Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

sfondo_wm
martedi 12 novembre 2019 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com


CVA Canicatti Bixio https://www.cantinafrentana.it Corte De Pieri way to go https://www.accordinistefano.it/ http://www.cantinavicobarone.com/ Vigna Belvedere italian wine academy https://www.marchesibarolo.com/ http://www.varramista.it/it/ http://www.grafical.it/it/ cantamessa vini WINE2WINE La Torraccia Farina Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ valdoca pertinace vinojobs Wine Monitor Cantina Santa Maria La Palma Fondazione Edmund Mach Siddura WineNet www.prosecco.wine
mercoledi 29 maggio 2019

La signora a stelle e strisce non delude l’export italiano

Italia in crescita, specialmente per la categoria sparkling negli USA, che si confermano un mercato su cui non smettere di investire.


La signora a stelle e strisce non delude l’export italiano
È uno dei mercati più consolidati per l’export italiano, che si sta comportando bene, con segni positivi, soprattutto per la categoria degli spumanti. L’Italia del vino ha ancora posto nel mercato statunitense, dove cresce il consumo di vino, sebbene cresca anche la produzione locale. Ebbene sì, la terra degli eccessi sta lavorando bene e, come in tutti i settori merceologici, punta in alto sopra al resto del mondo. Non è ancora tempo però di allarmarsi, gli Stati Uniti hanno una relazione consolidata con i prodotti del Made in Italy, e non inizieranno ad ignorarli proprio ora.

Lo diciamo supportando questa affermazione con i dati di un'autorevole fonte: i dati IWSR forniti da Vinexpo, fonte preziosa per noi e i nostri lettori, che ci presentano le previsioni fino al 2022.
Secondo quest'indagine si prevede una grande crescita per il consumo di vino negli Stati Uniti, trainato in gran parte dal fiorente segmento locale. Il vino rosso darà il maggior contributo, sebbene anche bianchi e rosé non se la caveranno male.
Ci saranno dei declini, ma si svolgeranno nella parte inferiore del prezzo di mercato, mentre il segmento premium vedrà una crescita assoluta dei volumi.

Si prevede che il PIL statunitense rimanga tra il 2% e il 3%, mentre la disoccupazione continuerà a tassi naturali. L'inflazione dovrebbe aumentare del 2,1% per il 2019 e il 2020. Parlando di consumatori invece, sono tre i gruppi di età chiave che avranno un impatto diretto sul futuro complessivo del consumo di bevande alcoliche: Millennials (nati nel periodo 1981- 1996), Generation X (nati nel periodo 1965-1980) e Baby Boomers (nati nel periodo 1946-1964). I Baby Boomers (che attualmente detengono la quota maggiore di acquisti di alcol) si avvicinano alla pensione, perciò la loro spesa diminuirà a causa della salute e del reddito fisso. I millenials invece sono già predisposti a consumare meno alcol in generale rispetto alle generazioni precedenti, e la Generation X è molto più piccola rispetto alle altre, quindi non può compensare le perdite di volume. Ciò rappresenta una vera sfida per il settore, sfida che sarà compensata solo dal saggio posizionamento di prezzi e prodotti per soddisfare le esigenze specifiche di ogni generazione.

Andiamo ad osservare più da vicino le due categorie, e partiamo dai vini fermi.
L'innovazione del packaging, in particolare l'offerta di vini in scatola, continuerà a consentire ulteriori occasioni di consumo di vino in luoghi in cui le bottiglie di vetro non sono consentite o convenienti. L'interesse per i sottosegmenti del vino fermo è cresciuto per i consumatori che, sui motori di ricerca, digitano le parole chiave "naturale","biologico", "artigianale" e "biodinamico".
Cresce il volume del vino importato, a favore di una fiorente produzione locale: nel 2018 sono stati registrati 80.0 miilioni in casse da 9 litri per il volume di vino importato, contro 240.5 milioni di produzione locale. L’Italia resta il maggior importatore, anche se il CAGR quinquennale diminuisce a -0.1% segnando 26.0 milioni nel 2017 e 25.9 milioni nel 2022. Cresce il terzo importatore del paese, la Francia con un passaggio da 11.5 milioni a 15.2 con un CAGR del +5.8%. Tutte le categorie di prezzo sono in ascesa, (standard +1.1% di CAGR, premium +4.3% e superpremium 6.1%) tranne la categoria più bassa, che ha CAGR negativo a -2.4%. 

Spostiamoci sugli sparkling, a cui il futuro sembra sorridere di più.
Le prospettive per il mercato degli spumanti negli Stati Uniti sono molto positive nei prossimi anni, e gran parte di questa crescita sarà guidata dal Prosecco e altri vini spumanti.  La Premiumizzazione farà avanzare la categoria, con una forte crescita prevista nei punti di prezzo premium e super premium. Il consumo di vino spumante è diventato destagionalizzato, e si prevede che la tendenza continui poiché sembra che i consumatori trovino sempre più modi per festeggiare più spesso e durante tutto l'arco dell’anno.
Poiché la categoria è in uno stato di larga domanda, i produttori di vino spumante e gli operatori dovranno essere strategici con i loro piani di marketing poiché molti nuovi produttori e marchi entreranno nel segmento prossimamente. Si inasprisce la concorrenza.
Nel 2018 è stato registrato un volume di 16.1 milioni in casse da 9 litri di importato, che crescerà a 19.7 milioni nel 2022, contro i 13.3 milioni di prodotto locale che crescerà a 15.2 milioni. Il Prosecco al momento occupa quote più grandi rispetto a Champagne e Cava, ed è previsto un sensibile aumento: da un volume di 6.3 milioni al 2018, si passerà a 8.9 milioni nel 2022. L’Italia è infatti il primo importatore, con un CAGR quinquennale più che positivo, da un volume di 10.0 milioni si passerà a 13.5, quindi al +6.3%. Per quanto riguarda il prezzo, crescono tutti i segmenti, sebbene la categoria premium presenti il CAGR per qualità più alto, al +6.8%.

La produzione locale quindi è in aumento, ma a nostro vantaggio ci sono da considerare alcuni fattori, ad esempio il fatto che il vino sia soggetto a disastri naturali come tempeste di grandine, temperature gelide e incendi, come i recenti accaduti in ​​California, che hanno ridotto il turismo nelle regioni colpite. Inoltre, si prevede che i costi di manodopera continueranno ad aumentare per le cantine in quanto gli Stati Uniti irrigidiscono sempre più la loro politica in materia di immigrazione, e ciò avrà un impatto sui prezzi dei vini a causa di salari più competitivi nell'ambiente lavorativo.
La signora a stelle e strisce non delude l’export italiano

Crescita per categorie. Fonte IWSR Vinexpo 2017 - 2022


Noemi Mengo

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Affianchiamo le aziende sui mercati con un tour di tappe in partnership martedi 12 novembre 2019

Tour Internazionali: il nostro calendario 2020

Affianchiamo le aziende sui mercati con un tour di tappe in partnership

Grande successo per The Circle - People, Lands, Experiences - manifestazione glamour ed eclettica che racconta in un format pop e unusual, il mondo dell'enogastronomia. 
martedi 12 novembre 2019

THE CIRCLE: la formula unconventional del Merano Wine Festival

Grande successo per The Circle - People, Lands, Experiences - manifestazione glamour ed eclettica che racconta in un format pop e unusual, il mondo dell'enogastronomia.

Giovanna Romeo
Le impressioni di alcuni dei produttori intervistati durante l'Hong Kong International Wine & Spirits Fair, che si conferma fiera di grande importanza per il vino italiano, porta di ingresso dell'area del Sud Est Asiatico martedi 12 novembre 2019

Hong Kong e Sud Est Asiatico: parola ai produttori

Le impressioni di alcuni dei produttori intervistati durante l'Hong Kong International Wine & Spirits Fair, che si conferma fiera di grande importanza per il vino italiano, porta di ingresso dell'area del Sud Est Asiatico

Agnese Ceschi
In partenza il corso di formazione per aumentare le competenze degli agenti di vendita sul mercato italiano.
martedi 12 novembre 2019

Campus Agenti Vino Italia: il corso strategico per il futuro del vino italiano

In partenza il corso di formazione per aumentare le competenze degli agenti di vendita sul mercato italiano.

Pareri e considerazioni degli opinion leader e degli operatori presenti ad HKTDC Hong Kong International Wine & Spirits Fair: il vino italiano sta conquistando i palati asiatici e la crescita si prospetta positiva. 
lunedi 11 novembre 2019

Hong Kong: il punto di vista degli operatori

Pareri e considerazioni degli opinion leader e degli operatori presenti ad HKTDC Hong Kong International Wine & Spirits Fair: il vino italiano sta conquistando i palati asiatici e la crescita si prospetta positiva.

Noemi Mengo
L'esperienza di Tommy Tse, PR Manager di Treasury Wine Estates lunedi 11 novembre 2019

Millennials, packaging e e-commerce

L'esperienza di Tommy Tse, PR Manager di Treasury Wine Estates

Agnese Ceschi
Approfondimento su due sensi chiave per far presa sul consumatore, olfatto ed udito. domenica 10 novembre 2019

Neuromarketing: continua il viaggio fra i 5 sensi

Approfondimento su due sensi chiave per far presa sul consumatore, olfatto ed udito.

Noemi Mengo
Abbiamo degustato per voi il Carmenère dell'Azienda Agricola Del Rèbene sabato 09 novembre 2019

Italian wines in the world: Carmenère dell'Azienda Agricola Del Rèbene

Abbiamo degustato per voi il Carmenère dell'Azienda Agricola Del Rèbene

Nonostante i recenti duri tumulti causati dal progetto di legge che autorizzerebbe le estradizioni verso la Cina continentale, l’ex colonia britannica ha voluto ribadire durante l’Hong Kong International Wine & Spirits Fair il suo ruolo chiave sul mercato del vino in Asia venerdi 08 novembre 2019

Hong Kong fa sentire ancora la sua voce sul mercato del vino

Nonostante i recenti duri tumulti causati dal progetto di legge che autorizzerebbe le estradizioni verso la Cina continentale, l’ex colonia britannica ha voluto ribadire durante l’Hong Kong International Wine & Spirits Fair il suo ruolo chiave sul mercato del vino in Asia

Lavinia Furlani
La dura contestazione del noto chef Gianfranco Vissani alla prestigiosa Guida Michelin riapre l’annoso tema del giudizio della critica enogastronomica, croce e delizia di produttori e ristoratori venerdi 08 novembre 2019

Quell’inevitabile pesantezza del giudizio

La dura contestazione del noto chef Gianfranco Vissani alla prestigiosa Guida Michelin riapre l’annoso tema del giudizio della critica enogastronomica, croce e delizia di produttori e ristoratori

Fabio Piccoli
Un viaggio tra le caratteristiche dei Millennians di oggi, capitanato dalle parole di Felicity Carter, Direttrice di Meininger’s Wine Business International durante HKTDC Hong Kong International Wine & Spirits Fair.
venerdi 08 novembre 2019

Paese che vai, Millennials che trovi

Un viaggio tra le caratteristiche dei Millennians di oggi, capitanato dalle parole di Felicity Carter, Direttrice di Meininger’s Wine Business International durante HKTDC Hong Kong International Wine & Spirits Fair.

Lavinia Furlani
La scomparsa di Giorgio Grai ci fa perdere una delle figure del vino italiane più autorevoli e soprattutto indipendenti. Il nostro rammarico per non essere riusciti ad incontrarci giovedi 07 novembre 2019

Scusami Giorgio

La scomparsa di Giorgio Grai ci fa perdere una delle figure del vino italiane più autorevoli e soprattutto indipendenti. Il nostro rammarico per non essere riusciti ad incontrarci

Fabio Piccoli
We have tasted for you Del Rèbene's Carmenère thursday 07 november 2019

Italian wines in the world: Del Rèbene's Carmenère

We have tasted for you Del Rèbene's Carmenère

L'opinione del giornalista Paul Howard su uno dei mercati con più incertezze in questo momento storico a causa dell'imminente Brexit. Il Regno Unito rimane ancora tra le vetrine per costruire una reputazione globale giovedi 07 novembre 2019

Regno Unito tra Brexit e necessità di educazione

L'opinione del giornalista Paul Howard su uno dei mercati con più incertezze in questo momento storico a causa dell'imminente Brexit. Il Regno Unito rimane ancora tra le vetrine per costruire una reputazione globale

Agnese Ceschi
Il mercato del vino ha bisogno di persone che sappiano realmente vendere giovedi 07 novembre 2019

Per chi sa vendere il vino non esiste crisi

Il mercato del vino ha bisogno di persone che sappiano realmente vendere

Sabato 9 novembre, Cantina di Soave inaugura il nuovo fruttaio situato in via Fra’ Granzotto 7, a Tregnago, in zona Valpolicella DOC mercoledi 06 novembre 2019

Cantina di Soave inaugura il nuovo Fruttaio di Tregnago

Sabato 9 novembre, Cantina di Soave inaugura il nuovo fruttaio situato in via Fra’ Granzotto 7, a Tregnago, in zona Valpolicella DOC

Abbiamo degustato per voi Foglia Tonda di Podere Gualandi mercoledi 06 novembre 2019

Italian wines in the world: Foglia Tonda di Podere Gualandi

Abbiamo degustato per voi Foglia Tonda di Podere Gualandi



sfondo_wm