Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

WineMeridian
martedi 31 marzo 2020 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com


pertinace vinojobs Wine Monitor Fondazione Edmund Mach Cantina di Custoza WineNet CVA Canicatti Bixio https://www.cantinafrentana.it Corte De Pieri way to go Vigna Belvedere https://www.marchesibarolo.com/ http://www.varramista.it/it/ http://www.grafical.it/it/ www.prosecco.wine  www.cantinatollo.it pradellaluna.com catullio.it cantina settesoli mossi 1558 Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ valdoca perdomini
mercoledi 29 maggio 2019

La signora a stelle e strisce non delude l’export italiano

Italia in crescita, specialmente per la categoria sparkling negli USA, che si confermano un mercato su cui non smettere di investire.


La signora a stelle e strisce non delude l’export italiano
È uno dei mercati più consolidati per l’export italiano, che si sta comportando bene, con segni positivi, soprattutto per la categoria degli spumanti. L’Italia del vino ha ancora posto nel mercato statunitense, dove cresce il consumo di vino, sebbene cresca anche la produzione locale. Ebbene sì, la terra degli eccessi sta lavorando bene e, come in tutti i settori merceologici, punta in alto sopra al resto del mondo. Non è ancora tempo però di allarmarsi, gli Stati Uniti hanno una relazione consolidata con i prodotti del Made in Italy, e non inizieranno ad ignorarli proprio ora.

Lo diciamo supportando questa affermazione con i dati di un'autorevole fonte: i dati IWSR forniti da Vinexpo, fonte preziosa per noi e i nostri lettori, che ci presentano le previsioni fino al 2022.
Secondo quest'indagine si prevede una grande crescita per il consumo di vino negli Stati Uniti, trainato in gran parte dal fiorente segmento locale. Il vino rosso darà il maggior contributo, sebbene anche bianchi e rosé non se la caveranno male.
Ci saranno dei declini, ma si svolgeranno nella parte inferiore del prezzo di mercato, mentre il segmento premium vedrà una crescita assoluta dei volumi.

Si prevede che il PIL statunitense rimanga tra il 2% e il 3%, mentre la disoccupazione continuerà a tassi naturali. L'inflazione dovrebbe aumentare del 2,1% per il 2019 e il 2020. Parlando di consumatori invece, sono tre i gruppi di età chiave che avranno un impatto diretto sul futuro complessivo del consumo di bevande alcoliche: Millennials (nati nel periodo 1981- 1996), Generation X (nati nel periodo 1965-1980) e Baby Boomers (nati nel periodo 1946-1964). I Baby Boomers (che attualmente detengono la quota maggiore di acquisti di alcol) si avvicinano alla pensione, perciò la loro spesa diminuirà a causa della salute e del reddito fisso. I millenials invece sono già predisposti a consumare meno alcol in generale rispetto alle generazioni precedenti, e la Generation X è molto più piccola rispetto alle altre, quindi non può compensare le perdite di volume. Ciò rappresenta una vera sfida per il settore, sfida che sarà compensata solo dal saggio posizionamento di prezzi e prodotti per soddisfare le esigenze specifiche di ogni generazione.

Andiamo ad osservare più da vicino le due categorie, e partiamo dai vini fermi.
L'innovazione del packaging, in particolare l'offerta di vini in scatola, continuerà a consentire ulteriori occasioni di consumo di vino in luoghi in cui le bottiglie di vetro non sono consentite o convenienti. L'interesse per i sottosegmenti del vino fermo è cresciuto per i consumatori che, sui motori di ricerca, digitano le parole chiave "naturale","biologico", "artigianale" e "biodinamico".
Cresce il volume del vino importato, a favore di una fiorente produzione locale: nel 2018 sono stati registrati 80.0 miilioni in casse da 9 litri per il volume di vino importato, contro 240.5 milioni di produzione locale. L’Italia resta il maggior importatore, anche se il CAGR quinquennale diminuisce a -0.1% segnando 26.0 milioni nel 2017 e 25.9 milioni nel 2022. Cresce il terzo importatore del paese, la Francia con un passaggio da 11.5 milioni a 15.2 con un CAGR del +5.8%. Tutte le categorie di prezzo sono in ascesa, (standard +1.1% di CAGR, premium +4.3% e superpremium 6.1%) tranne la categoria più bassa, che ha CAGR negativo a -2.4%. 

Spostiamoci sugli sparkling, a cui il futuro sembra sorridere di più.
Le prospettive per il mercato degli spumanti negli Stati Uniti sono molto positive nei prossimi anni, e gran parte di questa crescita sarà guidata dal Prosecco e altri vini spumanti.  La Premiumizzazione farà avanzare la categoria, con una forte crescita prevista nei punti di prezzo premium e super premium. Il consumo di vino spumante è diventato destagionalizzato, e si prevede che la tendenza continui poiché sembra che i consumatori trovino sempre più modi per festeggiare più spesso e durante tutto l'arco dell’anno.
Poiché la categoria è in uno stato di larga domanda, i produttori di vino spumante e gli operatori dovranno essere strategici con i loro piani di marketing poiché molti nuovi produttori e marchi entreranno nel segmento prossimamente. Si inasprisce la concorrenza.
Nel 2018 è stato registrato un volume di 16.1 milioni in casse da 9 litri di importato, che crescerà a 19.7 milioni nel 2022, contro i 13.3 milioni di prodotto locale che crescerà a 15.2 milioni. Il Prosecco al momento occupa quote più grandi rispetto a Champagne e Cava, ed è previsto un sensibile aumento: da un volume di 6.3 milioni al 2018, si passerà a 8.9 milioni nel 2022. L’Italia è infatti il primo importatore, con un CAGR quinquennale più che positivo, da un volume di 10.0 milioni si passerà a 13.5, quindi al +6.3%. Per quanto riguarda il prezzo, crescono tutti i segmenti, sebbene la categoria premium presenti il CAGR per qualità più alto, al +6.8%.

La produzione locale quindi è in aumento, ma a nostro vantaggio ci sono da considerare alcuni fattori, ad esempio il fatto che il vino sia soggetto a disastri naturali come tempeste di grandine, temperature gelide e incendi, come i recenti accaduti in ​​California, che hanno ridotto il turismo nelle regioni colpite. Inoltre, si prevede che i costi di manodopera continueranno ad aumentare per le cantine in quanto gli Stati Uniti irrigidiscono sempre più la loro politica in materia di immigrazione, e ciò avrà un impatto sui prezzi dei vini a causa di salari più competitivi nell'ambiente lavorativo.
La signora a stelle e strisce non delude l’export italiano

Crescita per categorie. Fonte IWSR Vinexpo 2017 - 2022


Noemi Mengo

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Come decidiamo di reagire alle situazioni che viviamo dà un significato diverso al nostro tempo, decisione e condizione vitale sono due fattori chiave martedi 31 marzo 2020

Tempo inesorabile e tempo opportuno: come viverlo con “senso”

Come decidiamo di reagire alle situazioni che viviamo dà un significato diverso al nostro tempo, decisione e condizione vitale sono due fattori chiave

Lavinia Furlani
L’attuale slittamento delle iniziative b2b a livello internazionale deve rappresentare un’opportunità per le aziende del vino italiane per prepararsi al meglio al fine di costruire un nuovo modello di approccio ai mercati mondiali del vino.

È tempo di prepararsi ai mercati del futuro

L’attuale slittamento delle iniziative b2b a livello internazionale deve rappresentare un’opportunità per le aziende del vino italiane per prepararsi al meglio al fine di costruire un nuovo modello di approccio ai mercati mondiali del vino.

Lavinia Furlani
Titoli e curricula non bastano, l’importanza del ruolo delle società specializzate e del network di relazioni

La ricerca delle opportunità di lavoro nel mondo del vino: il Curriculum Vitae

Titoli e curricula non bastano, l’importanza del ruolo delle società specializzate e del network di relazioni

Redazione Wine Meridian
Perchè le aziende del vino ricorrono meno alle società di recruiting rispetto alle imprese degli altri settori? - Quarta puntata martedi 31 marzo 2020

#OBIEZIONE 4: Perché devo pagare degli acconti alla società di Head Hunting?

Perchè le aziende del vino ricorrono meno alle società di recruiting rispetto alle imprese degli altri settori? - Quarta puntata

Andrea Pozzan
Un’occasione per continuare a parlare di vino e condividere la nostra passione. lunedi 30 marzo 2020

“IO DEGUSTO A CASA” con FISAR Milano

Un’occasione per continuare a parlare di vino e condividere la nostra passione.

Come sta affrontando la drammaticità del momento Cielo e terra , che sta impegnando ogni risorsa perché il ciclo di produzione si svolga nella massima sicurezza. lunedi 30 marzo 2020

Cielo e terra vini, dai clienti nel mondo messaggi di sostegno e solidarietà

Come sta affrontando la drammaticità del momento Cielo e terra , che sta impegnando ogni risorsa perché il ciclo di produzione si svolga nella massima sicurezza.

Non può essere la paura a guidare ancora le scelte per il nostro futuro. Importanti riflessioni dello scrittore Alessandro Baricco che possono essere molto utili anche per dare un contributo utile alle nostre imprese del vino in una fase così difficile della nostra storia

La più importante lezione da questa emergenza

Non può essere la paura a guidare ancora le scelte per il nostro futuro. Importanti riflessioni dello scrittore Alessandro Baricco che possono essere molto utili anche per dare un contributo utile alle nostre imprese del vino in una fase così difficile della nostra storia

Fabio Piccoli
Gli scenari dei mercati del vino il Oltre Covid-19: andare oltre la crisi, imparare a conoscere la nostra identità e a saperla comunicare lunedi 30 marzo 2020

Partecipa al nostro webinar solidale mercoledi 1 aprile alle 15

Gli scenari dei mercati del vino il Oltre Covid-19: andare oltre la crisi, imparare a conoscere la nostra identità e a saperla comunicare

Ottimi export, consumi interni, GDO ma l’eccessiva dipendenza dal Prosecco rappresenta una debolezza per l’intero settore. lunedi 30 marzo 2020

Spumanti Italia? Forti ma deboli

Ottimi export, consumi interni, GDO ma l’eccessiva dipendenza dal Prosecco rappresenta una debolezza per l’intero settore.

Emanuele Fiorio
I 6 consigli della Sommelier Choice Awards, associazione americana di supporto al mondo dell'Horeca. lunedi 30 marzo 2020

Come può l’industria del vino affrontare il caos causato dal Covid-19?

I 6 consigli della Sommelier Choice Awards, associazione americana di supporto al mondo dell'Horeca.

Agnese Ceschi
Champagne e Barolo hanno annunciato azioni per mantenere i prezzi stabili e garantire la qualità. Roger Morris ci spiega come hanno evitato eccedenze di vino e deflazione dei prezzi. lunedi 30 marzo 2020

Champagne e Barolo, esempi di gestione virtuosa

Champagne e Barolo hanno annunciato azioni per mantenere i prezzi stabili e garantire la qualità. Roger Morris ci spiega come hanno evitato eccedenze di vino e deflazione dei prezzi.

Emanuele Fiorio
Passione, storie, unicità, vigneti autoctoni, tradizione: siete felici di pagare per la reputazione, la rarità e le storie?...perché no! lunedi 30 marzo 2020

Qualità-prezzo, parametro reale o fittizio?

Passione, storie, unicità, vigneti autoctoni, tradizione: siete felici di pagare per la reputazione, la rarità e le storie?...perché no!

Emanuele Fiorio
Ultimo giorno per aderire ai due corsi e-learning  “Vendita e wine marketing” e  “Voglio lavorare nel mondo del vino” a 99 euro lunedi 30 marzo 2020

Formarsi per non fermarsi

Ultimo giorno per aderire ai due corsi e-learning “Vendita e wine marketing” e “Voglio lavorare nel mondo del vino” a 99 euro

Cristian Fanzolato
Crescono le esportazioni, Stati Uniti e Germania i mercati top in valore e volume. Delude il Regno Unito, exploit Russia e Giappone. domenica 29 marzo 2020

Export Italia 2019: volumi da primato mondiale

Crescono le esportazioni, Stati Uniti e Germania i mercati top in valore e volume. Delude il Regno Unito, exploit Russia e Giappone.

Emanuele Fiorio
Uno scopo rivolto al futuro può far aprire davanti a noi una nuova strada lì dove non pensavamo sabato 28 marzo 2020

Blocco generale: come fare quando il timore dipinge davanti a noi un disegno più distorto che veritiero.

Uno scopo rivolto al futuro può far aprire davanti a noi una nuova strada lì dove non pensavamo

Cristian Fanzolato
Tutti gli osservatori ripetono che dopo l’emergenza Coronavirus il mondo non sarà più lo stesso. Ma se questo è vero, come potrebbe cambiare il mercato del vino? venerdi 27 marzo 2020

Ma quanto cambierà il mercato del vino?

Tutti gli osservatori ripetono che dopo l’emergenza Coronavirus il mondo non sarà più lo stesso. Ma se questo è vero, come potrebbe cambiare il mercato del vino?

Fabio Piccoli


WineMeridian