Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

WineMeridian
sabato 16 dicembre 2017 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers


vinojobs Cortemoschina wbwe IWSC registration Wine Monitor Fondazione Edmund Mach Social Meter Analysis Michele Shah Siddura Tommasi Vini Cina WineNet Bixio Ceccheto Farina Enartis http://www.principedicorleone.it/ mackenzie Iron3 Consorzio Soave InternationalWineTraders IWSC www.farinatransparency.com www.bellenda.it Tebaldi valdoca pertinace
mercoledi 04 ottobre

La Brexit non ci abbatte, continuiamo per la nostra strada in Inghilterra

Intervista a Kevin Barbagallo, sales executive on trade dell’importatore Fells a Londra


La Brexit non ci abbatte, continuiamo per la nostra strada in Inghilterra

Kevin Barbagallo


Da quattro anni vive a Londra, prima impiegato nel mondo della ristorazione come cameriere, poi come wine manager ed infine, da gennaio si occupa di importazione di vini per Fells, importatore dell’anno per l’International Wine and Spirits Competition.
Kevin Barbagallo è uno di quegli italiani che ce l’ha fatta, a scalare la piramide professionale all’estero, e lo ha fatto essendo anche un po' portavoce di italianità, del vino italiano in Inghilterra.
“Quello che ti dà Londra a livello lavorativo è inimitabile e oggi lavorare come export per le aziende italiane è un onore, un settore in grande crescita” ci racconta in collegamento Skype da Londra.
Certo, l’Italia un po' gli manca, ma le soddisfazioni professionali sono arrivate tutte assieme e non si può certo negare che l’Inghilterra gli ha portato fortuna. 
Oggi Kevin, giovanissimo, è Sales Executive on trade, responsabile vendite per Fells nella zona di Londra. “Nella nostra azienda abbiamo vini da tutto il mondo: californiani, neozelandesi, italiani e francesi ovviamente. Ci occupiamo delle vendite on-trade: ristoranti, hotel, wine shop e grazie allo sviluppo della rete lavoriamo molto anche on-line” racconta Kevin.
Nella nostra chiacchierata Kevin spiega con orgoglio che “il 70% dei sommelier e wine manager nei ristoranti o wine shop di Londra sono italiani o francesi. Non c'è nulla da fare, abbiamo una cultura del vino maggiore rispetto a chiunque altro. E naturalmente di conseguenza il nostro vino è tra i preferiti”.
Nemmeno la Brexit è per ora riuscita a intralciare il successo del vino italiano a Londra, anche se qualche difficoltà c’è.
“Purtroppo con la Brexit alcune cose sono cambiate specialmente con l'aumento delle duties da 1.50£ a 2£ - spiega Kevin - L'aumento del prezzo va a ricadere anche sul consumatore finale.
Nonostante ciò, i prodotti italiani sono sempre in voga, perché hanno una marcia in più: i vitigni autoctoni portano in alto il valore del vino e il cliente è invogliato a scoprire nuovi gusti e sapori.
I vini siciliani, in particolare stanno prendendo molto piede come il Grillo, il Catarratto e il Nero d'Avola. E naturalmente continua ad essere boom Prosecco”.
E per quanto riguarda l’avanzata degli altri Paesi? “Esclusa la Francia che se la gioca con noi, gli altri paesi come ad esempio gli Stati Uniti e la Nuova Zelanda stanno cercando di avanzare nel mercato solo adesso, ma per ora sono ancora indietro” racconta.
Da quello che emerge dalla nostra chiacchierata con Kevin, la maggior parte dei clienti non sa quello che sta cercando. “Le persone più agevolate economicamente hanno maggior voglia di scoprire e sperimentare, mentre chi non è così abbiente si butta sempre sul vino della casa, bianco o rosso che sia, più economico. Diciamo che preferisce spendere al massimo 5 o 6 pound per un bicchiere di vino. Nelle zone più ricche di Londra invece, come Mayfair, i clienti sono capaci anche di spendere 1.000 euro per una bottiglia. E per quanto riguarda la clientela migliore è sicuramente composta maggiormente da arabi, cinesi e giapponesi, che si trovano a Londra per lavoro”.
Concludiamo la nostra chiacchierata, naturalemente, come sempre con un consiglio.
“Il mio consiglio, specialmente rivolto ai produttori, è quello di non abbattersi, di continuare sulla propria strada e di non farsi scoraggiare dalla concorrenza. Il prodotto deve essere messo sempre al primo posto e la qualità deve essere l'elemento chiave ad incoraggiare la vendita.
Infine un elemento determinante: l’Inghilterra non produce vino, se non una ridicola quantità nel sud, il clima non lo consente. Sarà un Paese che avrà sempre bisogno di importarlo. Perché? Perché piace e noi lo sappiamo fare bene!” conclude.






Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
We tasted for you Siddùra's Bacco Cagnulari Isola dei Nuraghi igt 2015 saturday 16 december

Italian Wines in the world: Bàcco Cagnulari Isola dei Nuraghi igt 2015

We tasted for you Siddùra's Bacco Cagnulari Isola dei Nuraghi igt 2015

Abbiamo degustato per voi il Bàcco Cagnulari Isola dei Nuraghi IGT 2015 dell'azienda agricola Siddùra sabato 16 dicembre

Italian Wines in the world: Bàcco Cagnulari Isola dei Nuraghi igt 2015

Abbiamo degustato per voi il Bàcco Cagnulari Isola dei Nuraghi IGT 2015 dell'azienda agricola Siddùra

Con un allestimento particolare, il Bistrot diventa set fotografico per un giorno pronto ad accogliere influencer e instagrammer. venerdi 15 dicembre

Igers Veneto, la comunità veneta di instagram, brinda al Natale al caffè Dante di Verona

Con un allestimento particolare, il Bistrot diventa set fotografico per un giorno pronto ad accogliere influencer e instagrammer.

Il Giappone rimane la nostra prima frontiera sul grande mercato asiatico. Nonostante numeri ancora abbastanza ridotti per il nostro export la curiosità nei confronti dei nostri vini è in costante crescita e sono ancora molto ampi i nostri margini di sviluppo

venerdi 15 dicembre

In Giappone, dove le potenzialità di sviluppo sono ancora tante

Il Giappone rimane la nostra prima frontiera sul grande mercato asiatico. Nonostante numeri ancora abbastanza ridotti per il nostro export la curiosità nei confronti dei nostri vini è in costante crescita e sono ancora molto ampi i nostri margini di sviluppo

Fabio Piccoli
Gorancho Boshkov, capo sommelier del ristorante Scarpetta all'iconico Fontainebleau Miami Beach Hotel, ci racconta il viaggio nel vino italiano che viene offerto ai clienti del ristorante premiato da Wine Spectator giovedi 14 dicembre

A Miami il vino italiano risveglia i ricordi dei turisti

Gorancho Boshkov, capo sommelier del ristorante Scarpetta all'iconico Fontainebleau Miami Beach Hotel, ci racconta il viaggio nel vino italiano che viene offerto ai clienti del ristorante premiato da Wine Spectator

Grande interesse per i vini di The Wine Net, prima rete dell’eccellenza della cooperazione vitivinicola italiana, in una masterclass guidata dal noto giornalista giapponese Isao Miyajima nella sede ICE di Tokyo
mercoledi 13 dicembre

The Wine Net sbarca in Giappone

Grande interesse per i vini di The Wine Net, prima rete dell’eccellenza della cooperazione vitivinicola italiana, in una masterclass guidata dal noto giornalista giapponese Isao Miyajima nella sede ICE di Tokyo

Come fare il tuo lavoro di vendita con successo? Impara a gestire la trattativa di vendita

Il Venditore di vino tradizionale è in via di estinzione

Come fare il tuo lavoro di vendita con successo? Impara a gestire la trattativa di vendita

La viticoltura tutelata dal Consorzio Vini Venezia si estende per ben due province, quella di Treviso e quella di Venezia, dalle Alpi alla laguna; tra vini locali e internazionali è il Pinot Grigio Doc Venezia che viene apprezzato dal palato estero. mercoledi 13 dicembre

Consorzio Vini Venezia - una storia con radici profonde, 5 denominazioni con un solo obiettivo: raccontare il territorio!

La viticoltura tutelata dal Consorzio Vini Venezia si estende per ben due province, quella di Treviso e quella di Venezia, dalle Alpi alla laguna; tra vini locali e internazionali è il Pinot Grigio Doc Venezia che viene apprezzato dal palato estero.

La grande crescita dell’azienda di Diego Cottini oggi una delle realtà più dinamiche e moderne nel panorama vitienologico della provincia di Verona

Monte Zovo, dove qualità fa rima con modernità

La grande crescita dell’azienda di Diego Cottini oggi una delle realtà più dinamiche e moderne nel panorama vitienologico della provincia di Verona

Nonostante tutti i sondaggi e gli esperti dichiarino il grande amore dei cinesi nei confronti del vino italiano le nostre performance restano molto modeste e soprattutto sembriamo ancora privi di una strategia seria e concreta martedi 12 dicembre

Cina, dove l’Italia del vino sbaglia tutto

Nonostante tutti i sondaggi e gli esperti dichiarino il grande amore dei cinesi nei confronti del vino italiano le nostre performance restano molto modeste e soprattutto sembriamo ancora privi di una strategia seria e concreta

Fabio Piccoli
Nuova linfa per l'enoturismo e il turismo enogastronomico italiano lunedi 11 dicembre

Nasce a Castiglione del Lago 'Il Coordinamento Nazionale delle Strade del Vino, dell'Olio e dei Sapori italiani'

Nuova linfa per l'enoturismo e il turismo enogastronomico italiano

Il festival internazionale di vino e spirits sfusi: il 26 e il 27 febbraio 2018 al The Royal Horticultural Halls di Londra lunedi 11 dicembre

L’International Bulk Wine and Spirits Show sbarca a Londra

Il festival internazionale di vino e spirits sfusi: il 26 e il 27 febbraio 2018 al The Royal Horticultural Halls di Londra

Gli Usa festeggiano la ripresa con i vini francesi lunedi 11 dicembre

Impasse italiano negli Usa, Francia allunga

Gli Usa festeggiano la ripresa con i vini francesi

Il community management, in italiano la gestione della community, è il passo successivo per coloro che hanno deciso di essere presenti online. lunedi 11 dicembre

Una community attiva è una community che converte!

Il community management, in italiano la gestione della community, è il passo successivo per coloro che hanno deciso di essere presenti online.

Elena Mazzali, esperta di Social Media Marketing


WineMeridian