Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

WineMeridian
sabato 16 dicembre 2017 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers


IWSC registration Wine Monitor Fondazione Edmund Mach Social Meter Analysis Michele Shah Siddura Tommasi Vini Cina WineNet Bixio Ceccheto Farina Enartis http://www.principedicorleone.it/ mackenzie Iron3 Consorzio Soave InternationalWineTraders IWSC www.farinatransparency.com www.bellenda.it Tebaldi valdoca pertinace vinojobs Cortemoschina wbwe
giovedi 07 dicembre

Le denominazioni: il vero patrimonio italiano da valorizzare

L'intervista a Bruno Trentini, direttore generale di Cantina di Soave, uno dei principali attori nel territorio veronese a cavallo tra Soave, Valpolicella e Durello


Le denominazioni: il vero patrimonio italiano da valorizzare

Il direttore Trentini con il presidente Carlesso


Soave, Valpolicella e Durello sono i segni distintivi di Cantina di Soave.
I 2200 viticoltori, suddivisi tra le tre denominazioni, rappresentano il suo vero valore fondante, fin dal 1898, anno della fondazione. Da quel momento Cantina di Soave ha intrapreso una strada di crescita che le ha permesso di diventare una delle principali e più qualificate realtà del panorama enologico italiano ed internazionale, con oltre il 50% di produzione esportato.
Abbiamo intervistato il direttore generale Bruno Trentini per scoprire con lui la sua personale visione sul futuro della cooperazione italiana, e su quello delle tre denominazioni. E sceglie anche di esprimere la propria opinione sulla delicata questione della recente sentenza “Consorzio della Valpolicella-Famiglie dell’Amarone”.

Secondo Lei qual è il futuro delle cooperative italiane?
Il nostro settore volge sempre più alla prospettiva dei mercati esteri ed è proprio lì che si gioca il suo futuro.
Per far sì che un'azienda lavori bene, non devono essere trascurati a mio avviso questi aspetti: gestione della denominazione, organizzazione aziendale, capacità commerciale e visioni dei mercati.
In Italia, le cooperative partono in vantaggio rispetto alle aziende private per gli aspetti appena citati. Per loro natura infatti, detengono produzione e per questo dovrebbero essere in grado di orientare i loro sforzi alla promozione della denominazione, hanno una dimensione aziendale e ciò permette un dialogo più facile con operatori esteri rispetto ai "piccoli" produttori privati italiani.
Negli ultimi anni molte cooperative stanno mettendo in atto delle aggregazioni che permettono di avere una struttura aziendale di competenze fondamentali per affrontare meglio la sfida dei mercati stranieri.

Qual è la visione dei mercati internazionali di Cantina di Soave e un obiettivo per il futuro?
Per me è fondamentale puntare sulle denominazioni, sulla qualità dei nostri prodotti e soprattutto sul valore del Made in Italy. Il futuro dipenderà da quanto saremo capaci di vendere questi elementi piuttosto che vendere "semplicemente" vino. Non dobbiamo dimenticare che le denominazioni sono un patrimonio che potrà aiutare la generazione futura di viticoltori.

Per quanto riguarda le denominazioni, Cantina di Soave è a metà strada tra le tre grandi denominazioni veronesi: Valpolicella, Soave e Durello.
Cosa pensa degli ultimi fatti legati all'Amarone?

Per quanto riguarda la sentenza di alcune settimane fa nella vertenza Consorzio della Valpolicella-Famiglie dell’Amarone, io mi trovo d'accordo.
Non poteva che essere altrimenti: un gruppo di produttori che rappresenta il 5% che avevano avviato una serie di azioni tese ad identificare la denominazione con il loro 5%. Di fronte a qualsiasi giudizio, ciò non poteva che essere visto per quello che era: un abuso nei confronti del rimanente 95% della denominazione, oltre che azione commercialmente scorretta.
Ciò non deve diventare ora motivo di vendette o rivendicazioni, ma un motivo per ricompattare e dare stabilità alla denominazione per mantenere assoluta eccellenza e privilegio che ha la Valpolicella. Non è venuta per grazia ricevuta, ma è frutto di un grandissimo lavoro e fatica. Nel 2005 abbiamo assorbito la Cantina di Illasi, entrando come attori principali nella denominazione, il Valpolicella costava meno del Soave e un terzo della produzione invenduta. Da sempre cerchiamo, anziché fare speculazione, di dare stabilità alla denominazione e dunque al territorio.

Qual è la sua versione ed opinione sulla denominazione del Soave?
Oggi le cose per il Soave vanno meglio che nel vicino passato. Il consumo è molto stabile, dopo aver sofferto negli ultimi 20 anni prezzi troppo bassi e alta competizione a causa della grande quantità prodotta, superiore a quella consumata.
Da quest’anno, per far fronte ad una produzione molto alta, c’è un elemento nuovo, ovvero il prodotto sarà utilizzato in maniera trasversale anche come Garda Spumante.
Ciò, insieme alla nuova denominazione Pinot Grigio delle Venezie, porterà via quantità di uva al Soave.
150mila quintali di Garganega e dunque du Soave in meno sul mercato permetteranno una produzione più serena senza che nessuno abbia dell'avanzo in casa.

E il Durello?
Per quanto riguarda il Durello, è un bellissimo prodotto utilizzato fino a qualche anno fa solo come prodotto da taglio. 
Noi sosteniamo che il Durello meriti una possibilità, aiutato dal trend bollicine. Anche se ha dei grandi competitori italiani e internazionali, ci sono diversi mercati dove il Durello può avere una chance.

I nuovi trend di consumo sui mercati internazionali vi hanno aperto la strada?
I trend si riflettono sui prezzi. Nel 2008 abbiamo incorporato la Cantina di Montecchia di Crosara, sono passati 9 anni e finalmente si vedono i risultati del lavoro fatto: quest'anno i prezzi delle uve di Durello sono raddoppiati rispetto al 2008.

Come lavorate per valorizzare la denominazione?
Valorizzare la denominazione significa prima di tutto suscitare entusiasmo nei viticoltori.
Se guardiamo la produttività ad oggi, siamo passati da 6000 euro ad ettaro a 12000 euro ad ettaro. Questo rende anche loro consapevoli del valore della propria terra. Per noi è importante dare valore al lavoro svolto dai nostri soci. Dove non c'è valorizzazione fatta in vigna, cadono le fondamenta.

Agnese Ceschi

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
We tasted for you Siddùra's Bacco Cagnulari Isola dei Nuraghi igt 2015 saturday 16 december

Italian Wines in the world: Bàcco Cagnulari Isola dei Nuraghi igt 2015

We tasted for you Siddùra's Bacco Cagnulari Isola dei Nuraghi igt 2015

Abbiamo degustato per voi il Bàcco Cagnulari Isola dei Nuraghi IGT 2015 dell'azienda agricola Siddùra sabato 16 dicembre

Italian Wines in the world: Bàcco Cagnulari Isola dei Nuraghi igt 2015

Abbiamo degustato per voi il Bàcco Cagnulari Isola dei Nuraghi IGT 2015 dell'azienda agricola Siddùra

Con un allestimento particolare, il Bistrot diventa set fotografico per un giorno pronto ad accogliere influencer e instagrammer. venerdi 15 dicembre

Igers Veneto, la comunità veneta di instagram, brinda al Natale al caffè Dante di Verona

Con un allestimento particolare, il Bistrot diventa set fotografico per un giorno pronto ad accogliere influencer e instagrammer.

Il Giappone rimane la nostra prima frontiera sul grande mercato asiatico. Nonostante numeri ancora abbastanza ridotti per il nostro export la curiosità nei confronti dei nostri vini è in costante crescita e sono ancora molto ampi i nostri margini di sviluppo

venerdi 15 dicembre

In Giappone, dove le potenzialità di sviluppo sono ancora tante

Il Giappone rimane la nostra prima frontiera sul grande mercato asiatico. Nonostante numeri ancora abbastanza ridotti per il nostro export la curiosità nei confronti dei nostri vini è in costante crescita e sono ancora molto ampi i nostri margini di sviluppo

Fabio Piccoli
Gorancho Boshkov, capo sommelier del ristorante Scarpetta all'iconico Fontainebleau Miami Beach Hotel, ci racconta il viaggio nel vino italiano che viene offerto ai clienti del ristorante premiato da Wine Spectator giovedi 14 dicembre

A Miami il vino italiano risveglia i ricordi dei turisti

Gorancho Boshkov, capo sommelier del ristorante Scarpetta all'iconico Fontainebleau Miami Beach Hotel, ci racconta il viaggio nel vino italiano che viene offerto ai clienti del ristorante premiato da Wine Spectator

Grande interesse per i vini di The Wine Net, prima rete dell’eccellenza della cooperazione vitivinicola italiana, in una masterclass guidata dal noto giornalista giapponese Isao Miyajima nella sede ICE di Tokyo
mercoledi 13 dicembre

The Wine Net sbarca in Giappone

Grande interesse per i vini di The Wine Net, prima rete dell’eccellenza della cooperazione vitivinicola italiana, in una masterclass guidata dal noto giornalista giapponese Isao Miyajima nella sede ICE di Tokyo

Come fare il tuo lavoro di vendita con successo? Impara a gestire la trattativa di vendita

Il Venditore di vino tradizionale è in via di estinzione

Come fare il tuo lavoro di vendita con successo? Impara a gestire la trattativa di vendita

La viticoltura tutelata dal Consorzio Vini Venezia si estende per ben due province, quella di Treviso e quella di Venezia, dalle Alpi alla laguna; tra vini locali e internazionali è il Pinot Grigio Doc Venezia che viene apprezzato dal palato estero. mercoledi 13 dicembre

Consorzio Vini Venezia - una storia con radici profonde, 5 denominazioni con un solo obiettivo: raccontare il territorio!

La viticoltura tutelata dal Consorzio Vini Venezia si estende per ben due province, quella di Treviso e quella di Venezia, dalle Alpi alla laguna; tra vini locali e internazionali è il Pinot Grigio Doc Venezia che viene apprezzato dal palato estero.

La grande crescita dell’azienda di Diego Cottini oggi una delle realtà più dinamiche e moderne nel panorama vitienologico della provincia di Verona

Monte Zovo, dove qualità fa rima con modernità

La grande crescita dell’azienda di Diego Cottini oggi una delle realtà più dinamiche e moderne nel panorama vitienologico della provincia di Verona

Nonostante tutti i sondaggi e gli esperti dichiarino il grande amore dei cinesi nei confronti del vino italiano le nostre performance restano molto modeste e soprattutto sembriamo ancora privi di una strategia seria e concreta martedi 12 dicembre

Cina, dove l’Italia del vino sbaglia tutto

Nonostante tutti i sondaggi e gli esperti dichiarino il grande amore dei cinesi nei confronti del vino italiano le nostre performance restano molto modeste e soprattutto sembriamo ancora privi di una strategia seria e concreta

Fabio Piccoli
Nuova linfa per l'enoturismo e il turismo enogastronomico italiano lunedi 11 dicembre

Nasce a Castiglione del Lago 'Il Coordinamento Nazionale delle Strade del Vino, dell'Olio e dei Sapori italiani'

Nuova linfa per l'enoturismo e il turismo enogastronomico italiano

Il festival internazionale di vino e spirits sfusi: il 26 e il 27 febbraio 2018 al The Royal Horticultural Halls di Londra lunedi 11 dicembre

L’International Bulk Wine and Spirits Show sbarca a Londra

Il festival internazionale di vino e spirits sfusi: il 26 e il 27 febbraio 2018 al The Royal Horticultural Halls di Londra

Gli Usa festeggiano la ripresa con i vini francesi lunedi 11 dicembre

Impasse italiano negli Usa, Francia allunga

Gli Usa festeggiano la ripresa con i vini francesi

Il community management, in italiano la gestione della community, è il passo successivo per coloro che hanno deciso di essere presenti online. lunedi 11 dicembre

Una community attiva è una community che converte!

Il community management, in italiano la gestione della community, è il passo successivo per coloro che hanno deciso di essere presenti online.

Elena Mazzali, esperta di Social Media Marketing


WineMeridian