Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

sfondo_wm
mercoledi 19 giugno 2019 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com


http://www.varramista.it/it/ http://events.editricetemi.com/events/WorkshopFood&Beverage/registrazione.html?idpg=497 Farina Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ Tebaldi valdoca pertinace vinojobs Wine Monitor Cantina Santa Maria La Palma Fondazione Edmund Mach Siddura WineNet CVA Canicatti Bixio https://www.cantinafrentana.it roncoblanchis.it https://corte-de-pieri.business.site/ www.ilvinocomunica.it https://www.accordinistefano.it/ http://www.cantinavicobarone.com/ Vigna Belvedere italian wine academy https://www.marchesibarolo.com/
mercoledi 05 giugno 2019

La Bottega del vino: l’olimpo del vino a Verona

Intervista al neoeletto presidente Tiziano Castagnedi


La Bottega del vino: l’olimpo del vino a Verona

Tiziano Castagnedi nella fornitissima cantina della Bottega del Vino


Recentemente nominato presidente dell'Antica Bottega del Vino di Verona, uno dei locali storici tra i più rinomati per la “maestosa” carta dei vini, nel cuore del centro storico di Verona, oggi di proprietà delle Famiglie Storiche, Tiziano Castagnedi, uno dei proprietari dell’azienda Tenuta Sant’Antonio, ci racconta la storia di questo luogo, il ruolo della ristorazione in Italia e nel mondo e le sue visioni sul futuro del mondo Horeca. 



Tiziano, ci racconta l’affascinante storia de la Bottega del vino di Verona?

Tra i più antichi e storici locali italiani, la Bottega nasce nel 1500 con il nome di Osteria lo Scudo di Francia perché il consolato francese era ospite al piano superiore. Durante l’impero austro-ungarico nel XVIII secolo cambia il nome in Osteria la Biedemeier e acquisisce parte dell’arredo che esiste ancora oggi e che vogliamo rimanga. Nel 1890 prende l’attuale nome “Bottega del Vino” grazie alla famiglia veronese degli Sterzi. Durante la seconda guerra mondiale viene bombardata, ma poi rinasce nel 1957 grazie alla famiglia Rizzo -Grigolo, che la trasforma in un ristorante e arricchisce la cantina anche con vini internazionali. Ultimi gestori furono Severino Barzan e Giovanni Pascucci. Nove anni fa l’abbiamo acquisita noi produttori delle Famiglie Storiche (Allegrini, Begali, Brigaldara, Masi, Musella, Speri, Tedeschi, Tenuta Sant’Antonio, Tommasi, Venturini, Zenato). 




Il vino fa parte da sempre della storia di questo locale?

Assolutamente, per questo l’abbiamo acquistata. Ci sono 18 mila bottiglie con più di 3.000 referenze da tutto il mondo, tra grandi formati, collezioni, bottiglie rare, non solo di vino, ma anche distillati di vari generi. La carta dei vini si può definire un libro, un’enciclopedia. La nostra cantina inoltre è una meraviglia, che offre anche uno spazio dedicato e privato dove cenare circondati da preziose bottiglie di vino. 




Che obiettivo avevate come Famiglie Storiche quando l’avete acquistata?

Siamo sempre stati mossi dall’intento di voler mantenere un locale storico, riferimento per tutto il mondo, una sorta di “Olimpo del vino”. 
Forti della presenza di referenze da tutto il mondo, vogliamo che questo locale sia imperniato sull’orgoglio veronese, infatti l’Amarone, di cui come Famiglie ci facciamo ambasciatrici, è molto presente. Inoltre, questo è un luogo dove braccia spalancate accolgono tutti: produttori veronesi, italiani e mondiali. Ieri, oggi e domani ospitiamo tutte le persone che parlano qualunque lingua dell’enomondo. 




Come vengono proposti i vini?

Abbiamo incaricato un direttore molto bravo, Luca Nicolis. Lui è un maitre, sommelier e chef. Oltre ad ricevere gli ospiti, è riuscito a trovare un clima di collaborazione nel nostro team di oltre 20 persone. Tra questi vi sono chef, maitre di sala e sommelier, che svolgono la presentazione e il servizio dei vini. 

Che obiettivi mi sono posto come presidente? 
Possibilmente migliorare il trend dei miei predecessori: dunque livello qualitativo dei prodotti, del servizio con giusto rapporto qualità/prezzo ma anche delle persone che accogliamo. Voglio che la Bottega sia un punto di riferimento nella città di Verona. Siamo stati definiti come realtà unica nel territorio da importantissime riviste del settore come Wine Spectator e Falstaff, dobbiamo mantenere alta la nostra reputazione.




Arrivano molti turisti alla Bottega e da dove vengono?

Da quando io ho ricordi, 10 anni fa, era un locale per i turisti. Mentre con i miei predecessori è aumentato l’afflusso anche dei veronesi. In questi anni però è cambiato l’approccio del turista. Oggi c’è più un mordi e fuggi da parte di tutti, compreso il turista. Sto notando anno dopo anno, quanto sia importante far sentire a proprio agio i nostri ospiti per farli rimanere un po' di più e vivere a pieno la Bottega e non assecondare questa tendenza del mordi e fuggi. L'obiettivo è scalfire nella loro memoria un ricordo indelebile.




Ragionando sul mondo Horeca italiano oggi… 

L’Horeca in Italia ha un futuro roseo, se non si fa prendere la mano dalla voglia di facili profitti e dalla moda del momento. Non dobbiamo perdere mai lo stile che ci caratterizza e non seguire facili modernità. Dobbiamo per quanto difficile, operare oggi per garantirci un solido futuro.




Qual è il limite maggiore delle carte dei vini in Italia?
 
Nessuno ormai ha un “polmone” economico per fare magazzino. Le carte snelliscono, ci sono meno prodotti per ciascun territorio rispetto a 10-20 anni fa, e spesso i ristoratori puntano su non dover aver a che fare con troppi interlocutori. Le carte sono certamente ridotte.




Paragonando la ristorazione italiana con quella mondiale, qual è il nostro punto di forza e cosa dovremmo imparare dal resto del mondo?

Noi abbiamo il vantaggio di avere la cucina Mediterranea che ci invidiano tutti. Tutti hanno piacere quando mangiano cibo e bevono vino italiano, senza nulla togliere agli altri. E questo è, a mio avviso, il nostro maggiore punto di forza.
Dobbiamo, però, affinarci sull’accoglienza. Mi riferisco agli Stati Uniti, al Sudafrica e alla Francia dove l’enoturista o l’ospite sul territorio viene accolto, coccolato e guidato. Ciò che ci manca è il sincronismo di filiera. Tra istituzioni sempre più appesantite dalla burocrazia e la necessaria velocità di evoluzione che quest’epoca ci chiede sempre più frequentemente.




Un messaggio finale?

La Bottega era, è e sarà un punto di riferimento per tutti, una tappa doverosa per chi a Verona arriva da turista, ma anche per chi la vive per impegni di lavoro.
La Bottega del vino: l’olimpo del vino a Verona
Agnese Ceschi

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Mercato del vino e denominazioni: documento strategico verrà proposto al Ministro Centinaio mercoledi 19 giugno 2019

Brexit: la filiera del vino incontra l'ambasciatore britannico Jill Morris

Mercato del vino e denominazioni: documento strategico verrà proposto al Ministro Centinaio

Abbiamo degustato per voi Montepulciano d'Abruzzo DOC di Cantina Wilma Il Vino di Donna Thieti mercoledi 19 giugno 2019

Italian wines in the world: Montepulciano d'Abruzzo DOC di Cantina Wilma Il Vino di Donna Thieti

Abbiamo degustato per voi Montepulciano d'Abruzzo DOC di Cantina Wilma Il Vino di Donna Thieti

È il quinto mercato al mondo per import di prodotti agroalimentari ed una meta di estremo interesse per l’export tricolore. Come potremmo non parlarne?
mercoledi 19 giugno 2019

Giappone: here we go again!

È il quinto mercato al mondo per import di prodotti agroalimentari ed una meta di estremo interesse per l’export tricolore. Come potremmo non parlarne?

Noemi Mengo
La nuova collezione propone i primi due gioielli: Müller Thurgau e Pinot Grigio martedi 18 giugno 2019

Mezzacorona lancia “MUSIVUM”, un progetto per valorizzare le eccellenze enologiche del territorio trentino

La nuova collezione propone i primi due gioielli: Müller Thurgau e Pinot Grigio

Suggerimenti sulle soft skills degli export manager nel loro habitat di caccia: la fiera internazionale del vino.
martedi 18 giugno 2019

Come essere vincenti in fiera

Suggerimenti sulle soft skills degli export manager nel loro habitat di caccia: la fiera internazionale del vino.

Dal 17 al 22 giugno al via la seconda edizione del roadshow b2b con 55 aziende espositrici e importatori da 12 province cinesi lunedi 17 giugno 2019

Vinitaly e ICE allargano la mappa del vino italiano in Cina

Dal 17 al 22 giugno al via la seconda edizione del roadshow b2b con 55 aziende espositrici e importatori da 12 province cinesi

L'Italia detiene il primato commerciale anche per il 2019 in Russia con una quota di mercato del 27% lunedi 17 giugno 2019

Solo Italiano: rinnovato l'evento IEM in Russia che esalta il vino italiano

L'Italia detiene il primato commerciale anche per il 2019 in Russia con una quota di mercato del 27%

We have tasted for you Vigna Dogarina's Prosecco Spumante Brut Millesimato 2018 monday 17 june 2019

Italian wines in the world: Vigna Dogarina's Prosecco Spumante Brut Millesimato 2018

We have tasted for you Vigna Dogarina's Prosecco Spumante Brut Millesimato 2018

Guardiamo al futuro dell’Amarone, in un’intervista ad Alberto Zenato, nuovo Presidente dell’Associazione Famiglie Storiche lunedi 17 giugno 2019

Amarone: deve vincere il territorio, dopo le associazioni

Guardiamo al futuro dell’Amarone, in un’intervista ad Alberto Zenato, nuovo Presidente dell’Associazione Famiglie Storiche

Noemi Mengo
Wine Meridian affianca le aziende del vino italiane sui mercati esteri venerdi 14 giugno 2019

Tour Internazionali: ecco il nostro calendario

Wine Meridian affianca le aziende del vino italiane sui mercati esteri

Il rosato in Italia, una moda o puro marketing? Ne discutono i produttori venerdi 14 giugno 2019

Torna Roséxpo il Salone Internazionale dei Vini Rosati

Il rosato in Italia, una moda o puro marketing? Ne discutono i produttori

Tenuta di Angoris, la degustazione di spumanti metodo classico: 8 etichette, tra italiane, francesi e spagnole. venerdi 14 giugno 2019

Un percorso attraverso il tempo e lo spazio degli spumanti metodo classico

Tenuta di Angoris, la degustazione di spumanti metodo classico: 8 etichette, tra italiane, francesi e spagnole.

Molte aziende del vino italiano sono alle prese con il passaggio di consegne tra la “vecchia” e la “nuova” generazione all’insegna di un cambiamento che per certi aspetti è più complesso rispetto al precedente. Il ruolo chiave della formazione della nuova classe dirigente del vino italiano venerdi 14 giugno 2019

Più che cambio è rivoluzione generazionale

Molte aziende del vino italiano sono alle prese con il passaggio di consegne tra la “vecchia” e la “nuova” generazione all’insegna di un cambiamento che per certi aspetti è più complesso rispetto al precedente. Il ruolo chiave della formazione della nuova classe dirigente del vino italiano

Fabio Piccoli
Una collezione di risultati che non può non essere raccontata 
venerdi 14 giugno 2019

Cantina di Soave, un 2019 da record

Una collezione di risultati che non può non essere raccontata

Abbiamo intervistato il master sommelier John Szabo su una delle categorie più affascinanti ed emergenti oggi venerdi 14 giugno 2019

Le potenzialità del "vulcano"

Abbiamo intervistato il master sommelier John Szabo su una delle categorie più affascinanti ed emergenti oggi

Agnese Ceschi
Dal 7 al 9 novembre 2019, torna l'HKIWSF, presso l’HK Convention and Exhibition Centre. Non perdere l’occasione di fare business con noi! 
giovedi 13 giugno 2019

Hong Kong International Wine and Spirits Fair, unisciti a noi!

Dal 7 al 9 novembre 2019, torna l'HKIWSF, presso l’HK Convention and Exhibition Centre. Non perdere l’occasione di fare business con noi! 



sfondo_wm