Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

http://www.winemeridian.com/
giovedi 21 marzo 2019 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers


Siddura enosocial.com

https://corte-de-pieri.business.site/ www.ilvinocomunica.it https://www.accordinistefano.it/ http://www.cantinavicobarone.com/ italian wine academy Farina Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ valdoca vinojobs Wine Monitor Cantina Santa Maria La Palma Fondazione Edmund Mach Siddura WineNet CVA Canicatti Bixio https://www.cantinafrentana.it roncoblanchis.it Tebaldi pertinace

L'identikit del candidato ideale: quando la passione per il prodotto non basta più

Cosa cerchiamo quando aiutiamo le aziende a cercare nuovi “talenti” per la vendita del vino


L'identikit del candidato ideale: quando la passione per il prodotto non basta più
La parola chiave, che meglio identifica un fenomeno da tenere in considerazione di questi tempi, è “contaminazione”.

Quando parliamo di “contaminazione” nel settore vitienologico, da un punto di vista professionale, intendiamo la possibilità di trovarsi di fronte a candidati che hanno maturato esperienze lavorative in altri settori, e che propongono nuove modalità di approccio ai mercati, e un’innovazione nel linguaggio della comunicazione commerciale. Riuscire a intercettare canali distributivi inediti, ampliando così il bacino e la varietà di contatti, è possibile solo se si è disposti ad avere un’elasticità di azione nella vendita.

Nella nostra lunga esperienza di attività di recruitment, che oggi svolgiamo attraverso il progetto Talent, abbiamo potuto constatare che talvolta, gli export manager più validi, erano persone che arrivavano da formazione ed esperienze professionali diverse da quelle del settore vitienologico. Sicuramente, il primo fattore che può spingere a intraprendere una carriera in questo ambito, è determinato dalla passione per il prodotto, che porta ad un serio approfondimento delle conoscenze per orientarsi in maniera abbastanza sicura tra vitigni, denominazioni, tecniche di vinificazione e terroirs, ma per svolgere al meglio l’attività di vendita, bisogna andare ben oltre la capacità di degustazione!
La possibilità di diventare un buon venditore, richiede una preparazione specifica, e quindi un’adeguata formazione, perché saper descrivere in maniera accurata le caratteristiche di un vino, non ne garantisce la sua commercializzazione. Le competenze che si dovrebbero padroneggiare al meglio, sono ben diverse: una conoscenza dei mercati e delle dinamiche distributive; la conoscenza di una lingua straniera, il più possibile sotto il profilo commerciale; la percezione chiara e complessa di tutta la filiera, dalla produzione alla distribuzione; la dimestichezza con aspetti numerici e quantitativi, che spesso vengono minimizzati, rispetto a quelli “emotivi”, con cui si cerca di delineare il valore di un vino.
Ci rendiamo conto che anche agli esperti più preparati in fatto di degustazione, manca una visione di gestione degli aspetti commerciali che riguardano il vino. Allo stesso tempo, notiamo che per i venditori più affermati, non sempre è necessaria una conoscenza approfondita degli aspetti enologici e organolettici dei loro prodotti.

Nel nostro lavoro di Head Hunting, ci capita di selezionare risorse umane per conto di aziende che ci chiedono dei profili specializzati anche nella conoscenza dei vini, ma non sempre si rivela una scelta per forza adeguata: a volte si è dimostrato strategico proprio scegliere delle figure provenienti da altri ambiti professionali, che avessero voglia di avvicinarsi al mondo vitienologico, mettendo in gioco le abilità acquisite in altri settori, piuttosto che persone la cui competenza vertesse in maniera approfondita sui vini, ma che fossero praticamente “a digiuno” rispetto a competenze commerciali!

Ci sono molti fattori che incidono sulle capacità di un buon venditore, e per poter essere definito tale, sono necessarie sicuramente una buona disposizione alle attività di vendita, e la passione per questo lavoro, ma, oltre a ciò, si rendono necessarie altre abilità: riuscire a trasmettere il proprio valore, senza cadere nella lotta del prezzo più basso; rendere riconoscibili i propri vini sul mercato; evitare gli errori più comuni nella gestione del cliente; individuare le proprie aree di miglioramento in fase commerciale; percepire, e intercettare, con gli strumenti più adeguati, gli interlocutori giusti; mettere a frutto le modalità di comunicazione persuasive più efficaci; gestire e superare al meglio le obiezioni alla vendita.

Ecco perché non basta conoscere le caratteristiche dei vini! Sono tutte abilità che si possono perfezionare, seguendo una formazione specifica. In tal senso, i nostri Percorsi Campus, sono la risposta a tale esigenza. É una questione di obiettivi: se si vuol “consigliare” un vino, l’ideale sarà diventare un esperto di vini, scegliendo il corso di degustazione più indicato; se si vuole “vendere” un vino, si seguirà un corso sulla vendita specifico per questo settore!

Lavinia Furlani

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Drink less, but drink better: il nuovo mantra del consumatore inglese giovedi 21 marzo

L'esplosione del biologico nel Regno Unito

Drink less, but drink better: il nuovo mantra del consumatore inglese

Agnese Ceschi
General Manager mercoledi 20 marzo

Offerta di Lavoro

General Manager

La manifestazione di Düsseldorf non solo rappresenta oggi la miglior “piazza” commerciale del vino nel mondo ma anche uno straordinario osservatorio per capire come si è evoluto e si sta evolvendo il settore vitivinicolo a livello mondiale

mercoledi 20 marzo

Prowein 2019, una fiera didattica

La manifestazione di Düsseldorf non solo rappresenta oggi la miglior “piazza” commerciale del vino nel mondo ma anche uno straordinario osservatorio per capire come si è evoluto e si sta evolvendo il settore vitivinicolo a livello mondiale

Fabio Piccoli
L’organizzazione aziendale ha spesso bisogno di un professionista esterno per valorizzare le proprie risorse mercoledi 20 marzo

La figura del Business Coach nel mondo del vino: Chi è? A cosa serve?

L’organizzazione aziendale ha spesso bisogno di un professionista esterno per valorizzare le proprie risorse

Massimo Benedetti, Marketing and communication specialist
Abbiamo girato per i padiglioni italiani alla ricerca delle impressioni dei produttori su questa edizione della nota kermesse tedesca martedi 19 marzo

ProWein 2019: buona la seconda (giornata)!

Abbiamo girato per i padiglioni italiani alla ricerca delle impressioni dei produttori su questa edizione della nota kermesse tedesca

Agnese Ceschi e Noemi Mengo
Report dalla prima giornata di ProWein. Dal Business Report della fiera di Düsseldorf grande crescita in attrattività del mercato cinese 
lunedi 18 marzo

ProWein 2019: deboli piogge, ma previste schiarite

Report dalla prima giornata di ProWein. Dal Business Report della fiera di Düsseldorf grande crescita in attrattività del mercato cinese

Noemi Mengo e Agnese Ceschi
L'intervista a Marius Berlemann, Global Head Wine & Spirits e direttore di ProWein domenica 17 marzo

ProWein here we go!

L'intervista a Marius Berlemann, Global Head Wine & Spirits e direttore di ProWein

Agnese Ceschi
Ci prepariamo all’edizione 2019 della kermesse più attesa in Europa 
sabato 16 marzo

ProWein: 3 punti chiave per fare il giusto ingresso in fiera

Ci prepariamo all’edizione 2019 della kermesse più attesa in Europa

We have tasted for you Tenuta Montemagno's Solis Vis Monferrato Bianco DOC Timorasso saturday 16 march

Italian wines in the world: Tenuta Montemagno's Solis Vis Monferrato Bianco DOC Timorasso

We have tasted for you Tenuta Montemagno's Solis Vis Monferrato Bianco DOC Timorasso

Abbiamo degustato per voi Solis Vis Monferrato Bianco DOC Timorasso di Tenuta Montemagno sabato 16 marzo

Italian wines in the world: Solis Vis Monferrato Bianco DOC Timorasso di Tenuta Montemagno

Abbiamo degustato per voi Solis Vis Monferrato Bianco DOC Timorasso di Tenuta Montemagno

Sembrava stata cancellata dal vocabolario del vino e invece mai come oggi si continua a parlare di tipicità e di quel legame straordinario tra il vino e la sua origine. Ma perché?

venerdi 15 marzo

Il ritorno “silenzioso” ma prezioso della tipicità

Sembrava stata cancellata dal vocabolario del vino e invece mai come oggi si continua a parlare di tipicità e di quel legame straordinario tra il vino e la sua origine. Ma perché?

Fabio Piccoli
Ettore Nicoletto, dal 2008 Amministratore Delegato di Santa Margherita Gruppo Vinicolo, è il nuovo Presidente del Consorzio di Tutela del Lugana DOC, una delle denominazioni emergenti del panorama vitivinicolo nazionale. giovedi 14 marzo

Ettore Nicoletto, Amministratore Delegato di Santa Margherita Gruppo Vinicolo, è il nuovo Presidente del Consorzio di Tutela del Lugana DOC.

Ettore Nicoletto, dal 2008 Amministratore Delegato di Santa Margherita Gruppo Vinicolo, è il nuovo Presidente del Consorzio di Tutela del Lugana DOC, una delle denominazioni emergenti del panorama vitivinicolo nazionale.

Salvato dal fallimento uno dei marchi storici del Chianti, salvaguardato anche il futuro dei soci conferitori del soci di una delle più importanti cooperative giovedi 14 marzo

Tenute Piccini rilanciano il Geografico

Salvato dal fallimento uno dei marchi storici del Chianti, salvaguardato anche il futuro dei soci conferitori del soci di una delle più importanti cooperative

Fabio Piccoli
Intervista a Debora Bonora, fondatrice di Organic Value, sul mercato svedese e la prossima tappa dell’OV Tour a Stoccolma giovedi 14 marzo

Svezia, la terra dove il biologico ha preso il volo

Intervista a Debora Bonora, fondatrice di Organic Value, sul mercato svedese e la prossima tappa dell’OV Tour a Stoccolma

Agnese Ceschi
I consumatori negli Usa stanno ampliando il loro repertorio di gusti aprendosi anche all’amaro. Un allargamento di preferenze che potrebbe condizionare non poco anche le scelte sui vini con qualche vantaggio nuovo per l’Italia del vino

Il gusto amaro conquista gli americani

I consumatori negli Usa stanno ampliando il loro repertorio di gusti aprendosi anche all’amaro. Un allargamento di preferenze che potrebbe condizionare non poco anche le scelte sui vini con qualche vantaggio nuovo per l’Italia del vino

Fabio Piccoli
Il 22 e 23 maggio Wine Meridian ritorna in partnership con Wonderfud per la nuova tappa a Singapore 
giovedi 14 marzo

Si vola a Singapore, alla ricerca di nuove opportunità con Wonderfud

Il 22 e 23 maggio Wine Meridian ritorna in partnership con Wonderfud per la nuova tappa a Singapore

Raccontaci cosa fai per promuovere e per comunicare il tuo vino. Siamo alla ricerca di progetti e di idee originali per valorizzarlo e comunicarlo. giovedi 14 marzo

Partecipa al concorso "Il Meridiano del vino": Wine Meridian premia le migliori idee di comunicazione e promozione del vino italiano

Raccontaci cosa fai per promuovere e per comunicare il tuo vino. Siamo alla ricerca di progetti e di idee originali per valorizzarlo e comunicarlo.



http://www.winemeridian.com/