Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

 
lunedi 23 luglio 2018 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com

wbwe Wine Monitor Fondazione Edmund Mach Michele Shah Tommasi WineNet https://www.poderidalnespoli.com/ https://www.cantinafrentana.it Azienda Agricola Coali roncoblanchis.it Farina Enartis Tebaldi
giovedi 07 dicembre

Le denominazioni: il vero patrimonio italiano da valorizzare

L'intervista a Bruno Trentini, direttore generale di Cantina di Soave, uno dei principali attori nel territorio veronese a cavallo tra Soave, Valpolicella e Durello


Le denominazioni: il vero patrimonio italiano da valorizzare

Il direttore Trentini con il presidente Carlesso


Soave, Valpolicella e Durello sono i segni distintivi di Cantina di Soave.
I 2200 viticoltori, suddivisi tra le tre denominazioni, rappresentano il suo vero valore fondante, fin dal 1898, anno della fondazione. Da quel momento Cantina di Soave ha intrapreso una strada di crescita che le ha permesso di diventare una delle principali e più qualificate realtà del panorama enologico italiano ed internazionale, con oltre il 50% di produzione esportato.
Abbiamo intervistato il direttore generale Bruno Trentini per scoprire con lui la sua personale visione sul futuro della cooperazione italiana, e su quello delle tre denominazioni. E sceglie anche di esprimere la propria opinione sulla delicata questione della recente sentenza “Consorzio della Valpolicella-Famiglie dell’Amarone”.

Secondo Lei qual è il futuro delle cooperative italiane?
Il nostro settore volge sempre più alla prospettiva dei mercati esteri ed è proprio lì che si gioca il suo futuro.
Per far sì che un'azienda lavori bene, non devono essere trascurati a mio avviso questi aspetti: gestione della denominazione, organizzazione aziendale, capacità commerciale e visioni dei mercati.
In Italia, le cooperative partono in vantaggio rispetto alle aziende private per gli aspetti appena citati. Per loro natura infatti, detengono produzione e per questo dovrebbero essere in grado di orientare i loro sforzi alla promozione della denominazione, hanno una dimensione aziendale e ciò permette un dialogo più facile con operatori esteri rispetto ai "piccoli" produttori privati italiani.
Negli ultimi anni molte cooperative stanno mettendo in atto delle aggregazioni che permettono di avere una struttura aziendale di competenze fondamentali per affrontare meglio la sfida dei mercati stranieri.

Qual è la visione dei mercati internazionali di Cantina di Soave e un obiettivo per il futuro?
Per me è fondamentale puntare sulle denominazioni, sulla qualità dei nostri prodotti e soprattutto sul valore del Made in Italy. Il futuro dipenderà da quanto saremo capaci di vendere questi elementi piuttosto che vendere "semplicemente" vino. Non dobbiamo dimenticare che le denominazioni sono un patrimonio che potrà aiutare la generazione futura di viticoltori.

Per quanto riguarda le denominazioni, Cantina di Soave è a metà strada tra le tre grandi denominazioni veronesi: Valpolicella, Soave e Durello.
Cosa pensa degli ultimi fatti legati all'Amarone?

Per quanto riguarda la sentenza di alcune settimane fa nella vertenza Consorzio della Valpolicella-Famiglie dell’Amarone, io mi trovo d'accordo.
Non poteva che essere altrimenti: un gruppo di produttori che rappresenta il 5% che avevano avviato una serie di azioni tese ad identificare la denominazione con il loro 5%. Di fronte a qualsiasi giudizio, ciò non poteva che essere visto per quello che era: un abuso nei confronti del rimanente 95% della denominazione, oltre che azione commercialmente scorretta.
Ciò non deve diventare ora motivo di vendette o rivendicazioni, ma un motivo per ricompattare e dare stabilità alla denominazione per mantenere assoluta eccellenza e privilegio che ha la Valpolicella. Non è venuta per grazia ricevuta, ma è frutto di un grandissimo lavoro e fatica. Nel 2005 abbiamo assorbito la Cantina di Illasi, entrando come attori principali nella denominazione, il Valpolicella costava meno del Soave e un terzo della produzione invenduta. Da sempre cerchiamo, anziché fare speculazione, di dare stabilità alla denominazione e dunque al territorio.

Qual è la sua versione ed opinione sulla denominazione del Soave?
Oggi le cose per il Soave vanno meglio che nel vicino passato. Il consumo è molto stabile, dopo aver sofferto negli ultimi 20 anni prezzi troppo bassi e alta competizione a causa della grande quantità prodotta, superiore a quella consumata.
Da quest’anno, per far fronte ad una produzione molto alta, c’è un elemento nuovo, ovvero il prodotto sarà utilizzato in maniera trasversale anche come Garda Spumante.
Ciò, insieme alla nuova denominazione Pinot Grigio delle Venezie, porterà via quantità di uva al Soave.
150mila quintali di Garganega e dunque du Soave in meno sul mercato permetteranno una produzione più serena senza che nessuno abbia dell'avanzo in casa.

E il Durello?
Per quanto riguarda il Durello, è un bellissimo prodotto utilizzato fino a qualche anno fa solo come prodotto da taglio. 
Noi sosteniamo che il Durello meriti una possibilità, aiutato dal trend bollicine. Anche se ha dei grandi competitori italiani e internazionali, ci sono diversi mercati dove il Durello può avere una chance.

I nuovi trend di consumo sui mercati internazionali vi hanno aperto la strada?
I trend si riflettono sui prezzi. Nel 2008 abbiamo incorporato la Cantina di Montecchia di Crosara, sono passati 9 anni e finalmente si vedono i risultati del lavoro fatto: quest'anno i prezzi delle uve di Durello sono raddoppiati rispetto al 2008.

Come lavorate per valorizzare la denominazione?
Valorizzare la denominazione significa prima di tutto suscitare entusiasmo nei viticoltori.
Se guardiamo la produttività ad oggi, siamo passati da 6000 euro ad ettaro a 12000 euro ad ettaro. Questo rende anche loro consapevoli del valore della propria terra. Per noi è importante dare valore al lavoro svolto dai nostri soci. Dove non c'è valorizzazione fatta in vigna, cadono le fondamenta.

Agnese Ceschi

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
L’amore per il vino italiano cresce, cerchiamo di capire i motivi di questo successo e le possibilità ancora da esplorare.
lunedi 23 luglio

Vino italiano in Cina: quali sono i nuovi trend e chi acquista i vini importati?

L’amore per il vino italiano cresce, cerchiamo di capire i motivi di questo successo e le possibilità ancora da esplorare.

Noemi Mengo
Il 21 luglio lo spumante Akènta riemergerà dal mare, un momento di spettacolo accompagnato da tanti festeggiamenti
venerdi 20 luglio

AKÈNTA DAY (& NIGHT): una giornata speciale ed uno spettacolo imperdibile

Il 21 luglio lo spumante Akènta riemergerà dal mare, un momento di spettacolo accompagnato da tanti festeggiamenti

Lo storico presidente di Slow Food ha ricordato il dovere delle imprese vitivinicole ad investire in cultura sia per “restituire” alla collettività i benefici di cui può godere sia per esaltare ulteriormente il suo legame con le risorse culturali del nostro Paese

Grazie a Carlo Petrini per averci ricordato il primato della cultura

Lo storico presidente di Slow Food ha ricordato il dovere delle imprese vitivinicole ad investire in cultura sia per “restituire” alla collettività i benefici di cui può godere sia per esaltare ulteriormente il suo legame con le risorse culturali del nostro Paese

Fabio Piccoli
Nelle fasce più giovani di consumatori interesse nei confronti di lattine e bag in box e ormai gli inglesi non evidenziano più differenze tra i tappi in sughero e quelli a vite

Le preferenze di formati e chiusure nel mercato del Regno Unito

Nelle fasce più giovani di consumatori interesse nei confronti di lattine e bag in box e ormai gli inglesi non evidenziano più differenze tra i tappi in sughero e quelli a vite

Francesco Piccoli
Intervista a Michael Blaise, Vice Presidente per la Sostenibilità di Vinventions giovedi 19 luglio

La svolta sostenibile di Vinventions

Intervista a Michael Blaise, Vice Presidente per la Sostenibilità di Vinventions

È  la consapevolezza a fare la differenza tra un buon e un ottimo manager, tra un imprenditore capace e un imprenditore di successo

Cosa ci rende buoni manager o buoni imprenditori?

È la consapevolezza a fare la differenza tra un buon e un ottimo manager, tra un imprenditore capace e un imprenditore di successo

Roberta Zantedeschi
Ecco un aggiornamento sulla tendenza in atto del consumo di vino o bevande a basso contenuto alcolico martedi 17 luglio

Low- o No-alcohol wines, sì o no?

Ecco un aggiornamento sulla tendenza in atto del consumo di vino o bevande a basso contenuto alcolico

Agnese Ceschi
La competizione, porta d’ingresso per entrare nel mercato e portavoce dei gusti dei consumatori asiatici, lancia la “call to entries” per i produttori italiani, con scadenza al 22 luglio 2018. Affrettatevi!
lunedi 16 luglio

WM rinnova la mediapartnership con l’Hong Kong International Wine and Spirits Competition

La competizione, porta d’ingresso per entrare nel mercato e portavoce dei gusti dei consumatori asiatici, lancia la “call to entries” per i produttori italiani, con scadenza al 22 luglio 2018. Affrettatevi!

Wine Export Manager Senior e Junior lunedi 16 luglio

Offerta di Lavoro

Wine Export Manager Senior e Junior

Il parere di Andrzej Sajniak, importatore polacco e titolare di Caterteam Sp.zo.o e dei punti vendita lunedi 16 luglio

Vino italiano in Polonia: quando l'alta qualità non basta

Il parere di Andrzej Sajniak, importatore polacco e titolare di Caterteam Sp.zo.o e dei punti vendita "Piccola Italia & Mediterraneo" di Varsavia

Noemi Mengo
La freschezza del Chiaretto incontra la pizza contemporanea di Renato Bosco nella terrazza estiva di Monte Zovo venerdì 20 luglio 2018. 
lunedi 16 luglio

Chiaretto&Pizza: l’aperitivo gourmet firmato Monte Zovo e Renato Bosco

La freschezza del Chiaretto incontra la pizza contemporanea di Renato Bosco nella terrazza estiva di Monte Zovo venerdì 20 luglio 2018.

Domenica 8 luglio, luna e stelle hanno fatto luce sui vigneti di Monte Gorna, a Treccastagni, ai piedi dell'Etna per un evento speciale: Notturno in Vigna. domenica 15 luglio

Nasce sull'Etna una nuova narrazione del vino

Domenica 8 luglio, luna e stelle hanno fatto luce sui vigneti di Monte Gorna, a Treccastagni, ai piedi dell'Etna per un evento speciale: Notturno in Vigna.

Lisa Sanfilippo
We have tasted for you Siddùra's Maìa Vermentino di Gallura DOCG Superiore 2016 saturday 14 july

Italian wines in the world: Siddùra's Maìa Vermentino di Gallura DOCG Superiore 2016

We have tasted for you Siddùra's Maìa Vermentino di Gallura DOCG Superiore 2016

Abbiamo degustato per voi il Maìa Vermentino di Gallura DOCG Superiore 2016 di Siddùra sabato 14 luglio

Italian wines in the world: Maìa Vermentino di Gallura docg Superiore 2016 di Siddùra

Abbiamo degustato per voi il Maìa Vermentino di Gallura DOCG Superiore 2016 di Siddùra

All'attrice inglese Helen Mirren il Premio che è diventato negli anni uno degli appuntamenti più importanti nel panorama degli eventi culturali organizzati da un’azienda vitivinicola

Premio Apollonio per gli ulivi del Salento

All'attrice inglese Helen Mirren il Premio che è diventato negli anni uno degli appuntamenti più importanti nel panorama degli eventi culturali organizzati da un’azienda vitivinicola

Il nostro sistema vitivinicolo continua ad essere refrattario ad accettare una maggiore trasparenza e gestione dei prezzi delle denominazioni, anche di quelle più importanti e in crescita. Questo determina una costante fragilità del nostro sistema e il rischio di presidiare in maniera migliore il posizionamento dei vini italiani

Il tabù dei prezzi dei vini in Italia

Il nostro sistema vitivinicolo continua ad essere refrattario ad accettare una maggiore trasparenza e gestione dei prezzi delle denominazioni, anche di quelle più importanti e in crescita. Questo determina una costante fragilità del nostro sistema e il rischio di presidiare in maniera migliore il posizionamento dei vini italiani

Fabio Piccoli
Ultimi giorni per iscriversi al tour dal 2 al 4 ottobre 2018. Ecco i motivi per cui non potete perdervelo!
venerdi 13 luglio

Partecipa al Tour Vietnam 2018 con Unexpected Italian

Ultimi giorni per iscriversi al tour dal 2 al 4 ottobre 2018. Ecco i motivi per cui non potete perdervelo!

Interview with Marco Martini, CEO of Mondodelvino SpA CEO, one of the most interesting and innovative Italian wine groups of Italy and ranked 17 among Italian wine companies in terms of sales in 2017. giovedi 12 luglio

Mondodelvino: one entity, many territories

Interview with Marco Martini, CEO of Mondodelvino SpA CEO, one of the most interesting and innovative Italian wine groups of Italy and ranked 17 among Italian wine companies in terms of sales in 2017.

L'intervista ad uno dei massimi sommelier vietnamiti Alex Thinh giovedi 12 luglio

Giovane ed orientabile: il Vietnam è una delle promesse asiatiche

L'intervista ad uno dei massimi sommelier vietnamiti Alex Thinh

Agnese Ceschi
Scopri la promozione estiva pensata per supportarti nell’internazionalizzazione e comunicazione dei tuoi prodotti nel mondo
mercoledi 11 luglio

Scegli Wine Meridian come Media partner e cambia la tua comunicazione

Scopri la promozione estiva pensata per supportarti nell’internazionalizzazione e comunicazione dei tuoi prodotti nel mondo