Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

WineMeridian
sabato 16 dicembre 2017 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers


Social Meter Analysis Michele Shah Siddura Tommasi Vini Cina WineNet Bixio Ceccheto Farina Enartis http://www.principedicorleone.it/ mackenzie Iron3 Consorzio Soave InternationalWineTraders IWSC www.farinatransparency.com www.bellenda.it Tebaldi valdoca pertinace vinojobs Cortemoschina wbwe IWSC registration Wine Monitor Fondazione Edmund Mach

La doc Sicilia e i rischi dei compromessi

Recentemente si è aperto nuovamente il dibattito sui punti di forza e di debolezza di una doc regionale come quella della Sicilia. Una storia che testimonia anche gli inevitabili rischi di certi compromessi


La doc Sicilia e i rischi dei compromessi
Siamo stati testimoni diretti del lungo iter che portò sei anni fa al riconoscimento della doc Sicilia. Abbiamo collaborato per oltre un decennio con la Regione Siciliana nell’attività di promozione internazionale delle sue denominazioni e quotidianamente ci siamo confrontati sull’opportunità o meno di concentrare maggiormente l’immagine dei vini di questa straordinaria terra in un unico brand come quello “Sicilia”. Alla fine il sistema produttivo siciliano in gran parte concordò sulla convenienza di arrivare alla doc Sicilia e di concentrare su di essa la costruzione complessiva della reputazione e notorietà del vino siciliano.
Oggi a distanza di sei anni è possibile fare alcune valutazioni sull’efficacia di questa scelta anche grazie ad alcuni autorevoli commentatori come, ad esempio, Walter Speller, collaboratore del prestigioso sito di Jancis Robinson (www.jancisrobinson.com), che sul magazine online cronachedigusto.it, diretto dal bravo Fabrizio Carrera, ha rilasciato interessanti valutazioni sul tema della doc Sicilia.
In estrema sintesi il parere di Speller sulla doc Sicilia è il seguente: ‘A soli sei anni dalla sua nascita la Doc Sicilia, che attraversa tutta l'isola e sostituisce quello che era stata in precedenza l'Igt Sicilia, comincia a mostrare i suoi limiti. La ragione principale della sua creazione era quella di migliorare la qualità generale e di impedire l'imbottigliamento di grandi volumi dei suoi vini all'esterno dell'isola, cosa che è consentita a livello Igt. Sfidava direttamente grandi e potenti imbottigliatori del nord d'Italia, per i quali i vini siciliani a buon mercato erano e sono ancora grandi affari. Ma sebbene la qualità generale sia migliorata, l'immagine della Doc Sicilia non ha mantenuto ritmi simili’.
E riguardo a quest’ultimo aspetto, Speller riporta i dati di Unione Italiana Vini sull’export della doc Sicilia:’le ultime cifre di esportazione non supportano questo punto di vista: il prezzo medio di un litro di vino Doc Sicilia è di soli € 2,70 e diversi mercati acquistano a prezzi ancora più bassi. La Germania, il più grande acquirente dei vini DocSicilia, spende solo 1,86 euro per litro, seguita dal Regno Unito con 2,28 euro…’.
Secondo Speller, inoltre, alla luce di questi limiti della doc Sicilia vi sarebbero alcune aziende, come ad esempio la nota Tasca d’Almerita che ‘dopo aver aggiunto come suffisso la Contea di Sclafani Doc in cui si trova la loro tenuta nella Sicilia centrale. Hanno anche fatto una campagna per la creazione della prima sottosezione di Contea di Sclafani, Sclafani Bagni, in cui solo ufficialmente sono ammessi solo Perricone, Nero d'Avola e Catarratto’.
Infine Speller evidenzia anche la recente problematica emersa dalla scelta del Consorzio della doc Sicilia di consentire che Nero d'Avola e Grillo figurino solo sull'etichetta dei vini Doc della Sicilia e non più essere sull'etichetta dei vini Igt. Una scelta che in qualche misura penalizzerebbe alcuni ‘produttori avanguardisti che sono costretti a lavorare al di fuori della Doc perché i loro vini originali hanno grande difficoltà nell'essere approvati dalle commissioni di assaggio ufficiali’.
Le osservazioni di Speller meriterebbero commenti molto lunghi perché toccano diversi aspetti e problematiche.
Noi ci limitiamo ad alcune sintetiche valutazioni anche se sicuramente torneremo presto sull’argomento, magari con i commenti diretti dei produttori siciliani.
Prima di tutto va detto con tutta onestà che la doc Sicilia, come giustamente è stato evidenziato da Speller, è stato un compromesso e quindi inevitabilmente si porta dietro aspetti positivi ma anche alcuni limiti.
I positivi sono abbastanza scontati a partire da un maggior controllo della produzione, uno strumento per elevare più velocemente l’immagine complessiva di una regione produttiva (e di conseguenza anche il posizionamento ma questo non è mai scontato), una riduzione delle dispersioni nella comunicazione (concentrandosi nella doc Sicilia e non nelle 24 doc regionali).
Ma è altrettanto scontato che se bastasse avere una doc regionale sulla quale costruire tutta l’immagine e il posizionamento di una produzione vitienologica dovremmo non solo spingere tutte le regioni a farlo e comunicarlo ma anche, a questo punto, dovremmo riesumare il vecchio progetto della doc Italia.
E’ evidente, insomma, che la “sintesi” nella comunicazione è fondamentale perché facilita la trasmissione dei concetti e soprattutto agevola la comprensione ma questo non ti garantisce automaticamente un innalzamento complessivo del posizionamento e il giusto riconoscimento delle diverse identità produttive.
Per questa ragione era abbastanza prevedibile che da sola la doc Sicilia non poteva consentire una rivoluzione in positivo dell’immagine e del posizionamento di quello che possiamo considerare il più vasto continente enologico italiano.
Una terra che ha una biodiversità vitienologica così ampia, con terroir produttivi così diversi tra loro, con tipologie produttive così eterogenee era molto difficile poterle comprimere in un’unica denominazione.
Ma questo non significa che non fosse una scelta corretta, per certi aspetti inevitabile, l’errore sta nel pensare che da sola sia sufficiente per garantire di elevare adeguatamente tutto il patrimonio vitivinicolo siciliano.
Per fare questo è fondamentale valorizzare le diversità. Ci piaccia o no, pur nella consapevolezza che si tratta di uno sforzo grande, complesso, che richiede tempo, non si può prescindere dal trovare tutti gli strumenti più idonei per far capire al trade e ai consumatori le mille peculiarità del giacimento enologico siciliano.
Ma non esiste, a nostro parere, contraddizione nell’investire da un lato nel brand “doc Sicilia” e dall’altro di evidenziare costantemente anche i “distinguo” all’interno di questo universo.
E questa è una problematica che riguarda, ovviamente, non solo la Sicilia ma tutte quelle regioni, denominazioni che oggi pensano di poter garantire adeguati posizionamenti, corretti riconoscimenti di prezzo puntando solo ad un brand “generico” sotto il quale fare stare tutte le diversità produttive. L’esempio del Prosecco, in questa direzione, ci sembra un esempio emblematico, se non si riuscirà a far capire che dietro questo brand popolare ci sono molte differenziazioni presto saranno dolori per tutti.

Fabio Piccoli

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
We tasted for you Siddùra's Bacco Cagnulari Isola dei Nuraghi igt 2015 saturday 16 december

Italian Wines in the world: Bàcco Cagnulari Isola dei Nuraghi igt 2015

We tasted for you Siddùra's Bacco Cagnulari Isola dei Nuraghi igt 2015

Abbiamo degustato per voi il Bàcco Cagnulari Isola dei Nuraghi IGT 2015 dell'azienda agricola Siddùra sabato 16 dicembre

Italian Wines in the world: Bàcco Cagnulari Isola dei Nuraghi igt 2015

Abbiamo degustato per voi il Bàcco Cagnulari Isola dei Nuraghi IGT 2015 dell'azienda agricola Siddùra

Con un allestimento particolare, il Bistrot diventa set fotografico per un giorno pronto ad accogliere influencer e instagrammer. venerdi 15 dicembre

Igers Veneto, la comunità veneta di instagram, brinda al Natale al caffè Dante di Verona

Con un allestimento particolare, il Bistrot diventa set fotografico per un giorno pronto ad accogliere influencer e instagrammer.

Il Giappone rimane la nostra prima frontiera sul grande mercato asiatico. Nonostante numeri ancora abbastanza ridotti per il nostro export la curiosità nei confronti dei nostri vini è in costante crescita e sono ancora molto ampi i nostri margini di sviluppo

venerdi 15 dicembre

In Giappone, dove le potenzialità di sviluppo sono ancora tante

Il Giappone rimane la nostra prima frontiera sul grande mercato asiatico. Nonostante numeri ancora abbastanza ridotti per il nostro export la curiosità nei confronti dei nostri vini è in costante crescita e sono ancora molto ampi i nostri margini di sviluppo

Fabio Piccoli
Gorancho Boshkov, capo sommelier del ristorante Scarpetta all'iconico Fontainebleau Miami Beach Hotel, ci racconta il viaggio nel vino italiano che viene offerto ai clienti del ristorante premiato da Wine Spectator giovedi 14 dicembre

A Miami il vino italiano risveglia i ricordi dei turisti

Gorancho Boshkov, capo sommelier del ristorante Scarpetta all'iconico Fontainebleau Miami Beach Hotel, ci racconta il viaggio nel vino italiano che viene offerto ai clienti del ristorante premiato da Wine Spectator

Grande interesse per i vini di The Wine Net, prima rete dell’eccellenza della cooperazione vitivinicola italiana, in una masterclass guidata dal noto giornalista giapponese Isao Miyajima nella sede ICE di Tokyo
mercoledi 13 dicembre

The Wine Net sbarca in Giappone

Grande interesse per i vini di The Wine Net, prima rete dell’eccellenza della cooperazione vitivinicola italiana, in una masterclass guidata dal noto giornalista giapponese Isao Miyajima nella sede ICE di Tokyo

Come fare il tuo lavoro di vendita con successo? Impara a gestire la trattativa di vendita

Il Venditore di vino tradizionale è in via di estinzione

Come fare il tuo lavoro di vendita con successo? Impara a gestire la trattativa di vendita

La viticoltura tutelata dal Consorzio Vini Venezia si estende per ben due province, quella di Treviso e quella di Venezia, dalle Alpi alla laguna; tra vini locali e internazionali è il Pinot Grigio Doc Venezia che viene apprezzato dal palato estero. mercoledi 13 dicembre

Consorzio Vini Venezia - una storia con radici profonde, 5 denominazioni con un solo obiettivo: raccontare il territorio!

La viticoltura tutelata dal Consorzio Vini Venezia si estende per ben due province, quella di Treviso e quella di Venezia, dalle Alpi alla laguna; tra vini locali e internazionali è il Pinot Grigio Doc Venezia che viene apprezzato dal palato estero.

La grande crescita dell’azienda di Diego Cottini oggi una delle realtà più dinamiche e moderne nel panorama vitienologico della provincia di Verona

Monte Zovo, dove qualità fa rima con modernità

La grande crescita dell’azienda di Diego Cottini oggi una delle realtà più dinamiche e moderne nel panorama vitienologico della provincia di Verona

Nonostante tutti i sondaggi e gli esperti dichiarino il grande amore dei cinesi nei confronti del vino italiano le nostre performance restano molto modeste e soprattutto sembriamo ancora privi di una strategia seria e concreta martedi 12 dicembre

Cina, dove l’Italia del vino sbaglia tutto

Nonostante tutti i sondaggi e gli esperti dichiarino il grande amore dei cinesi nei confronti del vino italiano le nostre performance restano molto modeste e soprattutto sembriamo ancora privi di una strategia seria e concreta

Fabio Piccoli
Nuova linfa per l'enoturismo e il turismo enogastronomico italiano lunedi 11 dicembre

Nasce a Castiglione del Lago 'Il Coordinamento Nazionale delle Strade del Vino, dell'Olio e dei Sapori italiani'

Nuova linfa per l'enoturismo e il turismo enogastronomico italiano

Il festival internazionale di vino e spirits sfusi: il 26 e il 27 febbraio 2018 al The Royal Horticultural Halls di Londra lunedi 11 dicembre

L’International Bulk Wine and Spirits Show sbarca a Londra

Il festival internazionale di vino e spirits sfusi: il 26 e il 27 febbraio 2018 al The Royal Horticultural Halls di Londra

Gli Usa festeggiano la ripresa con i vini francesi lunedi 11 dicembre

Impasse italiano negli Usa, Francia allunga

Gli Usa festeggiano la ripresa con i vini francesi

Il community management, in italiano la gestione della community, è il passo successivo per coloro che hanno deciso di essere presenti online. lunedi 11 dicembre

Una community attiva è una community che converte!

Il community management, in italiano la gestione della community, è il passo successivo per coloro che hanno deciso di essere presenti online.

Elena Mazzali, esperta di Social Media Marketing


WineMeridian