Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

 
martedi 16 ottobre 2018 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com

Enartis Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ Tebaldi valdoca pertinace Wine Monitor Cantina Santa Maria La Palma Fondazione Edmund Mach Michele Shah Tommasi WineNet CVA Canicatti https://www.poderidalnespoli.com/ https://www.cantinafrentana.it Azienda Agricola Coali roncoblanchis.it www.wine2wine.net https://corte-de-pieri.business.site/ www.ilvinocomunica.it info@larchetipo.it http://www.tenutaviglione.com/ http://www.fattorialamagia.it/ https://www.rigoloccio.it/ http://www.cantinapedres.it/ http://www.cantinavicobarone.com/ https://www.vinica.it/it/ Farina
giovedi 04 ottobre

La Danimarca ama l'Italia "autoctona"

Secondo Jennifer Delaloca, importatrice, promoter ed educatrice danese, il vino italiano in Danimarca ha ancora ampi margini di crescita soprattutto se investirà con maggior determinazione nei propri vitigni autoctoni


La Danimarca ama l'Italia
Caro produttore, rimboccati le maniche!
Qualche giorno fa abbiamo iniziato un articolo con questo slogan, una frase che riassume perfettamente la necessità di fare qualcosa di più nel mercato danese. Ad aiutarci, Jennifer Delaloca proprietaria di un ristorante e di un caratteristico wine shop nel cuore di Copenhagen, importatrice, promoter, educatrice, scrittrice, wine blogger, titolare di una wine school della città e, infine, Wine Ambassador per Vinitaly International Academy. 

Nel precedente articolo abbiamo chiesto a Jennifer di consigliare a produttori italiani la via migliore per promuovere il proprio duro lavoro e non lasciare che gli sforzi vengano dispersi inutilmente. Grazie alla sua grande esperienza nel mondo del vino e al suo letterale innamoramento per i prodotti italiani, abbiamo deciso di approfondire la chiacchierata con Jennifer e chiederle un’impressione sulla percezione del vino italiano nel suo paese, la Danimarca, per evidenziarne le problematiche e risolverle insieme. 

Il mercato danese: possibilità per i vini italiani
I vini italiani sono percepiti davvero positivamente da parte dei danesi. La ragione principale è che il vino italiano è considerato generalmente ad un buon rapporto qualità prezzo, specialmente se confrontato con il concorrente francese. In Danimarca, risiede la consapevolezza che se si compra vino francese anziché italiano, ci si aspetta di pagare il 50% se non il 100% in più per una bottiglia della stessa qualità di quella che potrebbero trovare in una bottiglia italiana. Questo ovviamente è un enorme punto positivo ed un grande booster per le vendite.
“Gli aspetti positivi sono davvero molti, ma se dovessi parlare di cosa invece viene percepito come aspetto negativo, è difficile da spiegare” spiega Jennifer. “Ho fatto una ricerca su Google scrivendo, in danese, “vino italiano terribile”. Sono uscite solamente 2 pagine di risultati, e nessuno di essi diceva qualcosa di realmente negativo. Ciò che ho trovato era perlopiù legato a termini come “fiaba italiana”, “amore italiano”, “amante italiano” e potrei andare avanti per ore”.

Sete di autoctoni
Aggiunge poi: “se personalmente dovessi menzionare qualcosa di negativo forse sarebbe l’utilizzo eccessivo di alcuni vitigni. Ad esempio, io adoro lo Chardonnay, e apprezzo la molteplicità di produttori che fanno vino dalle sue tante varietà in Italia, ma apprezzerei ancora di più se i produttori si focalizzassero di più sui vitigni autoctoni delle proprie regioni, alcuni dei quali devono ancora essere scoperti col tempo. Capisco che ci voglia tempo per sperimentare nuove varietà e che i vini realizzati con uve internazionali siano più facili da vendere, ma più i produttori si dedicheranno alla produzione di vitigni autoctoni e autentici italiani, più la conoscenza delle diversità riuscirà a crescere al di fuori dell’Italia e con essa, la curiosità dei consumatori." 
Conferma Jennifer, che la sua opinione sarebbe tranquillamente condivisibile dai suoi colleghi del settore Food&Beverage, ma il consumatore medio non dà troppo peso attualmente al potenziale di certe varietà indigene italiane. Vero è che prima di arrivare al consumatore, le importazioni passano fra le mani di chi lavora in questo settore, e se non ci passano direttamente, vengono recensiti da questi soggetti, la cui influenza si esercita poi sull’acquisto del consumatore finale. Per colmare certe lacune, è bene informare i consumatori che l’Italia è e sarà sempre più in grado di offrire autoctoni di qualità, e per farlo occorre convincere questi operatori del settore e figure preziose come i Wine Ambassador e i Wine Educator.

Scarsa conoscenza delle regioni italiane: come dare rilievo all’export di varietà regionali?
I danesi sicuramente conoscono tutte le regioni, ma di certo non associano Marche e Abruzzo con Pecorino, Lombardia con Moscato di Scanzo o Friuli Venezia Giulia con Schioppetino, Tazzalenghe e Picolit. Non conoscono tutti i vari tipi di Lambrusco, non sanno che il Nebbiolo è conosciuto come Picotendre, Spanna e Chiavennasca, a seconda delle regioni a cui appartiene (rispettivamente Valle D’Aosta, Piemonte nord orientale e Lombardia).
“Ci stiamo riferendo a vini fermi, ma lo stesso discorso vale per le bollicine, che io personalmente adoro, soprattutto quelle realizzate con metodo Champenoise” aggiunge Jennifer.

“C’è molto lavoro da fare” continua “e il modo migliore per farsi notare è fare un po’ di rumore. Come? Due le vie che mi sentirei di consigliare: innanzitutto cercare assistenza o collaborare con chi si occupa di organizzare incontri a tema o piccole esposizioni in Danimarca, e poi consultare il proprio consorzio locale per ottenere supporto finanziario e strategico, spingendolo ad investire nella promozione di molte varietà, quelle che al momento consideriamo più di nicchia” conclude.




Noemi Mengo

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Le tipologie di consumatori si stanno evolvendo sempre di più e a velocità imprevedibili. Per capire il potenziale sviluppo dei mercati internazionali del vino sarà sempre più importante conoscere in profondità le diverse tipologie di target

I consigli di Euromonitor su come raggiungere le nuove 8 categorie di consumatori

Le tipologie di consumatori si stanno evolvendo sempre di più e a velocità imprevedibili. Per capire il potenziale sviluppo dei mercati internazionali del vino sarà sempre più importante conoscere in profondità le diverse tipologie di target

Francesco Piccoli
Se hai un passaggio generazionale in atto, scopri come formare al meglio nuovi imprenditori del vino, preparati, aggiornati e produttivi. lunedi 15 ottobre

Campus Impresa: la scelta degli imprenditori consapevoli

Se hai un passaggio generazionale in atto, scopri come formare al meglio nuovi imprenditori del vino, preparati, aggiornati e produttivi.

Nell’ultimo report di Euromonitor International i nuovi profili di 8 categorie di consumatori a livello mondiale  che avranno una grande influenza anche sui consumi di vino

Un nuovo modo di studiare i consumatori

Nell’ultimo report di Euromonitor International i nuovi profili di 8 categorie di consumatori a livello mondiale che avranno una grande influenza anche sui consumi di vino

Francesco Piccoli
Lo speed dating creato per trovare figure professionali nel mercato asiatico torna il 10 novembre durante la fiera di Hong Kong giovedi 11 ottobre

Nuove figure export per il mercato asiatico? #HireMeVinitaly Hong Kong ti aspetta

Lo speed dating creato per trovare figure professionali nel mercato asiatico torna il 10 novembre durante la fiera di Hong Kong

Prosegue l’attività di internazionalizzazione del Consorzio Tutela Vini Valpolicella che nel mese di ottobre farà tappa a Vancouver, Chicago, Washington DC e Zurigo. giovedi 11 ottobre

Valpolicella 50 Anniversary Tour: Canada, USA e Svizzera

Prosegue l’attività di internazionalizzazione del Consorzio Tutela Vini Valpolicella che nel mese di ottobre farà tappa a Vancouver, Chicago, Washington DC e Zurigo.

Le impressioni delle aziende e degli organizzatori al rientro dal tour in Vietnam che dal 2 al 4 ottobre ha fatto tappa ad Ho Chi Minh e Hanoi. giovedi 11 ottobre

Unexpected Italian Wines in Vietnam: come è andata?

Le impressioni delle aziende e degli organizzatori al rientro dal tour in Vietnam che dal 2 al 4 ottobre ha fatto tappa ad Ho Chi Minh e Hanoi.

Noemi Mengo
Presentato a Venezia il libro edito da Assouline giovedi 11 ottobre

Ornellaia celebra i primi 30 anni con un libro

Presentato a Venezia il libro edito da Assouline

Intervista a Jeremy Parzen, wine blogger e giornalista esperto di vini italiani, sulla nuova frontiera Usa: il mercato texano giovedi 11 ottobre

Community is the key

Intervista a Jeremy Parzen, wine blogger e giornalista esperto di vini italiani, sulla nuova frontiera Usa: il mercato texano

Considerazioni a seguito del Wine Export Manager Day 2018 di uno dei partecipanti al pomeriggio di formazione giovedi 11 ottobre

Essere un wine export manager oggi in Italia

Considerazioni a seguito del Wine Export Manager Day 2018 di uno dei partecipanti al pomeriggio di formazione

Un appuntamento mensile con le vostre considerazioni in merito ai mercati e ai cambiamenti che vivete ogni giorno con il vostro lavoro 
mercoledi 10 ottobre

La Rubrica dell'Export: "dear export manager, it's your turn!"

Un appuntamento mensile con le vostre considerazioni in merito ai mercati e ai cambiamenti che vivete ogni giorno con il vostro lavoro

Le indagini presentate a Wine Export Manager Day delineano la figura dell’export manager; da pochi è visto come un vero comunicatore
mercoledi 10 ottobre

Export manager o tuttofare?

Le indagini presentate a Wine Export Manager Day delineano la figura dell’export manager; da pochi è visto come un vero comunicatore

Noemi Mengo
Quali prospettive per l’export della denominazione veronese del Garda? martedi 09 ottobre

La nuova “era” del Bardolino

Quali prospettive per l’export della denominazione veronese del Garda?

Un parterre di ospiti internazionali di grande rilievo e una nuova formula più network oriented: alcune delle novità del prossimo forum del business del vino in programma a Verona il 26 e 27 novembre martedi 09 ottobre

What's In It For Me? Stevie Kim racconta il prossimo wine2wine

Un parterre di ospiti internazionali di grande rilievo e una nuova formula più network oriented: alcune delle novità del prossimo forum del business del vino in programma a Verona il 26 e 27 novembre

Agnese Ceschi
Partecipa gratuitamente alla presentazione dei campus dedicati ad export manager, venditori di vino e titolari di azienda

Ti aspettiamo venerdi all'open day dei campus di Wine People

Partecipa gratuitamente alla presentazione dei campus dedicati ad export manager, venditori di vino e titolari di azienda

Il 18 e il 19 novembre 2018 alla Fiera di Faenza torna la terza edizione di lunedi 08 ottobre

"Back to the wine": il vino artigianale in fiera a Faenza

Il 18 e il 19 novembre 2018 alla Fiera di Faenza torna la terza edizione di "Back to the wine"

La consulenza dedicata a chi lavora o vuole lavorare nel mondo del vino e desidera migliorare l’efficacia del proprio Curriculum Vitae.

WINE CV WRITER: come realizzare il CV che ogni impresa del vino vorrebbe leggere

La consulenza dedicata a chi lavora o vuole lavorare nel mondo del vino e desidera migliorare l’efficacia del proprio Curriculum Vitae.

A tutela dei produttori il nuovo aggiornamento verifica gli account di successo e scarta quelli su cui non investire sabato 06 ottobre

Instagram si aggiorna di nuovo a caccia dei falsi influencer

A tutela dei produttori il nuovo aggiornamento verifica gli account di successo e scarta quelli su cui non investire

Noemi Mengo
Impressioni dalla prima edizione dell’evento organizzato da Unexpected Italian in Vietnam

Vietnam, viaggio all’interno di un mercato emergente

Impressioni dalla prima edizione dell’evento organizzato da Unexpected Italian in Vietnam

Fabio Piccoli