Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

 
sabato 22 settembre 2018 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com

www.wine2wine.net www.ilvinocomunica.it Farina Enartis Tebaldi Wine Monitor Fondazione Edmund Mach Michele Shah Tommasi WineNet https://www.poderidalnespoli.com/ https://www.cantinafrentana.it Azienda Agricola Coali roncoblanchis.it
giovedi 23 agosto

La strada della promozione del biologico nel mondo

L'intervista a Debora Bonora, esperta di export dei prodotti biologici


La strada della promozione del biologico nel mondo

Debora Bonora


Oggi si parla di fenomeno biologico, ma quanti dubbi e misunderstanding ci sono ancora dietro a questo "controverso mondo", e quanta strada ancora c'è da fare per i produttori italiani per affermare i loro prodotti negli eventi internazionali?
Ne abbiamo parlato con Debora Bonora, esperta di export dei prodotti biologici e fondatrice di Organic Value, il nuovo progetto per la promozione del vino biologico italiano di cui Wine Meridian è orgoglioso sostenitore e partner. 


Fenomeno biologico oggi: perché è così richiesto?
Traccerei due linee per comprendere questo fenomeno.
In primo luogo, negli ultimi due anni c’è stata un’impennata di produzione di vino biologico nel mondo, un +35% circa, a partire dall’Italia. Se prima eravamo Italia, Spagna, Francia come tre Paesi di maggior produzione di prodotto bio in generale e nella fattispecie uva da vino, oggi si può dire che la produzione si è estesa a macchia d’olio. Ed ecco che viene di conseguenza la seconda considerazione.
Dietro alla richiesta del biologico da parte del consumatore, c’è un movimento culturale: il consumatore cerca un prodotto più salutare per sé e per l’ambiente.

Puoi spiegare meglio questo passaggio?
Innanzitutto, si è passati da bere vino come conseguenza di una condizione culturale elitaria a bene di consumo quotidiano.
Quando questo passaggio è avvenuto, il consumatore medio internazionale di cultura medio alta ha fatto una scelta di tipo etico: ha scelto di bere un vino che facesse meno male, c’è un aspetto salutistico dietro a questo fenomeno.

E l’Italia?
La linea che definisce il passaggio della nostra agricoltura da una produzione convenzionale a una di tipo biologico è in impennata costante negli ultimi anni.
L’Italia è oggi il primo Paese produttore di biologico come numeri, mentre a livello di superficie la Spagna ci è davanti.
Da parte nostra abbiamo la grande biodiversità che caratterizza il nostro territorio e ciò rende ancora più etica la scelta per il consumatore. In questo tipo di dinamica di consumo il territorio assume un’importanza e di riflesso il contadino, che nella sua area di produzione rispetta a 360 gradi l’ambiente circostante e ne cura la biodiversità.

Quali sono i Paesi su cui i produttori italiani bio dovrebbero puntare?
Guardando le statistiche, si vede chiaramente che Germania e Regno Unito sono sempre stati i Paesi di destinazione. Ma si stanno facendo avanti in Europa anche i nuovi Paesi a cultura enologica, cioè Scandinavia in generale e Danimarca. Il consumatore medio scandinavo di vino bio ha un’età media tra i 30 e i 50 anni, cultura medio alta, viaggiatore alla ricerca del vitigno biodiverso, e in questo l’Italia è il Paese principe.

Per uscire dall’Europa?
Negli ultimi cinque anni, nei miei numerosi viaggi di export, ovunque ho trovato un discreto interesse. Direi però che in Asia il Giappone è un Paese molto consapevole della differenza tra convenzionale e bio e un nuovo approccio interessato ce l’ha anche la Corea del Sud.
Per spostarci dall’altro lato del mondo invece negli Stati Uniti le due coste, est e ovest, sono molto ricettive, soprattutto la seconda dove la green economy è nata. Direi che California, Stato di New York, e Connecticut sono dei bacini di raccolta importanti.

Qual è la cosa interessante da sapere a livello commerciale?
Nel mondo del biologico c’è una forte preparazione tecnica da parte degli operatori stranieri: secondo la mia esperienza, importatori ed i distributori fanno richieste molto precise.
Soprattutto gli asiatici sono molto attenti e preparati: mi capita che mi chiedano spesso i cru specifici, se i lieviti sono indigeni o no, e mi danno delle encomiabili spiegazioni tecniche delle domande.

Qual è la regione italiana più centrata rispetto al bio oggi?
La Sicilia è in pole position. Ha una grande fortuna che si chiama Madre Terra.

Prossime regioni all’orizzonte?
Credo che le prossime due regioni che desteranno interesse sono Sardegna e Trentino Alto Adige. La prima perché è molto ben vista a livello internazionale e richiama la curiosità. Il Piemonte invece mancava, ma arriverà a breve così come il Veneto. In questo caso sono motivi più culturali che colturali a bloccare la crescita del bio in queste regioni a forte tradizione vinicola.

Quanto realmente i consumatori badano alle differenze di terminologia (biologico, biodinamico, organico, naturale etc.)?
Il consumatore generico riconosce il logo del bio. La garanzia della fogliolina verde lo rincuora a livello di immagine. Questo logo ha aumentato la richiesta in GDO del 43%.
Chiaro che ci son delle differenze di disciplinari di produzione dietro a questi termini, ma al consumatore medio non importano molto. Lui attribuisce al logo bio un’idea di salubrità.

Una sfida futura?
Le bollicine bio.

A fronte di tutto questo panorama è nato Organic Value…
Io mi occupo per il 90% del tempo di vini biologici. Ma mi capita spesso di andare ad eventi dove il 60% degli importatori cerca vini convenzionali a 2 euro, il 20% forse è interessato ed un restate 20% è un punto di domanda. Così assieme ad Elisa Spada ci siamo confrontate e abbiamo deciso di far nascere questa realtà.
Organic Value nasce dall’esigenza di creare un contenitore che raccolga produttori accomunati dal bio e dare loro l’opportunità di incontrare persone interessate ai loro prodotti in eventi dedicati solo al biologico. Chi viene ad assaggiare i vini è per forza interessato almeno alla filosofia, ovvio che poi deve piacere il vino.
Il nostro primo appuntamento con un tour all’estero sarà in Scandinavia: il 9 novembre a Copenhagen.

Agnese Ceschi

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Abbiamo degustato per voi l'Amarone della Valpolicella Classico DOCG 2012 sabato 22 settembre

Italian wines in the world: "I Coali" Amarone della Valpolicella Classico DOCG 2012 di Azienda Agricola Coali

Abbiamo degustato per voi l'Amarone della Valpolicella Classico DOCG 2012 "I Coali" di Azienda Agricola Coali

Il formato di colloqui speed dating ideato da Wine People e Vinitaly International per la quarta volta all’Hong Kong International Wine and Spirits Fair (HKIWSF) il 10 novembre 2018

Sei specializzato in mercati asiatici? #HireMeVinitaly ritorna ad Hong Kong per selezionare professionisti di mercato asiatico

Il formato di colloqui speed dating ideato da Wine People e Vinitaly International per la quarta volta all’Hong Kong International Wine and Spirits Fair (HKIWSF) il 10 novembre 2018

Secondo Wine Spectator il vino italiano è come Goldilocks (Riccioli d’Oro) la bambina della fiaba che tra i tre porridge da scegliere preferisce né quello troppo caldo né quello troppo freddo ma quello alla temperatura “giusta”

Il vino italiano è come Riccioli d’Oro

Secondo Wine Spectator il vino italiano è come Goldilocks (Riccioli d’Oro) la bambina della fiaba che tra i tre porridge da scegliere preferisce né quello troppo caldo né quello troppo freddo ma quello alla temperatura “giusta”

Fabio Piccoli
40 talenti junior internazionali hanno partecipato al Boot Camp organizzato da Allegrini presso la veronese Villa della Torre giovedi 20 settembre

Allegrini investe sui giovani

40 talenti junior internazionali hanno partecipato al Boot Camp organizzato da Allegrini presso la veronese Villa della Torre

Agnese Ceschi
Lo speed date dove domanda e offerta di figure per l’export del vino si incontrano, martedì 27 novembre a Wine2Wine 2018. 
giovedi 20 settembre

Alla ricerca di un Export Manager in azienda? Ritorna #HireMeVinitaly a Wine2Wine 2018

Lo speed date dove domanda e offerta di figure per l’export del vino si incontrano, martedì 27 novembre a Wine2Wine 2018. 

Mercoledì 28 novembre, durante Wine2Wine a Verona non perdere #HireMeVinitaly di Vinitaly International e Wine People, lo speed date per incontrare aziende alla ricerca di risorse umane
giovedi 20 settembre

Cerchi lavoro nel mondo del vino? A Wine2Wine 2018 ritorna #HireMeVinitaly!

Mercoledì 28 novembre, durante Wine2Wine a Verona non perdere #HireMeVinitaly di Vinitaly International e Wine People, lo speed date per incontrare aziende alla ricerca di risorse umane

La confidenza dei consumatori nella categoria del vino sta crescendo, guidata dall’esperienza economica e di consumo e, in generale, dal coinvolgimento crescente nel prodotto enologico, è quanto segnala l’ultimo report di Wine Intelligence. 
giovedi 20 settembre

UK Portrait 2018: La panoramica di Wine Intelligence sui consumatori di oggi nel Regno Unito

La confidenza dei consumatori nella categoria del vino sta crescendo, guidata dall’esperienza economica e di consumo e, in generale, dal coinvolgimento crescente nel prodotto enologico, è quanto segnala l’ultimo report di Wine Intelligence.

Aggiungetevi a noi il 4 e 5 marzo 2019 in occasione di Vinexpo New York, la Fiera Internazionale del vino e degli spirits, nella sua seconda edizione americana! giovedi 20 settembre

Partecipa a Vinexpo New York a marzo 2019 con Wine Meridian

Aggiungetevi a noi il 4 e 5 marzo 2019 in occasione di Vinexpo New York, la Fiera Internazionale del vino e degli spirits, nella sua seconda edizione americana!

Il video giovedi 20 settembre

Wine Spectator Video Contest 2018: primo premio al "corto" sulle Cantine Marchesi di Barolo

Il video "The Soul of Barolo" del regista Will Miceli trionfa al Wine Spectator Video Contest 2018

Praga, Varsavia e Kiev, le tappe del Consorzio Valpolicella. A Praga anche la prima lezione condotta da un Valpolicella Wine Specialist 
mercoledi 19 settembre

Riparte dall'Est Europa il Valpolicella 50 Anniversary Tour

Praga, Varsavia e Kiev, le tappe del Consorzio Valpolicella. A Praga anche la prima lezione condotta da un Valpolicella Wine Specialist

La relazione diretta con i consumatori finali e la disintermediazione delle vendite appare sempre di più il modello di commercializzazione dei vini nel futuro

Il Direct-To-Customer (DTC) è il futuro?

La relazione diretta con i consumatori finali e la disintermediazione delle vendite appare sempre di più il modello di commercializzazione dei vini nel futuro

Francesco Piccoli
Lo stilista Lorenzo Mossa gli dedica un abito di alta moda martedi 18 settembre

Il Soave Classico Superiore Rocca Sveva cambia nome e look

Lo stilista Lorenzo Mossa gli dedica un abito di alta moda

Ieri si è svolta a Verona la seconda edizione del Wine Export Manager Day, l’appuntamento dedicato alla figura dell’export manager del vino. 
Presentata l’indagine Wine People-Wine Meridian svolta interrogando aziende ed export manager sul delicato tema delle risorse umane nel mondo vinicolo

Wine Export Manager Day: quando gli export manager fanno network

Ieri si è svolta a Verona la seconda edizione del Wine Export Manager Day, l’appuntamento dedicato alla figura dell’export manager del vino. Presentata l’indagine Wine People-Wine Meridian svolta interrogando aziende ed export manager sul delicato tema delle risorse umane nel mondo vinicolo

Agnese Ceschi
Una classifica Top #8 dei migliori suggerimenti per promuovere alti riconoscimenti a livello internazionale
lunedi 17 settembre

Wine scores: come promuovere i punteggi ottenuti in 8 semplici passi

Una classifica Top #8 dei migliori suggerimenti per promuovere alti riconoscimenti a livello internazionale

Noemi Mengo
La Cantina maremmana presenta il nuovo logo, il nuovo sito e la nuova grafica delle etichette.

Nuova immagine per il Rigoloccio

La Cantina maremmana presenta il nuovo logo, il nuovo sito e la nuova grafica delle etichette.

Alcune anticipazioni sulle nostre due indagini che presenteremo all’Export Manager Day il prossimo 17 settembre a Verona

Export manager, se ci sei batti un colpo

Alcune anticipazioni sulle nostre due indagini che presenteremo all’Export Manager Day il prossimo 17 settembre a Verona

Fabio Piccoli
Carmelo Bonetta ci racconta l’azienda che gestisce e porta nel cuore 
venerdi 14 settembre

Baglio del Cristo di Campobello, un’azienda siciliana legata alla propria terra e ai propri ricordi

Carmelo Bonetta ci racconta l’azienda che gestisce e porta nel cuore

Ultimi posti per aderire all'evento dedicato ai produttori di biologico nella città danese giovedi 13 settembre

Organic Value vola a Copenhagen

Ultimi posti per aderire all'evento dedicato ai produttori di biologico nella città danese

I giovani talenti del mondo del vino si incontrano a Villa Della Torre, a Fumane (Verona), per il primo Allegrini Boot Camp. giovedi 13 settembre

Allegrini Boot Camp: i giovani talenti del vino si incontrano in Valpolicella

I giovani talenti del mondo del vino si incontrano a Villa Della Torre, a Fumane (Verona), per il primo Allegrini Boot Camp.

Abruzzo’s preeminent winegrower adds to its collection of prestigious national and international awards
thursday 13 september

Codice Citra: Montepulciano d’Abruzzo DOC tops the podium

Abruzzo’s preeminent winegrower adds to its collection of prestigious national and international awards

L'intervista al MW greco Yiannis Karakasis a proposito di vini italiani e non solo giovedi 13 settembre

Grecia, aperto e dinamico, il mercato del vino strizza l’occhio all’Italia

L'intervista al MW greco Yiannis Karakasis a proposito di vini italiani e non solo

Carmen Guerriero