Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

WineMeridian
giovedi 27 febbraio 2020 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com


Bixio https://www.cantinafrentana.it Corte De Pieri way to go Vigna Belvedere https://www.marchesibarolo.com/ http://www.varramista.it/it/ http://www.grafical.it/it/ www.prosecco.wine  www.cantinatollo.it pradellaluna.com catullio.it cantina settesoli Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ valdoca pertinace vinojobs Wine Monitor Fondazione Edmund Mach Cantina di Custoza WineNet CVA Canicatti
venerdi 24 gennaio 2020

Nella querelle Amarone abbiamo perso tutti

Nonostante numerose sentenze, scontri e confronti, la querelle tra Consorzio di Tutela e Famiglie storiche sembra destinata a proseguire nelle aule dei tribunali a svantaggio complessivo dell’immagine di questo straordinario vino e del suo territorio di produzione


Nella querelle Amarone abbiamo perso tutti
Ci sono articoli che non vorremmo mai scrivere. Poi, però, il dovere del cronista, abbinato ad una autentica passione nei confronti del mondo del vino, ci obbliga non solo a riportare le notizie ma anche a dare il nostro, seppur modesto, parere.
Ci stiamo riferendo all’annosa vicenda del contenzioso che vede coinvolti il Consorzio di tutela vini Valpolicella e l’associazione Famiglie Storiche.
Ripercorrere tutta la vicenda riteniamo sia esercizio inutile visto l’eco che questa “guerra” ha avuto, e continua ad avere, in tutto il mondo del vino, anche a livello internazionale.
L’ultimo, si fa per dire, capitolo di questa querelle, a nostro parere dolorosa per tutti, è stata la proposta (rispedita al mittente dal Consorzio) di chiudere il contenzioso attraverso la disponibilità da parte delle Famiglie Storiche di “donare” i circa 160.000 euro - che sarebbero quelli necessari per la pubblicazione dell’ultima sentenza (a favore del Consorzio) su alcuni quotidiani di rilievo italiani - per azioni comuni di promozione dell’Amarone della Valpolicella.
In questo editoriale scegliamo volutamente di non entrare ulteriormente nelle motivazioni dell’una e dell’altra parte, che tra l’altro pubblichiamo ampiamente in due specifici articoli del nostro magazine, ma cerchiamo, ancora una volta, di provare a spiegare le ragioni per cui, a nostro parere, questa guerra non potrà mai avere né vincitori né vinti, ma un solo evidente perdente, la reputazione dell’Amarone e del suo territorio nel suo complesso.
Fin dalla genesi di questo scontro, infatti, era emerso chiaramente come il “mondo al di fuori” dei contendenti, non avrebbe potuto capire le ragioni di una tale battaglia che, tra l’altro, è bene ricordarlo, ha generato un dispendio di risorse economiche notevolissimo da ambedue le parti.
E non vogliamo apparire come dei Ponzio Pilato che non vogliono prendere le parti di nessuno, lavandosene bellamente le mani. Siamo fermamente convinti che in questa guerra da sempre ci sia stata una sola vittima, la Valpolicella nel suo complesso.
Senza dimenticare che questo triste scontro è avvenuto in una delle fasi di maggior crescita di questa denominazione che in questi ultimi vent’anni è riuscita a testimoniare, come poche altre, uno dei livelli di imprenditorialità più evoluta nel panorama vitivinicolo internazionale.
Quest’ultima annotazione fa emergere un ulteriore paradosso e cioè di come sia mai possibile che produttori illuminati, capaci, sulla cosiddetta cresta dell’onda, si siano fatti sopraffare da invidie, frustrazioni, guerre intestine di ogni genere.
Possibile che non si sia riusciti a fermare prima uno scempio assurdo, inconcepibile di questo genere?
Possibile che si sia ritenuto che solo le aule di un tribunale potessero mettere fine ad uno scontro così aspro ma al tempo stesso, almeno visto da fuori, surreale?
È noto, infatti, che le aule dei tribunali, soprattutto se vengono coinvolte su tematiche così lontane dal “senso comune giuridico”, quasi mai possono portare a soluzioni positive.
È chiaro che arrivati a questo punto chiedersi chi ha cominciato prima può solo apparire una ricerca puerile di giustificazioni.
Non riuscire a mettere la parola fine, “senza altre condizioni”, ma solo per il bene comune di una terra straordinaria che non merita tutto questo, a noi, scusateci se lo ripetiamo, ci sembra una follia.
In casi di questo genere, in altri comparti economici, si chiede l’aiuto terzo di persone o di commissioni illuminate, super partes, evitando di ricorrere ad avvocati e giudici, ma in Valpolicella questo non è avvenuto e il risultato è purtroppo sotto gli occhi di tutti.
Siamo al corrente di tentativi fatti, anche nel recente passato, per riuscire a redimere la questione in maniera “civile”, ma ci duole constatare, se questi sono i risultati, che forse una volontà vera, autentica per superare il contenzioso, non c’è probabilmente mai stata.
E adesso cosa dobbiamo aspettarci, oltre agli ulteriori ricorsi, probabilmente gli ultimi vista la fine dei gradi di giudizio possibili?
Non abbiamo più risposte, ma forse perché di fatto non ce ne sono dal momento che tutti, anche noi che scriviamo e amiamo da sempre la Valpolicella e i suoi vini, abbiamo perso.
Fabio Piccoli

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
I nemici da affrontare nel 2020? A parte le guerre commerciali e la situazione politica, il vino dovrà fare i conti con un surplus di prodotto, con la fine della premiumizzazione e nuove generazioni che non interagiscono come sperato. giovedi 27 febbraio 2020

Le previsioni 2020 nel mercato americano

I nemici da affrontare nel 2020? A parte le guerre commerciali e la situazione politica, il vino dovrà fare i conti con un surplus di prodotto, con la fine della premiumizzazione e nuove generazioni che non interagiscono come sperato.

Agnese Ceschi
I produttori che verranno a Vilnius il 22 e 23 maggio troveranno una porta aperta verso i Paesi Baltici e la Bielorussia giovedi 27 febbraio 2020

Un viaggio alla scoperta del promettente mercato lituano

I produttori che verranno a Vilnius il 22 e 23 maggio troveranno una porta aperta verso i Paesi Baltici e la Bielorussia

Traduzione di un articolo di Michele Shah
Un approfondimento di due giornate per affrontare al meglio il “nuovo” mercato italiano del vino giovedi 27 febbraio 2020

Seminari Wine Meridian 2020: 18 e 19 giugno focus Vendita Italia

Un approfondimento di due giornate per affrontare al meglio il “nuovo” mercato italiano del vino

Cristian Fanzolato
Decisione concertata con le principali associazioni di settore, il presidente della Regione del Veneto ed il sindaco di Verona. Il dg Mantovani: «Il settore vino sia svolta positiva per il Paese». mercoledi 26 febbraio 2020

Veronafiere: Vinitaly conferma la data nella terza decade di Aprile 2020 (19/22)

Decisione concertata con le principali associazioni di settore, il presidente della Regione del Veneto ed il sindaco di Verona. Il dg Mantovani: «Il settore vino sia svolta positiva per il Paese».

In controtendenza, aumentano consumi, categorie, produzione, superfici, export, il biologico appare inarrestabile. mercoledi 26 febbraio 2020

Mercato vino in flessione? il bio crescerà a 3 cifre

In controtendenza, aumentano consumi, categorie, produzione, superfici, export, il biologico appare inarrestabile.

Emanuele Fiorio
Realtà storica, leader nella distribuzione con un occhio di riguardo per piccole realtà dal grande potenziale. mercoledi 26 febbraio 2020

Gruppo Meregalli, inossidabile certezza

Realtà storica, leader nella distribuzione con un occhio di riguardo per piccole realtà dal grande potenziale.

Emanuele Fiorio
Dall'1 al 2 aprile 2020 saremo a Toronto (Ontario) per un tour con b2b attraverso appuntamenti organizzati in partnership con Wonderfud
mercoledi 26 febbraio 2020

B2B a Toronto: ultimi giorni per aderire

Dall'1 al 2 aprile 2020 saremo a Toronto (Ontario) per un tour con b2b attraverso appuntamenti organizzati in partnership con Wonderfud

Strumenti pratici ed efficaci per espandere il vostro business all’estero, una singolare combinazione di conoscenze linguistiche, commerciali e di marketing relazionale martedi 25 febbraio 2020

Seminari Wine Meridian 2020: 16 e 17 giugno due giornate di “English for wineries”

Strumenti pratici ed efficaci per espandere il vostro business all’estero, una singolare combinazione di conoscenze linguistiche, commerciali e di marketing relazionale

Cristian Fanzolato
We have tasted for you Azienda Vitivinicola Cantamessa's Ciòt - Barbera d'Asti DOCG Superiore tuesday 25 february 2020

Italian wines in the world: Azienda Vitivinicola Cantamessa's Ciòt - Barbera d'Asti DOCG Superiore

We have tasted for you Azienda Vitivinicola Cantamessa's Ciòt - Barbera d'Asti DOCG Superiore

Come imparare a gestire le situazioni “critiche” di vendita, analizzando il proprio stile di comunicazione.

Come si conduce una trattativa di vendita?

Come imparare a gestire le situazioni “critiche” di vendita, analizzando il proprio stile di comunicazione.

Circa 4mila visitatori per il debuttto dell'annata 2015. lunedi 24 febbraio 2020

Vino: chiusura a 5 stelle per Benvenuto Brunello 2020

Circa 4mila visitatori per il debuttto dell'annata 2015.

Due giornate dedicate ad una figura sempre più strategica per l’export del vino, in dettaglio programma e modulo di iscrizione lunedi 24 febbraio 2020

Seminari Wine Meridian: Multibrand Export Manager il 6 e 7 maggio

Due giornate dedicate ad una figura sempre più strategica per l’export del vino, in dettaglio programma e modulo di iscrizione

Cristian Fanzolato
Dazi americani e coronavirus cinese sono una combo micidiale per il mercato 2020, previsioni al ribasso e allarme diffuso. lunedi 24 febbraio 2020

Il coronavirus contagia l’industria degli alcolici

Dazi americani e coronavirus cinese sono una combo micidiale per il mercato 2020, previsioni al ribasso e allarme diffuso.

Emanuele Fiorio
Lo spumante traina il comparto, i consumatori cercano qualità penalizzando il vino senza denominazione. lunedi 24 febbraio 2020

Mercato Italia, stabilità e premiumisation

Lo spumante traina il comparto, i consumatori cercano qualità penalizzando il vino senza denominazione.

Emanuele Fiorio
E-commerce, heath&wellness, eco-packaging, ginaissance, premiumisation: l'IWSR presenta le 5 tendenze globali che guideranno il mercato. lunedi 24 febbraio 2020

Bevande alcoliche: i 5 trends mondiali del 2020

E-commerce, heath&wellness, eco-packaging, ginaissance, premiumisation: l'IWSR presenta le 5 tendenze globali che guideranno il mercato.

Emanuele Fiorio
Il nuovo progetto di Wine Meridian per dare valore ai vini che vincono la sfida con il tempo. Alta qualità e personalità del vino entrano “in gioco” e voi siete pronti a farlo? Mandateci i vostri campioni

Longevity Wines: la nostra nuova rubrica sui vini longevi

Il nuovo progetto di Wine Meridian per dare valore ai vini che vincono la sfida con il tempo. Alta qualità e personalità del vino entrano “in gioco” e voi siete pronti a farlo? Mandateci i vostri campioni



WineMeridian