Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

sfondo_wm
giovedi 18 aprile 2019 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers


Siddura enosocial.com

https://corte-de-pieri.business.site/ www.ilvinocomunica.it https://www.accordinistefano.it/ http://www.cantinavicobarone.com/ Vigna Belvedere italian wine academy http://www.varramista.it/it/ Farina Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ Tebaldi valdoca pertinace vinojobs Wine Monitor Cantina Santa Maria La Palma Fondazione Edmund Mach Siddura WineNet CVA Canicatti Bixio https://www.cantinafrentana.it roncoblanchis.it
mercoledi 10 aprile

La formazione? La chiave del successo del vino italiano nel mondo

Intervista a Stevie Kim, managing director di Vinitaly International, che ci fa un bilancio delle attività promosse durante la fiera, e non solo…




Come è andato il vostro Vinitaly?
Per noi Vinitaly è una maratona che dura 13 giorni: abbiamo fatto la Vinitaly International Academy, 5Star Wines, Opera Wine e infine la fiera. Abbiamo accolto 400 buyers, organizzato 20 degustazioni e seminari e questa è stata un’edizione molto bella. Sono scesa pochissimo nei padiglioni, purtroppo, ma ho parlato con diversi produttori che sono rimasti contenti e quando loro sono contenti, lo siamo anche noi.

Qual è il personaggio di quest’anno?
Questa edizione per noi ha segnato il debutto del professor Attilio Scienza. Lui è conosciutissimo e rispettato nella community del vino italiano, ma all’estero era una novità. La sua unica pecca è che non parla inglese, nonostante ciò abbiamo fatto tre degustazioni ed un seminario sul tema dei vitigni autoctoni che sono stati apprezzatissimi. Finalmente ho potuto presentarlo alla community di Vinitaly International e a tutti i nostri buyer. Per me è stata la chiave di lettura di questa edizione.

Che impressione hai raccolto da parte dei buyer?
Siamo riusciti a portare da una parte lo zoccolo duro della nostra community di buyer, quelli che io chiamo i “repeat offender”, che tornano ogni anno, ma anche nuovissimi contatti. C’era un Master of Wine giapponese che io non riuscivo a far tornare, mancava da Vinitaly da 10 anni. Queste persone ti danno grande soddisfazione, così come quelli che non sono mai venuti che sono veramente tanti.

State puntando anche molto sul ruolo degli influencer?
Stiamo cercando di avvicinare i produttori al mondo digital, facendoli familiarizzare con esso, ma mantenendo delle aspettative realistiche. I produttori strutturati ad esempio fanno social media, ma mi dicono che non vedono conversione. Ma bisogna essere consapevoli delle tre fasi: prima ci si concentra sulla brand awareness, poi bisogna creare engagement, coinvolgendo il pubblico, per poi fare la conversione e la call to action.

Chi è wine influencer in Italia?
Penso nessuno. Inteso nel senso di essere in grado di fare la conversione. Non c’è ancora la Chiara Ferragni del vino. Però noi comunque abbiamo organizzato un’iniziativa “Hire me Influencer”, in cui gli influencer si mettono a disposizione a titolo gratuito per dare una mano ai produttori a riflettere sulla propria situazione digitale.

State investendo molto sulla formazione e sull’Academy…
Tengo molto all’idea di avere degli ambasciatori del vino italiano nel mondo. In questi anni abbiamo certificato 204 ambasciatori, che hanno fatto un bel percorso formativo. Oltre a coloro che hanno superato l’esame, abbiamo comunque 560 evangelisti in tutto il mondo in 34 Paesi, che hanno fatto formazione. Sono loro che ci consentono di arrivare anche ai buyer, loro amici e colleghi, che possano far parte della nostra community. Quest’anno diamo un’accelerazione a questa iniziativa: abbiamo cambiato format e pensato ad uno che sia replicabile e standardizzato. In modo che questi educator possano insegnare in modo capillare sul territorio. Partendo da un corso base, passando da un corso intermedio fino al corso finale per ambasciatore.
Dobbiamo esporli a più vini possibili, altrimenti bevono sempre quelli. La biodiversità la devono capire e promuovere.

Qual è il progetto a cui tieni di più?
Me ne vengono in mente due. Opera Wine, motore di apertura di Vinitaly, ma anche la parte glamour che attrae gli stranieri che vengono appositamente per questo evento e rimangono per Vinitaly. Inoltre la formazione e l’Academy, la chiave per il successo del vino italiano nel futuro, anche se c’è molto da fare ancora nel mondo. 


PER VEDERE LA VIDEO INTERVISTA: QUI.
La formazione? La chiave del successo del vino italiano nel mondo

PH wine2digital


Agnese Ceschi

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Domenica 19 maggio 2019, a Tenuta Frassanelle in provincia di Padova, l'evento dedicato ai vini vulcanici aperto dalla masterclass del MW John Szabo giovedi 18 aprile

Vulcanei: il più grande banco d'assaggio di vini da suolo vulcanico

Domenica 19 maggio 2019, a Tenuta Frassanelle in provincia di Padova, l'evento dedicato ai vini vulcanici aperto dalla masterclass del MW John Szabo

Domenica 12 e lunedì 13 maggio al via la prima edizione dell'evento biennale dedicato alla cultura vitivinicola del territorio e al suo vitigno principe giovedi 18 aprile

A Incontri Rotazioni 2019 protagonisti il Teroldego e i vini di Borgogna

Domenica 12 e lunedì 13 maggio al via la prima edizione dell'evento biennale dedicato alla cultura vitivinicola del territorio e al suo vitigno principe

Dal Forno sigla un accordo di distribuzione in esclusiva: una bottiglia su sei andrà in Cina.
giovedi 18 aprile

Export: l'Amarone di Dal Forno alla conquista della Cina

Dal Forno sigla un accordo di distribuzione in esclusiva: una bottiglia su sei andrà in Cina.

Federica Lago
Dal 23 aprile 2019 saranno disponibili due percorsi on-line: iscriviti alla lista d’attesa, i posti sono limitati!

Campus Online la formazione di WinePeople per tutti e ovunque

Dal 23 aprile 2019 saranno disponibili due percorsi on-line: iscriviti alla lista d’attesa, i posti sono limitati!

Maria Bandolin
Appuntamento in Russia il 31 maggio e il 1 giugno per i 25 anni di Simple Group mercoledi 17 aprile

Nuove opportunità in Russia: Simple Group racconta tendenze e prospettive di business

Appuntamento in Russia il 31 maggio e il 1 giugno per i 25 anni di Simple Group

A maggio due tappe per connettere le aziende di vino biologico ai mercati strategici di Svezia e Finlandia mercoledi 17 aprile

Organic Value: ultimi posti per il tour scandinavo nel mondo del vino biologico

A maggio due tappe per connettere le aziende di vino biologico ai mercati strategici di Svezia e Finlandia

Una Sicilia del vino nuova e diversa, la loro, ma sempre fedele a sé stessa. mercoledi 17 aprile

Cantine Settesoli, il vino salverà Selinunte

Una Sicilia del vino nuova e diversa, la loro, ma sempre fedele a sé stessa.

Carmen Guerriero
La Svezia si conferma un porto sicuro per il vino italiano nei prossimi anni. Bollicine, rosé e bianchi sono tra i favoriti, grazie al loro “healty style”. 
mercoledi 17 aprile

L’export tricolore sfreccia alto nei cieli svedesi

La Svezia si conferma un porto sicuro per il vino italiano nei prossimi anni. Bollicine, rosé e bianchi sono tra i favoriti, grazie al loro “healty style”.

Noemi Mengo
Due tappe, Mosca il 17 giugno e San Pietroburgo il 19 giugno 2019, per scoprire il mercato ed incontrare le sue figure chiave 
mercoledi 17 aprile

Partecipa alla tappa in Russia con Wine Meridian e Simply Italian Great Wines

Due tappe, Mosca il 17 giugno e San Pietroburgo il 19 giugno 2019, per scoprire il mercato ed incontrare le sue figure chiave

Il 22 e 23 maggio Wine Meridian ritorna in partnership con Wonderfud per la nuova tappa a Singapore 
mercoledi 17 aprile

Ultimi posti per il tour Singapore: agenda con b2b organizzati e masterclass

Il 22 e 23 maggio Wine Meridian ritorna in partnership con Wonderfud per la nuova tappa a Singapore

Abbiamo degustato per voi il Soave DOC Classico di Cantina del Castello mercoledi 17 aprile

Italian wines in the world: Soave DOC Classico di Cantina del Castello

Abbiamo degustato per voi il Soave DOC Classico di Cantina del Castello

Nel 2018 il volume è cresciuto del 10,5% nei canali Nielsen (2,25 milioni di casse), con vendite aumentate del 14,2% (347 milioni di dollari). Aumenti del 12,3% (1,6 milioni di casse) anche nei canali IRI per un valore aumentato del 16,4% (247 milioni di dollari)
martedi 16 aprile

Il Prosecco guida il boom degli sparkling anche negli Usa

Nel 2018 il volume è cresciuto del 10,5% nei canali Nielsen (2,25 milioni di casse), con vendite aumentate del 14,2% (347 milioni di dollari). Aumenti del 12,3% (1,6 milioni di casse) anche nei canali IRI per un valore aumentato del 16,4% (247 milioni di dollari)

Fabio Piccoli
Interessante tasting a Vinitaly per capire se esiste uno stile italiano nel Pinot Grigio che consentirebbe una comunicazione più chiara di uno dei vini del nostro Paese di maggior successo sui mercati internazionali
lunedi 15 aprile

Pinot Grigio, esiste uno stile italiano?

Interessante tasting a Vinitaly per capire se esiste uno stile italiano nel Pinot Grigio che consentirebbe una comunicazione più chiara di uno dei vini del nostro Paese di maggior successo sui mercati internazionali

Fabio Piccoli
Un convegno sui temi del vino in relazione alla territorialità e quindi alla sostenibilità e all’efficienza di azioni concrete, ed una cena di chiusura con specialità delle 4 regioni protagoniste. lunedi 15 aprile

Le Donne del Vino delle Marche protagoniste a Vinitaly 2019

Un convegno sui temi del vino in relazione alla territorialità e quindi alla sostenibilità e all’efficienza di azioni concrete, ed una cena di chiusura con specialità delle 4 regioni protagoniste.

A Verona l'evento di Vinea Domini con lo Chef Stellato Ciro Scamardella del Ristorante Pipero lunedi 15 aprile

Gotto D'oro a Vinitaly: Vinea Domini mostra il suo lato Nobile alla Roma Stellata

A Verona l'evento di Vinea Domini con lo Chef Stellato Ciro Scamardella del Ristorante Pipero

We have tasted for you Principe di Corleone's San Loé Metodo Classico saturday 13 april

Italian wines in the world: Principe di Corleone's San Loé Metodo Classico

We have tasted for you Principe di Corleone's San Loé Metodo Classico

Abbiamo degustato per voi San Loé Metodo Classico dell'azienda Principe di Corleone sabato 13 aprile

Italian wines in the world: San Loé Metodo Classico dell'azienda Principe di Corleone

Abbiamo degustato per voi San Loé Metodo Classico dell'azienda Principe di Corleone

Sono solo cinque negli Usa i territori del vino italiani nella classifica delle prime 45 regioni vitivinicole riconosciute dai consumatori regolari di vino statunitensi venerdi 12 aprile

Allarme “riconoscibilità origine” anche negli Usa

Sono solo cinque negli Usa i territori del vino italiani nella classifica delle prime 45 regioni vitivinicole riconosciute dai consumatori regolari di vino statunitensi

Fabio Piccoli


sfondo_wm