Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

 
venerdi 25 maggio 2018 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com

https://www.cantinafrentana.it Azienda Agricola Coali Farina Enartis http://www.principedicorleone.it/ Iron3 Tebaldi valdoca pertinace vinojobs wbwe Wine Monitor Fondazione Edmund Mach Michele Shah Tommasi WineNet

La comunicazione della propria identità nell'approccio con l'interlocutore

Vediamo assieme in cosa consiste la prima fase di una trattativa commerciale


La comunicazione della propria identità nell'approccio con l'interlocutore
Le fasi della vendita del vino sono costituite da step ben delineati, che andrebbero considerati ogni volta che si intende applicare una strategia di marketing efficace. L’approccio, l’indagine di mercato, la stimolazione del bisogno d’acquisto, la presentazione della soluzione al problema, il superamento delle obiezioni, la chiusura della trattativa, sono parti di un percorso obbligato, che già singolarmente, necessitano di un’analisi accurata, e di uno sviluppo ben studiato.

Continua il nostro training sull’identità al Campus Vendita: chi sono io? Cos’è la mia azienda? Cos’è il mio prodotto? Nella seconda lezione, il team di lavoro ha iniziato ad esplorare più da vicino la comunicazione della propria identità nella trattativa di vendita, analizzando in particolare la prima fase, che riguarda l’approccio.

L’approccio, è senz’altro la fase preliminare, ma proprio per questo, più carica di aspettativa: da esso dipende l’andamento dell’intera trattativa, e idealmente, è proprio qui che bisognerebbe evitare di commettere errori. Vediamo insieme com’è possibile, in questo primo step, riuscire ad esprimere la propria identità, tenendo conto della necessaria modulazione e della contestualizzazione del nostro atteggiamento e della comprensione del nostro interlocutore.
Partiamo con il presupposto che, “persona” deriva dall’etimologia greca che indica la maschera, che nella tragedia greca era legata non solo al mondo della recitazione, ma aveva un vero valore catartico ed espressivo della vasta gamma di sfumature della personalità umana. Questo non significa per forza che nei vari ruoli che rivestiamo ci sia finzione, ma è fondamentale essere consapevoli di come la percezione di noi stessi, possa essere diversa e diversificata, in base all’ambiente e alle persone che abbiamo davanti.

Il lato di noi più cosciente, tenderà a manifestare quello che, secondo la nostra intenzione, attraverso un controllo piuttosto rigoroso della comunicazione, vorremmo fosse percepito dal nostro interlocutore. La parte di noi meno cosciente, quindi più libera dalla percezione di una direttiva esterna, è invece quella che si esprime in maniera più aderente alle nostre caratteristiche di base, quando non sono mediate da necessità o scopi di alcun genere. L’ideale, sarebbe trovare un’espressione che non lasci spazio ad una discrepanza troppo grande fra questi due margini. E l’approccio, è proprio il primo punto su cui potersi focalizzare, per costruire una comunicazione di vendita priva di sforzo, naturale, e soprattutto efficace.

Quali sono gli scopi della prima fase di vendita? Sicuramente piacere a chi abbiamo di fronte, comprendere, e comunicare. Sono elementi su cui poter costruire poi un’impalcatura comunicativa scorrevole.
Poter ascoltare il punto di vista dell’altro, senza perdere di vista il nostro obiettivo commerciale, vuol dire adottare una capacità di ascolto attivo, dando dei feedback, senza però cadere nella trappola del pregiudizio, o della distrazione, che ci impedirebbe di cogliere dettagli importanti, utili magari anche nelle fasi successive, ad esempio, quando dovremo superare le obiezioni. Imporre il nostro punto di vista, controproducente quasi in ogni situazione, sarà ancor meno adatto in una circostanza in cui dovremmo essere “soci in affari” del nostro cliente!

Vista la complessità dell’argomento, soprattutto poi nella concretezza della pratica, è stato interessante osservare i nostri corsisti alle prese con l’esperienza diretta di questa seconda lezione sulla vendita del vino: concetti apparentemente semplici, quasi scontati da un punto di vista di comprensione razionale, non sono per niente facili da applicare poi nelle situazioni reali. La soluzione? Tanto esercizio, una formazione completa e mirata in questo settore, e anche la rinuncia, diciamolo, a voler per forza fare una buona impressione in ogni circostanza! Vedremo più avanti, come in certi casi, è davvero impossibile pensare di poter raggiungere nell’immediato il nostro obiettivo commerciale, e la cosa migliore che possiamo fare, è proprio farci da parte. Non ci credete? Potreste essere sorpresi nel vedere che in alcuni casi, proprio questa si rivela la carta vincente per essere ricontattati. Alla prossima!

Lavinia Furlani

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
A Treviso, l’8 e il 22 giugno, i nuovi corsi di Gheusis “Comunicare con la stampa” e “Comunicare con le emozioni”

Le emozioni: conoscerle per comunicarle meglio

A Treviso, l’8 e il 22 giugno, i nuovi corsi di Gheusis “Comunicare con la stampa” e “Comunicare con le emozioni”

Il successo del Prosecco di questi ultimi anni aveva praticamente cancellato il ruolo e l’importanza dei diversi terroir produttivi nelle espressioni qualitative della Glera. Ultimamente sembra si voglia finalmente uscire da questo “anonimato”

Il Prosecco finalmente dà valore ai suoi terroir

Il successo del Prosecco di questi ultimi anni aveva praticamente cancellato il ruolo e l’importanza dei diversi terroir produttivi nelle espressioni qualitative della Glera. Ultimamente sembra si voglia finalmente uscire da questo “anonimato”

Fabio Piccoli
Come evitare l'effetto copia e rendere in modo autentico l'identità di un'azienda in pochi centimetri quadrati giovedi 24 maggio

Arconvert, quando l’etichetta esalta in maniera coerente l’identità

Come evitare l'effetto copia e rendere in modo autentico l'identità di un'azienda in pochi centimetri quadrati

Sabato 26 maggio 2018 a Scansano verrà ufficialmente inaugurata la nuova cantina dei Vignaioli del Morellino di Scansano, realtà storica maremmana da oggi dotata di una sede che punta ad arricchire l’offerta enoturistica locale.

La cantina cooperativa Vignaioli del Morellino di Scansano inaugura la nuova cantina

Sabato 26 maggio 2018 a Scansano verrà ufficialmente inaugurata la nuova cantina dei Vignaioli del Morellino di Scansano, realtà storica maremmana da oggi dotata di una sede che punta ad arricchire l’offerta enoturistica locale.

Dieci testimonial, tra produttori ed enologi, intervistati da Vino.tv per il colosso delle chiusure giovedi 24 maggio

Vinventions, da Nord a Sud l'Italia del vino sceglie l'innovazione

Dieci testimonial, tra produttori ed enologi, intervistati da Vino.tv per il colosso delle chiusure

Back Office Commerciale Estero - USA, Canada, Giappone

Offerta di lavoro

Back Office Commerciale Estero - USA, Canada, Giappone

Un’azienda più che centenaria, che vuole valorizzare i Colli Tortonesi per farli conoscere al mondo intero.
giovedi 24 maggio

Cantine Volpi, la storica realtà piemontese pioniera nella produzione del biologico

Un’azienda più che centenaria, che vuole valorizzare i Colli Tortonesi per farli conoscere al mondo intero.

Il contributo di Riedel, la nota casa di produzione di bicchieri, alla valorizzazione dei vini di qualità è ormai ampiamente riconosciuto, ma sono ancora troppi, anche tra gli addetti ai lavori, coloro che sottovalutano l’importanza della tipologia di bicchiere nell’esaltazione (o meno) delle caratteristiche di un vino

Grazie Riedel, ancora troppo inascoltato

Il contributo di Riedel, la nota casa di produzione di bicchieri, alla valorizzazione dei vini di qualità è ormai ampiamente riconosciuto, ma sono ancora troppi, anche tra gli addetti ai lavori, coloro che sottovalutano l’importanza della tipologia di bicchiere nell’esaltazione (o meno) delle caratteristiche di un vino

Fabio Piccoli
Careful selection of grapes and longer aging compared to official guidelines: this is Coali's philosophy thursday 24 may

From marble to wine: Azienda Agricola Coali in the heart of Valpolicella Classica

Careful selection of grapes and longer aging compared to official guidelines: this is Coali's philosophy

Agnese Ceschi
Il 12 ottobre l’Open Day per presentare i Campus 2018/2019. Saranno tre i percorsi di quest'anno: uno dedicato all'export manager uno alla vendita di vino e uno all'impresa.

Wine Campus: la formazione per i professionisti del vino

Il 12 ottobre l’Open Day per presentare i Campus 2018/2019. Saranno tre i percorsi di quest'anno: uno dedicato all'export manager uno alla vendita di vino e uno all'impresa.

Un luogo di condivisione per tutti  gli operatori di export

Wine-Out: il forum per gli export manager

Un luogo di condivisione per tutti gli operatori di export

Agnese Ceschi
Non perdetevi le nostre prossime tappe internazionali in autunno! martedi 22 maggio

Wine Meridian International Tour

Non perdetevi le nostre prossime tappe internazionali in autunno!

La seconda edizione della Scuola degli Imprenditori

Campus Impresa: come gestire una azienda del vino?

La seconda edizione della Scuola degli Imprenditori

Al via il Campus beginners: diventare export manager del vino

Campus Export Manager: entrare nel mondo del vino

Al via il Campus beginners: diventare export manager del vino

Marco Farnè, referente di Unexpected Italian ed export manager, ci spiega perché puntare al Vietnam, un mercato emergente dalle potenzialità di sviluppo molto interessanti anche per i vini italiani

Imprese del vino in Vietnam con Wine Meridian

Marco Farnè, referente di Unexpected Italian ed export manager, ci spiega perché puntare al Vietnam, un mercato emergente dalle potenzialità di sviluppo molto interessanti anche per i vini italiani

 Piccolo test pratico in quattro punti. Per entrare nel mercato giapponese, prima di qualsiasi passo, quello che occorre capire è se i vini hanno la potenzialità necessaria per piacere a quel mercato. martedi 22 maggio

I vostri vini piaceranno in Giappone?

Piccolo test pratico in quattro punti. Per entrare nel mercato giapponese, prima di qualsiasi passo, quello che occorre capire è se i vini hanno la potenzialità necessaria per piacere a quel mercato.

Roberto Bosticco, corrispondente da Tokyo
Dal 30 ottobre al 1 novembre 2018 andremo prima a Vancouver e poi a Seattle, due città centrali per il business del vino nord americano martedi 22 maggio

Partecipa con noi al tour Canada e Usa 2018

Dal 30 ottobre al 1 novembre 2018 andremo prima a Vancouver e poi a Seattle, due città centrali per il business del vino nord americano

Un corso per imparare a vendere più vino

Campus Vendita: la palestra per i venditori del vino

Un corso per imparare a vendere più vino