Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

sfondo_wm
domenica 21 aprile 2019 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers


Siddura enosocial.com

Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ Tebaldi valdoca pertinace vinojobs Wine Monitor Cantina Santa Maria La Palma Fondazione Edmund Mach Siddura WineNet CVA Canicatti Bixio https://www.cantinafrentana.it roncoblanchis.it https://corte-de-pieri.business.site/ www.ilvinocomunica.it https://www.accordinistefano.it/ http://www.cantinavicobarone.com/ Vigna Belvedere italian wine academy http://www.varramista.it/it/ Farina

La comunicazione del vino tra realtà e pregiudizi

E’ sempre più difficile riuscire a comunicare in maniera efficace l’identità autentica di un vino, di un’azienda in una fase storica dove spesso i pregiudizi, i luoghi comuni, prevalgono sulla realtà dei fatti


La comunicazione del vino tra realtà e pregiudizi
Una delle frasi più famose di Elwyn Brooks White, noto scrittore e giornalista del New Yorker, recentemente scomparso, è stata: ”Il pregiudizio è un grande risparmio di tempo: ti consente di costruire opinioni senza doverti attenere ai fatti”.
Una constatazione illuminante quella di White con la quale non si può non essere d’accordo.
Ovviamente lui la riferiva a grandi temi dell’esistenza, noi abbiamo, molto più semplicemente, provato ad applicare questa sorta di aforisma al tema della comunicazione del vino.
Quanto i pregiudizi vengono oggi utilizzati nella comunicazione del vino in maniera più o meno consapevole?
Potremmo rispondere in maniera molto sintetica con un semplice e diretto: moltissimo.
Moltissimo non tanto, e non solo, per “risparmiare tempo”, come avrebbe detto il bravo White, quanto per ignoranza.
Il pregiudizio, infatti, e questo vale in qualsiasi contesto, è uno strumento (se così possiamo definirlo) che nasce e si sviluppa al meglio in un humus caratterizzato da ignoranza, inconsapevolezza.
Tanto più vi è ignoranza, tanto più un comunicatore può utilizzare l’arma del pregiudizio.
Ma come tutte le scorciatoie anche il pregiudizio ha una miriade di contro indicazioni e se osserviamo il nostro mondo del vino è facile individuarne moltissime.
Partiamo da quella che noi consideriamo la contro indicazione più pericolosa del pregiudizio nella comunicazione del vino: genera l’incapacità e l’impossibilità di rendersi distinguibili.
Basterebbe già questo effetto collaterale per abbandonare immediatamente il “farmaco” pregiudizio.
Il problema è che per abbandonarlo i produttori devono studiare e approfondire sempre di più ciò che sono e ciò che fanno, e lo stesso lo devono fare gli agronomi, gli enologi, i manager aziendali e, ovviamente, tutti coloro che hanno responsabilità sul fronte della comunicazione.
Lo abbiamo scritto e ripetuto molte volte ma riteniamo che sia il tema chiave oggi per la promozione dei vini italiani nel mondo, ma anche nel nostro Paese: come pensiamo di fare emergere le nostre peculiarità, differenze, senza approfondire la conoscenza dei nostri territori, vitigni, sistemi di allevamento, modelli di vinificazione, eccetera, eccetera?
In questi giorni di inizio vendemmia ci siamo imbattuti in un grande produttore, che per bontà d’animo non citiamo, che ci ha detto: ”E’ una vendemmia molto difficile, con differenze enormi anche tra areali molto vicini tra di loro. Ma ancora non abbiamo capito bene le ragioni di queste differenze. I suoli, l’età degli impianti, le esposizioni, i vitigni? Per questo siamo anche perplessi sui risultati finali dei nostri vini”.
Che le mutazioni climatiche, che non sono iniziate quest’anno, generassero problematiche ulteriori alla nostro vitivinicoltura è cosa nota da tempo. Ma questo ancor di più pone l’accento sulla conoscenza a difesa dei pregiudizi.
In un nostro recente editoriale (mettere link) citavamo una delle domande dell’ultimo esame dei Master of Wine: “Molte regioni vinicole possono produrre vini in un'ampia gamma di fasce di prezzo. Prendendo in esame almeno due regioni vitivinicole, si faccia un confronto tra i metodi di gestione dei vigneti per vini costosi e vini a basso prezzo”.
Ebbene, potremmo dare una risposta ad un quesito così complesso ma anche strategico, ci verrebbe da dire fondamentale, per la veicolazione di un’immagine corretta e autorevole della nostra azienda e dei nostri vini, attraverso l’utilizzo dei pregiudizi?
Abbiamo rese molto basse, produciamo vini sostenibili, siamo ecocompatibili, la qualità è il nostro faro, siamo in un territorio molto vocato, ecco sono solo alcune delle scorciatoie della comunicazione che oggi, per fortuna aggiungiamo noi, non funzionano più.
E questo anche grazie ad un consumatore che, paradossalmente, sta correndo spesso più veloce della filiera produttiva e talvolta anche del trade.
Ci illudiamo che bastino alcune frasi eclatanti per attrarlo, magari diffondendole attraverso qualche social di grande appeal.
Andiamo alla ricerca del grande influencer di instagram, con un mare di follower, ma poi non sappiamo quali contenuti trasmettergli o ci limitiamo al solito bicchiere nel filare che fa trasparire il romantico tramonto.
Stiamo vivendo una vendemmia molto più complessa di quanto si poteva prevedere ma siamo spaventati dal dire la verità.
L’Inao francese (l’importante associazione che raggruppa tutte le denominazioni francesi) comunica in questi giorni l’autorizzazione per tutte le aoc di Francia all’utilizzo di reti antigrandine (visto ormai l’impatto devastante in questi anni da Bordeaux alla Borgogna e lo stesso Champagne) e noi continuiamo a nasconderci.
Se pensiamo che saranno ancora i pregiudizi a veicolare l’immagine del vino italiano nel mondo, delle nostre aziende, rischiamo che l’unica vera scorciatoia che imboccheremo sarà quella del nostro insuccesso.


Fabio Piccoli

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
We have tasted for you Azienda Ronco Margherita's Ribolla Gialla saturday 20 april

Italian wines in the world: Azienda Ronco Margherita's Ribolla Gialla

We have tasted for you Azienda Ronco Margherita's Ribolla Gialla

Abbiamo degustato per voi Ribolla Gialla dell'Azienda Ronco Margherita sabato 20 aprile

Italian wines in the world: Ribolla Gialla dell'Azienda Ronco Margherita

Abbiamo degustato per voi Ribolla Gialla dell'Azienda Ronco Margherita

The famous Italian winery Dal Forno signs an exclusive distribution agreement: one bottle out of six is going to China friday 19 april

Export: Dal Forno’s Amarone conquers China

The famous Italian winery Dal Forno signs an exclusive distribution agreement: one bottle out of six is going to China

Federica Lago
Nel 2007 il valore del mercato del vino a livello mondiale era di circa 147 miliardi di dollari, nel 2018 ha superato i 198 miliardi e nel 2022 si prevede raggiungerà i 207 miliardi di dollari. Ma chi sono coloro che stanno guidando questa crescita e i protagonisti delle evoluzioni di futuro?

Il mercato del vino va bene, ma per chi?

Nel 2007 il valore del mercato del vino a livello mondiale era di circa 147 miliardi di dollari, nel 2018 ha superato i 198 miliardi e nel 2022 si prevede raggiungerà i 207 miliardi di dollari. Ma chi sono coloro che stanno guidando questa crescita e i protagonisti delle evoluzioni di futuro?

Fabio Piccoli
Wine Export Manager Overseas (USA, Canada, Far East) venerdi 19 aprile

Offerta di lavoro

Wine Export Manager Overseas (USA, Canada, Far East)

Domenica 19 maggio 2019, a Tenuta Frassanelle in provincia di Padova, l'evento dedicato ai vini vulcanici aperto dalla masterclass del MW John Szabo giovedi 18 aprile

Vulcanei: il più grande banco d'assaggio di vini da suolo vulcanico

Domenica 19 maggio 2019, a Tenuta Frassanelle in provincia di Padova, l'evento dedicato ai vini vulcanici aperto dalla masterclass del MW John Szabo

Domenica 12 e lunedì 13 maggio al via la prima edizione dell'evento biennale dedicato alla cultura vitivinicola del territorio e al suo vitigno principe giovedi 18 aprile

A Incontri Rotazioni 2019 protagonisti il Teroldego e i vini di Borgogna

Domenica 12 e lunedì 13 maggio al via la prima edizione dell'evento biennale dedicato alla cultura vitivinicola del territorio e al suo vitigno principe

Dal Forno sigla un accordo di distribuzione in esclusiva: una bottiglia su sei andrà in Cina.
giovedi 18 aprile

Export: l'Amarone di Dal Forno alla conquista della Cina

Dal Forno sigla un accordo di distribuzione in esclusiva: una bottiglia su sei andrà in Cina.

Federica Lago
Dal 23 aprile 2019 saranno disponibili due percorsi on-line: iscriviti alla lista d’attesa, i posti sono limitati!

Campus Online la formazione di WinePeople per tutti e ovunque

Dal 23 aprile 2019 saranno disponibili due percorsi on-line: iscriviti alla lista d’attesa, i posti sono limitati!

Maria Bandolin
Appuntamento in Russia il 31 maggio e il 1 giugno per i 25 anni di Simple Group mercoledi 17 aprile

Nuove opportunità in Russia: Simple Group racconta tendenze e prospettive di business

Appuntamento in Russia il 31 maggio e il 1 giugno per i 25 anni di Simple Group

A maggio due tappe per connettere le aziende di vino biologico ai mercati strategici di Svezia e Finlandia mercoledi 17 aprile

Organic Value: ultimi posti per il tour scandinavo nel mondo del vino biologico

A maggio due tappe per connettere le aziende di vino biologico ai mercati strategici di Svezia e Finlandia

Una Sicilia del vino nuova e diversa, la loro, ma sempre fedele a sé stessa. mercoledi 17 aprile

Cantine Settesoli, il vino salverà Selinunte

Una Sicilia del vino nuova e diversa, la loro, ma sempre fedele a sé stessa.

Carmen Guerriero
La Svezia si conferma un porto sicuro per il vino italiano nei prossimi anni. Bollicine, rosé e bianchi sono tra i favoriti, grazie al loro “healty style”. 
mercoledi 17 aprile

L’export tricolore sfreccia alto nei cieli svedesi

La Svezia si conferma un porto sicuro per il vino italiano nei prossimi anni. Bollicine, rosé e bianchi sono tra i favoriti, grazie al loro “healty style”.

Noemi Mengo
Due tappe, Mosca il 17 giugno e San Pietroburgo il 19 giugno 2019, per scoprire il mercato ed incontrare le sue figure chiave 
mercoledi 17 aprile

Partecipa alla tappa in Russia con Wine Meridian e Simply Italian Great Wines

Due tappe, Mosca il 17 giugno e San Pietroburgo il 19 giugno 2019, per scoprire il mercato ed incontrare le sue figure chiave

Il 22 e 23 maggio Wine Meridian ritorna in partnership con Wonderfud per la nuova tappa a Singapore 
mercoledi 17 aprile

Ultimi posti per il tour Singapore: agenda con b2b organizzati e masterclass

Il 22 e 23 maggio Wine Meridian ritorna in partnership con Wonderfud per la nuova tappa a Singapore

Abbiamo degustato per voi il Soave DOC Classico di Cantina del Castello mercoledi 17 aprile

Italian wines in the world: Soave DOC Classico di Cantina del Castello

Abbiamo degustato per voi il Soave DOC Classico di Cantina del Castello



sfondo_wm