Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

sfondo_wm
venerdi 23 agosto 2019 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com


Corte De Pieri www.ilvinocomunica.it https://www.accordinistefano.it/ http://www.cantinavicobarone.com/ Vigna Belvedere italian wine academy https://www.marchesibarolo.com/ http://www.varramista.it/it/ http://www.grafical.it/it/ www.prosecco.wine Farina Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ Tebaldi valdoca pertinace vinojobs Wine Monitor Cantina Santa Maria La Palma Fondazione Edmund Mach Siddura WineNet CVA Canicatti Bixio https://www.cantinafrentana.it
venerdi 31 maggio 2019

Le regole del B2B

Cosa è importante sapere per affrontare con consapevolezza eventi b2b nel mondo?
Ecco alcune semplici regole che è importante conoscere.


Le regole del B2B
Nella nostra attività di organizzatori o di partner nell’organizzazione di eventi b2b spesso ci imbattiamo in aziende che non conoscono quali sono gli aspetti fondamentali di questa tipologia di iniziative. Anche durante la nostra ultima tappa di Singapore ci siamo resi conto che non tutte le aziende presenti all’evento erano preparate al meglio al fine di capitalizzare le potenziali opportunità.

Si tratta di regole fondamentali, a nostro parere, al fine di poter, da un lato essere coscienti di quali sono le reali possibilità di successo di questi eventi, dall’altro di come presentarsi al meglio.Ma prima di addentrarci sulle “regole chiave” ci teniamo a fare un'importante premessa: un evento b2b non può e non deve essere giudicato “solo” per i “buoni” buyer che incontrerete ma deve essere un’occasione importantissima per approfondire le caratteristiche del mercato al quale vi state approcciando. 


Per questa ragione non dovete mai solo preoccuparvi della vostra comunicazione ma dovete amplificare al massimo la vostra capacità di ascolto.
Altra premessa da ricordare è che chi organizza gli eventi b2b può mettervi a disposizione un “contenitore” perfetto sia in termini di soggetti invitati e presenti all’evento, sia in termini comunicativi, ma siete voi a dover essere in grado di sfruttare l’occasione, nessuno può fare il lavoro al posto vostro.


Partiamo dalla domanda chiave, che ci viene posta spesso anche durante i nostri percorsi formativi: “Quali sono le reali possibilità di successo che possono scaturire da un evento b2b?”. Che tradotto significa: “Riuscirò a trovare l’importatore giusto per la mia azienda?”.
Ovviamente non esiste una risposta precisa, cioè un dato statistico certo che si ripete in ogni evento, ma alla luce della nostra esperienza possiamo affermare i seguenti aspetti:


1) la redemption (cioè il successo) che può scaturire dalla partecipazione per la prima volta ad un’iniziativa b2b oscilla tra il 20 e il 30% (significa che dopo gli incontri realizzati nel giro di un mese può partire il primo ordine);
2) il possibile successo di un evento b2b lo si deve misurare anche nell’arco dei sei mesi/un anno successivi allo svolgimento dell’iniziativa se è stato seguito da un corretto follow up;
3) le probabilità di successo degli eventi b2b aumentano enormemente se vengono ripetuti sullo stesso mercato per almeno 2/3 anni (e questo non solo perché si aumentano le occasioni di incontro con i partner commerciali più adeguati ma anche perché si viene percepiti come aziende capaci di investire nel tempo in un determinato mercato).


Alla luce dei tre elementi sopra descritti è evidente che vi sono regole molto importanti che vanno rispettate al fine di aumentare le possibilità di successo in un b2b che possiamo sintetizzare nelle seguenti attività, non necessariamente in ordine di importanza:
1) presentarsi con le tipologie di vino maggiormente indicate per il mercato target dell’evento;
2) avere un adeguato materiale di presentazione dell’azienda e dei prodotti (schede tecniche, brochure, immagini, video, ecc.) possibilmente nella lingua del Paese target dell’evento;
3) avere una competenza linguistica adeguata per gestire la presentazione e la trattativa con i buyer;
4) scegliere sempre un prodotto “apripista” capace di facilitare il percorso di riconoscibilità (può essere scelto in relazione al rapporto qualità/prezzo, in quanto estremamente rappresentativo dell’azienda o perché è stato insignito di un importante riconoscimento da parte della critica enologica più autorevole);
5) avere un listino prezzi costruito appositamente per affrontare in maniera competitiva il mercato target dell’evento;
6) saper riconoscere in maniera tempestiva i propri interlocutori durante gli incontri (aspetto fondamentale soprattutto nei b2b realizzati attraverso il cosiddetto walk around tasting);
7) gestire al meglio il cosiddetto follow up.


Un approfondimento a parte meritano proprio i due ultimi aspetti sopra riportati: la profilazione corretta gli operatori incontrati e il follow up successivo all’evento. Riconoscere in maniera adeguata gli operatori che si incontrano durante i b2b è fondamentale al fine di saper gestire al meglio sia la presentazione che i tempi. In particolare, questo assume importanza nei cosiddetti walk around tasting durante i quali non si hanno appuntamenti programmati su agenda ma gli operatori si fermano davanti alle postazioni delle aziende in maniera “casuale”. 


È pertanto essenziale in questi contesti essere in grado di riconoscere velocemente il profilo dei vostri interlocutori al fine di non “perdere troppo tempo” con operatori non interessanti per la vostra realtà. In questa direzioni diventa importantissimo rivolgere alcune semplici domande prima di partire con il “pilota automatico” della presentazione. Ci capita spesso di assistere a presentazioni di aziende e di prodotti senza che prima il produttore o l’export manager abbia chiaro chi è il proprio interlocutore.


Capire bene chi si ha di fronte è un pre requisito fondamentale per tarare al meglio la propria presentazione, la scelta corretta dei vini, l’impostazione di una possibile trattativa.
Ma conoscere bene i profili di chi si è incontrato significa anche essere maggiormente coscienti delle reali potenzialità di successo del proprio evento e di come gestire al meglio il follow up.


Ed eccoci, infine, al tanto “odiato” follow up, croce e delizia di ogni produttore od export manager.
Il follow up ideale, infatti, parte subito dopo l’incontro quando si scrivono in un foglio, dopo aver appuntato il biglietto da visita, gli elementi chiave dell’appuntamento realizzato (profilo dell’operatore, eventuali richieste, punti di forza emersi ed eventuali negatività espresse). Un lavoro che si deve ampliare ulteriormente la sera appena si rientra nella propria stanza al fine di garantirsi che nessuna informazione venga dispersa dalla stanchezza, confusione, jet lag.


I cosiddetti report appaiono spesso un peso, ed è comprensibile alla luce di un lavoro spesso stancante, ma quanti successi abbiamo registrato da parte di manager che sono stati in grado di realizzare una reportistica adeguata.
Il follow up deve ovviamente proseguire anche una volta tornati a casa a partire dall’obbligatorio invio dei ringraziamenti ai vari operatori incontrati. E non deve essere un ringraziamento di “maniera” ma assolutamente “personalizzato”. Far percepire al proprio interlocutore che siete stati in grado di capire al meglio le sue caratteristiche e le sue aspettative è un requisito chiave per aumentare le possibilità di successo anche in chiave prospettiva (talvolta i risultati possono arrivare anche dopo tre anni da un primo incontro se si è gestito al meglio nel tempo il proprio follow up).


A volte ci viene chiesto: “Ma quanto è corretto insistere con un potenziale importatore?”. Qui la risposta risiede più nel buonsenso che in una specifica regola. Dalla nostra esperienza possiamo affermare che l’invio di una mail ogni paio di mesi non è certo invasiva soprattutto se serve per informare il proprio interlocutore di alcune vostre iniziative (partecipazione a fiere dove magari potreste incontrare nuovamente i buyer che avete visto nei vostri b2b precedenti; comunicazione di vostri nuovi prodotti; annuncio di qualche riconoscimento importante per qualche vostra etichetta; ecc.).


In conclusione, senza la pretesa di essere stati esaustivi, si deve considerare un evento b2b non come un appuntamento che si esaurisce nelle giornate di svolgimento ma che è caratterizzato da una fase di corretta preparazione, di un momento di realizzazione dove la vostra capacità comunicativa e relazionale deve essere al meglio ed infine con un follow up che deve accettare la sfida della pazienza e del tempo.
Il successo del business, infatti, è nelle mani non solo di chi ha i prodotti adeguati, la comunicazione corretta, ma anche di chi si dota della giusta pazienza, costanza e determinazione.




Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Da una nostra indagine emerge come la comunicazione, sia quella tradizionale che attraverso i social media, continua ad essere una leva utilizzata poco e male da molte imprese vitivinicole del nostro paese venerdi 23 agosto 2019

Comunicazione: tutti ne parlano, pochi la fanno

Da una nostra indagine emerge come la comunicazione, sia quella tradizionale che attraverso i social media, continua ad essere una leva utilizzata poco e male da molte imprese vitivinicole del nostro paese

Fabio Piccoli
A quasi un anno dal riconoscimento, il Soave festeggia con i suoi wine lovers il prestigioso riconoscimento e parlerà di cru ed enoturismo
giovedi 22 agosto 2019

Soave Versus, 3 giorni per celebrare il Soave, patrimonio agricolo globale

A quasi un anno dal riconoscimento, il Soave festeggia con i suoi wine lovers il prestigioso riconoscimento e parlerà di cru ed enoturismo

Cinque tra le maggiori realtà esperte del proprio settore saliranno sul palco del Wine Export Manager Day come sponsor il prossimo 16 settembre giovedi 22 agosto 2019

Wemday 2019: chi sono i nostri sponsor?

Cinque tra le maggiori realtà esperte del proprio settore saliranno sul palco del Wine Export Manager Day come sponsor il prossimo 16 settembre

Abbiamo chiesto alcune anticipazioni a 3 dei 5 relatori che saranno sul palco del Wine Export Manager Day il 16 settembre a FICO- Bologna mercoledi 21 agosto 2019

Contrattualistica internazionale, data analysis e fenomeno biologico: ecco tre dei cinque interventi del WEMDay

Abbiamo chiesto alcune anticipazioni a 3 dei 5 relatori che saranno sul palco del Wine Export Manager Day il 16 settembre a FICO- Bologna

Agnese Ceschi
Una ricerca condotta da Bytek sulle query online dal 2015 al 2018, ci svela le varietà più cercate dai consumatori dei paesi del G7
mercoledi 21 agosto 2019

Qual è il vino più digitato sui motori di ricerca?

Una ricerca condotta da Bytek sulle query online dal 2015 al 2018, ci svela le varietà più cercate dai consumatori dei paesi del G7

Noemi Mengo
Intervista a Filippo Magnani, fondatore dell’agenzia Fufluns, che con il 2019 festeggia i vent’anni di attività
mercoledi 21 agosto 2019

Enoturismo: il lifestyle italiano al centro del legame con il consumatore

Intervista a Filippo Magnani, fondatore dell’agenzia Fufluns, che con il 2019 festeggia i vent’anni di attività

Noemi Mengo
Comunicare se stessi è il valore aggiunto durante una trattativa di vendita
martedi 20 agosto 2019

Chi ben comincia…

Comunicare se stessi è il valore aggiunto durante una trattativa di vendita

Mentre i vini australiani crescono in export negli Stati Uniti, Wine Australia investe 79 milioni di dollari in ricerca e sviluppo del settore vitivinicolo.
lunedi 19 agosto 2019

Il 2020 di Wine Australia indossa un abito a stelle e strisce

Mentre i vini australiani crescono in export negli Stati Uniti, Wine Australia investe 79 milioni di dollari in ricerca e sviluppo del settore vitivinicolo.

Noemi Mengo
Consorzio del Franciacorta e del Chianti Classico hanno attivi degli osservatori economici che consentono una gestione della denominazione anche alla luce dei dati di mercato e di posizionamento dei vini
venerdi 16 agosto 2019

Consorzi, pronti anche gli osservatori economici

Consorzio del Franciacorta e del Chianti Classico hanno attivi degli osservatori economici che consentono una gestione della denominazione anche alla luce dei dati di mercato e di posizionamento dei vini

Fabio Piccoli
Raccontare storie è un'arte molto antica. Ma cosa c'entra con il business del vino? mercoledi 14 agosto 2019

Perché investire sullo storytelling?

Raccontare storie è un'arte molto antica. Ma cosa c'entra con il business del vino?

Agnese Ceschi
We have tasted for you: DOMENIS1898's Grappa Secolo Barrique Millesimata wednesday 14 august 2019

Italian wines in the world: DOMENIS1898's Grappa Secolo Barrique Millesimata

We have tasted for you: DOMENIS1898's Grappa Secolo Barrique Millesimata

In poco più di 10 anni l’azienda agrigentina è diventata tra le realtà più interessanti e dinamiche nel panorama vitienologico siciliano con una storia dove vino e religione trovano un legame unico
martedi 13 agosto 2019

Cristo di Campobello, un “pellegrinaggio” nel vino di Sicilia

In poco più di 10 anni l’azienda agrigentina è diventata tra le realtà più interessanti e dinamiche nel panorama vitienologico siciliano con una storia dove vino e religione trovano un legame unico

Fabio Piccoli
Nell’enclave del Riesling abbiamo incontrato un pioniere della vinificazione del Pinot Nero. 
martedi 13 agosto 2019

Oltre il Riesling: lo Spätburgunder in Rheingau è il regno di August Kesseler

Nell’enclave del Riesling abbiamo incontrato un pioniere della vinificazione del Pinot Nero.

Giovanna Romeo
Intervista a Marco Nordio, italiano, in Nuova Zelanda da 16 anni e titolare di una società di importazione lunedi 12 agosto 2019

Nuova Zelanda: un binocolo puntato all'estremità del mondo

Intervista a Marco Nordio, italiano, in Nuova Zelanda da 16 anni e titolare di una società di importazione

Agnese Ceschi
Abbiamo degustato per voi la Grappa Secolo Barrique Millesimata di DOMENIS1898 sabato 10 agosto 2019

Italian wines in the world: Grappa Secolo Barrique Millesimata di DOMENIS1898

Abbiamo degustato per voi la Grappa Secolo Barrique Millesimata di DOMENIS1898

Lo Chardonnay continua ad essere il vino più apprezzato dai consumatori americani. Un successo che dimostra parecchie cose e spazza via molti pericolosi luoghi comuni che ancora sono presenti nel nostro Paese
venerdi 09 agosto 2019

Cosa ci insegna lo Chardonnay negli Usa

Lo Chardonnay continua ad essere il vino più apprezzato dai consumatori americani. Un successo che dimostra parecchie cose e spazza via molti pericolosi luoghi comuni che ancora sono presenti nel nostro Paese

Fabio Piccoli
Torniamo a focalizzare la nostra attenzione sul direct shipping, scoprendo il parere di alcuni importanti testimoni dell’area retail statunitense
giovedi 08 agosto 2019

Direct To Consumer, cosa ne pensano i retailer negli USA?

Torniamo a focalizzare la nostra attenzione sul direct shipping, scoprendo il parere di alcuni importanti testimoni dell’area retail statunitense

Noemi Mengo
Abbiamo incontrato Emma Taveri, esperta in Destination Marketing e Management CEO di Destination Markers e ci siamo fatti spiegare perché il vino dovrebbe puntare su questo mercoledi 07 agosto 2019

Come far diventare il vostro territorio una wine destination di successo?

Abbiamo incontrato Emma Taveri, esperta in Destination Marketing e Management CEO di Destination Markers e ci siamo fatti spiegare perché il vino dovrebbe puntare su questo

Agnese Ceschi
Abbiamo degustato per voi il Barbera d'Asti Superiore di Cascina Ciuché mercoledi 07 agosto 2019

Italian wines in the world: Barbera d'Asti Superiore di Cascina Ciuché

Abbiamo degustato per voi il Barbera d'Asti Superiore di Cascina Ciuché



sfondo_wm