Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

WineMeridian
lunedi 09 dicembre 2019 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com


www.prosecco.wine http://www.colmello.it/ La Torraccia  www.cantinatollo.it Farina Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ valdoca pertinace vinojobs Wine Monitor Cantina Santa Maria La Palma Fondazione Edmund Mach Cantina di Custoza Siddura WineNet CVA Canicatti Bixio https://www.cantinafrentana.it Corte De Pieri way to go https://www.accordinistefano.it/ http://www.cantinavicobarone.com/ Vigna Belvedere italian wine academy https://www.marchesibarolo.com/ http://www.varramista.it/it/ http://www.grafical.it/it/ cantamessa vini
giovedi 01 agosto 2019

La Polonia verso l'occidentalizzazione

Il Paese est europeo al centro di un cambiamento culturale che investe anche il vino


La Polonia verso l'occidentalizzazione
La Polonia è un mercato a cui guardiamo da tempo e che sta attraversando un importante cambiamento culturale e di trend di consumo. Per approfondire meglio queste dinamiche abbiamo intervistato Wojciech Bońkowski, wine writer polacco, autore di quattro libri di vini e redattore capo della più grande testata di vino in Polonia, Winicjatywa, nonché co-fondatore della rivista Ferment e contributor regolare di Meininger's Wine Business International e www.timatkin.com oltre che giudice di Decanter World Wine Awards. 


Come definiresti il mercato polacco?
È un mercato in piena espansione. Dopo il cambio di regime politico negli ultimi decenni, abbiamo sperimentato una crescita costante sia di importazione che di vendita di vino, che si aggira intorno al 15%. Una percentuale molto stabile, che ha portato il mercato del vino, anche quando ci sono state delle flessioni per l’economia globale e la crescita del Pil polacco ha rallentato, ad essere sempre costante nella crescita. Le basi per questa crescita sono molteplici e molto forti, dunque ci aspettiamo che continui anche nei prossimi anni.

La Polonia può essere considerata un mercato emergente?
La Polonia è un mercato emergente in senso globale, perché rimane piccolo e il consumo pro capite è tra i più bassi dell’Unione Europea, infatti siamo tra i 5 e i 7 litri, al di sotto rispetto a molti altri Paesi nella nostra area come la Slovacchia o la Repubblica Ceca. Nonostante ciò in questi ultimi anni ha cambiato carattere: non è proprio un mercato emergente come possiamo definire i Paesi asiatici, infatti sta dimostrando alcuni tratti di maturità come una sempre più consapevole cultura del vino tra i consumatori metropolitani superiore perfino a Paesi come la Russia. La Polonia viene spesso paragonata alla Russia, ma i mercati del vino sono molto diversi. In Russia il vino viene ancora considerata una bevanda di elite fortemente collegata all’aspirazione e al prestigio, come accade anche in Cina. In Polonia stiamo sperimentando un cambio sociale e il vino si sta affermando come bevanda quotidiana, parte dello stile di vita. Ciò ha conseguenze forti sugli stili di vita popolari. Dunque riassumendo la Polonia è ancora emergente in termini globali e paragonata all’Unione Europea, ma è in forte cambiamento.

La Polonia si sta dunque occidentalizzando negli stili di consumo…
Ci sono sempre stati consumatori che adottavano stili occidentali, ma il trend degli ultimi anni, dovuto a più fattori, ha portato alla diffusione di questo stile di vita in cerchie sociali più ampie. Uno studio di qualche anno fa della KPMG ha rilevato che negli ultimi 5-8 anni il consumo occasionale si è diffuso dal 15% al 45% della popolazione. Ed è proprio questa occidentalizzazione che ha influito sul consumo del vino.

Hanno un ruolo i Millennials in questo processo?
Decisamente. I Millennials sono una categoria molto ampia, con un approccio ambiguo agli alcolici: sono interessati non solo al vino, ma anche alle birre e agli altri alcolici. Ciò era considerata la causa di un calo dei consumi del vino. Ma abbiamo visto negli ultimi anni che non è necessariamente vero. Sicuramente i Millennials hanno un approccio al vino diverso dai loro genitori, sono più interessati ai vini autentici, biologici, naturali, artigianali e di piccoli produttori. Magari consumano meno, ma sono disposti a pagare di più. Sono tante piccole consuetudini di consumo che sono diverse dal passato e ciò lo vediamo anche in Polonia.
Il nostro consumatore viene da un’altra cultura rispetto a quella italiana. Non si deve opporre ai genitori bevendo altre bevande come può accadere in Italia, al contrario la scelta alternativa è proprio il vino.

Chi sta trainando il cambiamento?
Sono le giovani donne che oggi definiscono il cambio di cultura. Semplificando e usando un parallelismo, fino a ieri il mercato del vino veniva definito dal maschio tra i 35 e i 50 anni, oggi viene definito dalla donna tra i 20 e i 25 anni.

I vini italiani come sono accolti e considerati dal consumatore polacco?
Globalmente parlando, l’Italia è un attore molto importante sul nostro mercato: è l’esportatore numero uno per il vino sfuso e il numero tre per quello imbottigliato. C’è una storia d’amore che dura da anni, molti italiani che vivono in Polonia e molti polacchi che viaggiano in Italia, e la ristorazione italiana è molto forte qui.
Questo legame è sempre stato fortissimo. In questi ultimi anni, però, questa posizione si è indebolita commercialmente a causa di alcuni fattori. Il primo è il prezzo: l’Italia non è più così competitiva come prezzi entry-level, ha patito una serie di vendemmie piccole e l’aumento dei prezzi del vino italiano ha sofferto la competizione della Spagna e della California, che è molto forte qui con un brand che si chiama Carlo Rossi.
Inoltre sta soffrendo il calo di consumo del vino rosso e l’aumento dei bianchi e dei rosati, segmento in cui l’Italia è meno presente in Polonia e ha un’immagine meno costruita.
Il momento di flessione continuerà con i vini più economici, dove soffre la competizione di una proposta molto interessante di vini spagnoli e sudafricani.

Ci sono delle categorie che vanno comunque molto forti?
Sicuramente. La prima è il Prosecco che sta vivendo una dinamica positiva con quasi il 50% di aumento rispetto all’anno scorso. Altre categorie stanno andando molto bene, come i vini rossi fruttati tra tutti il Primitivo. Il Prosecco si rivolge maggiormente alla fascia di consumatori delle donne giovani, mentre il Primitivo a quella dell’uomo sopra i 35 anni, che apprezza l’alcol elevato e il gusto molto fruttato.
La visione dell’Italia sta cambiando anche a causa del cambiamento sociale. Prima i consumatori erano più interessati a denominazioni tradizionali di prestigio, mentre oggi sicuramente la tendenza è verso i vini più leggeri, bianchi, monovarietali e magari di varietà emergenti. Vini come Grillo o Verdicchio, che qualche anno fa non avrei mai pensato di proporre, oggi stanno vivendo un crescente successo.

Qual è il canale distributivo più performante?
In Polonia la GDO occupa l’80%, mentre il 20% è occupato dal canale tradizionale. Dell’80% della GDO circa i 2/3 e dunque il 50% del mercato è dominato dagli Hard Discount, tra cui i principali attori sono Lidl (20% del mercato) e Biedronka (più del 30%). Il restante è controllato da supermercati tradizionali tra cui Auchan, Tesco e Carrefour. Il modello di vendita degli hard discount negli ultimi anni sta funzionando molto bene, ma questa è una tendenza diffusa. Per il canale tradizionale, le enoteche specializzate vendono una percentuale molto piccola. L’Horeca invece sta crescendo recentemente ed esponenzialmente grazie ad una grande concorrenza dei maggiori ristoranti che fanno scendere i prezzi e ad un potere economico sempre più forte dei consumatori che finalmente possono spendere anche mangiando fuori e pagando il vino due o tre volte di più del prezzo al dettaglio.

Se dovessi dare un consiglio ai produttori italiani, cosa diresti loro?
Per entrare in un mercato bisogna essere presenti, capirne le dinamiche, partecipare a manifestazioni. Qui abbiamo sempre più eventi rivolti anche ai consumatori finali, dunque b2b e b2c insieme, che permettono di trovare nuovi partner commerciali ma di iniziare anche a comunicare il proprio brand. Inoltre, scegliere il partner giusto per affinità di grandezza e scegliere le categorie di prezzo che vanno sul mercato. Non bisogna aspettarsi di entrare subito con il vino di punta con prezzo più alto, ma qui bisogna andare per gradi con pazienza.
Il marketing è molto importante sia in sintonia con distributore che attraverso influencer per fare comunicazioni in polacco rivolte ai consumatori.

Cosa funziona a livello comunicativo in Polonia?
Semplificando e pensando all’evoluzione del mercato che sta andando verso vini più leggeri e freschi, per agevolare i consumatori giovani bisogna legare il vino allo stile di vita e alle occasioni sociali, la cucina, il viaggio e il divertimento. Accentuare meno le tecniche e le zone di produzione, che non vanno tralasciate, ma sottolineare altri aspetti come il carattere organolettico del vino o le unicità del territorio. Dunque chi prima arriva a comunicare bene anche in termini organolettici e non produttivi, chi riuscirà a comunicare in lingua polacca allo stesso livello del consumatore (anche attraverso i nuovi mezzi di comunicazione) e non dal di sopra per formare, riuscirà ad avere il giusto successo tra le nuove generazioni, che sono il futuro. 
Agnese Ceschi

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Abbiamo scoperto insieme a Sonal Holland, MW indiana, le potenzialità di quello che è a tutto gli effetti un Paese nuovo emergente lunedi 09 dicembre 2019

India: tra mito e realtà

Abbiamo scoperto insieme a Sonal Holland, MW indiana, le potenzialità di quello che è a tutto gli effetti un Paese nuovo emergente

Agnese Ceschi
Abbiamo degustato per voi Invictus di Tenuta Montemagno sabato 07 dicembre 2019

Italian wines in the world: Invictus di Tenuta Montemagno

Abbiamo degustato per voi Invictus di Tenuta Montemagno

Il settore del vino sfuso si sta sempre più segmentando ed è un osservatorio privilegiato per capire le evoluzioni del mercato del vino in generale
venerdi 06 dicembre 2019

L’eterogeneo mondo del vino sfuso

Il settore del vino sfuso si sta sempre più segmentando ed è un osservatorio privilegiato per capire le evoluzioni del mercato del vino in generale

Fabio Piccoli
L’azienda abruzzese vince il premio Winery Of The Year e si aggiudica altre dieci medaglie

giovedi 05 dicembre 2019

Cantina Tollo trionfa al China Wine Competition

L’azienda abruzzese vince il premio Winery Of The Year e si aggiudica altre dieci medaglie

Prima di affrontare un nuovo mercato è bene affrontare un'analisi della tipologia di mercato che si va ad esplorare: maturo, emergente, in crescita, stabile o nuovo emergente? giovedi 05 dicembre 2019

Quale mercato sceglierò?

Prima di affrontare un nuovo mercato è bene affrontare un'analisi della tipologia di mercato che si va ad esplorare: maturo, emergente, in crescita, stabile o nuovo emergente?

Agnese Ceschi
We have tasted for you Ca' Ferro's Blanc thursday 05 december 2019

Italian wines in the world: Ca' Ferro's Blanc

We have tasted for you Ca' Ferro's Blanc

Tutte le opportunità per aumentare le proprie conoscenza e possibilità di ampliare il proprio network mercoledi 04 dicembre 2019

Campus WinePeople: le persone sono al centro del “gioco” per una formazione che fa e vi farà fare la differenza

Tutte le opportunità per aumentare le proprie conoscenza e possibilità di ampliare il proprio network

D come Donna: Elisabetta Cichellero Fracca ci parla di donne nel mondo del vino, raccontandoci sfide e benefici di una direzione al femminile, come quella che ha saputo dare all’azienda agricola Vigna Belvedere.
mercoledi 04 dicembre 2019

Vigna Belvedere: un’azienda agricola con la “D” maiuscola

D come Donna: Elisabetta Cichellero Fracca ci parla di donne nel mondo del vino, raccontandoci sfide e benefici di una direzione al femminile, come quella che ha saputo dare all’azienda agricola Vigna Belvedere.

Noemi Mengo
Bilancio d'esercizio 2018/2019 chiuso con un fatturato consolidato di 136 milioni di euro per la cantina sociale di Soave mercoledi 04 dicembre 2019

Cantina di Soave: oltre 74 milioni distribuiti ai soci

Bilancio d'esercizio 2018/2019 chiuso con un fatturato consolidato di 136 milioni di euro per la cantina sociale di Soave

La seconda tappa del nostro tour canadese in partnership con Wonderfud è stata in British Columbia il 2 dicembre 2019 mercoledi 04 dicembre 2019

Importazione e distribuzione in British Columbia

La seconda tappa del nostro tour canadese in partnership con Wonderfud è stata in British Columbia il 2 dicembre 2019

Lavinia Furlani
Si è conclusa la terza edizione del Mondial des Vins Extrêmes e il presidente del Cervim, Roberto Gaudio, ci racconta il valore dell’evento.
mercoledi 04 dicembre 2019

Vini d’alta quota al Mondial des Vins Extrêmes, tra riflessioni e dibattiti.

Si è conclusa la terza edizione del Mondial des Vins Extrêmes e il presidente del Cervim, Roberto Gaudio, ci racconta il valore dell’evento.

Giovanna Romeo
Scuderia Italia, the young and fresh-faced wine company run by Flavio Sartori won the prestigious prize Best Fine Wine Collection 2019 Northern Italy. wednesday 04 december 2019

Best Fine Wine Collection 2019 Northern Italy goes to Scuderia Italia

Scuderia Italia, the young and fresh-faced wine company run by Flavio Sartori won the prestigious prize Best Fine Wine Collection 2019 Northern Italy.

I motivi del successo del Mercato FIVI che si è svolto a Piacenza con la presenza di 626 vignaioli e 22.500 visitatori martedi 03 dicembre 2019

Mercato FIVI: acquista per ricordare!

I motivi del successo del Mercato FIVI che si è svolto a Piacenza con la presenza di 626 vignaioli e 22.500 visitatori

Fabio Tavazzani
Video intervista martedi 03 dicembre 2019

VANCOUVER - Ingrid Tesch, di CharmedLiving, ci da le sue impressioni dopo questa giornata a Vancouver

Video intervista

Video Intervista martedi 03 dicembre 2019

VANCOUVER - Alex Martyniak, Direttore marketing & Business Development di Italian Chamber of Commerce in Canada - West

Video Intervista

Vuoi davvero lavorare nel mondo del vino? Il mercato del vino in Italia con la sua evoluzione si apre a grandi possibilità, è il momento di sedersi tra i banchi e formarsi per diventare un vero Agente. martedi 03 dicembre 2019

Agenti Vino Italia suona la campanella!

Vuoi davvero lavorare nel mondo del vino? Il mercato del vino in Italia con la sua evoluzione si apre a grandi possibilità, è il momento di sedersi tra i banchi e formarsi per diventare un vero Agente.

Terenzi (presidente uscente AGIVI): “Lascio un’associazione più forte e rappresentativa”. Gardini (neo presidente AGIVI): “La voce dei Millennials del vino italiano deve portare un messaggio di rinnovamento e sostenibilità”
martedi 03 dicembre 2019

Assemblea AGIVI (UIV): La nuova presidente è Violante Gardini

Terenzi (presidente uscente AGIVI): “Lascio un’associazione più forte e rappresentativa”. Gardini (neo presidente AGIVI): “La voce dei Millennials del vino italiano deve portare un messaggio di rinnovamento e sostenibilità”



WineMeridian