Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

sfondo_wm
venerdi 23 agosto 2019 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com


http://www.cantinavicobarone.com/ Vigna Belvedere italian wine academy https://www.marchesibarolo.com/ http://www.varramista.it/it/ http://www.grafical.it/it/ www.prosecco.wine Farina Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ Tebaldi valdoca pertinace vinojobs Wine Monitor Cantina Santa Maria La Palma Fondazione Edmund Mach Siddura WineNet CVA Canicatti Bixio https://www.cantinafrentana.it Corte De Pieri www.ilvinocomunica.it https://www.accordinistefano.it/
mercoledi 05 giugno 2019

La Bottega del vino: l’olimpo del vino a Verona

Intervista al neoeletto presidente Tiziano Castagnedi


La Bottega del vino: l’olimpo del vino a Verona

Tiziano Castagnedi nella fornitissima cantina della Bottega del Vino


Recentemente nominato presidente dell'Antica Bottega del Vino di Verona, uno dei locali storici tra i più rinomati per la “maestosa” carta dei vini, nel cuore del centro storico di Verona, oggi di proprietà delle Famiglie Storiche, Tiziano Castagnedi, uno dei proprietari dell’azienda Tenuta Sant’Antonio, ci racconta la storia di questo luogo, il ruolo della ristorazione in Italia e nel mondo e le sue visioni sul futuro del mondo Horeca. 



Tiziano, ci racconta l’affascinante storia de la Bottega del vino di Verona?

Tra i più antichi e storici locali italiani, la Bottega nasce nel 1500 con il nome di Osteria lo Scudo di Francia perché il consolato francese era ospite al piano superiore. Durante l’impero austro-ungarico nel XVIII secolo cambia il nome in Osteria la Biedemeier e acquisisce parte dell’arredo che esiste ancora oggi e che vogliamo rimanga. Nel 1890 prende l’attuale nome “Bottega del Vino” grazie alla famiglia veronese degli Sterzi. Durante la seconda guerra mondiale viene bombardata, ma poi rinasce nel 1957 grazie alla famiglia Rizzo -Grigolo, che la trasforma in un ristorante e arricchisce la cantina anche con vini internazionali. Ultimi gestori furono Severino Barzan e Giovanni Pascucci. Nove anni fa l’abbiamo acquisita noi produttori delle Famiglie Storiche (Allegrini, Begali, Brigaldara, Masi, Musella, Speri, Tedeschi, Tenuta Sant’Antonio, Tommasi, Venturini, Zenato). 




Il vino fa parte da sempre della storia di questo locale?

Assolutamente, per questo l’abbiamo acquistata. Ci sono 18 mila bottiglie con più di 3.000 referenze da tutto il mondo, tra grandi formati, collezioni, bottiglie rare, non solo di vino, ma anche distillati di vari generi. La carta dei vini si può definire un libro, un’enciclopedia. La nostra cantina inoltre è una meraviglia, che offre anche uno spazio dedicato e privato dove cenare circondati da preziose bottiglie di vino. 




Che obiettivo avevate come Famiglie Storiche quando l’avete acquistata?

Siamo sempre stati mossi dall’intento di voler mantenere un locale storico, riferimento per tutto il mondo, una sorta di “Olimpo del vino”. 
Forti della presenza di referenze da tutto il mondo, vogliamo che questo locale sia imperniato sull’orgoglio veronese, infatti l’Amarone, di cui come Famiglie ci facciamo ambasciatrici, è molto presente. Inoltre, questo è un luogo dove braccia spalancate accolgono tutti: produttori veronesi, italiani e mondiali. Ieri, oggi e domani ospitiamo tutte le persone che parlano qualunque lingua dell’enomondo. 




Come vengono proposti i vini?

Abbiamo incaricato un direttore molto bravo, Luca Nicolis. Lui è un maitre, sommelier e chef. Oltre ad ricevere gli ospiti, è riuscito a trovare un clima di collaborazione nel nostro team di oltre 20 persone. Tra questi vi sono chef, maitre di sala e sommelier, che svolgono la presentazione e il servizio dei vini. 

Che obiettivi mi sono posto come presidente? 
Possibilmente migliorare il trend dei miei predecessori: dunque livello qualitativo dei prodotti, del servizio con giusto rapporto qualità/prezzo ma anche delle persone che accogliamo. Voglio che la Bottega sia un punto di riferimento nella città di Verona. Siamo stati definiti come realtà unica nel territorio da importantissime riviste del settore come Wine Spectator e Falstaff, dobbiamo mantenere alta la nostra reputazione.




Arrivano molti turisti alla Bottega e da dove vengono?

Da quando io ho ricordi, 10 anni fa, era un locale per i turisti. Mentre con i miei predecessori è aumentato l’afflusso anche dei veronesi. In questi anni però è cambiato l’approccio del turista. Oggi c’è più un mordi e fuggi da parte di tutti, compreso il turista. Sto notando anno dopo anno, quanto sia importante far sentire a proprio agio i nostri ospiti per farli rimanere un po' di più e vivere a pieno la Bottega e non assecondare questa tendenza del mordi e fuggi. L'obiettivo è scalfire nella loro memoria un ricordo indelebile.




Ragionando sul mondo Horeca italiano oggi… 

L’Horeca in Italia ha un futuro roseo, se non si fa prendere la mano dalla voglia di facili profitti e dalla moda del momento. Non dobbiamo perdere mai lo stile che ci caratterizza e non seguire facili modernità. Dobbiamo per quanto difficile, operare oggi per garantirci un solido futuro.




Qual è il limite maggiore delle carte dei vini in Italia?
 
Nessuno ormai ha un “polmone” economico per fare magazzino. Le carte snelliscono, ci sono meno prodotti per ciascun territorio rispetto a 10-20 anni fa, e spesso i ristoratori puntano su non dover aver a che fare con troppi interlocutori. Le carte sono certamente ridotte.




Paragonando la ristorazione italiana con quella mondiale, qual è il nostro punto di forza e cosa dovremmo imparare dal resto del mondo?

Noi abbiamo il vantaggio di avere la cucina Mediterranea che ci invidiano tutti. Tutti hanno piacere quando mangiano cibo e bevono vino italiano, senza nulla togliere agli altri. E questo è, a mio avviso, il nostro maggiore punto di forza.
Dobbiamo, però, affinarci sull’accoglienza. Mi riferisco agli Stati Uniti, al Sudafrica e alla Francia dove l’enoturista o l’ospite sul territorio viene accolto, coccolato e guidato. Ciò che ci manca è il sincronismo di filiera. Tra istituzioni sempre più appesantite dalla burocrazia e la necessaria velocità di evoluzione che quest’epoca ci chiede sempre più frequentemente.




Un messaggio finale?

La Bottega era, è e sarà un punto di riferimento per tutti, una tappa doverosa per chi a Verona arriva da turista, ma anche per chi la vive per impegni di lavoro.
La Bottega del vino: l’olimpo del vino a Verona
Agnese Ceschi

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Da una nostra indagine emerge come la comunicazione, sia quella tradizionale che attraverso i social media, continua ad essere una leva utilizzata poco e male da molte imprese vitivinicole del nostro paese venerdi 23 agosto 2019

Comunicazione: tutti ne parlano, pochi la fanno

Da una nostra indagine emerge come la comunicazione, sia quella tradizionale che attraverso i social media, continua ad essere una leva utilizzata poco e male da molte imprese vitivinicole del nostro paese

Fabio Piccoli
A quasi un anno dal riconoscimento, il Soave festeggia con i suoi wine lovers il prestigioso riconoscimento e parlerà di cru ed enoturismo
giovedi 22 agosto 2019

Soave Versus, 3 giorni per celebrare il Soave, patrimonio agricolo globale

A quasi un anno dal riconoscimento, il Soave festeggia con i suoi wine lovers il prestigioso riconoscimento e parlerà di cru ed enoturismo

Cinque tra le maggiori realtà esperte del proprio settore saliranno sul palco del Wine Export Manager Day come sponsor il prossimo 16 settembre giovedi 22 agosto 2019

Wemday 2019: chi sono i nostri sponsor?

Cinque tra le maggiori realtà esperte del proprio settore saliranno sul palco del Wine Export Manager Day come sponsor il prossimo 16 settembre

Abbiamo chiesto alcune anticipazioni a 3 dei 5 relatori che saranno sul palco del Wine Export Manager Day il 16 settembre a FICO- Bologna mercoledi 21 agosto 2019

Contrattualistica internazionale, data analysis e fenomeno biologico: ecco tre dei cinque interventi del WEMDay

Abbiamo chiesto alcune anticipazioni a 3 dei 5 relatori che saranno sul palco del Wine Export Manager Day il 16 settembre a FICO- Bologna

Agnese Ceschi
Una ricerca condotta da Bytek sulle query online dal 2015 al 2018, ci svela le varietà più cercate dai consumatori dei paesi del G7
mercoledi 21 agosto 2019

Qual è il vino più digitato sui motori di ricerca?

Una ricerca condotta da Bytek sulle query online dal 2015 al 2018, ci svela le varietà più cercate dai consumatori dei paesi del G7

Noemi Mengo
Intervista a Filippo Magnani, fondatore dell’agenzia Fufluns, che con il 2019 festeggia i vent’anni di attività
mercoledi 21 agosto 2019

Enoturismo: il lifestyle italiano al centro del legame con il consumatore

Intervista a Filippo Magnani, fondatore dell’agenzia Fufluns, che con il 2019 festeggia i vent’anni di attività

Noemi Mengo
Comunicare se stessi è il valore aggiunto durante una trattativa di vendita
martedi 20 agosto 2019

Chi ben comincia…

Comunicare se stessi è il valore aggiunto durante una trattativa di vendita

Mentre i vini australiani crescono in export negli Stati Uniti, Wine Australia investe 79 milioni di dollari in ricerca e sviluppo del settore vitivinicolo.
lunedi 19 agosto 2019

Il 2020 di Wine Australia indossa un abito a stelle e strisce

Mentre i vini australiani crescono in export negli Stati Uniti, Wine Australia investe 79 milioni di dollari in ricerca e sviluppo del settore vitivinicolo.

Noemi Mengo
Consorzio del Franciacorta e del Chianti Classico hanno attivi degli osservatori economici che consentono una gestione della denominazione anche alla luce dei dati di mercato e di posizionamento dei vini
venerdi 16 agosto 2019

Consorzi, pronti anche gli osservatori economici

Consorzio del Franciacorta e del Chianti Classico hanno attivi degli osservatori economici che consentono una gestione della denominazione anche alla luce dei dati di mercato e di posizionamento dei vini

Fabio Piccoli
Raccontare storie è un'arte molto antica. Ma cosa c'entra con il business del vino? mercoledi 14 agosto 2019

Perché investire sullo storytelling?

Raccontare storie è un'arte molto antica. Ma cosa c'entra con il business del vino?

Agnese Ceschi
We have tasted for you: DOMENIS1898's Grappa Secolo Barrique Millesimata wednesday 14 august 2019

Italian wines in the world: DOMENIS1898's Grappa Secolo Barrique Millesimata

We have tasted for you: DOMENIS1898's Grappa Secolo Barrique Millesimata

In poco più di 10 anni l’azienda agrigentina è diventata tra le realtà più interessanti e dinamiche nel panorama vitienologico siciliano con una storia dove vino e religione trovano un legame unico
martedi 13 agosto 2019

Cristo di Campobello, un “pellegrinaggio” nel vino di Sicilia

In poco più di 10 anni l’azienda agrigentina è diventata tra le realtà più interessanti e dinamiche nel panorama vitienologico siciliano con una storia dove vino e religione trovano un legame unico

Fabio Piccoli
Nell’enclave del Riesling abbiamo incontrato un pioniere della vinificazione del Pinot Nero. 
martedi 13 agosto 2019

Oltre il Riesling: lo Spätburgunder in Rheingau è il regno di August Kesseler

Nell’enclave del Riesling abbiamo incontrato un pioniere della vinificazione del Pinot Nero.

Giovanna Romeo
Intervista a Marco Nordio, italiano, in Nuova Zelanda da 16 anni e titolare di una società di importazione lunedi 12 agosto 2019

Nuova Zelanda: un binocolo puntato all'estremità del mondo

Intervista a Marco Nordio, italiano, in Nuova Zelanda da 16 anni e titolare di una società di importazione

Agnese Ceschi
Abbiamo degustato per voi la Grappa Secolo Barrique Millesimata di DOMENIS1898 sabato 10 agosto 2019

Italian wines in the world: Grappa Secolo Barrique Millesimata di DOMENIS1898

Abbiamo degustato per voi la Grappa Secolo Barrique Millesimata di DOMENIS1898

Lo Chardonnay continua ad essere il vino più apprezzato dai consumatori americani. Un successo che dimostra parecchie cose e spazza via molti pericolosi luoghi comuni che ancora sono presenti nel nostro Paese
venerdi 09 agosto 2019

Cosa ci insegna lo Chardonnay negli Usa

Lo Chardonnay continua ad essere il vino più apprezzato dai consumatori americani. Un successo che dimostra parecchie cose e spazza via molti pericolosi luoghi comuni che ancora sono presenti nel nostro Paese

Fabio Piccoli
Torniamo a focalizzare la nostra attenzione sul direct shipping, scoprendo il parere di alcuni importanti testimoni dell’area retail statunitense
giovedi 08 agosto 2019

Direct To Consumer, cosa ne pensano i retailer negli USA?

Torniamo a focalizzare la nostra attenzione sul direct shipping, scoprendo il parere di alcuni importanti testimoni dell’area retail statunitense

Noemi Mengo
Abbiamo incontrato Emma Taveri, esperta in Destination Marketing e Management CEO di Destination Markers e ci siamo fatti spiegare perché il vino dovrebbe puntare su questo mercoledi 07 agosto 2019

Come far diventare il vostro territorio una wine destination di successo?

Abbiamo incontrato Emma Taveri, esperta in Destination Marketing e Management CEO di Destination Markers e ci siamo fatti spiegare perché il vino dovrebbe puntare su questo

Agnese Ceschi
Abbiamo degustato per voi il Barbera d'Asti Superiore di Cascina Ciuché mercoledi 07 agosto 2019

Italian wines in the world: Barbera d'Asti Superiore di Cascina Ciuché

Abbiamo degustato per voi il Barbera d'Asti Superiore di Cascina Ciuché



sfondo_wm