Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

WineMeridian
martedi 22 agosto 2017 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers


Farina http://www.principedicorleone.it/ mackenzie Iron3 Consorzio Soave InternationalWineTraders IWSC www.farinatransparency.com Tebaldi MIB valdoca pertinace vinojobs Cortemoschina IWSC registration Wine Monitor Fondazione Edmund Mach Social Meter Analysis Michele Shah Siddura winethics Vini Cina WineNet Bixio

Le potenzialità “uniche” del Nebbiolo in Sud Africa

Importanti aziende del vino sudafricane stanno investendo nel Nebbiolo considerata una varietà capace di adattarsi al meglio al loro terroir. Cresce l'interesse e l'investimento nelle nostre varietà in vari paesi produttori nel mondo, un aspetto che fa riflettere


Le potenzialità “uniche” del Nebbiolo in Sud Africa
“Dopo le Langhe, siamo noi il miglior terroir per il Nebbiolo”, questo ha dichiarato recentemente Andrew Gunn, titolare di Iona Estate una delle realtà vitivinicole più interessanti nella zona di Elgin in Sud Africa.
Gunn ritiene vi siano incredibili similitudini tra il clima “cool” di Langrug nella zona di Elgin e la nota regione produttiva piemontese.
E’ incredibile come, da quando abbiamo iniziato ad interessarci maggiormente del tema dell’utilizzo di varietà italiane da parte di altre realtà produttive internazionali, non passi giorno che ci arrivino news di questa natura da varie parti del mondo.
L’ultima in ordine di tempo è stata ripresa dal noto magazine inglese The Drink Business che nel numero di luglio ha pubblicato un articolo dal titolo inequivocabile “Nebbiolo ha “unique” potential in South Africa” dove appunto viene raccontata l’esperienza di Iona Estate.
Nell’articolo sempre Andrew Gunn sembra voglia rassicurare i produttori di Langa affermando che “non ha nessuna intenzione di emulare il Barolo o il Barbaresco ad Elgin….ma pensa di ottenere un Nebbiolo più fruttato attraverso un uso moderato di barrique in legno nuovo per poter arrivare ad un vino unico capace di esaltare in maniera straordinaria il frutto e il tannino di questa varietà”.
Questa ispirazione produttiva per Gunn è derivata da un viaggio di 9 in Langa assieme alla moglie nel 2014 dove ha percorso a piedi ben 220 km.
Una fully immersion langarola che l’ha portato nel 2015 a piantare 1,5 ettari di Nebbiolo nella sua nuova tenuta di 14 ettari ad Elgin e l’anno successivo altri 1,2 ettari.
Purtroppo nel giugno scorso l’azienda è stata al centro di un incendio devastante (sempre più frequenti nelle aree vitivinicole sudafricane) che ha colpito in particolare i vigneti di Sauvignon Blanc ma al quale ha resistito “in maniera imprevedibile”, ha detto Gunn, proprio il Nebbiolo.
Ma aldilà della maggiore resistenza agli incendi del Nebbiolo, anche questa notizia di The Drink Business, evidenzia un crescente e rinnovato interesse di molte aree produttive mondiali nei confronti delle nostre varietà.
Una richiesta che è dettata in particolare dalla crescente percezione della capacità di molte delle nostre varietà di regalare vini unici ad alto valore di riconoscibilità.
Si tratta di un dato inequivocabile che spesso purtroppo proprio noi non riusciamo a riconoscere ed esaltare.
Sarebbe paradossale che un giorno si parlasse di Nebbiolo, Sangiovese, Nero d’Avola coltivati in Australia o in Sudafrica che sono riusciti a rendere famose aziende, terroir oggi molto meno conosciuti.
Non solo, questa accelerazione delle mutazioni climatiche sta facendo “studiare” sempre di più molte aree produttive mondiali a quali possono essere alternative varietali adeguate e spesso molte nostre varietà appaiono oggi più interessanti rispetto ad altre internazionali.
Speriamo che questo insegnamento che arriva da lontano ci aiuti a capire meglio i nostri valori.

Fabio Piccoli

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Lunedì 18 settembre a Verona si terrà il Wine Export Manager Day, il primo appuntamento dedicato esclusivamente agli export manager del vino italiano. Un evento dove confrontarsi sul tema dell’export e soprattutto sul ruolo strategico di questa figura professionale fondamentale per il settore vitivinicolo italiano

Wine Export Manager Day: partecipa il 18 settembre alla prima giornata dell’Export Manager del vino

Lunedì 18 settembre a Verona si terrà il Wine Export Manager Day, il primo appuntamento dedicato esclusivamente agli export manager del vino italiano. Un evento dove confrontarsi sul tema dell’export e soprattutto sul ruolo strategico di questa figura professionale fondamentale per il settore vitivinicolo italiano

Una ricerca sull'enoturismo condotta da MIB Trieste School of Management e Wine Intelligence mercoledi 16 agosto

I vini friulani tra export ed ospitalità

Una ricerca sull'enoturismo condotta da MIB Trieste School of Management e Wine Intelligence

Con la nuova linea “Le Comete” la nota azienda altoatesina si conferma essere una delle più visionarie nel panorama vitienologico italiano. Intervista a Clemens Lageder

Sulle Comete di Alois Lageder per guardare più lontano

Con la nuova linea “Le Comete” la nota azienda altoatesina si conferma essere una delle più visionarie nel panorama vitienologico italiano. Intervista a Clemens Lageder

Fabio Piccoli
Per tutti gli interessati ad accrescere il proprio know-how sul business del vino, la MIB Trieste School of Management apre le iscrizioni al programma Wine Business Management (WBM) che inizierà il prossimo 30 novembre 2017. giovedi 10 agosto

Un Master per il Business del Vino

Per tutti gli interessati ad accrescere il proprio know-how sul business del vino, la MIB Trieste School of Management apre le iscrizioni al programma Wine Business Management (WBM) che inizierà il prossimo 30 novembre 2017.

Lo dice il rapporto sul primo semestre 2017 dell'Italian Wine and Food Institute mercoledi 09 agosto

L'Italia mantiene le posizioni nel mercato USA

Lo dice il rapporto sul primo semestre 2017 dell'Italian Wine and Food Institute

Lo dice il giovane talento Oliver Zhou, tra i fondatori della piattaforma cinese Vinehoo.com martedi 08 agosto

Il vino italiano? Ha bisogno di una voce unificata che si rivolga ai giovani consumatori cinesi

Lo dice il giovane talento Oliver Zhou, tra i fondatori della piattaforma cinese Vinehoo.com

Agnese Ceschi
We tasted for you Paternoster winery’s Vulcanico, Basilicata IGT Falanghina 2016 sabato 05 agosto

Italian Wines in the World: Paternoster’s Vulcanico, Basilicata IGT Falanghina 2016

We tasted for you Paternoster winery’s Vulcanico, Basilicata IGT Falanghina 2016

Lorena Lancia (best sommelier FISAR 2016)
Intervista a tutto campo a Riccardo Cotarella, presidente di Assoenologi e tra i principali protagonisti della vitienologia moderna

Umile e competente sul mercato: l’identikit dell’enologo del futuro

Intervista a tutto campo a Riccardo Cotarella, presidente di Assoenologi e tra i principali protagonisti della vitienologia moderna

Fabio Piccoli
Presentato ufficialmente durante l’ultima edizione di Vinexpo a Bordeaux, è risultato come una delle novità enologiche più interessanti e per certi aspetti trasgressive che testimonia ancora una volta il coraggio innovativo dell’azienda Piccini giovedi 03 agosto

Mario Primo, quando il Chianti diventa trasgressivo

Presentato ufficialmente durante l’ultima edizione di Vinexpo a Bordeaux, è risultato come una delle novità enologiche più interessanti e per certi aspetti trasgressive che testimonia ancora una volta il coraggio innovativo dell’azienda Piccini

Il mondo del vino a metà tra Fast e Slow Brain presenta caratteristiche uniche rispetto ad altri settori merceologici mercoledi 02 agosto

Veloce o lento?

Il mondo del vino a metà tra Fast e Slow Brain presenta caratteristiche uniche rispetto ad altri settori merceologici

Agnese Ceschi
Tra le straordinarie peculiarità del cibo, delle produzioni tipiche della terra vi è quella della naturale tolleranza ed integrazione culturale. Lo straordinario esempio della prima esperienza dello Scirocco Wine Fest, dove culture enogastronomiche del Mediterraneo si incontrano

Nel cibo le “diversità” uniscono

Tra le straordinarie peculiarità del cibo, delle produzioni tipiche della terra vi è quella della naturale tolleranza ed integrazione culturale. Lo straordinario esempio della prima esperienza dello Scirocco Wine Fest, dove culture enogastronomiche del Mediterraneo si incontrano

Lavinia Furlani
Intervista al General Manager, Roberto Sanso, del ristorante italiano Quattro Gastronomia Italiana a South Beach lunedi 31 luglio

Ristorazione a Miami: il rapporto vino-piatto è fondamentale nella scelta del consumatore

Intervista al General Manager, Roberto Sanso, del ristorante italiano Quattro Gastronomia Italiana a South Beach

Agnese Ceschi
Si è aperta a Gibellina la prima edizione dello Scirocco Wine Fest, un evento innovativo che vuole fare della Sicilia il punto di riferimento della vitienologia del Mediterraneo

Scirocco Wine Fest, quando il vino unisce il Mediterraneo

Si è aperta a Gibellina la prima edizione dello Scirocco Wine Fest, un evento innovativo che vuole fare della Sicilia il punto di riferimento della vitienologia del Mediterraneo

Fabio Piccoli
We tasted for you Paolo Leo’s Dorso Rosso, Puglia IGT Negroamaro 2013 sabato 29 luglio

Italian Wines in the World: Paolo Leo’s Dorso Rosso, Puglia IGT Negroamaro 2013

We tasted for you Paolo Leo’s Dorso Rosso, Puglia IGT Negroamaro 2013

Lorena Lancia (miglior sommelier FISAR 2016)


WineMeridian