Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

 
martedi 11 dicembre 2018 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com

vinojobs Wine Monitor Cantina Santa Maria La Palma Fondazione Edmund Mach Michele Shah Tommasi WineNet CVA Canicatti https://www.cantinafrentana.it Azienda Agricola Coali roncoblanchis.it https://corte-de-pieri.business.site/ www.ilvinocomunica.it info@larchetipo.it http://www.tenutaviglione.com/ http://www.fattorialamagia.it/ https://www.accordinistefano.it/ https://www.rigoloccio.it/ http://www.cantinapedres.it/ http://www.cantinavicobarone.com/ https://www.vinica.it/it/  http://acquesi.it/ https://www.borgolacaccia.it/ https://www.carusoeminini.it/ http://www.cantinadicustoza.it/ https://tenutadelpriore.it/linea-col-del-mondo/ http://www.tenutastellacollio.it/en/ https://www.tenutedigiulio.it/site/ http://www.tenutamontemagno.it/ http://giannitessari.wine/ Farina Enartis Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ Tebaldi valdoca pertinace

La crescita inevitabile dell’importanza del packaging

Come riuscire ad essere originali e al tempo stesso garantire la corretta reputazione e posizionamento del proprio brand


La crescita inevitabile dell’importanza del packaging
Scriviamo questo articolo direttamente dal Vinexpo di New York. In questa prima giornata di fiera abbiamo voluto osservare le aziende presenti dal punto di vista del packaging e le abbiamo suddivise in tre macro categorie: i tradizionalisti ad oltranza; gli innovatori senza eccessi; i rivoluzionari trasgressivi.
Ovviamente ci sono anche molte diversificazioni all’interno di queste tre categorie ma la semplificazione in questo caso è essenziale per andare direttamente al punto.

Innanzitutto va sottolineato, e questo appare evidente nelle manifestazioni di respiro internazionale dove sono presenti brand provenienti da diverse parti del mondo, che esistono “nazioni” tradizionaliste nel packaging e altre altamente innovative se non addirittura rivoluzionarie.

A quest’ultima categoria appartiene sicuramente la Spagna, il paese produttore che forse più di altri, spesso anche rispetto a molti del cosiddetto nuovo mondo, ha deciso di osare sul fronte del packaging, etichette in primis.
Francia e Italia, invece, mediamente continuano a rappresentare non solo i più “tradizionali” paesi produttori ma lo sono altrettanto dal punto di vista del packaging.
Ma cerchiamo di fare alcune riflessioni più operative, premettendo con non esiste in questo caso il giusto o lo sbagliato ma scelte che comunque, piaccia o no, hanno inevitabili conseguenze.
Consideriamo i tradizionalisti ad oltranza quelle aziende che a prescindere dalle pressioni del mercato, dalle tendenze dei consumatori, talvolta anche dai consigli di importatori o del trade, considerano il loro packaging, a partire dalle loro etichette, un bene da preservare come un panda. Al massimo si possono fare piccole modifiche senza mai stravolgere l’immagine grafica del proprio brand.

A nostro parere chi appartiene a questa categoria fa una scelta assolutamente corretta se si tratta di un brand realmente storico, la cui immagine si è sedimentata nel tempo anche grazie ad un’immagine grafica che è rimasta costante nel tempo. Quelle etichette, sempre uguali o con modifiche quasi insignificanti, sono uno strumento chiave per rassicurare i propri clienti, il proprio target. Quante sono in Italia, ma anche nel mondo, brand che hanno anche nel proprio packaging uno strumento di fidelizzazione che può essere modificato con estrema attenzione per non perdere una riconoscibilità storica?
Non pensiamo di sbagliare se scriviamo pochissimi. Non vogliamo dare numeri a caso me non andiamo troppo lontano se in Italia difficilmente arriveremmo a poche decine di realtà (e forse esageriamo un po’).
Ma allora significa che quasi tutte le aziende di vino possono osare con packaging rivoluzionari e innovativi? Assolutamente no, ma aspettate ancora un attimo per una risposta un po’ più esaustiva.

Esistono poi le aziende che innovano con gradualità il proprio packaging, quelle, tanto per intenderci, che modificano con una certa frequenza (a seconda dei mezzi e della dimensione aziendale) le proprie etichette ma senza mai esagerare. La parola d’ordine quasi sempre in questi casi è la sobrietà. Spesso il cambiamento è dettato dall’inserimento di una nuova linea di prodotto, del dover rendere più visibile il brand aziendale o, altre volte, la denominazione.
Potremmo affermare che a questa categoria appartengono la maggioranza delle aziende del vino in Italia e nel mondo.
Il problema, dal nostro punto di vista, che molti di questi cambiamenti avvengono senza una precisa riflessione, analisi delle possibili conseguenze ma semplicemente dal fatto che “ogni tanto bisogna cambiare”.
Infine vi è la categoria dei rivoluzionari, di quelli che pur di farsi vedere sono disposti anche a “vestiti” estremi e trasgressivi. Quelli per i quali l’essere originali è tutto, costi quel che costi.
Anche in questa categoria, però, come in ogni avanguardia rivoluzionaria, vi sono quelli che riescono ad anticipare i tempi, ad interpretare in maniera più evoluta ed attenta delle tendenze che non sono ancora visibili ai più.
È evidente, a nostro parere, che l’originalità fine a se stessa, senza significati particolari se non di tipo estetico o “semplicemente” provocatorio, rischia non solo di non cogliere il bersaglio ma di essere addirittura controproducente.

La domanda che dovrebbero farsi sempre i “rivoluzionari” del packaging è come conciliare un’immagine originale, anche trasgressiva, con una reputazione coerente all’identità del proprio brand e del proprio target di riferimento.

Nel mondo del vino, infatti, non vale molto la regola dello spettacolo “non mi interessa di piacere o meno, l’importante è che la gente mi riconosca”.
In estrema sintesi, impossibile essere esaustivi su un tema così complesso, riteniamo di dare alcune linee guida:
- piaccia o no il packaging sta assumendo un ruolo sempre più strategico nel mercato del vino e tutti i produttori devono fare i conti con questo;
- l’etichetta, ma anche la forma, il colore della bottiglia sono un biglietto da visita immediato non solo relativo a quel vino ma anche all’immagine complessiva di un’azienda;
- i consumatori stanno diventando sempre più laici ed infedeli. Certi paradigmi della tradizione che sembravano insuperabili nel passato oggi hanno perso gran parte del loro valore e questo sta portando alla possibilità di osare molto di più sul fronte del packaging;
- è molto meglio pensare a cambiare o modificare il proprio “vestito” secondo una logica che abbiamo studiato ed elaborato prima che siano gli altri a costringerci, spesso in fretta, a farlo.

Fabio Piccoli

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Valpolicella Classico Superiore Ripasso DOC Acinatico 2016 was awarded with the gold medal at Mondial des Vins extrêmes 2018
tuesday 11 december

Azienda Agricola Accordini Stefano awarded at the Mondial des Vins Extrêmes wine competition

Valpolicella Classico Superiore Ripasso DOC Acinatico 2016 was awarded with the gold medal at Mondial des Vins extrêmes 2018

Il Valpolicella Classico Superiore Ripasso DOC Acinatico 2016 vince la medaglia d’oro martedi 11 dicembre

L'azienda agricola Accordini Stefano premiata al Mondial des Vins extrêmes 2018

Il Valpolicella Classico Superiore Ripasso DOC Acinatico 2016 vince la medaglia d’oro

Intervista a Maurizio Broggi, Direttore dell'Italian Wine Scholar Education Program di Wine Scholar Guild
martedi 11 dicembre

Vino italiano nel mondo: educare partendo dal principio

Intervista a Maurizio Broggi, Direttore dell'Italian Wine Scholar Education Program di Wine Scholar Guild

Noemi Mengo
  Fallimento N. 53/2017 Tribunale di Verona martedi 11 dicembre

Informazione pubblicitaria
AVVISO DI SOLLECITAZIONE OFFERTE

Fallimento N. 53/2017 Tribunale di Verona

Non è poi così difficile emergere tra i manager del vino [warning: politically incorrect contents]

Giganti in un popolo di nani

Non è poi così difficile emergere tra i manager del vino [warning: politically incorrect contents]

Andrea Pozzan
We have tasted for you Colle Moro’s Alcàde Montepulciano d’Abruzzo DOC 2014 saturday 08 december

Italian wines in the world: Colle Moro’s Alcàde Montepulciano d’Abruzzo DOC 2014

We have tasted for you Colle Moro’s Alcàde Montepulciano d’Abruzzo DOC 2014

Abbiamo degustato per voi Alcàde Montepulciano d’Abruzzo doc 2014 di Colle Moro sabato 08 dicembre

Italian wines in the world: Alcàde Montepulciano d’Abruzzo doc 2014 di Colle Moro

Abbiamo degustato per voi Alcàde Montepulciano d’Abruzzo doc 2014 di Colle Moro

L’intervista a Lorenzo Palla, titolare dell’azienda Ronco Blanchis
venerdi 07 dicembre

Il coraggio di puntare sull’identità del Collio

L’intervista a Lorenzo Palla, titolare dell’azienda Ronco Blanchis

Agnese Ceschi
L’etichetta interattiva fa il suo ingresso in scena al più importante forum sul business del vino. venerdi 07 dicembre

Winebel debutta a wine2wine 2018

L’etichetta interattiva fa il suo ingresso in scena al più importante forum sul business del vino.

Per secoli sono stati i “segreti” ad alimentare il mito dello Champagne, negli ultimi anni, invece, è raccontare la “verità” la chiave comunicativa per dare ancora prestigio alla grande bollicina francese

Si chiama trasparenza la svolta comunicativa dello Champagne

Per secoli sono stati i “segreti” ad alimentare il mito dello Champagne, negli ultimi anni, invece, è raccontare la “verità” la chiave comunicativa per dare ancora prestigio alla grande bollicina francese

Fabio Piccoli
Un esempio vincente di marketing targetizzato, spazio ai giovani! giovedi 06 dicembre

Anna Spinato: focus sui Millenials

Un esempio vincente di marketing targetizzato, spazio ai giovani!

Un Paese di contrasti, che ci somiglia e che ha bisogno dell’export italiano, ma non sarà una sfida semplice 
giovedi 06 dicembre

Brasile: il mercato di chi ama le sfide

Un Paese di contrasti, che ci somiglia e che ha bisogno dell’export italiano, ma non sarà una sfida semplice

Noemi Mengo
Ultimi posti disponibili per partecipare dal 4 al 5 marzo. Noi ci saremo, e voi? mercoledi 05 dicembre

Vinexpo New York: i 10 motivi per cui non mancare!

Ultimi posti disponibili per partecipare dal 4 al 5 marzo. Noi ci saremo, e voi?

Durante un evento milanese sono stati messi in degustazione alcuni vini dell’azienda maremmana che ha cambiato proprietà dal 2017 mercoledi 05 dicembre

Il restyling di Rigoloccio

Durante un evento milanese sono stati messi in degustazione alcuni vini dell’azienda maremmana che ha cambiato proprietà dal 2017

Il territorio veneto riconosciuto il 30 novembre dal comitato scientifico dalla FAO mercoledi 05 dicembre

Soave sito mondiale patrimonio dell’umanità per l’agricoltura

Il territorio veneto riconosciuto il 30 novembre dal comitato scientifico dalla FAO

La nuova avventura del famoso sommelier americano Jeff Porter celebra la cultura del nostro paese in America
mercoledi 05 dicembre

"Sip Trip": parte il viaggio on the road di Jeff Porter alla scoperta del vino italiano

La nuova avventura del famoso sommelier americano Jeff Porter celebra la cultura del nostro paese in America

Gestione della burocrazia e promozione, avvicinamento ai gusti europei ed esperienze degustative in prima persona mercoledi 05 dicembre

Le quattro chiavi per superare i limiti della Russia

Gestione della burocrazia e promozione, avvicinamento ai gusti europei ed esperienze degustative in prima persona

Agnese Ceschi
Intervista all’esperto Wai Xin Chang, Wine Communicator e Vinitaly International Italian Wine Expert
martedi 04 dicembre

Singapore: un mercato fertile e curioso

Intervista all’esperto Wai Xin Chang, Wine Communicator e Vinitaly International Italian Wine Expert

Noemi Mengo
Quando anche i candidati devono partire da una autoconsapevolezza

Vorrei ma non posso: quando si chiede senza dare [abbastanza]

Quando anche i candidati devono partire da una autoconsapevolezza

Andrea Pozzan
We have tasted for you Coali Tenuta Savoia's I Simieri Rosso Verona Igt 2015 saturday 01 december

Italian wines in the world: Coali Tenuta Savoia's I Simieri Rosso Verona Igt 2015

We have tasted for you Coali Tenuta Savoia's I Simieri Rosso Verona Igt 2015

Abbiamo degustato per voi il I Simieri Rosso Verona Igt 2015 di Coali Tenuta Savoia
sabato 01 dicembre

Italian wines in the world: I Simieri Rosso Verona Igt 2015 di Coali Tenuta Savoia

Abbiamo degustato per voi il I Simieri Rosso Verona Igt 2015 di Coali Tenuta Savoia

Lo straordinario e istruttivo intervento di Margareth Henriquez, presidente e ceo di Krug, alla quinta edizione di Wine2Wine

La preziosa lezione di Madame Krug

Lo straordinario e istruttivo intervento di Margareth Henriquez, presidente e ceo di Krug, alla quinta edizione di Wine2Wine

Fabio Piccoli
Karen MacKenzie's wineries tour in Piemonte friday 30 november

Persistently Premier Piemonte

Karen MacKenzie's wineries tour in Piemonte

Karen MacKenzie
Partecipa al tour Simply Italian Great Wine a Fort Lauderdale e Città del Messico
venerdi 30 novembre

Partecipa con noi al tour Miami e Mexico febbraio 2019

Partecipa al tour Simply Italian Great Wine a Fort Lauderdale e Città del Messico

La rivoluzione Enosocial® e Clicknbuy™ è appena iniziata e non sembra fermarsi. Ecco i dettagli e un video di spiegazione dell’applicazione smartphone dedicata a produttori e wine lovers
giovedi 29 novembre

Degustare e acquistare in un battito di ciglia: è possibile?

La rivoluzione Enosocial® e Clicknbuy™ è appena iniziata e non sembra fermarsi. Ecco i dettagli e un video di spiegazione dell’applicazione smartphone dedicata a produttori e wine lovers