Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

 
venerdi 14 dicembre 2018 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com

valdoca pertinace vinojobs Wine Monitor Cantina Santa Maria La Palma Fondazione Edmund Mach Michele Shah Tommasi WineNet CVA Canicatti https://www.cantinafrentana.it Azienda Agricola Coali roncoblanchis.it https://corte-de-pieri.business.site/ www.ilvinocomunica.it info@larchetipo.it http://www.tenutaviglione.com/ http://www.fattorialamagia.it/ https://www.accordinistefano.it/ https://www.rigoloccio.it/ http://www.cantinapedres.it/ http://www.cantinavicobarone.com/ https://www.vinica.it/it/  http://acquesi.it/ https://www.borgolacaccia.it/ https://www.carusoeminini.it/ http://www.cantinadicustoza.it/ https://tenutadelpriore.it/linea-col-del-mondo/ http://www.tenutastellacollio.it/en/ https://www.tenutedigiulio.it/site/ http://www.tenutamontemagno.it/ http://giannitessari.wine/ Farina Enartis Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ Tebaldi
giovedi 04 ottobre

La Danimarca ama l'Italia "autoctona"

Secondo Jennifer Delaloca, importatrice, promoter ed educatrice danese, il vino italiano in Danimarca ha ancora ampi margini di crescita soprattutto se investirà con maggior determinazione nei propri vitigni autoctoni


La Danimarca ama l'Italia
Caro produttore, rimboccati le maniche!
Qualche giorno fa abbiamo iniziato un articolo con questo slogan, una frase che riassume perfettamente la necessità di fare qualcosa di più nel mercato danese. Ad aiutarci, Jennifer Delaloca proprietaria di un ristorante e di un caratteristico wine shop nel cuore di Copenhagen, importatrice, promoter, educatrice, scrittrice, wine blogger, titolare di una wine school della città e, infine, Wine Ambassador per Vinitaly International Academy. 

Nel precedente articolo abbiamo chiesto a Jennifer di consigliare a produttori italiani la via migliore per promuovere il proprio duro lavoro e non lasciare che gli sforzi vengano dispersi inutilmente. Grazie alla sua grande esperienza nel mondo del vino e al suo letterale innamoramento per i prodotti italiani, abbiamo deciso di approfondire la chiacchierata con Jennifer e chiederle un’impressione sulla percezione del vino italiano nel suo paese, la Danimarca, per evidenziarne le problematiche e risolverle insieme. 

Il mercato danese: possibilità per i vini italiani
I vini italiani sono percepiti davvero positivamente da parte dei danesi. La ragione principale è che il vino italiano è considerato generalmente ad un buon rapporto qualità prezzo, specialmente se confrontato con il concorrente francese. In Danimarca, risiede la consapevolezza che se si compra vino francese anziché italiano, ci si aspetta di pagare il 50% se non il 100% in più per una bottiglia della stessa qualità di quella che potrebbero trovare in una bottiglia italiana. Questo ovviamente è un enorme punto positivo ed un grande booster per le vendite.
“Gli aspetti positivi sono davvero molti, ma se dovessi parlare di cosa invece viene percepito come aspetto negativo, è difficile da spiegare” spiega Jennifer. “Ho fatto una ricerca su Google scrivendo, in danese, “vino italiano terribile”. Sono uscite solamente 2 pagine di risultati, e nessuno di essi diceva qualcosa di realmente negativo. Ciò che ho trovato era perlopiù legato a termini come “fiaba italiana”, “amore italiano”, “amante italiano” e potrei andare avanti per ore”.

Sete di autoctoni
Aggiunge poi: “se personalmente dovessi menzionare qualcosa di negativo forse sarebbe l’utilizzo eccessivo di alcuni vitigni. Ad esempio, io adoro lo Chardonnay, e apprezzo la molteplicità di produttori che fanno vino dalle sue tante varietà in Italia, ma apprezzerei ancora di più se i produttori si focalizzassero di più sui vitigni autoctoni delle proprie regioni, alcuni dei quali devono ancora essere scoperti col tempo. Capisco che ci voglia tempo per sperimentare nuove varietà e che i vini realizzati con uve internazionali siano più facili da vendere, ma più i produttori si dedicheranno alla produzione di vitigni autoctoni e autentici italiani, più la conoscenza delle diversità riuscirà a crescere al di fuori dell’Italia e con essa, la curiosità dei consumatori." 
Conferma Jennifer, che la sua opinione sarebbe tranquillamente condivisibile dai suoi colleghi del settore Food&Beverage, ma il consumatore medio non dà troppo peso attualmente al potenziale di certe varietà indigene italiane. Vero è che prima di arrivare al consumatore, le importazioni passano fra le mani di chi lavora in questo settore, e se non ci passano direttamente, vengono recensiti da questi soggetti, la cui influenza si esercita poi sull’acquisto del consumatore finale. Per colmare certe lacune, è bene informare i consumatori che l’Italia è e sarà sempre più in grado di offrire autoctoni di qualità, e per farlo occorre convincere questi operatori del settore e figure preziose come i Wine Ambassador e i Wine Educator.

Scarsa conoscenza delle regioni italiane: come dare rilievo all’export di varietà regionali?
I danesi sicuramente conoscono tutte le regioni, ma di certo non associano Marche e Abruzzo con Pecorino, Lombardia con Moscato di Scanzo o Friuli Venezia Giulia con Schioppetino, Tazzalenghe e Picolit. Non conoscono tutti i vari tipi di Lambrusco, non sanno che il Nebbiolo è conosciuto come Picotendre, Spanna e Chiavennasca, a seconda delle regioni a cui appartiene (rispettivamente Valle D’Aosta, Piemonte nord orientale e Lombardia).
“Ci stiamo riferendo a vini fermi, ma lo stesso discorso vale per le bollicine, che io personalmente adoro, soprattutto quelle realizzate con metodo Champenoise” aggiunge Jennifer.

“C’è molto lavoro da fare” continua “e il modo migliore per farsi notare è fare un po’ di rumore. Come? Due le vie che mi sentirei di consigliare: innanzitutto cercare assistenza o collaborare con chi si occupa di organizzare incontri a tema o piccole esposizioni in Danimarca, e poi consultare il proprio consorzio locale per ottenere supporto finanziario e strategico, spingendolo ad investire nella promozione di molte varietà, quelle che al momento consideriamo più di nicchia” conclude.




Noemi Mengo

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
In questi ultimi mesi, in particolare, vi è una proliferazione di pagine pubblicitarie di aziende del vino sui media generalisti. Quali i significati di questo grande “ritorno”?

Il gran ritorno della pubblicità sul vino

In questi ultimi mesi, in particolare, vi è una proliferazione di pagine pubblicitarie di aziende del vino sui media generalisti. Quali i significati di questo grande “ritorno”?

Fabio Piccoli
In pre-anteprima a Bardolino l’annata 2018 della DOC gardesana venerdi 14 dicembre

Il Chiaretto cavalca l’onda della pink revolution

In pre-anteprima a Bardolino l’annata 2018 della DOC gardesana

Celebrati i risultati ottenuti da Cantina di Soave e presentato il resoconto del Bilancio d’esercizio, attraverso la tradizionale Conferenza Stampa di fine anno
venerdi 14 dicembre

Cantina di Soave: traguardi, novità ed un bilancio che eleva il lavoro dei soci

Celebrati i risultati ottenuti da Cantina di Soave e presentato il resoconto del Bilancio d’esercizio, attraverso la tradizionale Conferenza Stampa di fine anno

Intervista ad Andrea Bianchi, CEO e co-fondatore dell’app Enosocial® 
giovedi 13 dicembre

Credere nel valore delle proprie idee: il successo del caso Enosocial®

Intervista ad Andrea Bianchi, CEO e co-fondatore dell’app Enosocial®

Troppo spesso l’operatività supera la progettualità con il rischio di sprecare risorse e non centrare il vero obiettivo. mercoledi 12 dicembre

Marketing e comunicazione: trova la tua strategia!

Troppo spesso l’operatività supera la progettualità con il rischio di sprecare risorse e non centrare il vero obiettivo.

Massimo Benedetti, Marketing and communication specialist
Dall'acino al bicchiere per la tracciabilità e trasparenza del processo produttivo mercoledi 12 dicembre

Wine Blockchain: quali i vantaggi per l’industria vitivinicola?

Dall'acino al bicchiere per la tracciabilità e trasparenza del processo produttivo

Agnese Ceschi
A spiegarcelo ci pensa “4 colori per vendere il vino”, il nuovo libro di Lavinia Furlani e Andrea Pozzan di WinePeople mercoledi 12 dicembre

Vendere il vino. Sì, ma a chi?

A spiegarcelo ci pensa “4 colori per vendere il vino”, il nuovo libro di Lavinia Furlani e Andrea Pozzan di WinePeople

Progetto Ponza, la novità della storica azienda vinicola dell'Agro Pontino, Casale del Giglio. mercoledi 12 dicembre

Casale del Giglio: storia di un'isola, di una famiglia ed un progetto inimitabile

Progetto Ponza, la novità della storica azienda vinicola dell'Agro Pontino, Casale del Giglio.

Il Valpolicella Classico Superiore Ripasso DOC Acinatico 2016 vince la medaglia d’oro martedi 11 dicembre

L'azienda agricola Accordini Stefano premiata al Mondial des Vins extrêmes 2018

Il Valpolicella Classico Superiore Ripasso DOC Acinatico 2016 vince la medaglia d’oro

Intervista a Maurizio Broggi, Direttore dell'Italian Wine Scholar Education Program di Wine Scholar Guild
martedi 11 dicembre

Vino italiano nel mondo: educare partendo dal principio

Intervista a Maurizio Broggi, Direttore dell'Italian Wine Scholar Education Program di Wine Scholar Guild

Noemi Mengo
  Fallimento N. 53/2017 Tribunale di Verona martedi 11 dicembre

Informazione pubblicitaria
AVVISO DI SOLLECITAZIONE OFFERTE

Fallimento N. 53/2017 Tribunale di Verona

Non è poi così difficile emergere tra i manager del vino [warning: politically incorrect contents]

Giganti in un popolo di nani

Non è poi così difficile emergere tra i manager del vino [warning: politically incorrect contents]

Andrea Pozzan
We have tasted for you Colle Moro’s Alcàde Montepulciano d’Abruzzo DOC 2014 saturday 08 december

Italian wines in the world: Colle Moro’s Alcàde Montepulciano d’Abruzzo DOC 2014

We have tasted for you Colle Moro’s Alcàde Montepulciano d’Abruzzo DOC 2014

Abbiamo degustato per voi Alcàde Montepulciano d’Abruzzo doc 2014 di Colle Moro sabato 08 dicembre

Italian wines in the world: Alcàde Montepulciano d’Abruzzo doc 2014 di Colle Moro

Abbiamo degustato per voi Alcàde Montepulciano d’Abruzzo doc 2014 di Colle Moro

L’intervista a Lorenzo Palla, titolare dell’azienda Ronco Blanchis
venerdi 07 dicembre

Il coraggio di puntare sull’identità del Collio

L’intervista a Lorenzo Palla, titolare dell’azienda Ronco Blanchis

Agnese Ceschi
L’etichetta interattiva fa il suo ingresso in scena al più importante forum sul business del vino. venerdi 07 dicembre

Winebel debutta a wine2wine 2018

L’etichetta interattiva fa il suo ingresso in scena al più importante forum sul business del vino.

Per secoli sono stati i “segreti” ad alimentare il mito dello Champagne, negli ultimi anni, invece, è raccontare la “verità” la chiave comunicativa per dare ancora prestigio alla grande bollicina francese

Si chiama trasparenza la svolta comunicativa dello Champagne

Per secoli sono stati i “segreti” ad alimentare il mito dello Champagne, negli ultimi anni, invece, è raccontare la “verità” la chiave comunicativa per dare ancora prestigio alla grande bollicina francese

Fabio Piccoli
Un esempio vincente di marketing targetizzato, spazio ai giovani! giovedi 06 dicembre

Anna Spinato: focus sui Millenials

Un esempio vincente di marketing targetizzato, spazio ai giovani!

Un Paese di contrasti, che ci somiglia e che ha bisogno dell’export italiano, ma non sarà una sfida semplice 
giovedi 06 dicembre

Brasile: il mercato di chi ama le sfide

Un Paese di contrasti, che ci somiglia e che ha bisogno dell’export italiano, ma non sarà una sfida semplice

Noemi Mengo
Ultimi posti disponibili per partecipare dal 4 al 5 marzo. Noi ci saremo, e voi? mercoledi 05 dicembre

Vinexpo New York: i 10 motivi per cui non mancare!

Ultimi posti disponibili per partecipare dal 4 al 5 marzo. Noi ci saremo, e voi?

Durante un evento milanese sono stati messi in degustazione alcuni vini dell’azienda maremmana che ha cambiato proprietà dal 2017 mercoledi 05 dicembre

Il restyling di Rigoloccio

Durante un evento milanese sono stati messi in degustazione alcuni vini dell’azienda maremmana che ha cambiato proprietà dal 2017

Il territorio veneto riconosciuto il 30 novembre dal comitato scientifico dalla FAO mercoledi 05 dicembre

Soave sito mondiale patrimonio dell’umanità per l’agricoltura

Il territorio veneto riconosciuto il 30 novembre dal comitato scientifico dalla FAO

La nuova avventura del famoso sommelier americano Jeff Porter celebra la cultura del nostro paese in America
mercoledi 05 dicembre

"Sip Trip": parte il viaggio on the road di Jeff Porter alla scoperta del vino italiano

La nuova avventura del famoso sommelier americano Jeff Porter celebra la cultura del nostro paese in America

Gestione della burocrazia e promozione, avvicinamento ai gusti europei ed esperienze degustative in prima persona mercoledi 05 dicembre

Le quattro chiavi per superare i limiti della Russia

Gestione della burocrazia e promozione, avvicinamento ai gusti europei ed esperienze degustative in prima persona

Agnese Ceschi
Intervista all’esperto Wai Xin Chang, Wine Communicator e Vinitaly International Italian Wine Expert
martedi 04 dicembre

Singapore: un mercato fertile e curioso

Intervista all’esperto Wai Xin Chang, Wine Communicator e Vinitaly International Italian Wine Expert

Noemi Mengo