Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

http://www.winemeridian.com/
domenica 20 gennaio 2019 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com

https://corte-de-pieri.business.site/ www.ilvinocomunica.it https://www.accordinistefano.it/  http://acquesi.it/ wm Vyno Dienos Farina Enartis Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ Tebaldi valdoca pertinace vinojobs Wine Monitor Cantina Santa Maria La Palma Fondazione Edmund Mach Michele Shah Siddura WineNet CVA Canicatti https://www.cantinafrentana.it Azienda Agricola Coali roncoblanchis.it

La comunicazione del vino tra realtà e pregiudizi

E’ sempre più difficile riuscire a comunicare in maniera efficace l’identità autentica di un vino, di un’azienda in una fase storica dove spesso i pregiudizi, i luoghi comuni, prevalgono sulla realtà dei fatti


La comunicazione del vino tra realtà e pregiudizi
Una delle frasi più famose di Elwyn Brooks White, noto scrittore e giornalista del New Yorker, recentemente scomparso, è stata: ”Il pregiudizio è un grande risparmio di tempo: ti consente di costruire opinioni senza doverti attenere ai fatti”.
Una constatazione illuminante quella di White con la quale non si può non essere d’accordo.
Ovviamente lui la riferiva a grandi temi dell’esistenza, noi abbiamo, molto più semplicemente, provato ad applicare questa sorta di aforisma al tema della comunicazione del vino.
Quanto i pregiudizi vengono oggi utilizzati nella comunicazione del vino in maniera più o meno consapevole?
Potremmo rispondere in maniera molto sintetica con un semplice e diretto: moltissimo.
Moltissimo non tanto, e non solo, per “risparmiare tempo”, come avrebbe detto il bravo White, quanto per ignoranza.
Il pregiudizio, infatti, e questo vale in qualsiasi contesto, è uno strumento (se così possiamo definirlo) che nasce e si sviluppa al meglio in un humus caratterizzato da ignoranza, inconsapevolezza.
Tanto più vi è ignoranza, tanto più un comunicatore può utilizzare l’arma del pregiudizio.
Ma come tutte le scorciatoie anche il pregiudizio ha una miriade di contro indicazioni e se osserviamo il nostro mondo del vino è facile individuarne moltissime.
Partiamo da quella che noi consideriamo la contro indicazione più pericolosa del pregiudizio nella comunicazione del vino: genera l’incapacità e l’impossibilità di rendersi distinguibili.
Basterebbe già questo effetto collaterale per abbandonare immediatamente il “farmaco” pregiudizio.
Il problema è che per abbandonarlo i produttori devono studiare e approfondire sempre di più ciò che sono e ciò che fanno, e lo stesso lo devono fare gli agronomi, gli enologi, i manager aziendali e, ovviamente, tutti coloro che hanno responsabilità sul fronte della comunicazione.
Lo abbiamo scritto e ripetuto molte volte ma riteniamo che sia il tema chiave oggi per la promozione dei vini italiani nel mondo, ma anche nel nostro Paese: come pensiamo di fare emergere le nostre peculiarità, differenze, senza approfondire la conoscenza dei nostri territori, vitigni, sistemi di allevamento, modelli di vinificazione, eccetera, eccetera?
In questi giorni di inizio vendemmia ci siamo imbattuti in un grande produttore, che per bontà d’animo non citiamo, che ci ha detto: ”E’ una vendemmia molto difficile, con differenze enormi anche tra areali molto vicini tra di loro. Ma ancora non abbiamo capito bene le ragioni di queste differenze. I suoli, l’età degli impianti, le esposizioni, i vitigni? Per questo siamo anche perplessi sui risultati finali dei nostri vini”.
Che le mutazioni climatiche, che non sono iniziate quest’anno, generassero problematiche ulteriori alla nostro vitivinicoltura è cosa nota da tempo. Ma questo ancor di più pone l’accento sulla conoscenza a difesa dei pregiudizi.
In un nostro recente editoriale (mettere link) citavamo una delle domande dell’ultimo esame dei Master of Wine: “Molte regioni vinicole possono produrre vini in un'ampia gamma di fasce di prezzo. Prendendo in esame almeno due regioni vitivinicole, si faccia un confronto tra i metodi di gestione dei vigneti per vini costosi e vini a basso prezzo”.
Ebbene, potremmo dare una risposta ad un quesito così complesso ma anche strategico, ci verrebbe da dire fondamentale, per la veicolazione di un’immagine corretta e autorevole della nostra azienda e dei nostri vini, attraverso l’utilizzo dei pregiudizi?
Abbiamo rese molto basse, produciamo vini sostenibili, siamo ecocompatibili, la qualità è il nostro faro, siamo in un territorio molto vocato, ecco sono solo alcune delle scorciatoie della comunicazione che oggi, per fortuna aggiungiamo noi, non funzionano più.
E questo anche grazie ad un consumatore che, paradossalmente, sta correndo spesso più veloce della filiera produttiva e talvolta anche del trade.
Ci illudiamo che bastino alcune frasi eclatanti per attrarlo, magari diffondendole attraverso qualche social di grande appeal.
Andiamo alla ricerca del grande influencer di instagram, con un mare di follower, ma poi non sappiamo quali contenuti trasmettergli o ci limitiamo al solito bicchiere nel filare che fa trasparire il romantico tramonto.
Stiamo vivendo una vendemmia molto più complessa di quanto si poteva prevedere ma siamo spaventati dal dire la verità.
L’Inao francese (l’importante associazione che raggruppa tutte le denominazioni francesi) comunica in questi giorni l’autorizzazione per tutte le aoc di Francia all’utilizzo di reti antigrandine (visto ormai l’impatto devastante in questi anni da Bordeaux alla Borgogna e lo stesso Champagne) e noi continuiamo a nasconderci.
Se pensiamo che saranno ancora i pregiudizi a veicolare l’immagine del vino italiano nel mondo, delle nostre aziende, rischiamo che l’unica vera scorciatoia che imboccheremo sarà quella del nostro insuccesso.


Fabio Piccoli

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Presentato il 14 gennaio il primo master al mondo dedicato alla formazione di manager per i patrimoni agricoli dell’umanità venerdi 18 gennaio

Patrimonio dell’umanità: il Soave fa scuola

Presentato il 14 gennaio il primo master al mondo dedicato alla formazione di manager per i patrimoni agricoli dell’umanità

Quale scegliere? La parola a Nicola Dal Maso
venerdi 18 gennaio

Durello Metodo Classico o Durello Charmat?

Quale scegliere? La parola a Nicola Dal Maso

Il 30 gennaio la presentazione del primo progetto di rete per le piccole e medie imprese del vino italiano. Un progetto per condividere azioni di comunicazione, di commercializzazione in Italia e all’estero e di gestione comune di risorse umane

Wine Meridian presenta il progetto Rete di Impresa per le pmi del vino italiane

Il 30 gennaio la presentazione del primo progetto di rete per le piccole e medie imprese del vino italiano. Un progetto per condividere azioni di comunicazione, di commercializzazione in Italia e all’estero e di gestione comune di risorse umane

Fabio Piccoli
Produzione sostenibile e territorio incontaminato sono gli ingredienti base dell’azienda piemontese che punta a sposare i mercati del mondo. Come? Grazie al rapporto con la cucina italiana all’estero
venerdi 18 gennaio

Oltre il Bio, la visione di Tenuta Montemagno che esalta i vitigni autoctoni

Produzione sostenibile e territorio incontaminato sono gli ingredienti base dell’azienda piemontese che punta a sposare i mercati del mondo. Come? Grazie al rapporto con la cucina italiana all’estero

Ecco le nostre tappe internazionali previste per il 2019
venerdi 18 gennaio

Wine Meridian around the world

Ecco le nostre tappe internazionali previste per il 2019

Preparati a mettere in agenda i prossimi appuntamenti internazionali del progetto che promuove il biologico nel mondo giovedi 17 gennaio

Organic Value: il calendario del 2019 è pronto!

Preparati a mettere in agenda i prossimi appuntamenti internazionali del progetto che promuove il biologico nel mondo

Sono in tanti a chiedere da anni la riforma delle Anteprime delle nostre principali denominazioni ma poi non viene mai presentato un progetto concreto. Se questo è vero quali le ragioni di questa difficoltà a rinnovare un format che a noi appare da tempo obsoleto?

Ma quali nuove Anteprime?

Sono in tanti a chiedere da anni la riforma delle Anteprime delle nostre principali denominazioni ma poi non viene mai presentato un progetto concreto. Se questo è vero quali le ragioni di questa difficoltà a rinnovare un format che a noi appare da tempo obsoleto?

Fabio Piccoli
Il nuovo anno di Vinventions: tappi all’insegna dello sviluppo sostenibile dalla A alla Z
giovedi 17 gennaio

Quando la sostenibilità passa anche per il tappo

Il nuovo anno di Vinventions: tappi all’insegna dello sviluppo sostenibile dalla A alla Z

La testata americana premia la regione gardesana grazie al suo vino e al paesaggio e il Chiaretto di Bardolino è indicato come “uno dei migliori rosati d’Italia” giovedi 17 gennaio

Il Garda: unica area italiana tra le Top 10 destinazioni vinicole al mondo, secondo Wine Enthusiast

La testata americana premia la regione gardesana grazie al suo vino e al paesaggio e il Chiaretto di Bardolino è indicato come “uno dei migliori rosati d’Italia”

Imprenditrice del vino toscana, resterà in carica per il triennio 2019 - 2022 mercoledi 16 gennaio

Donatella Cinelli Colombini confermata Presidente Nazionale delle Donne Del Vino

Imprenditrice del vino toscana, resterà in carica per il triennio 2019 - 2022

Quando ascoltiamo la versione dell’azienda e la versione del manager e ci domandiamo chi dei due ha ragione...

Le due campane delle risorse umane

Quando ascoltiamo la versione dell’azienda e la versione del manager e ci domandiamo chi dei due ha ragione...

Andrea Pozzan
Scenari futuri e consigli degli esperti in un mercato in rapida e certa evoluzione come quello oltremanica martedi 15 gennaio

La grande B (come Brexit)

Scenari futuri e consigli degli esperti in un mercato in rapida e certa evoluzione come quello oltremanica

Agnese Ceschi
Focus su Slovacchia, Repubblica Ceca e Lettonia, mete ambite da molti esportatori, ma fonte di successo di pochi, ecco svelato il perché. lunedi 14 gennaio

Est Europa e Baltico: quali prospettive future?

Focus su Slovacchia, Repubblica Ceca e Lettonia, mete ambite da molti esportatori, ma fonte di successo di pochi, ecco svelato il perché.

Noemi Mengo
In aumento gli under 35 e le quote rosa che vogliono approfondire il mondo del vino venerdi 11 gennaio

AIS Veneto: più giovani e più donne tra i sommelier

In aumento gli under 35 e le quote rosa che vogliono approfondire il mondo del vino

Da alcuni anni ormai si parla di riformare le anteprime dei grandi vini italiani ma alla fine nulla cambia con il rischio sempre più evidente di trovarsi di fronte ad iniziative costose con un’efficacia sempre più limitata

Anteprime vini, una riforma che non si può più rimandare

Da alcuni anni ormai si parla di riformare le anteprime dei grandi vini italiani ma alla fine nulla cambia con il rischio sempre più evidente di trovarsi di fronte ad iniziative costose con un’efficacia sempre più limitata

Fabio Piccoli
La storica cantina sociale dei Castelli romani vuole andare oltre i preconcetti, per affermare la bontà e le potenzialità delle sue produzioni venerdi 11 gennaio

Gotto D’Oro: il Lazio che rivendica la qualità in Italia e all'estero

La storica cantina sociale dei Castelli romani vuole andare oltre i preconcetti, per affermare la bontà e le potenzialità delle sue produzioni

Nuova edizione ad aprile 2019: diventare export manager del vino

Campus Export Manager: entrare nel mondo del vino

Nuova edizione ad aprile 2019: diventare export manager del vino

Sarah Norell ci fa comprendere come la sostenibilità stia diventando un fattore sempre più di impatto nell’industria vinicola svedese.
giovedi 10 gennaio

Ekologiskt? Yes, please!

Sarah Norell ci fa comprendere come la sostenibilità stia diventando un fattore sempre più di impatto nell’industria vinicola svedese.

Agnese Ceschi
Responsabile Vendite Italia - Canale HORECA mercoledi 09 gennaio

Offerta di lavoro

Responsabile Vendite Italia - Canale HORECA

Punti di forza e di debolezza di un Paese storicamente interessante per i produttori italiani, che però mostra oggi qualche resistenza. Tre consigli chiave per ridare smalto al vino italiano 
mercoledi 09 gennaio

Come recuperare l'appeal del vino italiano in Svizzera

Punti di forza e di debolezza di un Paese storicamente interessante per i produttori italiani, che però mostra oggi qualche resistenza. Tre consigli chiave per ridare smalto al vino italiano

Federica Lago
Per il secondo anno Wine Meridian, in partnership con Unexpected Italian, ritorna in Vietnam: il 30 settembre ad Ho Chi Minh e il 3 ottobre ad Hanoi martedi 08 gennaio

Vietnam Wine Tour 2019: due tappe per presidiare uno dei più promettenti mercati asiatici

Per il secondo anno Wine Meridian, in partnership con Unexpected Italian, ritorna in Vietnam: il 30 settembre ad Ho Chi Minh e il 3 ottobre ad Hanoi



http://www.winemeridian.com/