Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

sfondo_wm
venerdi 19 luglio 2019 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com


WineNet CVA Canicatti Bixio https://www.cantinafrentana.it roncoblanchis.it https://corte-de-pieri.business.site/ www.ilvinocomunica.it https://www.accordinistefano.it/ http://www.cantinavicobarone.com/ Vigna Belvedere italian wine academy https://www.marchesibarolo.com/ http://www.varramista.it/it/ Farina Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ Tebaldi valdoca pertinace vinojobs Wine Monitor Cantina Santa Maria La Palma Fondazione Edmund Mach Siddura
lunedi 06 maggio 2019

L’evoluzione delle cantine cooperative: un importante esempio, Cantina di Vicobarone.

Intervista a Claudio Barocelli, responsabile amministrativo di Cantina di Vicobarone


L’evoluzione delle cantine cooperative: un importante esempio, Cantina di Vicobarone.

Vicobarone a Vinitaly 2019


Nel panorama dell'evoluzione dell’enologia italiana un grande ruolo è svolto dalle cantine sociali e cooperative. Ma che cos’è una cantina sociale? È una cantina cooperativa costituita da più soci che conferiscono le uve dei propri vigneti. Se fino a qualche anno fa rappresentavano grandi numeri e poca qualità, oltre a importanti quote di vino sfuso che venivano destinate a tagliare vini più deboli, oggi esse hanno sempre più un ruolo importante. Una rivoluzione partita dalle cantine cooperative del Trentino Alto Adige, che hanno segnato il passo di grandi cambiamenti e soprattutto di successi. Si colloca su questo filone la Cantina di Vicobarone che nasce nel 1960 a Ziano Piacentino, in Val Tidone e che oggi conta 200 soci. Per conoscere meglio la storia dell'evoluzione di questa realtà cooperativa, abbiamo incontrato ed intervistato il responsabile amministrativo Claudio Barocelli.  
Quali sono le novità che contraddistinguono il lavoro della Cantina Vicobarone? 

Sicuramente l’ammodernamento in vari settori della nostra cantina, anche se il cambiamento più importante è avvenuto nel 2017 con l’arrivo di un nuovo enologo. Per l’esattezza, un’enologa, con conoscenze di agronomia e proveniente dal Trentino Alto Adige, ha saputo interpretare i nostri autoctoni creando vini con un'unica chiave di lettura, la “freschezza”. Ha “guardato” la nostra valle, la Valle del Tidone, entrando perfettamente in sinergia e cogliendone le potenzialità. Abbiamo avuto diversi riconoscimenti in questi anni: la Malvasia Frizzante “Sostenibile” è stata premiata come “Miglior vino frizzante d’Italia nella guida 5STARWINES - the book 2017”,  riconfermando lo stesso punteggio anche per l’anno 2018 sempre nella guida di Vinitaly. Sempre nel 2018 sono entrati in guida anche il Gutturnio Classico riserva “Pleione” e l’Ortrugo frizzante, mentre nella stessa guida per l’anno 2019 si è classificata la Colli Piacentini DOC Malvasia ferma “Theta”. La Malvasia Frizzante “sostenibile” ha vinto inoltre la Medaglia d’argento al concorso Mundus Vini 2019. 

Su cosa vi state concentrando? 

Ci stiamo concentrando sulla nostra terra, abbiamo la fortuna di disporre di duecento vigneron che conferiscono uve provenienti dai Colli Piacentini e dall’Oltrepò Pavese. Zone e microclimi decisamente diversi, un territorio variegato che spazia dai 250 ai 450 metri. La scelta ricade su “chi” e su “come” produce ma anche sulla base delle esposizioni dei vigneti, dei suoli e in più in generale sul terroir. Con molta umiltà ambiamo all’altissima qualità. 

Su cosa puntate dopo questi recenti successi? 
Valorizzare i nostri autoctoni è molto interessante per chi lo fa, ma rimangono vini non sempre facili da far percepire al mercato. Noi produciamo Ortrugo, Gutturnio, Malvasia di Candia, quest’ultima non ha più, forse, l’appeal di una volta. Polivalente e fruttata, viene messa in secondo piano dal più gastronomico e autoctono piacentino Ortrugo, che si coniuga bene sia come spumante sia come vino frizzante. Ecco allora manifestarsi il bisogno di vitigni internazionali per entrare più facilmente sul mercato estero. Abbiamo deciso dunque di produrre da quest’anno il Pinot Nero che è stato presentato al mercato durante il Vinitaly. 

Quali, secondo voi, gli eventuali punti di difficoltà? 

La comunicazione, l’informazione: puoi fare il vino più buono del mondo ma se non riesci a comunicarlo i risultati rimangono penalizzanti per chi lo produce, sia da un punto di vista di remunerazione delle uve, sia di trasferimento del reddito sul territorio. 

Qual’è l’importanza di fiere come Prowein e Vinitaly? 
Rimangono un importante momento di incontro con buyer e clienti per programmare impegni futuri, per iniziare eventuali nuove collaborazioni e per fare informazione sulle nostre etichette attraverso show cooking e degustazioni tecniche. Quest’anno abbiamo presentato “Pinot Nero Colli Piacentini”, Pinot Nero in purezza prodotto sui terreni argillosi delle nostre colline.

Quali sono le etichette sulle quali puntate? 
Un’azienda del settore enologico funziona bene se vi sono un paio di etichette “blockbuster“ che siano lo zoccolo duro della produzione, necessari per un solido reddito di ingresso, per poi puntare a prodotti differenti, frutto di ulteriore selezione. Possiamo identificarli “in primis” con Gutturnio e Ortrugo, senza dimenticare la Malvasia di Candia di cui abbiamo una buona produzione e che abbiamo coniugato nei modi più interessanti: frizzante, spumante, fermo e passito. 


Giovanna Romeo

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
In queste settimane alcuni Consorzi si stanno muovendo per ridurre le produzioni con lo stop di nuovi impianti e, come per la Valpolicella, diminuire la percentuale di uve per l'Amarone. Ma è giusto che a pagare le eccedenze produttive e i bassi posizionamenti siano anche i produttori virtuosi? venerdi 19 luglio 2019

E se la miglior regola fosse la libertà e il controllo?

In queste settimane alcuni Consorzi si stanno muovendo per ridurre le produzioni con lo stop di nuovi impianti e, come per la Valpolicella, diminuire la percentuale di uve per l'Amarone. Ma è giusto che a pagare le eccedenze produttive e i bassi posizionamenti siano anche i produttori virtuosi?

Fabio Piccoli
Il sondaggio di Lastminute.com, uno dei maggiori portali di offerta turistica, rivela la predilezione per l'Italia del vino. giovedi 18 luglio 2019

L’Italia nominata miglior Paese mondiale per il vino dai wine lovers internazionali

Il sondaggio di Lastminute.com, uno dei maggiori portali di offerta turistica, rivela la predilezione per l'Italia del vino.

Export a +7,9% o a -14,4%? La babele di numeri contrastanti continua ad incombere. giovedi 18 luglio 2019

Cina: dati Istat in contrasto con le dogane cinesi

Export a +7,9% o a -14,4%? La babele di numeri contrastanti continua ad incombere.

Intervista a Valentina Abbona, sesta generazione della storica cantina Marchesi di Barolo giovedi 18 luglio 2019

Marchesi di Barolo: una storia dalle nobili origini e un grande futuro avanti a sé

Intervista a Valentina Abbona, sesta generazione della storica cantina Marchesi di Barolo

Noemi Mengo
L'Italia continua a guidare la classifica con una quota di mercato del 33% in volume
giovedi 18 luglio 2019

La nuova meta delle bollicine italiane è il Canada

L'Italia continua a guidare la classifica con una quota di mercato del 33% in volume

Noemi Mengo
Interviene la Confraternita di Valdobbiadene ricordando che il riconoscimento UNESCO si riferisce al territorio e non al prodotto mercoledi 17 luglio 2019

Colline di Conegliano Valdobbiadene Unesco: ben oltre il fenomeno Prosecco

Interviene la Confraternita di Valdobbiadene ricordando che il riconoscimento UNESCO si riferisce al territorio e non al prodotto

A ricevere il prestigioso riconoscimento sabato 28 settembre Jeannie Cho Lee, Roberto Citran, Alain Finkielkraut, Piero Luxardo e Nando Pagnoncelli. mercoledi 17 luglio 2019

Annunciati i vincitori del trentottesimo Premio Masi

A ricevere il prestigioso riconoscimento sabato 28 settembre Jeannie Cho Lee, Roberto Citran, Alain Finkielkraut, Piero Luxardo e Nando Pagnoncelli.

Abbiamo degustato per voi Venere di Azienda Agricola Nenci mercoledi 17 luglio 2019

Italian wines in the world: Venere di Azienda Agricola Nenci

Abbiamo degustato per voi Venere di Azienda Agricola Nenci

Intervista ad Armin H. Mueller, esperto conoscitore del mercato svizzero
mercoledi 17 luglio 2019

Vino italiano in Svizzera: bisogna osservare con gli occhi del consumatore

Intervista ad Armin H. Mueller, esperto conoscitore del mercato svizzero

Noemi Mengo
Secondo il presidente Sartori è una misura necessaria per tutelare l'equilibrio tra mercato e produzione. 
martedi 16 luglio 2019

Consorzio della Valpolicella: pubblicata dalla Regione Veneto la richiesta di blocco totale degli impianti

Secondo il presidente Sartori è una misura necessaria per tutelare l'equilibrio tra mercato e produzione.

Masè subentra a Beniamino Garofalo, che ha terminato il 30 giugno un positivo percorso all’interno del Gruppo martedi 16 luglio 2019

Simone Masè è il nuovo Direttore Generale del Gruppo Lunelli

Masè subentra a Beniamino Garofalo, che ha terminato il 30 giugno un positivo percorso all’interno del Gruppo

Venerdì 12 luglio, il primo incontro: un grande inizio per il corso di avvicinamento al vino di Alberto Ugolini
martedi 16 luglio 2019

Degustare il vino da un’altra prospettiva, la propria

Venerdì 12 luglio, il primo incontro: un grande inizio per il corso di avvicinamento al vino di Alberto Ugolini

Noemi Mengo
We have tasted for you Fattoria Varramista's Frasca tuesday 16 july 2019

Italian wines in the world: Fattoria Varramista's Frasca

We have tasted for you Fattoria Varramista's Frasca

Continua il Simply Italian Great Wines World Tour che il 23 settembre conquista Oslo, in Norvegia, per il quarto anno consecutivo martedi 16 luglio 2019

Simply Italian Great Wines, l’Italia del vino vola in Norvegia

Continua il Simply Italian Great Wines World Tour che il 23 settembre conquista Oslo, in Norvegia, per il quarto anno consecutivo

Valore, varietà e sostenibilità stanno facendo scalare le classifiche americane ai vini siciliani
lunedi 15 luglio 2019

Il successo a stelle e strisce della Sicilia

Valore, varietà e sostenibilità stanno facendo scalare le classifiche americane ai vini siciliani

Agnese Ceschi
Acquisti e motivazione vanno a braccetto, anche nel mondo del vino. 
lunedi 15 luglio 2019

La ricetta di un brand di successo? Pochi (ma buoni) ingredienti, tra questi uno scopo

Acquisti e motivazione vanno a braccetto, anche nel mondo del vino.

Noemi Mengo


sfondo_wm