Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

sfondo_wm
domenica 21 aprile 2019 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers


Siddura enosocial.com

Fondazione Edmund Mach Siddura WineNet CVA Canicatti Bixio https://www.cantinafrentana.it roncoblanchis.it https://corte-de-pieri.business.site/ www.ilvinocomunica.it https://www.accordinistefano.it/ http://www.cantinavicobarone.com/ Vigna Belvedere italian wine academy http://www.varramista.it/it/ Farina Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ Tebaldi valdoca pertinace vinojobs Wine Monitor Cantina Santa Maria La Palma
giovedi 23 agosto

La strada della promozione del biologico nel mondo

L'intervista a Debora Bonora, esperta di export dei prodotti biologici


La strada della promozione del biologico nel mondo

Debora Bonora


Oggi si parla di fenomeno biologico, ma quanti dubbi e misunderstanding ci sono ancora dietro a questo "controverso mondo", e quanta strada ancora c'è da fare per i produttori italiani per affermare i loro prodotti negli eventi internazionali?
Ne abbiamo parlato con Debora Bonora, esperta di export dei prodotti biologici e fondatrice di Organic Value, il nuovo progetto per la promozione del vino biologico italiano di cui Wine Meridian è orgoglioso sostenitore e partner. 


Fenomeno biologico oggi: perché è così richiesto?
Traccerei due linee per comprendere questo fenomeno.
In primo luogo, negli ultimi due anni c’è stata un’impennata di produzione di vino biologico nel mondo, un +35% circa, a partire dall’Italia. Se prima eravamo Italia, Spagna, Francia come tre Paesi di maggior produzione di prodotto bio in generale e nella fattispecie uva da vino, oggi si può dire che la produzione si è estesa a macchia d’olio. Ed ecco che viene di conseguenza la seconda considerazione.
Dietro alla richiesta del biologico da parte del consumatore, c’è un movimento culturale: il consumatore cerca un prodotto più salutare per sé e per l’ambiente.

Puoi spiegare meglio questo passaggio?
Innanzitutto, si è passati da bere vino come conseguenza di una condizione culturale elitaria a bene di consumo quotidiano.
Quando questo passaggio è avvenuto, il consumatore medio internazionale di cultura medio alta ha fatto una scelta di tipo etico: ha scelto di bere un vino che facesse meno male, c’è un aspetto salutistico dietro a questo fenomeno.

E l’Italia?
La linea che definisce il passaggio della nostra agricoltura da una produzione convenzionale a una di tipo biologico è in impennata costante negli ultimi anni.
L’Italia è oggi il primo Paese produttore di biologico come numeri, mentre a livello di superficie la Spagna ci è davanti.
Da parte nostra abbiamo la grande biodiversità che caratterizza il nostro territorio e ciò rende ancora più etica la scelta per il consumatore. In questo tipo di dinamica di consumo il territorio assume un’importanza e di riflesso il contadino, che nella sua area di produzione rispetta a 360 gradi l’ambiente circostante e ne cura la biodiversità.

Quali sono i Paesi su cui i produttori italiani bio dovrebbero puntare?
Guardando le statistiche, si vede chiaramente che Germania e Regno Unito sono sempre stati i Paesi di destinazione. Ma si stanno facendo avanti in Europa anche i nuovi Paesi a cultura enologica, cioè Scandinavia in generale e Danimarca. Il consumatore medio scandinavo di vino bio ha un’età media tra i 30 e i 50 anni, cultura medio alta, viaggiatore alla ricerca del vitigno biodiverso, e in questo l’Italia è il Paese principe.

Per uscire dall’Europa?
Negli ultimi cinque anni, nei miei numerosi viaggi di export, ovunque ho trovato un discreto interesse. Direi però che in Asia il Giappone è un Paese molto consapevole della differenza tra convenzionale e bio e un nuovo approccio interessato ce l’ha anche la Corea del Sud.
Per spostarci dall’altro lato del mondo invece negli Stati Uniti le due coste, est e ovest, sono molto ricettive, soprattutto la seconda dove la green economy è nata. Direi che California, Stato di New York, e Connecticut sono dei bacini di raccolta importanti.

Qual è la cosa interessante da sapere a livello commerciale?
Nel mondo del biologico c’è una forte preparazione tecnica da parte degli operatori stranieri: secondo la mia esperienza, importatori ed i distributori fanno richieste molto precise.
Soprattutto gli asiatici sono molto attenti e preparati: mi capita che mi chiedano spesso i cru specifici, se i lieviti sono indigeni o no, e mi danno delle encomiabili spiegazioni tecniche delle domande.

Qual è la regione italiana più centrata rispetto al bio oggi?
La Sicilia è in pole position. Ha una grande fortuna che si chiama Madre Terra.

Prossime regioni all’orizzonte?
Credo che le prossime due regioni che desteranno interesse sono Sardegna e Trentino Alto Adige. La prima perché è molto ben vista a livello internazionale e richiama la curiosità. Il Piemonte invece mancava, ma arriverà a breve così come il Veneto. In questo caso sono motivi più culturali che colturali a bloccare la crescita del bio in queste regioni a forte tradizione vinicola.

Quanto realmente i consumatori badano alle differenze di terminologia (biologico, biodinamico, organico, naturale etc.)?
Il consumatore generico riconosce il logo del bio. La garanzia della fogliolina verde lo rincuora a livello di immagine. Questo logo ha aumentato la richiesta in GDO del 43%.
Chiaro che ci son delle differenze di disciplinari di produzione dietro a questi termini, ma al consumatore medio non importano molto. Lui attribuisce al logo bio un’idea di salubrità.

Una sfida futura?
Le bollicine bio.

A fronte di tutto questo panorama è nato Organic Value…
Io mi occupo per il 90% del tempo di vini biologici. Ma mi capita spesso di andare ad eventi dove il 60% degli importatori cerca vini convenzionali a 2 euro, il 20% forse è interessato ed un restate 20% è un punto di domanda. Così assieme ad Elisa Spada ci siamo confrontate e abbiamo deciso di far nascere questa realtà.
Organic Value nasce dall’esigenza di creare un contenitore che raccolga produttori accomunati dal bio e dare loro l’opportunità di incontrare persone interessate ai loro prodotti in eventi dedicati solo al biologico. Chi viene ad assaggiare i vini è per forza interessato almeno alla filosofia, ovvio che poi deve piacere il vino.
Il nostro primo appuntamento con un tour all’estero sarà in Scandinavia: il 9 novembre a Copenhagen.

Agnese Ceschi

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
We have tasted for you Azienda Ronco Margherita's Ribolla Gialla saturday 20 april

Italian wines in the world: Azienda Ronco Margherita's Ribolla Gialla

We have tasted for you Azienda Ronco Margherita's Ribolla Gialla

Abbiamo degustato per voi Ribolla Gialla dell'Azienda Ronco Margherita sabato 20 aprile

Italian wines in the world: Ribolla Gialla dell'Azienda Ronco Margherita

Abbiamo degustato per voi Ribolla Gialla dell'Azienda Ronco Margherita

The famous Italian winery Dal Forno signs an exclusive distribution agreement: one bottle out of six is going to China friday 19 april

Export: Dal Forno’s Amarone conquers China

The famous Italian winery Dal Forno signs an exclusive distribution agreement: one bottle out of six is going to China

Federica Lago
Nel 2007 il valore del mercato del vino a livello mondiale era di circa 147 miliardi di dollari, nel 2018 ha superato i 198 miliardi e nel 2022 si prevede raggiungerà i 207 miliardi di dollari. Ma chi sono coloro che stanno guidando questa crescita e i protagonisti delle evoluzioni di futuro?

Il mercato del vino va bene, ma per chi?

Nel 2007 il valore del mercato del vino a livello mondiale era di circa 147 miliardi di dollari, nel 2018 ha superato i 198 miliardi e nel 2022 si prevede raggiungerà i 207 miliardi di dollari. Ma chi sono coloro che stanno guidando questa crescita e i protagonisti delle evoluzioni di futuro?

Fabio Piccoli
Wine Export Manager Overseas (USA, Canada, Far East) venerdi 19 aprile

Offerta di lavoro

Wine Export Manager Overseas (USA, Canada, Far East)

Domenica 19 maggio 2019, a Tenuta Frassanelle in provincia di Padova, l'evento dedicato ai vini vulcanici aperto dalla masterclass del MW John Szabo giovedi 18 aprile

Vulcanei: il più grande banco d'assaggio di vini da suolo vulcanico

Domenica 19 maggio 2019, a Tenuta Frassanelle in provincia di Padova, l'evento dedicato ai vini vulcanici aperto dalla masterclass del MW John Szabo

Domenica 12 e lunedì 13 maggio al via la prima edizione dell'evento biennale dedicato alla cultura vitivinicola del territorio e al suo vitigno principe giovedi 18 aprile

A Incontri Rotazioni 2019 protagonisti il Teroldego e i vini di Borgogna

Domenica 12 e lunedì 13 maggio al via la prima edizione dell'evento biennale dedicato alla cultura vitivinicola del territorio e al suo vitigno principe

Dal Forno sigla un accordo di distribuzione in esclusiva: una bottiglia su sei andrà in Cina.
giovedi 18 aprile

Export: l'Amarone di Dal Forno alla conquista della Cina

Dal Forno sigla un accordo di distribuzione in esclusiva: una bottiglia su sei andrà in Cina.

Federica Lago
Dal 23 aprile 2019 saranno disponibili due percorsi on-line: iscriviti alla lista d’attesa, i posti sono limitati!

Campus Online la formazione di WinePeople per tutti e ovunque

Dal 23 aprile 2019 saranno disponibili due percorsi on-line: iscriviti alla lista d’attesa, i posti sono limitati!

Maria Bandolin
Appuntamento in Russia il 31 maggio e il 1 giugno per i 25 anni di Simple Group mercoledi 17 aprile

Nuove opportunità in Russia: Simple Group racconta tendenze e prospettive di business

Appuntamento in Russia il 31 maggio e il 1 giugno per i 25 anni di Simple Group

A maggio due tappe per connettere le aziende di vino biologico ai mercati strategici di Svezia e Finlandia mercoledi 17 aprile

Organic Value: ultimi posti per il tour scandinavo nel mondo del vino biologico

A maggio due tappe per connettere le aziende di vino biologico ai mercati strategici di Svezia e Finlandia

Una Sicilia del vino nuova e diversa, la loro, ma sempre fedele a sé stessa. mercoledi 17 aprile

Cantine Settesoli, il vino salverà Selinunte

Una Sicilia del vino nuova e diversa, la loro, ma sempre fedele a sé stessa.

Carmen Guerriero
La Svezia si conferma un porto sicuro per il vino italiano nei prossimi anni. Bollicine, rosé e bianchi sono tra i favoriti, grazie al loro “healty style”. 
mercoledi 17 aprile

L’export tricolore sfreccia alto nei cieli svedesi

La Svezia si conferma un porto sicuro per il vino italiano nei prossimi anni. Bollicine, rosé e bianchi sono tra i favoriti, grazie al loro “healty style”.

Noemi Mengo
Due tappe, Mosca il 17 giugno e San Pietroburgo il 19 giugno 2019, per scoprire il mercato ed incontrare le sue figure chiave 
mercoledi 17 aprile

Partecipa alla tappa in Russia con Wine Meridian e Simply Italian Great Wines

Due tappe, Mosca il 17 giugno e San Pietroburgo il 19 giugno 2019, per scoprire il mercato ed incontrare le sue figure chiave

Il 22 e 23 maggio Wine Meridian ritorna in partnership con Wonderfud per la nuova tappa a Singapore 
mercoledi 17 aprile

Ultimi posti per il tour Singapore: agenda con b2b organizzati e masterclass

Il 22 e 23 maggio Wine Meridian ritorna in partnership con Wonderfud per la nuova tappa a Singapore

Abbiamo degustato per voi il Soave DOC Classico di Cantina del Castello mercoledi 17 aprile

Italian wines in the world: Soave DOC Classico di Cantina del Castello

Abbiamo degustato per voi il Soave DOC Classico di Cantina del Castello



sfondo_wm