Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

sfondo_wm
giovedi 18 luglio 2019 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com


vinojobs Wine Monitor Cantina Santa Maria La Palma Fondazione Edmund Mach Siddura WineNet CVA Canicatti Bixio https://www.cantinafrentana.it roncoblanchis.it https://corte-de-pieri.business.site/ www.ilvinocomunica.it https://www.accordinistefano.it/ http://www.cantinavicobarone.com/ Vigna Belvedere italian wine academy https://www.marchesibarolo.com/ http://www.varramista.it/it/ Farina Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ Tebaldi valdoca pertinace
lunedi 24 giugno 2019

La Russia continua ad amarci

Nonostante un decennio decisamente difficile, caratterizzato sia da crisi economiche che politiche, la Russia continua a rappresentare un mercato strategico per il vino italiano


La Russia continua ad amarci


Le due recenti tappe in Russia di "Solo Italiano Tour" organizzato da Iem sono state un’ottima occasione per capire lo stato di salute del mercato del vino in uno dei paesi storicamente “amici” del vino italiano.
Ne abbiamo approfittato per parlare con Galina Ignatova, referente dell’Ice a Mosca per capire meglio quali sono le attuali condizioni del mercato russo ed in particolare l’andamento del nostro export.
“Sicuramente " ha spiegato la Ignatova " quest’ultimo decennio per la Federazione Russa è stato estremamente complesso, in particolare con l’apice della crisi economica raggiunto nel 2014. Ma nonostante tutte queste difficoltà l’apprezzamento nei confronti del vino italiano è rimasto costante e tuttoggi, è bene ricordarlo, le produzioni enologiche italiane rimangono le preferite dai consumatori russi. Di fatto questa crisi ha toccato tutti ma Francia e Spagna molto più dell’Italia”.

“C’è quindi una continuità " ha proseguito la Ignatova " nel rapporto tra vino italiano e mercato russo. Una storia di successo ormai di lunga data, frutto del lavoro, in particolare, della ristorazione italiana che è diffusa in tutte le città russe, ma anche grazie ad affinità culturali storiche tra i due paesi”.

Ma qual è l’attuale panorama di importazione in Russia?
Complessivamente vi sono circa 50 società di importazione in Russia, ma di queste una ventina sono rappresentate da catene di distribuzione che svolgono importazione diretta senza intermediazione di importatori. Il panorama degli importatori, quindi, in Russia è abbastanza limitato in termini di numeri anche perché l’acquisizione delle licenze è un processo molto complesso e costoso. Oggi, però, e questo può essere un vantaggio per le piccole imprese vi sono alcuni importatori “tecnici” che possono facilitare, a costi veramente bassi (0,20 euro a bottiglia), lo sbarco dei vini sul mercato russo. Da qui in poi però diventa fondamentale un importatore russo con il quale costruire una strategia di sviluppo dell’export su questo mercato.

E a proposito di strategie per lo sviluppo dell’export in Russia, quali i consigli da dare ai produttori italiani?
È chiaro che è necessario selezionare importatori che siano coerenti con le tipologie di vino che si vogliono vendere su questo mercato. E per farlo è fondamentale costruire una partnership costruttiva con gli importatori che sono qui i principali depositari della conoscenza di questo mercato. Continuare a pensare che l’unico problema è portare il vino su questo mercato e poi non accompagnare il processo di vendita attraverso strategie di marketing adeguate, a partire dalla promozione nel mondo della ristorazione, rischia di vanificare ogni sforzo.

Spesso l’obiezione dei produttori agli investimenti è legata ai prezzi bassi richiesti dal mercato. Quale è la situazione in Russia sul fronte prezzi?
La forbice è molto ampia e i vini italiani si trovano sugli scaffali o sulle carte vini della ristorazione a prezzi che partono dai 3,50 euro agli oltre 30 di vini premium e superpremium. Il tema, quindi, è individuare il proprio target e costruire con gli importatori la strategia giusta per intercettare gli interlocutori giusti.

E a proposito di interlocutori, girando anche in questi giorni per Mosca e San Pietroburgo abbiamo avuto la sensazione che i giovani siano sempre più incuriositi dal vino. È solo una sensazione?
È assolutamente vero e questo è il dato più importante anche per il vino italiano. I millennials russi si stanno affezionando sempre di più al vino e questo, in particolare, grazie allo sviluppo del turismo. I turisti russi che oggi si muovono in tutto il mondo sono nella fascia di età tra i 25/40 anni. Turisti che quando tornano a casa vogliono replicare le esperienze, anche quelle legato al vino, che hanno vissuto durante i loro viaggi. In questa direzione la wine experience che molti turisti russi possono vivere in Italia è importantissima.
Lavinia Furlani

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Il sondaggio di Lastminute.com, uno dei maggiori portali di offerta turistica, rivela la predilezione per l'Italia del vino. giovedi 18 luglio 2019

L’Italia nominata miglior Paese mondiale per il vino dai wine lovers internazionali

Il sondaggio di Lastminute.com, uno dei maggiori portali di offerta turistica, rivela la predilezione per l'Italia del vino.

Export a +7,9% o a -14,4%? La babele di numeri contrastanti continua ad incombere. giovedi 18 luglio 2019

Cina: dati Istat in contrasto con le dogane cinesi

Export a +7,9% o a -14,4%? La babele di numeri contrastanti continua ad incombere.

Intervista a Valentina Abbona, sesta generazione della storica cantina Marchesi di Barolo giovedi 18 luglio 2019

Marchesi di Barolo: una storia dalle nobili origini e un grande futuro avanti a sé

Intervista a Valentina Abbona, sesta generazione della storica cantina Marchesi di Barolo

Noemi Mengo
L'Italia continua a guidare la classifica con una quota di mercato del 33% in volume
giovedi 18 luglio 2019

La nuova meta delle bollicine italiane è il Canada

L'Italia continua a guidare la classifica con una quota di mercato del 33% in volume

Noemi Mengo
Interviene la Confraternita di Valdobbiadene ricordando che il riconoscimento UNESCO si riferisce al territorio e non al prodotto mercoledi 17 luglio 2019

Colline di Conegliano Valdobbiadene Unesco: ben oltre il fenomeno Prosecco

Interviene la Confraternita di Valdobbiadene ricordando che il riconoscimento UNESCO si riferisce al territorio e non al prodotto

A ricevere il prestigioso riconoscimento sabato 28 settembre Jeannie Cho Lee, Roberto Citran, Alain Finkielkraut, Piero Luxardo e Nando Pagnoncelli. mercoledi 17 luglio 2019

Annunciati i vincitori del trentottesimo Premio Masi

A ricevere il prestigioso riconoscimento sabato 28 settembre Jeannie Cho Lee, Roberto Citran, Alain Finkielkraut, Piero Luxardo e Nando Pagnoncelli.

Abbiamo degustato per voi Venere di Azienda Agricola Nenci mercoledi 17 luglio 2019

Italian wines in the world: Venere di Azienda Agricola Nenci

Abbiamo degustato per voi Venere di Azienda Agricola Nenci

Intervista ad Armin H. Mueller, esperto conoscitore del mercato svizzero
mercoledi 17 luglio 2019

Vino italiano in Svizzera: bisogna osservare con gli occhi del consumatore

Intervista ad Armin H. Mueller, esperto conoscitore del mercato svizzero

Noemi Mengo
Secondo il presidente Sartori è una misura necessaria per tutelare l'equilibrio tra mercato e produzione. 
martedi 16 luglio 2019

Consorzio della Valpolicella: pubblicata dalla Regione Veneto la richiesta di blocco totale degli impianti

Secondo il presidente Sartori è una misura necessaria per tutelare l'equilibrio tra mercato e produzione.

Masè subentra a Beniamino Garofalo, che ha terminato il 30 giugno un positivo percorso all’interno del Gruppo martedi 16 luglio 2019

Simone Masè è il nuovo Direttore Generale del Gruppo Lunelli

Masè subentra a Beniamino Garofalo, che ha terminato il 30 giugno un positivo percorso all’interno del Gruppo

Venerdì 12 luglio, il primo incontro: un grande inizio per il corso di avvicinamento al vino di Alberto Ugolini
martedi 16 luglio 2019

Degustare il vino da un’altra prospettiva, la propria

Venerdì 12 luglio, il primo incontro: un grande inizio per il corso di avvicinamento al vino di Alberto Ugolini

Noemi Mengo
We have tasted for you Fattoria Varramista's Frasca tuesday 16 july 2019

Italian wines in the world: Fattoria Varramista's Frasca

We have tasted for you Fattoria Varramista's Frasca

Continua il Simply Italian Great Wines World Tour che il 23 settembre conquista Oslo, in Norvegia, per il quarto anno consecutivo martedi 16 luglio 2019

Simply Italian Great Wines, l’Italia del vino vola in Norvegia

Continua il Simply Italian Great Wines World Tour che il 23 settembre conquista Oslo, in Norvegia, per il quarto anno consecutivo

Valore, varietà e sostenibilità stanno facendo scalare le classifiche americane ai vini siciliani
lunedi 15 luglio 2019

Il successo a stelle e strisce della Sicilia

Valore, varietà e sostenibilità stanno facendo scalare le classifiche americane ai vini siciliani

Agnese Ceschi
Acquisti e motivazione vanno a braccetto, anche nel mondo del vino. 
lunedi 15 luglio 2019

La ricetta di un brand di successo? Pochi (ma buoni) ingredienti, tra questi uno scopo

Acquisti e motivazione vanno a braccetto, anche nel mondo del vino.

Noemi Mengo
L'11 e 12 novembre 2019 saremo a Tokyo con un gruppo di produttori italiani in partnership con Wonderfud. sabato 13 luglio 2019

Partecipa con noi alla missione in Giappone con b2b con agenda programmata

L'11 e 12 novembre 2019 saremo a Tokyo con un gruppo di produttori italiani in partnership con Wonderfud.



sfondo_wm