Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

 
mercoledi 25 aprile 2018 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com

Tommasi WineNet Azienda Agricola Coali Farina Enartis http://www.principedicorleone.it/ Iron3 www.farinatransparency.com Tebaldi valdoca pertinace vinojobs wbwe Wine Monitor Fondazione Edmund Mach Michele Shah
lunedi 09 aprile

Le risposte ai cinque cambiamenti del mercato del vino in Giappone

Torna l’esperto Roberto Bosticco con 5 risposte ai quesiti sul mercato giapponese


Le risposte ai cinque cambiamenti del mercato del vino in Giappone
I monaci zen giapponesi amano una frase di Lao Tzu, filosofo cinese: “Bisogna essere come l'acqua. In un recipiente quadrato, è quadrata. In uno tondo, è rotonda”. Il brano originale è più lungo, ma si riassume in quello che i Giapponesi sanno forse fare meglio: adattarsi. Riprendiamo quindi i cinque punti dell’articolo che ho scritto qualche settimana fa (qui) e affrontiamo assieme le possibili soluzioni ai 5 cambiamenti che sta affrontando il mercato del vino in Giappone. Proviamo dunque ad assumere "la forma del vino" adattandoci al nuovo contenitore.

1 Il mercato frammentato. Non potendo più fare affidamento su di un grande importatore, al quale affidare tutta la gamma, la soluzione ad un mercato frammentato è frammentarsi. I produttori grandi e strutturati hanno in genere una estensione piuttosto ampia di prodotti, da quelli cosiddetti “base” ad arrivare a riserve e così via. Bisogna risolversi a dividere l’offerta tra più importatori, affidando i grandi numeri ed i prezzi competitivi ad importatori in grado di distribuirli tramite grandi catene di enoteche, catene di ristoranti e clienti simili; affidando le bottiglie di maggiore pregio a importatori più piccoli ma più strutturati a distribuire a clienti adeguati. I produttori piccoli dovrebbero invece dimenticare i grandi importatori, che non hanno più né tempo ne risorse da dedicare al loro sviluppo, e cercare una soluzione su misura, un importatore estremamente specializzato che abbia modo di valorizzare al meglio bottiglie particolari. Gli export manager che gestiscono più di un produttore lavoreranno meglio se possono proporre un portafoglio ampio, che spazi dai vini dal forte rapporto qualità prezzo a gamme più alte, e magari brand prestigiosi, abbandonando l’estrema specializzazione.

2 La scoperta dei vini “nuovi”. L’aprirsi del mercato alle “novità” è sicuramente positivo, rende il paese accessibile anche a chi non produce denominazioni universalmente conosciute da tutti. Il vero ostacolo qui è l’investimento necessario, e il recupero dello stesso. L’iter per iniziare un rapporto commerciale serio in Giappone non varia tanto tra piccoli e grandi importatori; resta esclusivamente un fatto di cultura. Con il risultato che per i piccoli produttori lo sforzo è davvero importante. Credo la soluzione sia frammentarsi al contrario, ovvero riunirsi in gruppi di piccoli produttori, ovviamente non in competizione tra loro (mai stesse denominazioni a prezzi simili), e affrontare il paese con un piano chiaro e organizzato, siano roadshow, partecipazioni a fiere, contatti diretti tramite professionisti; quello che si decide sia il meglio, l‘importante è avere un piano, altrimenti non si vince, esattamente come in una partita a scacchi. In questo modo dividere impegni economici e di tempo diventa sostenibile e recuperabile anche su piccoli volumi.

3 L’occidentalizzazione (in peggio) delle “business manners”. Probabilmente il più inaspettato dei cambiamenti, almeno per chi frequenta il Giappone da tempo. La banale soluzione è occidentalizzarsi ancora di più, affrontando la parte burocratica del rapporto in modo puntiglioso. In poche parole contratti di fornitura solidi e dettagliati. Si incontreranno resistenze, soprattutto per quello che riguarda le quantità, ma bisogna (gentilmente) insistere e arrivare ad ottenere una certa tranquillità “nero su bianco”. Questo non risolverà il problema delle vendite e dei risultati, che arrivano solo al soddisfarsi di innumerevoli condizioni non sempre totalmente gestibili, ma almeno vi ritroverete, anche se il rapporto si risolvesse per mancanza di risultati o di loro interesse, a gestire giusti preavvisi, magari ad avere un elenco dei clienti serviti sino a quel momento e tante altre piccole e grandi cose che vi metteranno in condizione di cambiare importatore un minimo più agevolmente. Nonostante il cambiamento di abitudini, un accordo scritto viene ancora visto come un forte obbligo al quale difficilmente non si sottometteranno. Quindi siate puntigliosi, e scrivete tutti i punti ai quali tenete. Non temete, loro non se ne avranno a male, potrebbero anzi considerarlo un punto positivo a vostro favore, visto che comunque la leggerezza nei rapporti professionali, così come la scarsa precisione, restano ancora un cliché nei riguardi di noi italiani in Giappone.

4 La burocrazia. Questo è invece un punto estremamente positivo, che ci vedrà finalmente sempre più liberi da quella burocrazia che, tempo fa, moltiplicando le esigenze moltiplicava le possibilità di errore, con relative spese e disagi. I dettagli operativi dell’accordo di libero scambio siglato tra Giappone e Comunità Europea lo scorso dicembre non sono ancora disponibili. Due cose le sappiamo: entrerà in vigore agli inizi del 2019 e sarà una notevole semplificazione. Le tempistiche coincidono perfettamente con lo svolgersi delle Olimpiadi a Tokyo nel 2020, anno che loro stanno considerando come importantissimo per il mercato del vino, mentre sono già piuttosto preoccupati per gli anni successivi. Quindi il consiglio è arrivarci davvero preparati, anche perché potete scommettere che i cugini francesi, europei come noi, ci arriveranno parecchio preparati, lo stanno già facendo. Quindi spingete sin da adesso: se avete già un importatore iniziate a chiedere programmi per il 2019, citate l’accordo, sfruttate per primi il potenziale entusiasmo che ne può derivare. Proponete una piccola scontistica, spiegando di voler mettere a disposizione del mercato la riduzione dei costi. Insomma siate creativi nello sfruttare il momento. Se invece un importatore ancora non lo avete, allora direi che è il momento giusto per cercarlo.

5 La facilità del viaggio. Questo è un punto davvero semplice, riassumibile con una sola semplice frase: finalmente potete rilassarvi e godervi il Giappone. Potete finalmente fare tutto quello che fareste in una città europea. Attenti solo alla cultura, quella non è cambiata. Divertitevi senza timori, buon Giappone!
Roberto Bosticco

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
La trattativa commerciale nasce dalla relazione. Tre regole d’oro per costruire la partnership ideale

Cosa abbiamo imparato osservando le trattative commerciali nelle fiere

La trattativa commerciale nasce dalla relazione. Tre regole d’oro per costruire la partnership ideale

Lavinia Furlani
Un Wine Export Manager che operi nei mercati di lingua tedesca, Centro Europa e Russia con l'obiettivo di mantenere i contatti esistenti e sviluppare nuovi volumi attraverso la creazione di nuove partnership.

Offerta di Lavoro: Area Manager lingua tedesca

Un Wine Export Manager che operi nei mercati di lingua tedesca, Centro Europa e Russia con l'obiettivo di mantenere i contatti esistenti e sviluppare nuovi volumi attraverso la creazione di nuove partnership.

La funzione logistica e spedizioni di un'azienda di imbottigliamento, parte di un grande gruppo vitivinicolo, necessita del contributo di una persona capace di organizzare le spedizioni in base agli ordini, alle disponibilità di magazzino e alla capacità produttiva.

Offerta di Lavoro: Addetto/a Ufficio Logistica

La funzione logistica e spedizioni di un'azienda di imbottigliamento, parte di un grande gruppo vitivinicolo, necessita del contributo di una persona capace di organizzare le spedizioni in base agli ordini, alle disponibilità di magazzino e alla capacità produttiva.

Grazie alla Brexit, e della conseguente debolezza della sterlina, le esportazioni dei produttori inglesi di cibo e bevande sono cresciute rispetto agli anni scorsi

Effetto positivo della Brexit per export del Regno Unito

Grazie alla Brexit, e della conseguente debolezza della sterlina, le esportazioni dei produttori inglesi di cibo e bevande sono cresciute rispetto agli anni scorsi

Francesco Piccoli
Un report sull’orientamento sud coreano rispetto ai vini d’importazione lunedi 23 aprile

Corea del Sud: gusti e preferenze di un mercato in espansione

Un report sull’orientamento sud coreano rispetto ai vini d’importazione

Noemi Mengo
Chiusi i battenti di una 52a edizione di grande successo di Vinitaly è opportuno chiedersi se tale risultato è da ascrivere ad una medesima vitalità delle nostre imprese vitivinicole

Il successo di Vinitaly è speculare allo stato di salute del vino italiano?

Chiusi i battenti di una 52a edizione di grande successo di Vinitaly è opportuno chiedersi se tale risultato è da ascrivere ad una medesima vitalità delle nostre imprese vitivinicole

Fabio Piccoli
Claudio Farina: “D’ora in poi i nostri vini avranno tappi Select Green della Nomacorc a tutela dei nostri investimenti in vigna e cantina e a garanzia dei nostri clienti”
giovedi 19 aprile

Farina sceglie i tappi Select Green della Nomacorc

Claudio Farina: “D’ora in poi i nostri vini avranno tappi Select Green della Nomacorc a tutela dei nostri investimenti in vigna e cantina e a garanzia dei nostri clienti”

Le stime a poche ore dalla chiusura parlano di 4380 aziende, 128 mila presenza e 32 mila operatori stranieri con al primo posto la conferma degli USA giovedi 19 aprile

Vinitaly 2018 all'insegna della positività

Le stime a poche ore dalla chiusura parlano di 4380 aziende, 128 mila presenza e 32 mila operatori stranieri con al primo posto la conferma degli USA

Agnese Ceschi
Mercoledì 18 aprile annunciati i sei vincitori della terza edizione del contest organizzato da Wine Meridian per trovare idee innovative di comunicazione e promozione del vino: Tenute Piccini, Tenuta Cocci Grifoni, Francesca Negri, The Round Table - Consorzio tutela del Gavi, Associazione Nazionale Città del Vino e Antonio Castelli


mercoledi 18 aprile

I vincitori del III concorso “Il Meridiano del Vino”

Mercoledì 18 aprile annunciati i sei vincitori della terza edizione del contest organizzato da Wine Meridian per trovare idee innovative di comunicazione e promozione del vino: Tenute Piccini, Tenuta Cocci Grifoni, Francesca Negri, The Round Table - Consorzio tutela del Gavi, Associazione Nazionale Città del Vino e Antonio Castelli

Una pubblicazione preziosa, curata da  Stevie Kim, direttrice di Vinitaly International e Ian D’Agata, direttore scientifico di Vinitaly International Academy, che presenta il vino italiano per la prima volta non partendo dalle denominazioni ma dai vitigni

Italian Wine Unplugged, quando spiegare la grande diversità del vino italiano è possibile

Una pubblicazione preziosa, curata da Stevie Kim, direttrice di Vinitaly International e Ian D’Agata, direttore scientifico di Vinitaly International Academy, che presenta il vino italiano per la prima volta non partendo dalle denominazioni ma dai vitigni

Inaugurata la 52a di Vinitaly con un rinnovato spirito collaborativo tra istituzioni e una presenza della politica (quella dei partiti) mai così forte nel passato

Vinitaly si apre all’insegna del “fare sistema” e della politica in prima fila

Inaugurata la 52a di Vinitaly con un rinnovato spirito collaborativo tra istituzioni e una presenza della politica (quella dei partiti) mai così forte nel passato

Fabio Piccoli
Dall’annuale analisi delle prime 155 imprese vitivinicole italiane (con fatturato superiore ai 25 milioni di euro) emerge un’industria vitivinicola italiana nel 2017 in crescita sia in termini di fatturato (+6,5%) che di export (+7,7%)

I big del vino italiano in salute nel rapporto di Mediobanca

Dall’annuale analisi delle prime 155 imprese vitivinicole italiane (con fatturato superiore ai 25 milioni di euro) emerge un’industria vitivinicola italiana nel 2017 in crescita sia in termini di fatturato (+6,5%) che di export (+7,7%)

Fabio Piccoli
Mentre l’Italia del vino spesso teme di la sua incredibile biodiversità vitienologica, Spagna e Cile cercano di dare un’immagine più complessa della loro offerta enologica per aumentare la propria reputazione e il posizionamento dei propri vini

Spagna e Cile cercano di “assomigliare” all’Italia

Mentre l’Italia del vino spesso teme di la sua incredibile biodiversità vitienologica, Spagna e Cile cercano di dare un’immagine più complessa della loro offerta enologica per aumentare la propria reputazione e il posizionamento dei propri vini

Fabio Piccoli
La selezione di Wine Meridian degli appuntamenti più interessanti, e originali, di questa 52a edizione di Vinitaly

Vinitaly 2018: gli appuntamenti, secondo noi, da non perdere

La selezione di Wine Meridian degli appuntamenti più interessanti, e originali, di questa 52a edizione di Vinitaly

Il Global Wine Brand Index di Wine Intelligence ha evidenziato in Yellow Tail (Australia) e Casillero del Diablo (Cile) i due brand aziendali del vino maggiormente riconosciuti dai consumatori

Quando è il brand aziendale a prevalere

Il Global Wine Brand Index di Wine Intelligence ha evidenziato in Yellow Tail (Australia) e Casillero del Diablo (Cile) i due brand aziendali del vino maggiormente riconosciuti dai consumatori

Francesco Piccoli
Il debutto della nuova formula a Vinitaly mercoledi 11 aprile

Vini Buoni d'Italia ed Enosocial assieme per l'acquisto dei vini in fiera

Il debutto della nuova formula a Vinitaly

Fissa un appuntamento con i nostri esperti di risorse umane durante i giorni di Vinitaly

Stai cercando lavoro nel mondo del vino? Vieni a presentarti

Fissa un appuntamento con i nostri esperti di risorse umane durante i giorni di Vinitaly

Focus su Stati Uniti con analisi sul mercato all'evento inaugurale di Vinitaly mercoledi 11 aprile

Vinitaly-Nomisma: Controsorpasso negli Usa, Italia del Vino di nuovo prima

Focus su Stati Uniti con analisi sul mercato all'evento inaugurale di Vinitaly

A dieci anni dall’ultima edizione, un nuovo libro dal titolo “Wine Marketing mercoledi 11 aprile

Tutti i segreti del Wine Marketing in un nuovo libro

A dieci anni dall’ultima edizione, un nuovo libro dal titolo “Wine Marketing" a cura di Nomisma Wine Monitor e con il supporto di Business Strategies