Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

sfondo_wm
venerdi 23 agosto 2019 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com


CVA Canicatti Bixio https://www.cantinafrentana.it Corte De Pieri www.ilvinocomunica.it https://www.accordinistefano.it/ http://www.cantinavicobarone.com/ Vigna Belvedere italian wine academy https://www.marchesibarolo.com/ http://www.varramista.it/it/ http://www.grafical.it/it/ www.prosecco.wine Farina Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ Tebaldi valdoca pertinace vinojobs Wine Monitor Cantina Santa Maria La Palma Fondazione Edmund Mach Siddura WineNet
mercoledi 17 aprile 2019

L’export tricolore sfreccia alto nei cieli svedesi

La Svezia si conferma un porto sicuro per il vino italiano nei prossimi anni. Bollicine, rosé e bianchi sono tra i favoriti, grazie al loro “healty style”.


L’export tricolore sfreccia alto nei cieli svedesi

Bollicine d'importazione in Svezia, volume e consumo pro capite. Fonte: IWSR Vinexpo 2012-2022


In vista del nostro prossimo viaggio in Svezia, il 20 maggio, nell'ambito del tour organizzato in partnership con Organic Value, siamo andati alla ricerca degli ultimi dati di IWSR riguardo a questo mercato nordico, sempre fresco e vivo, dove il Made in Italy vola alto e non sembra perdere quota.

Cominciamo da un po’ di background sulle condizioni di salute di questo mercato del Grande Nord.
L’economia svedese è forte, come sempre, non delude le aspettative, e non dà segnali di decrescita, anzi sembra continuare a crescere ancora nel prossimo futuro. Il coinvolgimento da parte dei consumatori è vivo e si prevede rimanga tale, riflettendo una sana abitudine di spesa nella fascia premium e premium + sia per vini che per liquori.
Il consumo nel contesto casalingo aumenterà, seguendo il filone
“hygge” protagonista dello stile di vita anche della sorella Norvegia, alzando il range di spesa a brand dal prezzo più elevato e indirizzando di conseguenza le abitudini di consumo dei wine lovers del Paese.
La popolazione crescerà, però gradualmente, la Svezia infatti è un Paese demograficamente sano come un pesce, anche se parte della crescita è attribuibile all’immigrazione, che, dopo uno scatto, proseguirà in maniera più “rilassata” nel prossimo futuro.

Il consumatore svedese è un consumatore molto attento, interessato agli ingredienti e al quantitativo di residuo zuccherino presente nei prodotti che gli vengono proposti. Il motto prevalente è “meno, ma meglio”, e l’attenzione a tutto ciò che è artigianale è forte, specialmente se a presentare prodotti artigianali è un’azienda piccola, con una storia autentica ed affascinante.

Vini fermi: rosé e bianchi tra i favoriti
Le categorie di prezzo più alte saranno le favorite nei prossimi anni, proprio perché al consumatore svedese piace, piuttosto, bere un po’ di meno, ma bere molto bene. Nonostante un lieve declino del consumo pro capite (proprio a causa di questo trend di pensiero), il consumo di vini fermi dovrebbe rimanere stabile nei prossimi anni. Nel 2018 è stato registrato un volume di vino totalmente importato di 19.5 milioni in casse da 9 litri, mentre nel 2022 si prevede che il volume cresca, di poco, a 19.7 milioni. Bianchi e rosé cresceranno, poiché rappresentano prodotti più “light” e quindi rientrano nella classifica dei favoriti.

Molto interessanti i grafici di IWSR, che mostrano la grande forza dell’export italiano in Svezia. Il CAGR quinquennale per origine di importazione infatti è positivo e il vino italiano crescerà. Si passa da un volume di 5.5 milioni in casse da 9 litri nel 2017 al previsto 6.2 milioni nel 2022, per quindi un CAGR di +2.3% di crescita. Attenzione però alla Francia, secondo importatore nel Paese dopo la penisola tricolore: dai 2.5 milioni registrati nel 2017 si passerà a 2.8 milioni, con un CAGR positivo al +2.8%. Al momento la categoria di prezzo più consumata è quella standard, che però perderà terreno, al contrario delle categorie premium, con CAGR per segmenti qualitativi di +4.1% per la stessa fascia temporale, e super premium +.

Bollicine italiane over the top

Letterale impennata verso il cielo per le bollicine, anche qui totalmente d’importazione (italiana soprattutto). Certo, il passato dei vini fermi registra volumi molto più alti rispetto alle bollicine, più giovani in confronto in questo mercato, però è bene segnalare che dai 2.2 milioni in casse da 9 litri di volume registrato nel 2018, si passerà a 2.9 milioni milioni nel 2022, con un consumo pro capite che da 2.5 litri annui per adulto si alzerà a ben 3.2 litri nel giro di 4 anni. Anche qui, il CAGR 2017-2022 per origine d’importazione è positivo a +8.5%, passando da un volume di 0.8 milioni a un volume di 1.2 milioni. Anche per le bollicine, la Francia occupa il secondo posto del podio, anche lei a + 7.4% di CAGR quinquennale. Per quanto riguarda il prezzo, infine, tutte le categorie sono in crescita, standard con CAGR +10.0% e premium con +4.2%, tranne la categoria più bassa, che rimane stabile.

Respiro tranquillo, nessun affanno e, per una volta, solide certezze. Il 20 maggio scopriremo di più sul mercato svedese, soprattutto per quanto riguarda un altro elemento caratteristico del tipico “healthy lifestyle”: la produzione biologica.

Per avere maggiori informazioni sulla tappa, scrivete a redazione@winemeridian.com


Noemi Mengo

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Da una nostra indagine emerge come la comunicazione, sia quella tradizionale che attraverso i social media, continua ad essere una leva utilizzata poco e male da molte imprese vitivinicole del nostro paese venerdi 23 agosto 2019

Comunicazione: tutti ne parlano, pochi la fanno

Da una nostra indagine emerge come la comunicazione, sia quella tradizionale che attraverso i social media, continua ad essere una leva utilizzata poco e male da molte imprese vitivinicole del nostro paese

Fabio Piccoli
A quasi un anno dal riconoscimento, il Soave festeggia con i suoi wine lovers il prestigioso riconoscimento e parlerà di cru ed enoturismo
giovedi 22 agosto 2019

Soave Versus, 3 giorni per celebrare il Soave, patrimonio agricolo globale

A quasi un anno dal riconoscimento, il Soave festeggia con i suoi wine lovers il prestigioso riconoscimento e parlerà di cru ed enoturismo

Cinque tra le maggiori realtà esperte del proprio settore saliranno sul palco del Wine Export Manager Day come sponsor il prossimo 16 settembre giovedi 22 agosto 2019

Wemday 2019: chi sono i nostri sponsor?

Cinque tra le maggiori realtà esperte del proprio settore saliranno sul palco del Wine Export Manager Day come sponsor il prossimo 16 settembre

Abbiamo chiesto alcune anticipazioni a 3 dei 5 relatori che saranno sul palco del Wine Export Manager Day il 16 settembre a FICO- Bologna mercoledi 21 agosto 2019

Contrattualistica internazionale, data analysis e fenomeno biologico: ecco tre dei cinque interventi del WEMDay

Abbiamo chiesto alcune anticipazioni a 3 dei 5 relatori che saranno sul palco del Wine Export Manager Day il 16 settembre a FICO- Bologna

Agnese Ceschi
Una ricerca condotta da Bytek sulle query online dal 2015 al 2018, ci svela le varietà più cercate dai consumatori dei paesi del G7
mercoledi 21 agosto 2019

Qual è il vino più digitato sui motori di ricerca?

Una ricerca condotta da Bytek sulle query online dal 2015 al 2018, ci svela le varietà più cercate dai consumatori dei paesi del G7

Noemi Mengo
Intervista a Filippo Magnani, fondatore dell’agenzia Fufluns, che con il 2019 festeggia i vent’anni di attività
mercoledi 21 agosto 2019

Enoturismo: il lifestyle italiano al centro del legame con il consumatore

Intervista a Filippo Magnani, fondatore dell’agenzia Fufluns, che con il 2019 festeggia i vent’anni di attività

Noemi Mengo
Comunicare se stessi è il valore aggiunto durante una trattativa di vendita
martedi 20 agosto 2019

Chi ben comincia…

Comunicare se stessi è il valore aggiunto durante una trattativa di vendita

Mentre i vini australiani crescono in export negli Stati Uniti, Wine Australia investe 79 milioni di dollari in ricerca e sviluppo del settore vitivinicolo.
lunedi 19 agosto 2019

Il 2020 di Wine Australia indossa un abito a stelle e strisce

Mentre i vini australiani crescono in export negli Stati Uniti, Wine Australia investe 79 milioni di dollari in ricerca e sviluppo del settore vitivinicolo.

Noemi Mengo
Consorzio del Franciacorta e del Chianti Classico hanno attivi degli osservatori economici che consentono una gestione della denominazione anche alla luce dei dati di mercato e di posizionamento dei vini
venerdi 16 agosto 2019

Consorzi, pronti anche gli osservatori economici

Consorzio del Franciacorta e del Chianti Classico hanno attivi degli osservatori economici che consentono una gestione della denominazione anche alla luce dei dati di mercato e di posizionamento dei vini

Fabio Piccoli
Raccontare storie è un'arte molto antica. Ma cosa c'entra con il business del vino? mercoledi 14 agosto 2019

Perché investire sullo storytelling?

Raccontare storie è un'arte molto antica. Ma cosa c'entra con il business del vino?

Agnese Ceschi
We have tasted for you: DOMENIS1898's Grappa Secolo Barrique Millesimata wednesday 14 august 2019

Italian wines in the world: DOMENIS1898's Grappa Secolo Barrique Millesimata

We have tasted for you: DOMENIS1898's Grappa Secolo Barrique Millesimata

In poco più di 10 anni l’azienda agrigentina è diventata tra le realtà più interessanti e dinamiche nel panorama vitienologico siciliano con una storia dove vino e religione trovano un legame unico
martedi 13 agosto 2019

Cristo di Campobello, un “pellegrinaggio” nel vino di Sicilia

In poco più di 10 anni l’azienda agrigentina è diventata tra le realtà più interessanti e dinamiche nel panorama vitienologico siciliano con una storia dove vino e religione trovano un legame unico

Fabio Piccoli
Nell’enclave del Riesling abbiamo incontrato un pioniere della vinificazione del Pinot Nero. 
martedi 13 agosto 2019

Oltre il Riesling: lo Spätburgunder in Rheingau è il regno di August Kesseler

Nell’enclave del Riesling abbiamo incontrato un pioniere della vinificazione del Pinot Nero.

Giovanna Romeo
Intervista a Marco Nordio, italiano, in Nuova Zelanda da 16 anni e titolare di una società di importazione lunedi 12 agosto 2019

Nuova Zelanda: un binocolo puntato all'estremità del mondo

Intervista a Marco Nordio, italiano, in Nuova Zelanda da 16 anni e titolare di una società di importazione

Agnese Ceschi
Abbiamo degustato per voi la Grappa Secolo Barrique Millesimata di DOMENIS1898 sabato 10 agosto 2019

Italian wines in the world: Grappa Secolo Barrique Millesimata di DOMENIS1898

Abbiamo degustato per voi la Grappa Secolo Barrique Millesimata di DOMENIS1898

Lo Chardonnay continua ad essere il vino più apprezzato dai consumatori americani. Un successo che dimostra parecchie cose e spazza via molti pericolosi luoghi comuni che ancora sono presenti nel nostro Paese
venerdi 09 agosto 2019

Cosa ci insegna lo Chardonnay negli Usa

Lo Chardonnay continua ad essere il vino più apprezzato dai consumatori americani. Un successo che dimostra parecchie cose e spazza via molti pericolosi luoghi comuni che ancora sono presenti nel nostro Paese

Fabio Piccoli
Torniamo a focalizzare la nostra attenzione sul direct shipping, scoprendo il parere di alcuni importanti testimoni dell’area retail statunitense
giovedi 08 agosto 2019

Direct To Consumer, cosa ne pensano i retailer negli USA?

Torniamo a focalizzare la nostra attenzione sul direct shipping, scoprendo il parere di alcuni importanti testimoni dell’area retail statunitense

Noemi Mengo
Abbiamo incontrato Emma Taveri, esperta in Destination Marketing e Management CEO di Destination Markers e ci siamo fatti spiegare perché il vino dovrebbe puntare su questo mercoledi 07 agosto 2019

Come far diventare il vostro territorio una wine destination di successo?

Abbiamo incontrato Emma Taveri, esperta in Destination Marketing e Management CEO di Destination Markers e ci siamo fatti spiegare perché il vino dovrebbe puntare su questo

Agnese Ceschi
Abbiamo degustato per voi il Barbera d'Asti Superiore di Cascina Ciuché mercoledi 07 agosto 2019

Italian wines in the world: Barbera d'Asti Superiore di Cascina Ciuché

Abbiamo degustato per voi il Barbera d'Asti Superiore di Cascina Ciuché



sfondo_wm