Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

WineMeridian
venerdi 19 gennaio 2018 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers


www.bellenda.it Tebaldi valdoca pertinace vinojobs wbwe Wine Monitor Fondazione Edmund Mach Social Meter Analysis Michele Shah Tommasi WineNet Bixio Ceccheto Farina Enartis http://www.principedicorleone.it/ Iron3 IWSC www.farinatransparency.com

Le molteplici sorprese nei consumi mondiali di vino

Da un’interessante analisi emerge una mappa di consumi di vino nel mondo alquanto imprevedibile con al comando Norfolk Island con 77,8 bottiglie pro capite, seguita da Città del Vaticano con 76. L’Italia è collocata al decimo posto con 45 bottiglie pro capite.


Le molteplici sorprese nei consumi mondiali di vino
Se è difficile avere certezze su dati produttivi, dell’export, lo è ancora di più su quelli dei consumi. Ma pur prendendo con le pinze alcune informazioni ci è sembrato molto interessante lo studio realizzato e pubblicato sul proprio sito da Movenhub, integrando vari dati dal Wine Institute alla World Bank e utilizzando i dati sui prezzi da Numbeo.
Quello che ne viene fuori è una mappa dei consumi abbastanza sorprendente che, ad esempio, mette al primo posto l’Isola di Norfolk (per chi non fosse avvezzo di geografia si tratta di una piccola isola nell’oceano Pacifico situato ad est dell’Australia, tra la Nuova Zelanda e la Nuova Caledonia) con un consumo pro capite, di ben 77,8 bottiglie (da 0,75 l). Gli stessi abitanti, circa 1.800, di questa piccola isola del Pacifico sono anche quelli che spendono di più mediamente per acquistare vino, con una spesa pro capite di 486 sterline (circa 547 euro). Superiore, addirittura, alla ricca Svizzera, che è seconda in questa classifica, dove la spesa media è di 462 sterline pro capite (circa 520 euro).
Proseguendo nell’analisi della classifica dei consumatori di vino nel mondo, al secondo posto troviamo Città del Vaticano, e qui si potrebbero fare numerose ironiche illazioni, con 76 bottiglie pro capite, e al terzo un altro piccolo Paese come l’Andorra. Dobbiamo arrivare al quarto posto per trovare una prima Nazione grande come la Croazia con 63,3 bottiglie pro capite, a cui segue il Portogallo (61,8 bottiglie), la Slovenia (57,5), la Macedonia (55,2), la Francia (54,4), la Svizzera (50) e, finalmente l’Italia, al decimo posto, con 45 bottiglie pro capite all’anno.
Tra gli altri Paesi consumatori “importanti” troviamo al 12° posto la Danimarca (37,5), al 13° l’Austria (37), al 15° la Svezia (35,4), al 16° la Germania (33,5), al 18° la Grecia (32) e al 19° l’Argentina (31,6).
E mercati del vino importanti come Usa e Regno Unito, al primo e al secondo posto dei Paesi importatori? Molto lontani nella classifica dei consumatori con il Regno Unito al 31° posto con 26,4 bottiglie pro capite e gli Usa che tuttoggi sono sotto le 14 bottiglie pro capite.
Quest’ultimo è un dato molto indicativo sulle tuttora grandi potenzialità di sviluppo del mercato statunitense che rappresenta un consumo di oltre 33 milioni di hl ma con ancora un valore pro capite molto basso e poco più del 10% di quota mercato tra le bevande alcoliche.



Fabio Piccoli

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Attualmente la produzione di Prosecco in Australia ha un valore di circa 40 milioni di euro ma è in forte crescita e potrebbe raggiungere a breve i 150 milioni di euro. Secondo alcuni osservatori la produzione di Prosecco australiano potrebbe rappresentare un beneficio anche all’immagine e posizionamento di quello italiano

Prosecco pedina di scambio nell’accordo tra UE e Australia?

Attualmente la produzione di Prosecco in Australia ha un valore di circa 40 milioni di euro ma è in forte crescita e potrebbe raggiungere a breve i 150 milioni di euro. Secondo alcuni osservatori la produzione di Prosecco australiano potrebbe rappresentare un beneficio anche all’immagine e posizionamento di quello italiano

Francesco Piccoli
Partecipa gratuitamente alla straordinaria opportunità di condividere esperienze

Pochi giorni al meeting per gli export manager di Wineout

Partecipa gratuitamente alla straordinaria opportunità di condividere esperienze

Intervista a Nicola Baù e a Roberta Crivellaro dello Studio legale Whiters giovedi 18 gennaio

Importare vini italiani in America: non ci si improvvisa

Intervista a Nicola Baù e a Roberta Crivellaro dello Studio legale Whiters

Noemi Mengo
Intervista a Julien Miquel, wine blogger di uno dei più influenti wine blog al mondo, Social Vignerons giovedi 18 gennaio

Wine influencer: quanto valore portano alla wine community e quanto accrescono la conoscenza comune del vino?

Intervista a Julien Miquel, wine blogger di uno dei più influenti wine blog al mondo, Social Vignerons

Noemi Mengo
Wine People presenta l'unico percorso personalizzato di formazione e consulenza ideato per gli imprenditori del vino che vogliono ottenere più risultati. A febbraio il primo incontro.

Cosa significa essere oggi un imprenditore del vino?

Wine People presenta l'unico percorso personalizzato di formazione e consulenza ideato per gli imprenditori del vino che vogliono ottenere più risultati. A febbraio il primo incontro.

Perché esportare nel secondo mercato più felice al mondo? martedi 16 gennaio

Danimarca: dove la felicità è di casa

Perché esportare nel secondo mercato più felice al mondo?

Agnese Ceschi
Come raccontarsi in modo efficace nell'etichetta? lunedi 15 gennaio

120 cm ² per raccontare la propria storia

Come raccontarsi in modo efficace nell'etichetta?

La più importante hub del commercio asiatico venerdi 12 gennaio

Inserirsi nel mercato cinese: perché dovreste usare Hong Kong come tramite

La più importante hub del commercio asiatico

Noemi Mengo
Chi sono i wine influencer cinesi? Lo scopriamo assieme… giovedi 11 gennaio

Come essere influenti in Cina

Chi sono i wine influencer cinesi? Lo scopriamo assieme…

Redazione Wine Meridian
Finalmente ci siamo: a febbraio partirà il WinePeople Campus sulla Vendita. Vogliamo creare professionisti di successo nella vendita del vino italiano nel mondo! Richiedi un colloquio informativo

Il primo corso per imparare a vendere vino nel mondo e in Italia

Finalmente ci siamo: a febbraio partirà il WinePeople Campus sulla Vendita. Vogliamo creare professionisti di successo nella vendita del vino italiano nel mondo! Richiedi un colloquio informativo

Parte l’8 febbraio il primo Wine Campus Imprenditori, un percorso in 8 tappe per diventare imprenditori del vino consapevoli del proprio ruolo nella gestione dell’impresa, sullo stato di salute della propria azienda, delle dinamiche dei mercati, del come costruirsi una identità riconoscibile, degli strumenti di marketing e di comunicazione

Diventare imprenditori del vino consapevoli

Parte l’8 febbraio il primo Wine Campus Imprenditori, un percorso in 8 tappe per diventare imprenditori del vino consapevoli del proprio ruolo nella gestione dell’impresa, sullo stato di salute della propria azienda, delle dinamiche dei mercati, del come costruirsi una identità riconoscibile, degli strumenti di marketing e di comunicazione

Fabio Piccoli
Il ricordo di un uomo che ha saputo sperimentare personalmente, nell’arco di una vita, la condizione umana di tre epoche

In onore di Gualtiero Marchesi

Il ricordo di un uomo che ha saputo sperimentare personalmente, nell’arco di una vita, la condizione umana di tre epoche

Vincenzo Ercolino


WineMeridian