Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

 
lunedi 25 giugno 2018 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com

Tebaldi valdoca pertinace wbwe Wine Monitor Fondazione Edmund Mach Michele Shah Tommasi WineNet https://www.cantinafrentana.it Azienda Agricola Coali Farina Enartis http://www.principedicorleone.it/ Iron3

La crescita inevitabile dell’importanza del packaging

Come riuscire ad essere originali e al tempo stesso garantire la corretta reputazione e posizionamento del proprio brand


La crescita inevitabile dell’importanza del packaging
Scriviamo questo articolo direttamente dal Vinexpo di New York. In questa prima giornata di fiera abbiamo voluto osservare le aziende presenti dal punto di vista del packaging e le abbiamo suddivise in tre macro categorie: i tradizionalisti ad oltranza; gli innovatori senza eccessi; i rivoluzionari trasgressivi.
Ovviamente ci sono anche molte diversificazioni all’interno di queste tre categorie ma la semplificazione in questo caso è essenziale per andare direttamente al punto.

Innanzitutto va sottolineato, e questo appare evidente nelle manifestazioni di respiro internazionale dove sono presenti brand provenienti da diverse parti del mondo, che esistono “nazioni” tradizionaliste nel packaging e altre altamente innovative se non addirittura rivoluzionarie.

A quest’ultima categoria appartiene sicuramente la Spagna, il paese produttore che forse più di altri, spesso anche rispetto a molti del cosiddetto nuovo mondo, ha deciso di osare sul fronte del packaging, etichette in primis.
Francia e Italia, invece, mediamente continuano a rappresentare non solo i più “tradizionali” paesi produttori ma lo sono altrettanto dal punto di vista del packaging.
Ma cerchiamo di fare alcune riflessioni più operative, premettendo con non esiste in questo caso il giusto o lo sbagliato ma scelte che comunque, piaccia o no, hanno inevitabili conseguenze.
Consideriamo i tradizionalisti ad oltranza quelle aziende che a prescindere dalle pressioni del mercato, dalle tendenze dei consumatori, talvolta anche dai consigli di importatori o del trade, considerano il loro packaging, a partire dalle loro etichette, un bene da preservare come un panda. Al massimo si possono fare piccole modifiche senza mai stravolgere l’immagine grafica del proprio brand.

A nostro parere chi appartiene a questa categoria fa una scelta assolutamente corretta se si tratta di un brand realmente storico, la cui immagine si è sedimentata nel tempo anche grazie ad un’immagine grafica che è rimasta costante nel tempo. Quelle etichette, sempre uguali o con modifiche quasi insignificanti, sono uno strumento chiave per rassicurare i propri clienti, il proprio target. Quante sono in Italia, ma anche nel mondo, brand che hanno anche nel proprio packaging uno strumento di fidelizzazione che può essere modificato con estrema attenzione per non perdere una riconoscibilità storica?
Non pensiamo di sbagliare se scriviamo pochissimi. Non vogliamo dare numeri a caso me non andiamo troppo lontano se in Italia difficilmente arriveremmo a poche decine di realtà (e forse esageriamo un po’).
Ma allora significa che quasi tutte le aziende di vino possono osare con packaging rivoluzionari e innovativi? Assolutamente no, ma aspettate ancora un attimo per una risposta un po’ più esaustiva.

Esistono poi le aziende che innovano con gradualità il proprio packaging, quelle, tanto per intenderci, che modificano con una certa frequenza (a seconda dei mezzi e della dimensione aziendale) le proprie etichette ma senza mai esagerare. La parola d’ordine quasi sempre in questi casi è la sobrietà. Spesso il cambiamento è dettato dall’inserimento di una nuova linea di prodotto, del dover rendere più visibile il brand aziendale o, altre volte, la denominazione.
Potremmo affermare che a questa categoria appartengono la maggioranza delle aziende del vino in Italia e nel mondo.
Il problema, dal nostro punto di vista, che molti di questi cambiamenti avvengono senza una precisa riflessione, analisi delle possibili conseguenze ma semplicemente dal fatto che “ogni tanto bisogna cambiare”.
Infine vi è la categoria dei rivoluzionari, di quelli che pur di farsi vedere sono disposti anche a “vestiti” estremi e trasgressivi. Quelli per i quali l’essere originali è tutto, costi quel che costi.
Anche in questa categoria, però, come in ogni avanguardia rivoluzionaria, vi sono quelli che riescono ad anticipare i tempi, ad interpretare in maniera più evoluta ed attenta delle tendenze che non sono ancora visibili ai più.
È evidente, a nostro parere, che l’originalità fine a se stessa, senza significati particolari se non di tipo estetico o “semplicemente” provocatorio, rischia non solo di non cogliere il bersaglio ma di essere addirittura controproducente.

La domanda che dovrebbero farsi sempre i “rivoluzionari” del packaging è come conciliare un’immagine originale, anche trasgressiva, con una reputazione coerente all’identità del proprio brand e del proprio target di riferimento.

Nel mondo del vino, infatti, non vale molto la regola dello spettacolo “non mi interessa di piacere o meno, l’importante è che la gente mi riconosca”.
In estrema sintesi, impossibile essere esaustivi su un tema così complesso, riteniamo di dare alcune linee guida:
- piaccia o no il packaging sta assumendo un ruolo sempre più strategico nel mercato del vino e tutti i produttori devono fare i conti con questo;
- l’etichetta, ma anche la forma, il colore della bottiglia sono un biglietto da visita immediato non solo relativo a quel vino ma anche all’immagine complessiva di un’azienda;
- i consumatori stanno diventando sempre più laici ed infedeli. Certi paradigmi della tradizione che sembravano insuperabili nel passato oggi hanno perso gran parte del loro valore e questo sta portando alla possibilità di osare molto di più sul fronte del packaging;
- è molto meglio pensare a cambiare o modificare il proprio “vestito” secondo una logica che abbiamo studiato ed elaborato prima che siano gli altri a costringerci, spesso in fretta, a farlo.

Fabio Piccoli

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Non lasciatevi spaventare dai consumi decrescenti degli scorsi anni, il mercato della Thailandia ritorna a vivere
lunedi 25 giugno

La grande ripresa del mercato Thailandese: spazio all’export italiano

Non lasciatevi spaventare dai consumi decrescenti degli scorsi anni, il mercato della Thailandia ritorna a vivere

Noemi Mengo
Il 10 luglio al Complesso Monumentale di Abbadia Isola Monteriggioni in Toscana, una giornata dedicata alle imprese vitivinicole lunedi 25 giugno

Management DiVino, un progetto per le imprese vitivinicole che vogliono eccellere

Il 10 luglio al Complesso Monumentale di Abbadia Isola Monteriggioni in Toscana, una giornata dedicata alle imprese vitivinicole

Vediamo la delicata ed ambigua questione sui Paesi in cui sono state già svolte azioni di promozione finanziate 
domenica 24 giugno

L’Italia rischia di vedere drasticamente diminuiti i fondi OCM?

Vediamo la delicata ed ambigua questione sui Paesi in cui sono state già svolte azioni di promozione finanziate

La campagna di promozione del vino italiano negli Usa, coordinata dall’Italian Trade Agency, attraverso le pagine pubblicitarie

Eleganza, passione e gusto, le tre parole per convincere gli americani a scegliere vino italiano

La campagna di promozione del vino italiano negli Usa, coordinata dall’Italian Trade Agency, attraverso le pagine pubblicitarie

Fabio Piccoli
Intervista a Marco Martini, CEO di Mondodelvino SpA, una delle realtà più interessanti ed innovative del panorama vitivinicolo italiano. 
venerdi 22 giugno

Mondo del Vino: una realtà, tanti territori

Intervista a Marco Martini, CEO di Mondodelvino SpA, una delle realtà più interessanti ed innovative del panorama vitivinicolo italiano.

Agnese Ceschi
Stipulato un accordo fra Tenute Piccini e Banca IFIS per una migliore gestione dei pagamenti per la consegna dell'uva e una facilitazione all'accesso del credito per le imprese agricole fornitrici coinvolte

giovedi 21 giugno

Tenute Piccini e Banca IFIS insieme per la crescita della filiera vitivinicola in Italia

Stipulato un accordo fra Tenute Piccini e Banca IFIS per una migliore gestione dei pagamenti per la consegna dell'uva e una facilitazione all'accesso del credito per le imprese agricole fornitrici coinvolte

Vini fermi accolti a braccia aperte dal mercato di Singapore, meno margine di crescita per gli sparkling, ma le previsioni per il 2021 vedono buono spazio di consolidamento per i brand italiani
giovedi 21 giugno

Il solido mercato di Singapore, vecchio amico con il quale sperimentare

Vini fermi accolti a braccia aperte dal mercato di Singapore, meno margine di crescita per gli sparkling, ma le previsioni per il 2021 vedono buono spazio di consolidamento per i brand italiani

Noemi Mengo
La presentazione dei nuovi Campus Vendita, Impresa ed Export Manager di Wine People mercoledi 20 giugno

Open Day Wine People Campus: il 12 ottobre presenteremo i nuovi corsi pensati per voi!

La presentazione dei nuovi Campus Vendita, Impresa ed Export Manager di Wine People

A version of Sicily inside Castelluccimiano’s glass 

wednesday 20 june

Catarratto and Perricone: mountain natives

A version of Sicily inside Castelluccimiano’s glass

Oltre venti espositori, tra aziende vitivinicole e produttori artigianali di specialità gastronomiche, si sono riuniti nel cuore del centro storico di Vicenza all'interno del Palazzo delle Opere Sociali in piazza Duomo in occasione di Garganica 2018 dal 9 all'11 giugno mercoledi 20 giugno

GARGANICA 2018: un evento per scoprire il Gambellara Doc

Oltre venti espositori, tra aziende vitivinicole e produttori artigianali di specialità gastronomiche, si sono riuniti nel cuore del centro storico di Vicenza all'interno del Palazzo delle Opere Sociali in piazza Duomo in occasione di Garganica 2018 dal 9 all'11 giugno

Una versione della Sicilia nel calice dell’azienda Castelluccimiano martedi 19 giugno

Catarratto e Perricone: gli indigeni di montagna

Una versione della Sicilia nel calice dell’azienda Castelluccimiano

Agnese Ceschi
I danni delle gravi grandinate che hanno coinvolto recentemente importanti territori produttivi della Francia sono stati comunicati in una maniera molto più chiara, dettagliata e trasparente rispetto alla modalità con cui questi eventi vengono raccontati nel nostro Paese

martedi 19 giugno

Danni da grandine, cosa ci insegna la Francia

I danni delle gravi grandinate che hanno coinvolto recentemente importanti territori produttivi della Francia sono stati comunicati in una maniera molto più chiara, dettagliata e trasparente rispetto alla modalità con cui questi eventi vengono raccontati nel nostro Paese

Fabio Piccoli
Interview with Pierangelo Tommasi, executive director of Tommasi Family Estates
monday 18 june

Tommasi: a history of family values and resourcefulness

Interview with Pierangelo Tommasi, executive director of Tommasi Family Estates

Il mercato cinese rappresenta una straordinaria opportunità anche per dimostrare finalmente la nostra capacità di coordinare attività di promozione, di selezionare i progetti con un criterio meritocratico e di monitorare con attenzione e trasparenza i risultati e l’efficacia delle iniziative

Il nostro pensiero sulla promozione del vino in Cina

Il mercato cinese rappresenta una straordinaria opportunità anche per dimostrare finalmente la nostra capacità di coordinare attività di promozione, di selezionare i progetti con un criterio meritocratico e di monitorare con attenzione e trasparenza i risultati e l’efficacia delle iniziative

Fabio Piccoli
Il Tai Rosso dei Colli Berici raccontato da Nicola Dal Maso venerdi 15 giugno

Focus sugli autoctoni: il Tai Rosso

Il Tai Rosso dei Colli Berici raccontato da Nicola Dal Maso

Medaglie importanti per i vini di Cantina di Soave al Decanter World Wine Awards 2018
venerdi 15 giugno

Best in show all’Amarone e Platino al Ripasso di Cantina Soave

Medaglie importanti per i vini di Cantina di Soave al Decanter World Wine Awards 2018

Negli Stati Uniti attualmente si consuma il 20% della produzione mondiale di vini rosé, dietro solo alla Francia. Sono la tipologia di vini dalla maggior crescita anche nel 2017 con un +59% rispetto all’anno precedente. La Francia con il 51% di quota di mercato è la leader seguita da Usa (37%) e Italia (5%). Ma quanto durerà questa evoluzione? giovedi 14 giugno

Non si arresta la crescita dei rosè negli Usa

Negli Stati Uniti attualmente si consuma il 20% della produzione mondiale di vini rosé, dietro solo alla Francia. Sono la tipologia di vini dalla maggior crescita anche nel 2017 con un +59% rispetto all’anno precedente. La Francia con il 51% di quota di mercato è la leader seguita da Usa (37%) e Italia (5%). Ma quanto durerà questa evoluzione?

Fabio Piccoli
Una panoramica sui fattori che rendono l’India un mercato potenziale giovedi 14 giugno

La nuova sfida futura in Asia passa dall’India

Una panoramica sui fattori che rendono l’India un mercato potenziale

Noemi Mengo