Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

 
domenica 31 maggio 2020 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers



perdomini vidra.com Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ valdoca pertinace vinojobs Wine Monitor Fondazione Edmund Mach Cantina di Custoza Masciarelli WineNet CVA Canicatti https://www.cantinafrentana.it Corte De Pieri way to go www.unexpecteditalian.it Vigna Belvedere CIR http://www.grafical.it/it/  www.cantinatollo.it cantina settesoli mossi 1558
lunedi 24 giugno 2019

La Russia continua ad amarci

Nonostante un decennio decisamente difficile, caratterizzato sia da crisi economiche che politiche, la Russia continua a rappresentare un mercato strategico per il vino italiano


La Russia continua ad amarci


Le due recenti tappe in Russia di "Solo Italiano Tour" organizzato da Iem sono state un’ottima occasione per capire lo stato di salute del mercato del vino in uno dei paesi storicamente “amici” del vino italiano.
Ne abbiamo approfittato per parlare con Galina Ignatova, referente dell’Ice a Mosca per capire meglio quali sono le attuali condizioni del mercato russo ed in particolare l’andamento del nostro export.
“Sicuramente " ha spiegato la Ignatova " quest’ultimo decennio per la Federazione Russa è stato estremamente complesso, in particolare con l’apice della crisi economica raggiunto nel 2014. Ma nonostante tutte queste difficoltà l’apprezzamento nei confronti del vino italiano è rimasto costante e tuttoggi, è bene ricordarlo, le produzioni enologiche italiane rimangono le preferite dai consumatori russi. Di fatto questa crisi ha toccato tutti ma Francia e Spagna molto più dell’Italia”.

“C’è quindi una continuità " ha proseguito la Ignatova " nel rapporto tra vino italiano e mercato russo. Una storia di successo ormai di lunga data, frutto del lavoro, in particolare, della ristorazione italiana che è diffusa in tutte le città russe, ma anche grazie ad affinità culturali storiche tra i due paesi”.

Ma qual è l’attuale panorama di importazione in Russia?
Complessivamente vi sono circa 50 società di importazione in Russia, ma di queste una ventina sono rappresentate da catene di distribuzione che svolgono importazione diretta senza intermediazione di importatori. Il panorama degli importatori, quindi, in Russia è abbastanza limitato in termini di numeri anche perché l’acquisizione delle licenze è un processo molto complesso e costoso. Oggi, però, e questo può essere un vantaggio per le piccole imprese vi sono alcuni importatori “tecnici” che possono facilitare, a costi veramente bassi (0,20 euro a bottiglia), lo sbarco dei vini sul mercato russo. Da qui in poi però diventa fondamentale un importatore russo con il quale costruire una strategia di sviluppo dell’export su questo mercato.

E a proposito di strategie per lo sviluppo dell’export in Russia, quali i consigli da dare ai produttori italiani?
È chiaro che è necessario selezionare importatori che siano coerenti con le tipologie di vino che si vogliono vendere su questo mercato. E per farlo è fondamentale costruire una partnership costruttiva con gli importatori che sono qui i principali depositari della conoscenza di questo mercato. Continuare a pensare che l’unico problema è portare il vino su questo mercato e poi non accompagnare il processo di vendita attraverso strategie di marketing adeguate, a partire dalla promozione nel mondo della ristorazione, rischia di vanificare ogni sforzo.

Spesso l’obiezione dei produttori agli investimenti è legata ai prezzi bassi richiesti dal mercato. Quale è la situazione in Russia sul fronte prezzi?
La forbice è molto ampia e i vini italiani si trovano sugli scaffali o sulle carte vini della ristorazione a prezzi che partono dai 3,50 euro agli oltre 30 di vini premium e superpremium. Il tema, quindi, è individuare il proprio target e costruire con gli importatori la strategia giusta per intercettare gli interlocutori giusti.

E a proposito di interlocutori, girando anche in questi giorni per Mosca e San Pietroburgo abbiamo avuto la sensazione che i giovani siano sempre più incuriositi dal vino. È solo una sensazione?
È assolutamente vero e questo è il dato più importante anche per il vino italiano. I millennials russi si stanno affezionando sempre di più al vino e questo, in particolare, grazie allo sviluppo del turismo. I turisti russi che oggi si muovono in tutto il mondo sono nella fascia di età tra i 25/40 anni. Turisti che quando tornano a casa vogliono replicare le esperienze, anche quelle legato al vino, che hanno vissuto durante i loro viaggi. In questa direzione la wine experience che molti turisti russi possono vivere in Italia è importantissima.
Lavinia Furlani

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Abbiamo degustato per voi Biologico Terre di Chieti IGP Passerina di Cantina Tollo sabato 30 maggio 2020

Italian wines in the world: Biologico Terre di Chieti IGP Passerina di Cantina Tollo

Abbiamo degustato per voi Biologico Terre di Chieti IGP Passerina di Cantina Tollo

Abbiamo degustato per voi l’Adènzia Bianco Sicilia Doc di Baglio del Cristo di Campobello sabato 30 maggio 2020

Italian wines in the world: Adènzia Bianco Sicilia Doc di Baglio del Cristo di Campobello

Abbiamo degustato per voi l’Adènzia Bianco Sicilia Doc di Baglio del Cristo di Campobello

Abbiamo degustato per voi il Lugana DOC Mandolara dell'azienda Le Morette sabato 30 maggio 2020

Italian wines in the world: Lugana DOC Mandolara dell' azienda Le Morette

Abbiamo degustato per voi il Lugana DOC Mandolara dell'azienda Le Morette

Non possiamo più sprecare energie nel lamentarci ma trovare tutte le soluzioni possibili per andare oltre questa crisi e lo dobbiamo fare in fretta. Due soluzioni ci sembrano tra le più utili e attuali: le reti di impresa e un migliore sfruttamento delle nostre denominazioni. venerdi 29 maggio 2020

Superare la crisi: cercasi soluzioni

Non possiamo più sprecare energie nel lamentarci ma trovare tutte le soluzioni possibili per andare oltre questa crisi e lo dobbiamo fare in fretta. Due soluzioni ci sembrano tra le più utili e attuali: le reti di impresa e un migliore sfruttamento delle nostre denominazioni.

Fabio Piccoli
La grande enocatena italiana arriva on line e completa la Wine Experience proposta con circa 1500 referenze, selezionate dagli esperti di Signorvino fra le aziende più rappresentative di ogni zona a vocazione vinicola. giovedi 28 maggio 2020

Signorvino apre il canale e-commerce

La grande enocatena italiana arriva on line e completa la Wine Experience proposta con circa 1500 referenze, selezionate dagli esperti di Signorvino fra le aziende più rappresentative di ogni zona a vocazione vinicola.

Le prime anticipazioni della ricerca “Enoturismo: I Consorzi del vino e il territorio”, commissionata dal Consorzio Tutela del Gavi all’Università Bocconi, che verrà presentata all’assegnazione del Premio Gavi giovedi 28 maggio 2020

I Consorzi di Tutela del vino protagonisti del nuovo enoturismo

Le prime anticipazioni della ricerca “Enoturismo: I Consorzi del vino e il territorio”, commissionata dal Consorzio Tutela del Gavi all’Università Bocconi, che verrà presentata all’assegnazione del Premio Gavi "La Buona Italia 2020".

Partecipa al formato innovativo di Speedtasting digital il prossimo 7 e 8 luglio per incontrare e fare assaggiare i tuoi vini ad almeno 10 importatori di più di 10 Paesi europei. giovedi 28 maggio 2020

SPEEDTASTING B2B DIGITAL: la nuova frontiera per intercettare importatori

Partecipa al formato innovativo di Speedtasting digital il prossimo 7 e 8 luglio per incontrare e fare assaggiare i tuoi vini ad almeno 10 importatori di più di 10 Paesi europei.

Il Covid-19 ha cambiato le scelte dei consumatori britannici e americani sia in termini di modalità di acquisto, ma anche di prodotto acquistato. giovedi 28 maggio 2020

Usa e Regno Unito: le abitudini di consumo tra nuovi e vecchi trend

Il Covid-19 ha cambiato le scelte dei consumatori britannici e americani sia in termini di modalità di acquisto, ma anche di prodotto acquistato.

Agnese Ceschi
Assoenologi ha organizzato una nuova diretta per parlare del difficile momento per l'industria del vino. giovedi 28 maggio 2020

Le risposte delle Istituzioni e l'analisi degli enologi del mondo

Assoenologi ha organizzato una nuova diretta per parlare del difficile momento per l'industria del vino.

Astrid Panizza
Due terzi degli italiani disposti a pagare 20% in più per garantirsi l’italianità del prodotto. Bandiera italiana e claim “100% italiano” fanno crescere le vendite. giovedi 28 maggio 2020

Voglia di Made in Italy: il packaging “tricolore” paga

Due terzi degli italiani disposti a pagare 20% in più per garantirsi l’italianità del prodotto. Bandiera italiana e claim “100% italiano” fanno crescere le vendite.

Emanuele Fiorio
L'indagine di Global Web Index traccia i profili di alcuni comportamenti ricorrenti del consumatori mondiali. Diventeranno questi i paradigmi del panorama della Nuova Normalità? giovedi 28 maggio 2020

Il ventaglio di alternative della Nuova Normalità

L'indagine di Global Web Index traccia i profili di alcuni comportamenti ricorrenti del consumatori mondiali. Diventeranno questi i paradigmi del panorama della Nuova Normalità?

Agnese Ceschi
Per la cantina altoatesina la vendita di vino nel commercio al dettaglio di generi alimentari raggiunge il 45% e si apre la Norvegia come nuovo mercato. mercoledi 27 maggio 2020

Cantina Bolzano: strategie anti-crisi

Per la cantina altoatesina la vendita di vino nel commercio al dettaglio di generi alimentari raggiunge il 45% e si apre la Norvegia come nuovo mercato.

Siamo alla ricerca di nuove idee, testimonianze di successo per raccontare un'Italia che non si ferma. mercoledi 27 maggio 2020

Wine Meridian recruiter di storie vincenti: aspettiamo te!

Siamo alla ricerca di nuove idee, testimonianze di successo per raccontare un'Italia che non si ferma.

Astrid Panizza
Per le aziende statunitensi è una fase cruciale, rimangono le vendite online e gli happy hour virtuali ma molti puntano sulle degustazioni all’aperto. mercoledi 27 maggio 2020

Usa: i produttori affrontano la riapertura

Per le aziende statunitensi è una fase cruciale, rimangono le vendite online e gli happy hour virtuali ma molti puntano sulle degustazioni all’aperto.

Emanuele Fiorio