Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

sfondo_wm
martedi 17 settembre 2019 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com


Corte De Pieri www.ilvinocomunica.it https://www.accordinistefano.it/ http://www.cantinavicobarone.com/ Vigna Belvedere italian wine academy https://www.marchesibarolo.com/ http://www.varramista.it/it/ STUDIO GIURI http://www.grafical.it/it/ www.prosecco.wine Farina Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ Tebaldi valdoca pertinace vinojobs Wine Monitor Cantina Santa Maria La Palma Fondazione Edmund Mach Siddura WineNet CVA Canicatti Bixio https://www.cantinafrentana.it
venerdi 14 giugno 2019

Le potenzialità del "vulcano"

Abbiamo intervistato il master sommelier John Szabo su una delle categorie più affascinanti ed emergenti oggi


Le potenzialità del

John Szabo


È una delle categorie più affascinanti ed emergenti del mondo del vino oggi, un ramo ancora non del tutto esplorato in tutte le sue reali potenzialità comunicative: i vini vulcanici.
Per comprendere meglio in che direzione sta andando questa categoria di vini abbiamo interpellato un esperto. Elencato come "il sommelier più famoso del Canada" da Meininger’s, partner e principale critico di WineAlign.com, la più grande pubblicazione di vini canadese, John Szabo è diventato negli ultimi 10 anni il principale esperto (e “fan” come lui stesso si definisce) di vini vulcanici. Ma cosa sottende questa espressione? Cosa sono i vini vulcanici? Lo abbiamo chiesto proprio a lui, che nel 2018 ha organizzato la prima convention internazionale sui vini vulcanici a New York, dunque investendo e promuovendo un maggiore promozione di questi vini nel mondo. 

Come definirebbe i vini vulcanici?
I vini vulcanici sono semplicemente vini ottenuti da viti coltivate in terreni vulcanici. E sebbene i confini della definizione di "suolo vulcanico" non siano chiaramente definiti, né condivisi da tutti, la mia definizione è "suolo derivato da materiale vulcanico originario, roccia ignea estrusiva specifica, nonché aree che sono state coperte da quantità significative di materiale piroclastico - tutto ciò che viene espulso da una cenere vulcanica". La categoria è quindi molto ampia e approfondita.

Qual è il potenziale di questo "brand", se può essere considerato tale?
Non sono un esperto di marketing, quindi per me è difficile parlare di un "brand" di vino vulcanico, per me è più una categoria, un'ampia classificazione del vino che comprende molti Paesi, dozzine di regioni e varietà di uva e stili di vino. Tuttavia, la categoria dei vini vulcanici ha certamente suscitato un grande interesse in tutto il mondo da parte di produttori, commercianti e consumatori, quindi penso che ci sia un notevole potenziale per gli esperti di marketing di capitalizzare questa associazione con i vini vulcanici.

I clienti riconoscono la differenza tra i vini vulcanici e non vulcanici al giorno d'oggi o dobbiamo investire il nostro tempo per promuoverli di più?
Nel mondo del vino, c'è sempre più bisogno di educazione, più storytelling, più comunicazione, non importa quanto sia nota la regione o lo stile del vino. Immagino che solo i consumatori di vini seriamente impegnati saprebbero qualcosa sui vini vulcanici. Ma non ho mai incontrato nessuno che non fosse per niente affascinato dal concetto e desideroso di saperne di più.

Ci sono Paesi nel mondo in cui questi vini sono maggiormente apprezzati?

Penso che si possa parlare di più di mercati individuali che di interi Paesi. Centri internazionali e multiculturali come New York e San Francisco, Londra, Toronto e Montreal - per citarne alcuni - dove si trovano maggiore consapevolezza e apprezzamento, infatti ho visto sezioni dedicate ai vini vulcanici nelle carte vini di tutte queste città. Paesi particolarmente ricchi di produzione vinicola e altamente vulcanici come l'Italia hanno certamente un vantaggio comunicativo rispetto ai Paesi con meno regioni vinicole vulcaniche, come ad esempio la Francia. Ma questo non vuol dire che la categoria non possa essere ugualmente apprezzata ovunque, in fondo la categoria trascende i confini e le preferenze del vino. C'è un vino vulcanico per ogni bevitore di vino.

Pensa che le aziende italiane stiano facendo bene nel produrre e comunicare questa tipologia di vino?
L'Italia è decisamente avanti nella partita. Il Consorzio del Soave, ad esempio, ha lanciato per la prima volta il suo messaggio sui vini vulcanici una decina di anni fa e anche la crescente ascesa della popolarità dei vini dell'Etna nello stesso periodo ha contribuito a consolidare il messaggio. Anche altre regioni stanno capitalizzando, come i Colli Euganei che per ora hanno uno splendido paesaggio vulcanico ma vini meno conosciuti. Pitigliano, gran parte della Campania, il Vulture, l’Alto Piemonte ... L'Italia è un paese ricco di grandi vini provenienti da territori vulcanici, quindi c'è una grande opportunità di creare un messaggio collettivo che andrebbe a beneficio di ogni regione.

L'anno scorso ha organizzato per la prima volta la convention internazionale sui Vini Vulcanici: perché ha scelto di "investire" su questo?
Per me è una questione di educazione e condivisione del mio innamoramento per questa fantastica categoria di vini che comprende un'incredibile varietà di prodotti. Ma "investire" è il termine giusto - è un grande sforzo, si potrebbe dire un progetto di passione, certamente non commerciale!

Quali sono i prossimi eventi a cui parteciperà?
Sono stato a Soave il 18 maggio per una degustazione di vini bianchi vulcanici Soave e altre selezioni internazionali che ha celebrato il decimo anniversario di quando il Soave per la prima volta ha parlato di questi vini. Sono stato poi a Padova per una degustazione di vini rossi vulcanici dei Colli Euganei e alcune regioni ospiti all'evento annuale di Vulcanei. E a parte la seconda conferenza annuale sul vino vulcanico a New York, il 5 giugno, sarò anche in British Columbia e ad Auckland, in Nuova Zelanda, per eventi vulcanici durante l'estate. Il mio libro mi ha dato un'incredibile opportunità di viaggiare e condividere buoni bicchieri di vini vulcanici in tutto il mondo.
Le potenzialità del
Agnese Ceschi

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Si è conclusa la terza edizione di Wine Manager Day, da quest’anno aperto a molte più figure del comparto. Momenti di formazione ed uno spazio per fare network, eccovi raccontata la giornata dei manager del vino. 
martedi 17 settembre 2019

Wine Manager Day 2019: in gioco le emozioni

Si è conclusa la terza edizione di Wine Manager Day, da quest’anno aperto a molte più figure del comparto. Momenti di formazione ed uno spazio per fare network, eccovi raccontata la giornata dei manager del vino.

We have tasted for you Bosco Viticultori's Canal Grando Rosso Venezia DOC tuesday 17 september 2019

Italian wines in the world: Bosco Viticultori's Canal Grando Rosso Venezia DOC

We have tasted for you Bosco Viticultori's Canal Grando Rosso Venezia DOC

Un rapido sguardo al report Drinks Market Analysis Global di IWSR. Oltre al vino, i dati relativi alle principali categorie del settore Beverage mondiale
lunedi 16 settembre 2019

Diminuiscono i consumi ma aumenta il valore del prodotto

Un rapido sguardo al report Drinks Market Analysis Global di IWSR. Oltre al vino, i dati relativi alle principali categorie del settore Beverage mondiale

Noemi Mengo
Abbiamo degustato per voi Canal Grando Rosso Venezia DOC di Bosco Viticultori sabato 14 settembre 2019

Italian wines in the world: Canal Grando Rosso Venezia DOC di Bosco Viticultori

Abbiamo degustato per voi Canal Grando Rosso Venezia DOC di Bosco Viticultori

La rivista britannica World of fine Wine premia l'eccellenza della carta vini de La Bottega del Vino venerdi 13 settembre 2019

La Bottega del Vino eletta "Miglior Carta Vini del Mondo per i Vini da Dessert 2019"

La rivista britannica World of fine Wine premia l'eccellenza della carta vini de La Bottega del Vino

Tante novità in questa seconda edizione, ed uno sguardo più attento alle nuove generazioni venerdi 13 settembre 2019

Dal 6 al 13 ottobre torna "Milano Wine Week", palcoscenico del vino nella città meneghina

Tante novità in questa seconda edizione, ed uno sguardo più attento alle nuove generazioni

Che il mercato del vino stia attraversando una fase non facile alla luce soprattutto di numerose incognite è sempre più evidente, ma talvolta la paura di alcuni imprenditori e manager rischia di peggiorare notevolmente la situazione
venerdi 13 settembre 2019

Quando la paura fa più danni dei problemi reali

Che il mercato del vino stia attraversando una fase non facile alla luce soprattutto di numerose incognite è sempre più evidente, ma talvolta la paura di alcuni imprenditori e manager rischia di peggiorare notevolmente la situazione

Fabio Piccoli
Il parere degli esperti influenza gli acquisti dei consumatori, ma ottenere un rating alto non starà diventando un’ossessione per i produttori?
giovedi 12 settembre 2019

96/100? Ma dove ho sbagliato?

Il parere degli esperti influenza gli acquisti dei consumatori, ma ottenere un rating alto non starà diventando un’ossessione per i produttori?

Noemi Mengo
Wine Export Manager Day è l’evento che non ti aspetti. Non perdertelo il 16 settembre a FICO Eataly World (Bologna), rimangono ancora pochi posti!
mercoledi 11 settembre 2019

5 motivi per non perdere il WEMDAY 2019 se non ti sei ancora iscritto

Wine Export Manager Day è l’evento che non ti aspetti. Non perdertelo il 16 settembre a FICO Eataly World (Bologna), rimangono ancora pochi posti!

Secondo IWSR il vino biologico raggiungerà 87,5 milioni a livello globale entro il 2022. I mercati europei guidano la domanda.
mercoledi 11 settembre 2019

Vino biologico in crescita in 5 mercati del mondo

Secondo IWSR il vino biologico raggiungerà 87,5 milioni a livello globale entro il 2022. I mercati europei guidano la domanda.

Noemi Mengo
We have tasted for you Marchesi di Barolo's Barbera d'Alba DOC Peiragal 2017 wednesday 11 september 2019

Italian wines in the world: Marchesi di Barolo's Barbera d'Alba DOC Peiragal 2017

We have tasted for you Marchesi di Barolo's Barbera d'Alba DOC Peiragal 2017

Abbiamo degustato per voi il Rosé Brut Le Torri 2018 dell'azienda Le Torri mercoledi 11 settembre 2019

Italian wines in the world: Rosé Brut Le Torri 2018 dell'azienda Le Torri

Abbiamo degustato per voi il Rosé Brut Le Torri 2018 dell'azienda Le Torri

Giovanna Romeo
Nel mese delle previsioni, a vendemmia in corso, i tecnici viticoltori del territorio raccontano una stagione produttiva ricca di aspettative. martedi 10 settembre 2019

Pinot grigio delle Venezie DOC sulla Vendemmia 2019: quando la viticoltura crea valore

Nel mese delle previsioni, a vendemmia in corso, i tecnici viticoltori del territorio raccontano una stagione produttiva ricca di aspettative.

L'azienda trevigiana rinuncia definitivamente al termine prosecco prediligendo invece “Valdobbiadene DOCG” in tutti i canali comunicativi e sulle etichette martedi 10 settembre 2019

La coraggiosa scelta di Col Vetoraz: produrre solo "Valdobbiadene Docg"

L'azienda trevigiana rinuncia definitivamente al termine prosecco prediligendo invece “Valdobbiadene DOCG” in tutti i canali comunicativi e sulle etichette

A WEMDAY 2019 uno degli interventi sarà presidiato da Vincenzo Russo, docente di psicologia e neuromarketing all’Università IULM
martedi 10 settembre 2019

Vino e Neuromarketing: ce ne parla Vincenzo Russo

A WEMDAY 2019 uno degli interventi sarà presidiato da Vincenzo Russo, docente di psicologia e neuromarketing all’Università IULM

Noemi Mengo
A WEMDay 2019, lunedì 16 settembre, 5 interventi per diventare manager consapevoli
martedi 10 settembre 2019

Wine Export Manager Day: gli speaker vi aspettano

A WEMDay 2019, lunedì 16 settembre, 5 interventi per diventare manager consapevoli

Il vino realizzato congiuntamente da Masi e Vespa ha fatto scaturire un mare di polemiche per aver “sfruttato” in maniera scorretta il prestigio di due denominazioni come quella dell’Amarone della Valpolicella e del Primitivo di Manduria. Ma se la questione vera non fosse nella comunicazione sbagliata?
lunedi 09 settembre 2019

Terregiunte, le polemiche nascondono la “rivoluzione”

Il vino realizzato congiuntamente da Masi e Vespa ha fatto scaturire un mare di polemiche per aver “sfruttato” in maniera scorretta il prestigio di due denominazioni come quella dell’Amarone della Valpolicella e del Primitivo di Manduria. Ma se la questione vera non fosse nella comunicazione sbagliata?

Fabio Piccoli
Un’azienda legata alla nobile storia italiana, in varie sfaccettature, che oggi vuole crescere e rinnovarsi, senza dimenticare le proprie origini
lunedi 09 settembre 2019

Fattoria Varramista: una sfida per il futuro, che cresce su radici antiche

Un’azienda legata alla nobile storia italiana, in varie sfaccettature, che oggi vuole crescere e rinnovarsi, senza dimenticare le proprie origini

Noemi Mengo
La Mosella, il mercato americano e non solo: ecco cosa ci raccontano i produttori. 
domenica 08 settembre 2019

Il Riesling renano ama gli Stati Uniti

La Mosella, il mercato americano e non solo: ecco cosa ci raccontano i produttori.

Giovanna Romeo


sfondo_wm