagine coerente e accattivante allo scopo di promuovere e comunicare al meglio i propri prodotti, offre visibilità gratuita sui suoi strumenti di marketing e web marketing ai produttori che decidono di cambiare rotta e di investire concretamente nel packaging. Data la forza dei nostri canali di web marketing e la nostra presenza a livello internazionale, riusciamo a garantire visibilità in tutto il mondo".

Cos’è il concorso Fedrigoni Top Award?
"Investire nel packaging significa evitare di spendere una fortuna in costose campagne di marketing perché il prodotto si autopromuove già dallo scaffale oppure dal sito e-commerce. Inoltre, un packaging e un’etichetta di classe garantiscono l’accesso al circuito dei concorsi internazionali di packaging, che aumentano esponenzialmente la visibilità del prodotto a livello globale. Uno dei più prestigiosi è il FEDRIGONI TOP AWARD, che, ormai da quasi quindici anni, premia il meglio del design e della stampa, con migliaia di partecipanti da tutto il mondo. Il FEDRIGONI TOP AWARD, tra l’altro, è completamente gratuito ed il bando per l’edizione 2021 è appena stato pubblicato. Come sempre, oltre naturalmente alla categoria "labels", ci sono altre categorie per iscrivere anche astucci, scatole, bag in box, brochure, cataloghi, nel caso un’azienda vinicola abbia davvero pensato a tutto per ottenere una brand image coordinata ed efficace. È un'occasione da non perdere per aumentare la visibilità del brand e comunicare meglio il valore del vino. Per noi, questo concorso è un grande motivo d’orgoglio perché vediamo premiare da una giuria di designer ed esperti di fama mondiale, l’attenzione e l’uso intelligente dei nostri prodotti. Le migliori realizzazioni saranno esposte in una Mostra che si terrà a Parigi nella Primavera 2021. La cerimonia di premiazione si terrà in occasione dell’inaugurazione della Mostra".


Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
A Guangzhou in Cina si terranno i primi “smart events” b2b durante i quali buyer e produttori si incontreranno a distanza ma con le medesime opportunità di degustazione dei vini e comunicazione delle aziende

Wine Meridian e Wonderfud lanciano i primi b2b a distanza

A Guangzhou in Cina si terranno i primi “smart events” b2b durante i quali buyer e produttori si incontreranno a distanza ma con le medesime opportunità di degustazione dei vini e comunicazione delle aziende

Redazione Wine Meridian
Sarà presto tempo di ripartire, tempo di rinascita, un fase strategica che dovrà essere gestita al meglio. Preparatevi “indossando” il vostro “abito” migliore, quello più adatto a voi, chiedete la nostra consulenza su misura per voi.  giovedi 09 aprile 2020

“Wine Meridian Exclusive”, consulenza a misura d'azienda

Sarà presto tempo di ripartire, tempo di rinascita, un fase strategica che dovrà essere gestita al meglio. Preparatevi “indossando” il vostro “abito” migliore, quello più adatto a voi, chiedete la nostra consulenza su misura per voi. 

Cristian Fanzolato
Le scelte chiare e responsabili verso una maggiore sostenibilità a 360 gradi del gruppo Viventions. giovedi 09 aprile 2020

Quando il tappo diventa sostenibile

Le scelte chiare e responsabili verso una maggiore sostenibilità a 360 gradi del gruppo Viventions.

Agnese Ceschi
Le dichiarazioni del patron di Bottega Spa hanno suscitato polemiche ma servono come spunto di riflessione per comprendere come alleviare la crisi, grazie a supporto e cooperazione. giovedi 09 aprile 2020

Sandro Bottega al Governo cinese: ridurre dazi, semplificare procedure, implementare accordi

Le dichiarazioni del patron di Bottega Spa hanno suscitato polemiche ma servono come spunto di riflessione per comprendere come alleviare la crisi, grazie a supporto e cooperazione.

Emanuele Fiorio
Abbiamo visto su Netflix il film “Il Sommelier”, dove il mondo del vino viene visto dagli occhi dell’America di colore, con tanti luoghi comuni ma anche qualche spunto interessante di riflessione giovedi 09 aprile 2020

Quando il vino si fa black

Abbiamo visto su Netflix il film “Il Sommelier”, dove il mondo del vino viene visto dagli occhi dell’America di colore, con tanti luoghi comuni ma anche qualche spunto interessante di riflessione

Fabio Piccoli
Numeri da capogiro per l’e-commerce, impennata di nuovi consumatori online. In Italia crescita a 3 cifre. giovedi 09 aprile 2020

Pandemia, vendite online alle stelle

Numeri da capogiro per l’e-commerce, impennata di nuovi consumatori online. In Italia crescita a 3 cifre.

Emanuele Fiorio
A marzo 2020 i numeri di certificazioni e imbottigliamenti del Pinot grigio delle Venezie si attestano su valori in linea con le previsioni stagionali. Le incognite arriveranno il prossimo trimestre, ma il Consorzio vigila sul mercato a tutela del valore della filiera. Bene le misure governative per il supporto finanziario alle imprese. mercoledi 08 aprile 2020

Tiene la doc Pinot Grigio delle Venezie, ma i prossimi mesi restano un'incognita

A marzo 2020 i numeri di certificazioni e imbottigliamenti del Pinot grigio delle Venezie si attestano su valori in linea con le previsioni stagionali. Le incognite arriveranno il prossimo trimestre, ma il Consorzio vigila sul mercato a tutela del valore della filiera. Bene le misure governative per il supporto finanziario alle imprese.

Tradizione, storicità, autenticità ed un’attenzione particolare per prodotti unici, frutto di ricerche su vitigni dimenticati. mercoledi 08 aprile 2020

Vino & Design: alla ricerca dell’esclusività

Tradizione, storicità, autenticità ed un’attenzione particolare per prodotti unici, frutto di ricerche su vitigni dimenticati.

Emanuele Fiorio
We have tasted for you Col Vetoraz's Valdobbiadene DOCG Brut wednesday 08 april 2020

Italian wines in the world: Col Vetoraz's Valdobbiadene DOCG Brut

We have tasted for you Col Vetoraz's Valdobbiadene DOCG Brut

I consumatori richiedono sempre di più un ritorno a ciò che è naturale e alla trasparenza nell’indicare cosa c’è nella bottiglia. mercoledi 08 aprile 2020

Vini naturali: un fenomeno destinato a resistere anche nel futuro?

I consumatori richiedono sempre di più un ritorno a ciò che è naturale e alla trasparenza nell’indicare cosa c’è nella bottiglia.

Agnese Ceschi
Ne abbiamo parlato con Filippo Galanti, Co-Founder & Business Development Manager di Divinea, portale “made in Italy” di enoturismo e partner tecnologico per circa 200 cantine. “La risorsa è lo Smart Tasting”. mercoledi 08 aprile 2020

Enoturismo e Smart Tasting. Potrà il digitale contenere gli effetti pandemia?

Ne abbiamo parlato con Filippo Galanti, Co-Founder & Business Development Manager di Divinea, portale “made in Italy” di enoturismo e partner tecnologico per circa 200 cantine. “La risorsa è lo Smart Tasting”.

Giovanna Romeo
Prospettive, canali, turismo, dati e strumenti: ecco come e perchè prepararsi sin d’ora al post coronavirus. mercoledi 08 aprile 2020

Cosa fare adesso? Ripartire dalla Cina

Prospettive, canali, turismo, dati e strumenti: ecco come e perchè prepararsi sin d’ora al post coronavirus.

Emanuele Fiorio
L’Associazione chiede al Ministro di far parte dei tavoli di consultazione per collaborare attivamente alla ripresa economica del Paese. martedi 07 aprile 2020

Crisi coronavirus: Vinarius scrive al Ministro dello sviluppo economico Stefano Patuanelli

L’Associazione chiede al Ministro di far parte dei tavoli di consultazione per collaborare attivamente alla ripresa economica del Paese.

A scriverlo in una lettera ai soci, presidente e direttore di Cantina Valpolicella Negrar, che fa un'azione solidale verso l'ospedale del territorio martedi 07 aprile 2020

Sostenibilità patrimoniale, diversificazione canali e mercati e un'agenda visionaria: punti di forza contro la crisi

A scriverlo in una lettera ai soci, presidente e direttore di Cantina Valpolicella Negrar, che fa un'azione solidale verso l'ospedale del territorio

La filosofia della famiglia Abbona, proprietaria della nota azienda piemontese Marchesi di Barolo, spiegata da Valentina Abbona, export manager dell’azienda, tra le migliori espressioni della nuova generazione del vino italiano. martedi 07 aprile 2020

Think locally, act globally

La filosofia della famiglia Abbona, proprietaria della nota azienda piemontese Marchesi di Barolo, spiegata da Valentina Abbona, export manager dell’azienda, tra le migliori espressioni della nuova generazione del vino italiano.

Agnese Ceschi